“Favorisca i documenti”

(Anna Lombroso per il Simplicissimus) – Cito dall’Agenzia Ansa: “Il rispetto delle regole è importante“, ha detto la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese a Torino, rispondendo ai giornalisti sulla proteste dei No Green pass. Pur non escludendo   “controlli a campione nei locali insieme alla polizia amministrativa”, ci ha tenuto a ribadire che l’onere della prova è a carico di esercenti e titolari, i quali però, ha ricordato,  “non possono chiedere  i documenti di identità ai clienti”.

È proprio una costante dei governi dei tecnici e dei competenti che quando devono mettere una toppa a colori sul disastro, mandano avanti una Fornero, una Cartabia, una Lamorgese,   che esibisca quella doti di puntigliosa osservanza delle regolette che costringe nei binari della realpolitik le loro fantasie visionarie e iperboliche.

Dopo tre sabati di manifestazioni, dopo il crescere delle proteste, dopo il malumore di operatori economici già penalizzati dal lasciapassare, dopo l’evidente impossibilità di applicare uno strumento insensato, inutile, controproducente, contraddittorio quella che nel gergo giornalistico viene definita la “patata bollente” viene consegnata senza persine nella mani della titolare dell’Interno che deve preoccuparsi di ripristinare quel tanto di legalità che sarebbe troppo appariscente rimuovere e oltraggiare, sia pure in uno stato di eccezione che ha permesso la sospensione di diritti e prerogative democratiche.

Che paradosso, tocca a un influente ministro dell’esecutivo che passa il suo tempo a esaltare i meriti e le sorti progressive della sorveglianza a fin di bene, del controllo nel nostro interesse, rammentare i confini della salvaguardia della privacy, smentendo il coro di imbecilli che da un anno e mezzo ridicolizza chi si oppone a invadenza, vigilanza inappropriata e illegittima, controllo sociale con la tiritera, abusata dai tempi dei bavagli berlusconiani, quando era di moda rivendicare sul proprio profilo che non si aveva nulla da nascondere e dunque si era disposti a farsi ascoltare dal maresciallo, registrare e  intercettare.

Negli anni a seguire più disincantati e in questi mesi più che mai alla comparsa di Immuni e oggi del Green Pass, l’obiezione a chi difende il proprio spazio personale si obietta che siamo già sotto osservazione, rintracciati, tenuti d’occhio in ogni atto, gesto consumo, inclinazione, desiderio, che perlopiù siamo noi ad offrirci con la pubblica ostensione di dati e informazioni sui social, che, insomma, è uno degli effetti collaterali incontrastabili del progresso, che, in questo caso, va a nostro beneficio, per circoscrivere i danni di cattivi vicinati, aliti contaminanti, contagi dannosi.

È uno dei successo più clamorosi dell’ideologia imperante, costringere tutti a un miserabile buonsenso che dovrebbe rendere accettabile un sopruso, tollerabile una sopraffazione e inopponibile una costrizione, non solo perché ammetteremmo di aver perso la forza di opporci e riscattarci, ma perfino per via di benefiche ricadute che verrebbero dalla consegna totale del proprio Io al mercato, alle banche, a Amazon, a BigPharma, ai generali.

Però oggi è un giorno buono, i chiarimenti della Ministra confermano che non è stato inutile farsi apostrofare da complottisti, da fascisti, da ignoranti, da irresponsabili, da incivili secondo le linee guida di comportamento dettate da una compagine che vede funzionari di banca al servizio di un padronato internazionale, imprenditori di quelli che passano la vita a giocare al casinò finanziario, in perdita, perché non sanno nemmeno gestire la pallina della roulette, alti gradi dell’esercito irati fuori da una commedia di Tognazzi, scienziati svenduti e comprati dalle ditte farmaceutiche, pensatori impauriti dalla perdita di visibilità che sopravvivono grazie alla esibizione delle loro scaramucce biliose di pensionati che non sanno tirare le bocce.

Vedere la loro retromarcia dopo tanta sicumera, tanto terrorismo morale, tante minacce millenariste vale lo sforzo di far lavorare il cervello quando pensare è diventato un vizio da condannare.

