Dipartito democratico

(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – In un altro paese, un governo come il Meloni-Tafazzi che non ne azzecca una manco per sbaglio e riesce a far incazzare anzitutto i suoi elettori sarebbe una benedizione per le opposizioni. Che accenderebbero ogni giorno un cero a Santa Giorgia, a San Matteo (doppio), a San Carlo, a San Gilberto e a Ognissanti, ruberebbero […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

38 replies

  1. Dipartito democratico

    (Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – In un altro paese, un governo come il Meloni-Tafazzi che non ne azzecca una manco per sbaglio e riesce a far incazzare anzitutto i suoi elettori sarebbe una benedizione per le opposizioni. Che accenderebbero ogni giorno un cero a Santa Giorgia, a San Matteo (doppio), a San Carlo, a San Gilberto e a Ognissanti, ruberebbero messi di voti alla maggioranza, la inchioderebbero alle bugie e contraddizioni preparando la riscossa ben prima del 2027. Invece ne approfitta solo il M5S, malgrado l’oggettivo handicap di avere un leader che passa ben due giorni a Cortina e indossa pure il maglione a collo alto. Il Pd è letteralmente estinto, come se gli fosse vietato fare e dire alcunché sino al congresso. La patologia di parlare in un codice cifrato tutto suo – il “pidiese” – accessibile solo a una dozzina di capicorrente (se va bene), si è aggravata al punto che nessuno sa più cosa sta dicendo e, appena parla, si precipita ad autotradursi su Google Translate: invano. Anziché aiutare gli alieni a riatterrare sulla terraferma e a riscoprire l’italiano, o almeno il linguaggio dei segni, la grande stampa li spinge verso nuovi orizzonti extraterrestri.

    Noi, per dire, non abbiamo capito perché mai, con le “primarie aperte”, il Pd faccia scegliere il suo segretario anche ai non iscritti: cioè a chi passa per la strada, vede un gazebo, entra e vota per scherzo o per dispetto. Ma ogni tribù ha le sue usanze. Però, da quando è nato, il Pd ha sempre previsto il voto online per chi stava all’estero e – nelle primarie per i sindaci in periodo Covid – anche per chi stava in Italia, ma non poteva o non voleva uscire di casa. Siccome siamo nel 2022 e quasi tutti fanno quasi tutto online – dalla spesa allo smart working, dalle telefonate alle lezioni, dalla lettura dei giornali alle riunioni aziendali, dai bonifici bancari ai colloqui fra capi di Stato, dai reati telematici al sesso cibernetico – pareva scontato ciò che aveva proposto la Schlein: affiancare ai gazebo il voto online, così ciascuno può decidere se votare di presenza o da casa. Apriti cielo! L’ossessione psicopatologica per il M5S ha scatenato una canea di strilli sdegnati: e che, copiamo i grillini? Come se il web l’avessero inventato Grillo e Casaleggio. Ancora ieri su Repubblica quel gran genio di Stefano Folli, che ha una modernità lievemente inferiore alla pietra focaia, metteva in guardia il Pd dall’“adottare anche sul piano simbolico i metodi della forza concorrente”, i famigerati 5Stelle “inventori dell’uso politico del web” (qualunque cosa significhi) con la fu piattaforma Rousseau. Si attende ad horas una nuova direzione del partito per stabilire se chi non vuole o non può uscire di casa possa votare con segnali di fumo dal balcone, o con un piccione viaggiatore, o con un messo a cavallo.

    Piace a 11 people

    • Una sorpresa questo articolo di Marco, sempre attento e puntuale e mai superficiale!
      Ma in questo caso davvero incomprensibile !
      Il voto aperto anche ai non iscritti anche nella forma online è coraggiosa ed è una apertura al popolo della sinistra alla ricerca di un riscatto da una crisi pesante non solo del Pd ma di tutta la sinistra e, ahimè, anche dei 5 stelle, ma soprattutto di tutta quella Italia maggioritaria che non può accettare passivamente un governo ed una supremazia di una destra i cui leader si commentano da soli e che non sa proporre altro che aiuti agli evasori, odio o indifferenza verso migranti, fasce deboli , donne e giovani …
      Mi spiace Direttore un articolo sbagliato e deludente …lei è un punto di riferimento per molti con la sua “scuola nontanelliana”… Ma neanche il liberale, conservatore Montanelli avrebbe scritto questo articolo !
      Stavo per rinnovare l’abbonamento ma ci sto ripensando !

