Porca Olanda, altro che frugale

(Marcello Veneziani) – Città protestante, calvinista e tollerante, patria del libero sesso in libero commercio, Amsterdam è la vera capitale morale dell’Olanda.  All’avanguardia nelle nozze gay, libera droga, eutanasia facile, sesso in vetrina e da asporto, l’Olanda è la madre dell’Europa permissiva. Van Gogh e Rembrandt, benché grandi pittori, qui non sono il quadro ma solo la cornice (e il filosofo ebreo e olandese Baruch Spinoza, nemmeno quello). Splendida città che fa da cornice a un centro commerciale che a sua volta fa da cornice al quartiere a luci rosse, è da decenni la mecca degli allupati. Il Negozio è l’anima di Amsterdam, la città che ha più canali di Venezia e Berlusconi messi insieme.

Qui il sesso si libera dal piacere nascosto ed allusivo di noi cattolici, mediterranei, figli e figliastri di Santa Madre Chiesa. E diventa in progress prima visibile, poi vistoso, quindi pacchiano, dunque banale, infine ridicolo. Qui il coito fa ridere come il peto da noi. È un’azione buffa, un’insurrezione del corpo. Anche l’erezione entra nell’iconografia come una gag. Da caricatura. Se vieni con la voglia erotica che ti pende dalla lingua, qui raggiungi la pace dei sensi, ti scopri asessuato e divertito, perché qui eros è un pendolo che oscilla tra la nausea e il comico. I sexy shop non sono l’apoteosi del sesso ma il suo ridente funerale. Ne ho visitati tanti e non per libidine, credetemi; del sesso ti restava in bocca una risata e una leggera nausea da indigestione. Giochi sadomaso, catene e braccialetti da glande, organi di ogni colore, dimensione e materiale d’uso, semoventi o statici, grandi labbra automatiche e vagine neorealiste, pronte ad accogliere con velocità programmata i marpioni allupati e solitari. Serate di sesso spettacolo con copule simulate e telecomandate, organi sessuali ridotti a marionette e mossi da fili. Finti orgasmi recitati da cani, quasi come gli attori delle soap opera. Tutto quel che il sesso ispira qui si riduce a macchina e poi a macchietta.

Là ho capito l’arma segreta per vincere la pornocrazia. Forse la Vecchia Magistra Chiesa deve andare a scuola dai protestanti astuti che hanno ridotto il sesso a ginnastica commerciale, fino a generare inappetenza, comicità e sbadiglio. Vuoi mettere tutta la dialettica raffinata e perversa di noi cattolici, col peccato e la tentazione, il nascondimento e la trasgressione, il pudore e il cedimento con questa facilità d’accesso. Paga e guarda, paga e godi. È il principio della porno tax ma applicato in favore degli utenti. Unito al criterio della saturazione. Conobbi un fumatore incallito che riuscì a smettere solo fumando centinaia di sigarette ad oltranza, fino a che fu pervaso da una nausea fortissima e stette male. Forse la stessa cosa può avvenire con il sesso, altro che castrazione chimica, puntate sul logoramento e la crisi di rigetto.

Persino intorno alla cattedrale ad Amsterdam, dirimpetto al sacro portone, ci sono luci rosse e sgraziate puttane ammiccano ai devoti. C’è il pappone tecnologico che segue ai monitor le operazioni compiute dagli utenti nelle rispettive stanze, a tre metri dai devoti. Non c’è limite, nemmeno topografico, alla libertà sessuale; arriva fino alla porta della Chiesa. Poi mi sono ricordato che anche a Roma, ai tempi del Papa re, il mestiere femminile più diffuso era la prostituta; ce n’era una quantità biblica, direi e all’ombra delle chiese. Certo, per la miseria. Ma la Chiesa allora era più furba, lasciava fare, vedeva nel sesso un grande mezzo per conservare l’ordine famigliare e sociale. Sapeva che l’unico modo per combattere il vizio era sfogare, spurgare. Lo dicevano perfino santi come Tommaso ed Agostino. Poi dopo aver consumato qua deve tornare, diceva mamma chiesa. Dovrà pentirsi, confessarsi, pagare pegno, vivere sotto schiaffo, e magari per senso di colpa dedicarsi di più alla famiglia. Ora con il quartiere a luci rosse, con i porno shop, la guerra contro il vizio sessuale raggiunge un gradino più sofisticato: il miglior modo per far scemare l’eccitazione è ridicolizzare l’atto, buttarla sul comico. E dopo aver visto in vetrina avanzi di erotismo, grotteschi transessuali, troie globali, ti viene una voglia indecente di purezza, di famiglia, di luce del sole, di vita sana. Ti vergogni quasi a dirlo in quel luogo ma hai voglia oscena di castità.

4 replies

  1. Veneziani che fa il puritano, roba da scompisciarsi.
    Il suo Berlusca pedofilo e puttaniere non gli fa e non gli faceva scifo.
    L’Olanda o meglio Amsterdam è quella che fino ai primi del 1800 era Venezia, città di mercanti e libertinaggio, dove si vendeva e comprava di tutto, cosa crede che servissero le maschere del Carne-vale? Senza contare i ragazzini che si vendevano nelle calli.
    Marcello sei una pantegana!

    Piace a 1 persona

  2. Sarò io ad essere in difetto, ma non riesco a capire il senso dell’articolo. Veneziani ha scoperto che ad Amsterdam esiste un quartiere a luci rosse con appena sette SECOLI di ritardo? Di questo passo, entro l’anno TREMILA potrebbe addirittura scoprire che, Italia a parte, ne esistono un po’ ovunque, a cominciare dalla Germania. Gli auguro pertanto una lunga vita, anche perchè quelli come lui sono una specie rara, dunque da tutelare, anche solo come curiosità antropologica.
    Non è infatti da tutti riuscire, in un articolo che ha per oggetto il più famoso Red Light District d’Europa (se non del mondo intero), ad infilarci Berlusconi senza metterlo automaticamente in relazione con quello che la sua ex-signora definì, senza troppi giri di parole, “ciarpame senza pudore”.
    Avrebbe potuto dire che, nonostante la chiara fama del quartiere in oggetto, vi si trovano mediamente meno troie che ad Arcore, e anche peggio pagate, che se Papi avesse messo nel Pil quello che ha messo nel Pilu saremmo la prima economia mondiale; in materia di analogie Amsterdam-Berlusconi c’è davvero l’imbarazzo della scelta, ma ai canali non ci aveva ancora pensato nessuno. Mancanza colmata.

    Piace a 2 people

  3. M. Veneziani è uno che non sa e per non voler sapere, non si informa. Statistics Netherland, ripreso dalla Stampa di Torino del 16 giugno 2019, afferma che solo il 49,2% della popolazione si dichiara religioso. Di questo il 24% Cattolico, il 6% Protestante. Veneziani ci fa tutta una tirata su sesso e religione ( argomento affrontato appena 327.668 volte negli ultimi 3000 anni, circa) distinguendo, facendo digressioni storiche, divertendosi a giocare.
    Poveretto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.