40 replies

    • Ma non ve lo chiedete continuamente: ma nelle mani di chi stiamo? A chi le danno le armi per difenderci? Questo è scappato dopo essere stato stretto in una morsa. Secondo me a quei due potrebbero dare la medaglia al valore militare.

      "Mi piace"

      • mi scusi se rispondo in ritardo

        ho detto che si sapeva già perché c’era stato un comunicato congiunto,
        non ho voglia di tornare a cercare da parte di chi ma erano titolati a farlo -o almeno ritenevano d’esserlo-,
        l’avevo postato la settimana prima, il venerdì mi pare, del mio commento sotto,
        se ne ha voglia lo cerchi lei, era una risposta a una commentatrice
        che obiettava il fatto che nessuno avrebbe controllato

        nel comunicato era detto che i negozianti avrebbero dovuto controllare il solo green pass
        mentre il controllo documenti era demandato alle forze di pubblica sicurezza a campione

        altro da aggiungere non ho

        "Mi piace"

      • No scusa, io dovrei andare a cercare le notizie che tu partorisci per fare quello che “di quale retromarcia parla questa svalvolata”, “che si sapeva già dalla scorsa settimana”? Quando due giorni fa il garante ha detto che a norma di legge possono tranquillamente farlo?
        Cioè tu produci roba fantasiosa e io dovrei trovare le tue fonti?
        Siamo oltre il ridicolo!

        "Mi piace"

  1. “Vedere la loro retromarcia dopo tanta sicumera”

    ma di retromarcia sta parlando questa svalvolata?

    era già noto dalla settimana scorsa che il controllo documenti era demandato
    alla pubblica sicurezza e non ai commercianti/gestori, avendolo riportato qui
    me ne ricordo, non è che se lo ripete un ministro diventa un nuovo annuncio
    differente dal precedente.

    quindi di che parla?

    Piace a 2 people

  2. Le multinazionali farmaceutiche e tecnologiche, i soggetti con maggior potere economico al mondo, hanno capito che i governi, un pò dovunque, avvicendatisi negli ultimi decenni, avevavo fatto il passo più lungo della gamba per vera incapacità di gestione delle genti e dei territori. Ai politici interessava di più ambire al potere con qualunque mezzo, tipo speculazioni finanziarie, rappresentanze, anche se gonfiate, di uno stato forte e determinato che si fa ascoltare dal resto del mondo, piuttosto che privilegiare la salute ed il benessere di tutti i cittadini, per loro solo pedine da gioco. Così, i nostri ragazzi, se riusciranno mai ad arrivare alla maggiore età, visto il completo disinteresse dei governi per l’ambiente, mascherato da incentivi ecologici per l’ibrido, l’eolico, e altre distrazioni di massa, forse un giorno si chiederanno come è stato possibile che una marmaglia di saccheggiatori parassiti travestiti da ministri, avesse ceduto tutti i diritti civili di persone vere, ognuno con una storia unica, venduti in cambio di miliardi, per continuare a tenere in vita la salma di una democrazia in avanzato stato di decomposizione. E’ meglio capirlo ora, prima che sia troppo tardi.
    https://www.luogocomune.net/21-medicina-salute/5833-la-prossima-mossa-di-big-pharma-scacco-matto-2

    Piace a 1 persona

  3. Liana ci sei?
    Lo vedi il motivo per cui è spocchioso? Il dpcm rinviava al precedente decreto sui controlli: era l’esercente che se la ministra non AVESSE DISAMBUIGUATO avrebbe dovuto fare il controllo, pubblico ufficiale o meno! Tanto è vero che siccome il riferimento è al dpr di Aprile a cui a stampatello il dpcm si richiama, aggiungeranno delle faq.
    Ora secondo il misirizzi era già chiaro, ma cosa era chiaro se ERA scritto il contrario?
    Ecco, mò non dirmi che è competente in diritto amministrativo, te prego!