      "Mi piace"

      • quindi per un obolo di 2 euro, si vende la possibilità di eleggere un segretario di partito, con la scusa della “partecipazione”,
        forse è per questo che lo cambiano in media ogni anno e mezzo, per la “partecipazione”
        e anche per colpa di Travaglio, che non scrive come Montanelli per cui perde un assiduo “abbonato”

        Piace a 1 persona

      • Ecco un lampante esempio di analfabeta funzionale. Travaglio non ha criticato il voto online ma ha criticato chi nel pd strilla contro al voto online.
        Ahimè leggi bene prima di commentare

        Piace a 1 persona

      • …come al solito …Quando il saggio indica la Luna , lo stolto guarda il dito”…. se per te la Sinistra è rappresentata ancora dal PD , allora….

        "Mi piace"

      • “Il voto aperto anche ai non iscritti anche nella forma online è coraggiosa ed è una apertura al popolo” Si così Renzi/Verdini mandano orde di votanti a pagamento come la volta precedente

        Piace a 1 persona

      • “Il voto aperto anche ai non iscritti anche nella forma online è coraggiosa ed è una apertura al popolo della sinistra alla ricerca di un riscatto da una crisi pesante non solo del Pd ma di tutta la sinistra”

        E aperto ai sostenitori di ollio e ollio, no? Così potranno nuovamente eleggere il loro segretario.
        Bonaccini, peraltro è perfetto: non solo perché renziano della prima ora, ma anche per il notevole deposito di adipe che lo accomuna agli altri due.

        Piace a 1 persona

      • Caro Marco, ma che stai dicendo? Davvero credi che non possa qualcuno andare a votare a danno? RIFLETTI !!!

        "Mi piace"

      • Ti basta poco. Quindi o sei sempre d’accordo oppure non rinnovi? Per me Travaglio è il numero uno dei giornalisti ma, anche se raramente, capita che un articolo non lo condivida al 100%. Embé, dico io, questo non mi fa diminuire la stima

        Piace a 1 persona

      • Secondo Te, il popolo della Sinistra deluso andrebbe a votare i 4 autocandidati che sono tra i primi a mandare in rovina il PD con politiche Neo-Liberali abbandonando qualsiasi critica ai Governi negli ultimi decenni facendone addirittura parte integrante e decisivo !

        "Mi piace"

      • qui l’unico Marco superficiale sei tu.
        1) l’Italia che tu dici essere maggioritaria non è maggioritaria se non nei tuoi sogni, o nelle rilevazioni dei sondaggisti: in realtà l’unica maggioranza certificata in Italia, e che conta qualcosa, è quella che ha eletto un Parlamento di destra. se gli italiani di sinistra volevano essere maggioranza, dovevano andare a votare e votare sinistra.
        2) l’Italia di sinistra accetterà un governo di destra, perché ha vinto le elezioni, non ha fatto un colpo di stato. e, se non lo accetterà, lo subirà: si chiama democrazia.
        3) piantarla e alla svelta con questa lagna del razzismo verso i migranti e dell’odio verso donne e giovani: se non ti è chiaro, è proprio questa cantilena del menga che vi ha fatto perdere le elezioni e che sta facendo perdere al PD voti: la gente ne ha le p*lle piene di sentirsi dare del razzista solo perché non accetta che chiunque lo voglia possa entrare in Italia, o del sessista o omofobo solo perché non usa la schwa o gli asterischi. continuate con questa solfa e il PD finirà al 5%, e sarebbe anche ora.
        4) far votare per le primarie chi non è del PD non ha alcun senso. sarebbe come se una famiglia prendesse decisioni basandosi sul parere di sconosciuti che passano davanti a casa quel momento. io, per esempio, odio la Schlein, ma non sono un elettore PD: perché mai dovrei poter andare al gazebo e votare un altro? perché devo poter dire la mia sulla scelta del segretario di un partito che non voterò mai? per scegliere l’avversario migliore? ma fammi il piacere.
        5) e comunque il voto aperto a tutti non è aperto solo “al popolo di sinistra in cerca di un riscatto”: può andare a votare anche uno di Forza Nuova, e il suo voto ha lo stesso peso del tuo che sei de sinistra doc. ti piace l’idea, bamba?

