Gli zombi e la restaurazione contro il popolo

(Tommaso Merlo) – Vogliono sbarazzarsi di Conte con qualche sporco giochetto. Da Prodi a De Benedetti, gli zombi del vecchio regime rialzano la testa brandendo perfino le spoglie berlusconiane. Stanno arrivando un sacco di soldi dall’Europa e hanno fretta. Poveri illusi. Una restaurazione contro il popolo scatenerà una reazione ancora più veemente del 4 marzo. Un colpo di grazia. Ma per loro. Gli zombi del vecchio regime han sempre considerato il 4 marzo un incidente di percorso, non il primo passo di una nuova fase politica. Una sorta di sbandata, non un cambio di rotta. E son sempre stati convinti di poter rimettere il paese “in carreggiata” e cioè ai loro piedi tornando ai bei tempi che furono. Sono passati due anni e le cose non sono andate come speravano. Siamo già al secondo governo e quel Movimento di bifolchi non solo ha retto ma si è tolto parecchie soddisfazioni. Il problema di quei bifolchi del Movimento è che non ci puoi trattare “come si deve”. Tutta colpa di quelle loro perversioni da cittadini perbene e di quelle paturnie legalitarie. Alieni indigesti e pure infami. Adesso stanno arrivano un sacco di soldi dall’Europa e gli zombi hanno fretta d’interrompere la ricreazione movimentista. Soldi non vuol dire solo riempirsi la panza. Soldi vuol dire consenso, vuol dire potere, vuol dire sedersi a tavola di una ricostruzione post pandemia che si preannuncia succulenta. Il più grande ostacolo al piano degli zombi è il fenomeno Conte. Un premier espressione del Movimento ma che si è guadagnato un forte consenso nel paese. Non facile sbarazzarsi di lui con quel gradimento. Una restaurazione contro il popolo. Azzardata . Per riuscirci gli zombi rispolverano il loro repertorio di sempre. E cioè giocano sporco nei palazzi e scatenano la contraerea dei loro rotoli di stampa igienica. Vogliono archiviare il 4 marzo come un tentativo di “cambiamento” fallito, come una sbandata. Vogliono archiviare Conte come un principiante non all’altezza. Un’arroganza che non sorprende affatto. Gli zombi della vecchia partitocrazia hanno sempre considerato i cittadini qualcosa a metà tra ingenui consumatori di fregnacce e sprovveduti tifosi. Un’arroganza che li accieca. Il 4 marzo non è stato una sbandata. E’ stato una ribellione al modo in cui la vecchia partitocrazia ha sempre trattato i cittadini. Manipolandoli, aizzandoli gli uni contro gli altri sul nulla, usandoli per i propri scopi. Il 4 marzo è stato un sussulto culturale prima ancora che politico. Maturazione, emancipazione, nuove consapevolezze. Un grido di dolore ma anche di speranza affinché l’Italia si liberasse dagli zombi che l’hanno umiliata per decenni. Volontà di aprire una nuova fase politica che rimettesse al centro le persone e quindi la democrazia e quindi rinnovate le regole di convivenza civile. Coi loro giochetti sporchi e i loro rotoli di stampa igienica gli zombi potrebbero anche riuscire a sbarazzarsi di Conte e far cadere il governo. La maggioranza è del resto zeppa di loro complici. Ma quei poveri illusi si prenderebbero solo il parlamento, non il paese. Perchè la loro restaurazione contro il popolo scatenerà l’effetto opposto. Una reazione popolare ancora più veemente del 4 marzo che li spazzerà via per sempre. Perché il 4 marzo non è stato una sbandata. È stato un cambio di rotta. Definitivo.

5 replies

  1. Mi rivolgo a Salvini e la Meloni.
    Berlusconi, vi ha dato un calcio nel culo e si prepara al salto della quaglia, De Benedetti l’estrema unzione via intervista, in chiesa è tutto pronto per il De profundis.
    Siete dei coglioni.
    Vi hanno fottuto.

    Piace a 1 persona

  2. Piero.
    Devo capire una cosa, se lo spostamento di 2 corazzate come Mediaset e il gruppo che fa a capo alla famiglia De Benedetti nell’area di governo, corrisponderà nei fatti a un bombardamento a tappeto della destra, con demolizione di Lega e FdI, se cosi sarà, preparati perché a destra nel 2023 si formerà una voragine.
    Immagina chi riempirà quel vuoto.

    "Mi piace"

    • @UNTU
      Mediaset e DeBenedetti non si stanno affatto spostando nell’aria di governo… non certo di questo governo.
      A loro e ai loro referenti Salvini e Meloni vanno benissimo, visto che, al di là delle chiacchiere, degli stolidi assembramenti,
      dei selfie e dei twitter da sottosviluppati mentali, quando arriva il momento dei fatti rispondono sempre “presente!” all’appello
      del padrone.
      Loro, Berlusconi e De Benedetti e tutto il cocuzzaro mediatico, vorrebbero spostarsi in un’area di governo che ancora non c’è
      e che dovrà essere totalmente “5S free”.
      E’ questo il loro chiodo fisso fin dal 4 Marzo 2018.
      Conte e i 5S devono morire, estinguersi, sparire dalla scena politica… e questo De Benedetti l’ha detto con estrema chiarezza.
      Non credo che a Dx si possa formare alcuna voragine perché la destra è sempre stata un sistema di vasi comunicanti: se ne svuota uno e se ne riempie un altro, ma non si discostano mai molto dal 50% dei consensi.
      Machettelodicoafa’?
      Tutto ciò lo sai benissimo ed hai espresso in passato concetti del tutto analoghi. Ciao!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.