    "Mi piace"

    • Beh, con Jonny ne abbiamo parlato PRIMA dell’annuncio della Lamorgese.
      Jonny mi ha fornito la legge ( o come si chiama) perché io credevo che fossero tenuti a controllare già in caso di carta di credito.
      Le regole sono cambiate, credo recentemente.
      Probabilmente anche lui ne ha scritto prima, conoscendole (e quindi dimostrando di saperne sicuramente più di me)
      È una cosa soggettiva, Pa’. 😉
      A me sembra SEMPRE spocchiosa la Lombroso, a te lui…
      Es. :
      “. .. smentendo il coro di imbecilli che da un anno e mezzo ridicolizza chi si oppone a invadenza, vigilanza inappropriata e illegittima, controllo sociale con la tiritera…”

      Ma IMBECILLE sarà lei!!
      Una che ha il suo atteggiamento e la sua FISSA (non parla d’altro), la metterei nelle mani di Galimberti, in veste di filosofo, ma soprattutto di PSICANALISTA.
      È un articolo DELIRANTE.
      Marco Bo, secondo me, è stato fin troppo tenero.
      Cercare di attribuirsi una vittoria su tutto il fronte, solo in virtù di un regolamento, che secondo lei ancora un po’ inficierebbe ogni misura antiCovid, dando RAGIONE a questa massa di scalmanati, ha, come minimo, del disonesto, se non dell’esaltato.
      Quanto li catapulterei tutti quanti in Corea del nord a sperimentare una vera dittatura!

      "Mi piace"

      • Non ho capito il riferimento a Jonny: io e JOnny Dio ci siamo confrontati ed eravamo perfettamente d’accordo sul fatto che il dpcm fosse scritto coi piedi, Anzi! Ne abbiamo sottolineato proprio l’incongruenza con la narrazione dei migliorissimi. E non ho capito la roba della carta di credito: qui non si parla di quello che possono o non possono fare gli esercenti, se è a quello che ti riferisci, ma si tratta di quello che il decreto ha prescritto. Il dpcm era scritto male, infatti è prevista circolare, checché ne dica il competente Marco bo, sul quale non ho l’esigenza di farti cambiare idea, ci mancherebbe! E non ti ho scritto per quel motivo: stavo fornendoti una esemplificazione di quanto nel precedente messaggio mi pareva mi avessi chiesto tu, ma se ho capito male (possibilità non remota, visto quanto in questo periodo sono svagata, cit.) ritiro, per carità. Non voglio mica fare una gara.

        "Mi piace"

      • Lui parla di QUELLO, in questo commento. Si riferisce al controllo da parte degli esercenti sulle carte d’identità, cioè dell’argomento brandito da AL come una vittoria personale.
        E con Jonny c’è un stato uno scambio in merito a questo argomento specifico, prima del chiarimento della Lamorgese.
        Forse ti è sfuggito… io pensavo che, nel caso della carta di credito, fossero tenuti a controllare i documenti, ma Jonny mi ha chiarito i termini della questione (vedi sotto “Chi controlla il controllore”).
        Ecco perché l’ho nominato, era un esempio personale.
        Marco ne ha parlato probabilmente anche prima in una discussione che forse mi è sfuggita.
        Lui intende dire che SI SAPEVA GIÀ, quindi non c’è stata alcuna RETROMARCIA, ma solo un chiarimento su un fatto già noto, fatto dalla ministra degli interni.
        Considerarla una retromarcia vorrebbe dire far credere che si sia sbagliato e si sia tornati indietro, dando ragione ai no pass. Rileggi quello che scrive la Lombroso e dimmi se non sembra che voglia considerare una vittoria dei no pass questa semplice notizia.
        Lo dice proprio esultando come se la cosa rappresentasse una loro RIVINCITA.
        E ciò è assurdo, perché, al limite, rappresenta una difficoltà di applicazione, un intoppo, non certo la PROVA che la misura in sé, come strumento protettivo e
        oltre, sia ideologicamente sbagliata.
        Sarebbe come dire che, se si hanno difficoltà, che so, nella gestione di un carcere, sia sbagliato prevedere la carcerazione per chi delinque.