        "Mi piace"

      • “sempre attento e puntuale e mai superficiale!”
        Ma non sei sempre tra i primi ad insultare Travaglio quando Raf o Roberto postano il suo editoriale?

        "Mi piace"

      • Dalle risposte alle mie osservazioni sull’articolo di Travaglio si capisce che una parte di lettori sono aperti alle idee degli altri e usano un linguaggio di gentilezza e confronto e non di odio, disprezzo, offesa…
        Insomma il meglio dell’Italia democratica…
        Clima da Trump e Bolsonaro da parte di questi lettori che per fortuna non rappresentano sicuramente ne i veri lettori del Fatto Quotidiano ne sicuramente i miei molte è molti amici 5 Stelle…
        https://infosannio.com/2023/01/13/dipartito-democratico/

        "Mi piace"

  2. Questi litigano tra di loro per il voto delle primarie, pensa come son messi. Io aspetto di vedere il dopo primare solo per farmi quattro risate sui sondaggi, che daranno magicamente settordici punti percentuali in più portando il Pd secondo. Così de botto senza senso.

    Piace a 1 persona

  3. Travaglio: “Invece ne approfitta solo il M5S, malgrado l’oggettivo handicap di avere un leader che passa ben due giorni a Cortina e indossa pure il maglione a collo alto”. E per fortuna che Conte ha “schifato” il look “stravagante” del giudice Mesiano, non portando calzini turchesi. Sennò, sai gli strali di quelli di Mediaset…

    Piace a 5 people

  4. Può darsi che fare politica voglia anche dire civettare con il Pd. Conte se gli aggrada può anche farlo, magari per far vedere che ci mette tutta la buona volontà per allearcisi. L’importante che alla fine il risultato sia uno solo: ognuno per la sua strada!
    E che sia chiaro il motivo: il Pd non accetta i seguenti punti
    1. Abolizione del Jobs Act
    2. Ripristino dell’art.18 dello Statuto dei Lavoratori
    3. Mantenimento e potenziamento del RdC
    4. Ritorno alla scala mobile
    5. Nascita di una grande banca pubblica puramente commerciale
    6 . Recupero immediato degli 8 mld di extraprofitti delle aziende energetiche e non solo
    7. Blocco dell’invio di armi all’Ucraina in cambio di: tregua, conferenza di pace e negoziati
    8. Revisione del patto Ue e autonomia di questa dalla Nato

    E se il Pd strilla… tanto meglio per Conte. Punto

    Piace a 5 people

  5. La Pseudo Destra ormai è una macchietta in mano ad attorucoli di seconda fila. Il partito del bla bla e zero idee si divide pure su di una avuta da altri e che non sa nemmeno copiare. E questi sono quelli che dovrebbero occuparsi dei problemi della gente. Nel frattempo che loro litigano, parlano e discutono, gli altri al governo come sempre spolpano e devastano l’Italia.

    Piace a 1 persona

  6. sarebbe ora di abbandonare all’oblio il PD e non occuparsene più. ogni giorno i giornaloni ci martellano con le vicende interne del PD, perché sono convinti – e vogliono convincerci – che le sorti del Paese in qualche modo sono legate a quelle del PD, che il PD non è un partito qualunque, è il partito della Nazione, il partito-perno del sistema, il primo partito italiano ecc. ecc., e quindi se salta il PD salterà in buona sostanza la democrazia.
    non è così: il PD è un partito come gli altri, solo ha avuto per tanto tempo il favore dell’establishment e dei poteri forti ed è riuscito a stare al governo 11 anni (10 se togliamo il Conte 1) a dispetto dei risultati elettorali. ora però se si estingue non moriremo tutti, quindi delle sue beghe interne ce ne frega fino a un certo punto. basta dedicargli un articolo al giorno: vogliono votare online? non vogliono farlo? chissenefrega, interesserà gli elettori PD, non tutti i cittadini come vorrebbero farci credere (perché i giornalai sono intimamente convinti che tutti i cittadini dovrebbero votare PD, e se non lo fanno è perché sbagliano).

    Piace a 4 people

    • preciso: “basta dedicargli un articolo al giorno” non nel senso di “è sufficiente dedicargli un articolo al giorno”, ma nel senso di “finitela di dedicargli un articolo al giorno!”

      Piace a 1 persona

  7. Le primarie per elezione del segretario , non credo debbano prevedere partecipazione ” democratica ” aperta anche ai non iscritti, ma esclusivamente agli iscritti di quel partito, che è un contenitore particolare/specifico dove le scelte dovrebbero essere rimesse a tesserati e militanti. ….così invece si controbilanciano i voti dei veri iscritti con quelli di partecipanti dell’ ultima ora, organizzati da chi ha un maggiore controllo sul territorio ed è così in grado di radunare voti ad hoc per il SUO candidato! Esattamente il contrario di democrazia INTERNA……si confonde la partecipazione democratica di elezioni comunali, regionali o politiche dove si vota per più partiti o ci si astiene, con elezioni interne di un singolo partito , che dovrebbe rimettere al centro delle scelte la sua base di iscritti, storici……ed il nodo del problema è tutto qui! Quando ci furono le primarie, vinte poi da Renzi, io sono andata per votargli contro, come Anail, ed avevo proposto di organizzare una valanga di 5 stelle per fare lo stesso…..perché il meccanismo delle primarie aperte si presta ad incidere/pilotare il risultato, lo sanno bene i capi corrente piddini organizzatori di votanti…… alla fine in realtà sono i capi tribù a decidere! Una beffa per iscritti/militanti. …..una fra le tante, ormai sono avvezzi! Per questo nel PD non cambierà mai nulla, indipendentemente dal segretario, che è sempre il prodotto di un accordo fra correnti. …è sufficiente ascoltare la Schlein e Bonaccini per capire che il linguaggio in politichese serve a non deludere nessuno dei vari capi e capetti, è tutto un Sì, ma anche…alla Letta. ….le uniche proposte comprensibili della Schlein sono state salario minimo garantito e ciclo dei rifiuti. ….peccato siano da anni proposte del M5S, quello che non si deve copiare sul voto online. …..e peccato non ci sia un giornalista/intervistatore serio a ricordare alla candidata che il M5S nasce su ambientalismo, ciclo virtuoso dei rifiuti, lotta alle diseguaglianze, dignità del lavoro anche con salario minimo garantito, rdc, anticorruzione, lotta alla precarietà, transizione ecologica, ecc, rese in parte attuabili con riforme cui il PD ha votato contro! Ora la Schlein le sponsorizza come proprie, anche se ovviamente aperte, come le primarie, al Sì, ma anche….ed in una bisessuale il Sì, ma anche.. è prassi!

    "Mi piace"

  8. Come detto in un altro commento mi trovo d’accordo con voi. In questo momento il PD è irricevibile però non vorrei che a forza di perdere gli elettori M5S si stanchino di votare. Se poi qualcuno mi dice (come mi è stato detto) che è meglio perdere che allearsi con questo PD io rispondo che andate voi a dirlo ai ragazzi di Scampia e della Kalsa di Palermo i quali fra 7 mesi dovranno lavorare presso Mafia spa o emigrare. Fare gli idealisti con il sedere degli altri è molto comodo.

    Piace a 1 persona

  9. Il pd ormai è morto da anni e deve soltanto essere sepolto perchè si possa dimenticare.
    E’ comunque già nella cassa.
    Resta solo un gruppetto di moicani che parla solo di ombelichi e sesso degli angeli in pubblico, e di poltrone sedie e sgabelli in privato.
    Missione compiuta.
    Ora va finito di ammazzare il M5S; che sia in terapia intensiva non gli basta.
    Dopodichè festeggeremo la Repubblica 2.0, delle banane ovviamente, altrimenti detta Reprivata.

    "Mi piace"