        "Mi piace"

      • No lui dice che si sapeva che… SI sapeva cosa, ma se il dpcm diceva altro, cosa sapeva lui? E dove lo ha visto che i controlli sarebbero stati demandati alla PS, ma quando mai?
        Faranno dei controlli a campione, ma questo cosa c’entra con la verifica e identificazione del green pass di cui si parla? E non è una retromarcia? AMmazza! SE non è una retromarcia questa. In pratica hanno detto: volevamo li facessero gli esercenti i controlli per noi, ma siccome non vogliono farli allora non li facciamo.
        E chi lo ha detto che il proprietario di un negozio non può chiedere un documento, lo dice Marco bo? Sbaglia. Possono, poi non vogliono e il governo in questo momento non lo può pretendere è altro discorso.
        Certo vorrebbero dire che la retromarcia è della ministra, ma non si tratta di un DM, la retromarcia clamorosa è tutta del pdc perché trattasi di DPCM.

        "Mi piace"

      • Aridaje! Marco BO dice che si sapeva che: ripeto, non si sapeva niente, perché il dpcm era sbagliato.
        E con questo direi che ho dedicato fin troppo tempo a Marco BO.
        Sugli esercenti che non possono chiedere i documenti ti consiglio di informarti meglio, se ti va ovviamente.

        "Mi piace"

      • Ma l’hai letto il link che mi ha mandato Jonny? Continui a parlare del DPCM, ma quello si riferiva al controllo del GREEN PASS, non alla verifica dei DOCUMENTI che ne attestano la proprietà. Nel senso: tu, esercente, mi controlli il Green pass, ma non ti do la CI, quindi non sai se il green pass è mio o di mio cugggino. Sono due cose diverse, che infatti la Lamorgese ha affrontato separatamente. Io di questo ti sto parlando, perché avevamo affrontato QUESTA questione, non quella dei DPCM. Guarda che io, non solo la pensavo come te, se hai letto i commenti che ti ho mandato, ma all’epoca, chiedevo, una delle poche, i documenti anche per il bancomat, agli utenti. Ma anche mio marito, che è dirigente bancario, mi ha detto che ormai, siccome ha il pin anche la carta di credito, ed è responsabilità del proprietario della carta averne cura, se uno inserisce il pin, stop, cavoli di chi eventualmente se l’è perso. C’è una sentenza. Lui, prima, aveva dovuto persino presenziare ad un processo per conto della banca, denunciata proprio per quello, per un conto svuotato da un marito o una moglie, con la carta dell’altro.
        Invece ora non si è tenuti a chiedere nulla, anche se, per il green pass, stanno allargando la cosa ai casi di evidente discrepanza tra i dati e la persona. Sai quante volte mi è successo? Mariti col bancomat delle mogli etc…che a richiesta del documento, me lo davano pure😂🤣( il loro!) come se potesse essere concordante coi dati della carta…e io gliela potessi accettare!
        Ma tutto ciò è cambiato dal 2016.
        Non so che cosa faranno per aggirare la cosa, che è anche ridicola, perché DAVVERO sono previste per certi acquisti la compilazione di moduli e la presentazione dei documenti. Magari considereranno gli esercenti come pubblici ufficiali?
        O cambieranno il decreto o che cavolo è.
        Altrimenti pensa, con questi fanatici, quante denunce e quanti ricorsi…
        Comunque, riguardo a Marco Bo, non solo sta comunicando alla grande in risposta ai no brain del blog, ma mi dà grande soddisfazione che li sme*di, mentre quella Carolina che non so dove vedi – in genere-comunicare(!), dà pure lei del “lei” e ha reagito come se l’avessi assalita(si crede intoccabile e non accessibile a critiche?) mentre lei POTEVA, come al solito, attaccare Travaglio, reo sempre di non parlare di ben altro! E l’ho fatto nel merito, checché ne dica, “alla Andreaex” (si usa dirlo, quando non si hanno argomenti? ) Che poi mi urti il suo cinismo e il suo continuo credere che tutti abbiano interessi reconditi, tranne lei, è un fatto, già dall’epoca del catcalling e dell’attacco che aveva fatto alla Lucarelli e a me. L’hai dimenticato? Ero rimasta calma fin troppo, mentre lei usava frasi sempre più taglienti.
        Ha smesso solo quando le ho restituito i toni. Nonostante ciò, l’ho votata, qualche volta, ma ultimamente sta facendo troppa ammuina, come dice lei x tutti gli altri, con questi elementi, persino col cogliostro. Tra l’altro, tutto mi è sempre sembrata, tranne 5s.
        Lo sono più io che lei, sicuro come la morte, ché questi sono solo destri mal posizionati, quelli di cui parla oggi Scanzi, che consiglia a Conte di liberarsene. 🙏🏻
        Che romanzo… da ombrellone, proprio😄😘

        "Mi piace"

      • No Liana, scusa ma non ci capiamo proprio tu continui a rispondere con argomenti che non c’entrano e io sto dicendo tutt’altro, e non c’entra niente quello che tu ti sei detta con Jonny (no, non ho letto il vostro scambio, ma cosa c’entra?) perché sto commentando l’articolo della Lombroso e il commento fuori luogo e da sbruffone del misirizzi.
        La roba della carta di credito e le sentenze relative non c’entrano (il pin?) io non sto parlando di quello che si può fare o meno, però mi sembra superfluo ripetere, perché la medesima frase l’ho ripetuta varie volte.
        Tra l’altro l’articolo di ieri di Robecchi e poi quello di Padellaro sul FQ spiegano esattamente tutti gli errori del dpcm associati alla identificazione che secondo loro gli esercenti avrebbero dovuto fare.
        E che avrebbero potuto tra l’altro. E infatti, se dobbiamo parlare di quello che si può fare gli esercenti possono per legge chiedere in tantissime occasioni i documenti: se uno va al bar il barista non può chiedergli i documenti? E se è minorenne? Ma scusa al supermercato non hai mai visto chiedere i documenti per verificare che i buoni pasto siano intestati a chi li spende? E da quando in qua l’esercente non può chiedere i documenti? E gli alberghi? Boh.

        RIguardo a Marco Bo ho già detto come la penso, e non mi pare smerdi proprio nessuno anzi, lo trovo molto ridicolo.

        Non ho capito niente, zero di Carolina. Di quello che hai scritto della Lucarelli, (relativa agli autobus forse? sì mi ricordo, ma non mi sembrava tagliente) e di Travaglio, è relativo a ieri? Come Fabrizio Castellana, si aspettano ogni giorno un saggio. Io invece mi diverto un sacco quando fa solo Travaglio.
        Non avevo capito che avessi il dente avvelenato, mi sembravano scambi che si chiudevano lì. A me piace Carolina. Non sono d’accordo con lei, su niente quasi, ma la trovo interessante e intelligente. ANzi ti dirò, pur essendo in disaccordo il suo punto di vista a volte (non sempre perché la maggior parte delle volte si parla di cose che non mi interessano) mi serve per mettere a fuoco il mio, come il punto di vista di Paolo Diamante Roma. Ecco loro sì li trovo stimolanti, non il misirizzi.

        "Mi piace"

      • A me, invece, non piace proprio perché è la negatività fatta persona, il cinismo, la conferma del detto omnia munda mundis/omnia immunda immundis. Lei non è “monda”, ha gli occhiali della diffidenza, sempre. Per lei, in chiunque e in qualunque situazione, c’è sempre un retroscena, un secondo fine, un interesse inconfessabile.
        Odio questa concezione, tra l’altro molto qualunquista, del tipo “sono tutti uguali”.
        E mi sa che non hai la memoria a fuoco riguardo alla storia del cat calling, perché le avevi risposto anche tu, tanto stava attaccando, con un rosicamento evidente. Altro che tagliente, era! Infatti alla fine gliel’ho detto e lo sono stata anche io. Non l’avevo mai cagata prima e quello è stato l’imprinting.
        Marco era quello che “viveva e lottava insieme a noi” contro quel troll che ora è sparito, non ricordo il nome, quello che “il virus muore con il paziente”… poteva essere un Federico? E da lì ho visto che esprimeva esattamente i concetti che può esprimere uno che ha studiato la materia. Conosce anche, nello specifico, tutte le mutazioni delle varie varianti (cosa complicatissima fatta di sigle) e ne descrive i meccanismi. Uno gli ha detto “tu che sei dei mestiere” e ci credo…mi risparmia spesso di rispondere ai vari no brain del blog.
        Per quanto riguarda la nostra interminabile diatriba, visto che continui a non leggere il link della legge di stabilità del 2016 e a riferirti al DPCM, ti invio di nuovo il testo del commento di marco bo, che è QUELLO che stavo commentando e di cui stiamo parlando da giorni, cioè il commento all’articolo di Lombroso:

        “Vedere la loro retromarcia dopo tanta sicumera”
        ma di retromarcia sta parlando questa svalvolata?
        era già noto dalla settimana scorsa che il CONTROLLO DOCUMENTI era demandato
        alla pubblica sicurezza e non ai commercianti/gestori, avendolo riportato qui
        me ne ricordo, non è che se lo ripete un ministro diventa un nuovo annuncio
        differente dal precedente.
        quindi di che parla?”

        Lo vedi che si parla di CONTROLLO DEI DOCUMENTI? Non di DPCM in genere?
        Era una delle particolarità non chiarite nel DPCM, tant’è che l’ha fatto da poco, la Lamorgese. Ma noi ne avevamo GIÀ PARLATO, io perché la pensavo come te, invece Jonny e, precedentemente, Marco perché SAPEVANO (io no) dell’esistenza di questo:

        “Pagamenti con carta di credito e bancomat: esibire carta d’identità? Non più
        Redazione – 3 gennaio 2016, 08:00
        Dal 2016 ai consumatori viene riservato il diritto di rifiutare di esibire un documento di riconoscimento, come la carta d’identità, la patente o il passaporto, quando vengono richiesti per eseguire pagamenti tramite carta di credito, potendo comunque pretendere di pagare con lo stesso metodo.
        La richiesta di esibire documenti di riconoscimento per i pagamenti con carta di credito da parte degli esercenti commerciali, infatti, nonostante risponda alla necessità di avere la garanzia che il possessore della carta sia anche il suo effettivo titolare e scongiurare il rischio di truffe, non viene in alcun modo autorizzata da nessuna norma.

        CHI E’ AUTORIZZATO A CHIEDERE DI ESIBIRE IL DOCUMENTO D’IDENTITA’?

        Il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (cosiddetto TULPS) prevede, infatti, che sia solo un pubblico ufficiale il soggetto autorizzato ad avanzare, al cittadino, la richiesta di esibire il proprio documento di identità. Si tratta quindi degli appartenenti all’Arma dei Carabinieri, alla Polizia e alla Guardia di Finanza.
        Viene, poi, considerato pubblico ufficiale anche il soggetto addetto ad un pubblico servizio come ad esempio un giudice, un insegnante o un dirigente scolastico, che è presidente di un seggio elettorale,o ancora un controllore del treno o dell’autobus.
        Bisogna comunque specificare che, sino ad oggi, l’adempimento alla richiesta di esibire il documento d’identità è stato visto più come una sorta di collaborazione spontanea da parte del cliente che non come l’adempimento ad un preciso dovere. Tuttavia, nonostante il cliente non fosse in alcun modo tenuto a mostrare il proprio documento, il venditore aveva comunque modo di non accettare, in caso di rifiuto da parte del cliente, il pagamento con carta di credito e pretenderne un altro tipo.

        COSA CAMBIA DAL 1° GENNAIO 2016?

        VAI ALLO SPECIALE SU LEGGE DI STABILITA’ 2016

        La legge di Stabilità, dal 1° gennaio 2016, non solo ha ridotto la soglia di pagamenti da 30 a 5 euro sopra la quale il venditore o il professionista non può più rifiutare i pagamenti con strumenti elettronici (Pos), come appunto carte di credito o debito, ma soprattutto, nel caso di rifiuto, ha previsto precise sanzioni economiche al fine di rendere effettivo l’obbligo di dotazione di un Point Of Sale (Pos).
        In questo modo, il cliente potrà opporsi non soltanto alla richiesta di esibizione del documento d’identità, ma anche alla richiesta di lasciare una rispettiva fotocopia: un gesto di fiducia da parte dei consumatori, che tuttavia è sempre stato sconsigliabile vista la facilità con cui vengono commesse frodi telematiche.
        I soli casi in cui legalmente i negozianti possono conservare la copia del documento d’identità riguardano l’acquisto di una scheda telefonica, la cosiddetta Sim, e quello in cui a richiederlo sia una pubblica amministrazione oppure il gestore di pubblici servizi.

        COSA FARE SE IL NEGOZIANTE CONTINUA A PRETENDERE LA CARTA D’IDENTITA’?

        In questo caso il cliente ha possibilità di sporgere denuncia contro l’esercizio commerciale per aver rifiutato il mezzo di pagamento elettronico. Successivamente saranno le autorità amministrative che potranno applicare le sanzioni.

        CONSULTA IL TESTO DEL DDL DI STABILITA’ 201”

        Ora, se l’argomento è QUESTO, perché mai sarei IO a essere fuori tema?
        Tra l’altro, sotto quell’articolo di cui ti ho inviato il link, anche tu chiedevi a Jonny la stessa cosa. Parlo di quello perché io e te abbiamo parlato di ciò con Jonny, ma è lo STESSO argomento a cui si riferisce MARCO e quindi IO, visto che parliamo del SUO commento all’articolo di AL dal titolo “FAVORISCA I DOCUMENTI “, dove lei sbandiera ‘sta storia a noi nota, come se fosse UN PASSO INDIETRO e non un semplice chiarimento (tra l’altro in divenire).
        Oltretutto questa norma si sta chiarendo/modificando/specificando e superando ulteriormente, per cui il giubilo ingiustificato e il senso di rivalsa della tua amata, saranno definitivamente privati di SENSO, ma già lo erano.
        Il concetto di tutto l’ambaradan era questo: la mancanza di senso di un giubilo dovuto alla semplice conferma di una legge di 5 anni fa, come se fosse un ripensamento A FAVORE delle tesi dei no green pass. Capito?
        Possibile che continui a sfuggirti l’argomento SPECIFICO?
        Mi sa che il mare ti distrae molto, come hai detto tu, GIUSTAMENTE… 🤣 🌅⛱️
        Dopo ciò, mi arrendo.😘

        "Mi piace"

      • Vedere la loro retromarcia dopo tanta sicumera”

        ma di retromarcia sta parlando questa svalvolata?
        era già noto dalla settimana scorsa che il CONTROLLO DOCUMENTI era demandato
        alla pubblica sicurezza e non ai commercianti/gestori

        Falso, perché il dpcm diceva esattamente il contrario cioè che gli esercenti avrebbero dovuto controllare. E se non si fossero ribellati avrebbero potuto farlo, e Infatti Ieri o l’altro ieri il garante della privacy ha confermato che l’esercente può chiedere i documenti.
        Scusa ma mi fido del garante, mi fido del FQ e di tutti quelli che hanno parlato di retromarcia, e non mi fido di Marco Bo, né mi spiace della tua interpretazione tutta concentrata sull’obiettivo di dare contro ad Anna, come se la cosa potesse/dovesse farmi cambiare idea.
        Mah.

        Secondo me ti sono sfuggite molte risposte che io ho dato a Carolina da quel giorno, soprattutto sul suo essere maschilista senza saperlo, ma comunque non la trovo spiacevole, anzi tutt’altro, sempre molto sul punto e mai sul personale e con grande rispetto dell’interlocutore, a differenza del misirizzi per il quale l’interlocutore non esiste.

        "Mi piace"

      • “Era già noto dalla settimana scorsa”
        NON dal dpcm di giugno, Paolaaaaa…non sta parlando di quello.
        Vabbé, dai basta, tanto comunque adesso li stanno autorizzando a chiedere I documenti (anche se sono TENUTI a farlo solo se c’è discordanza) e se lo fanno, i clienti DEVONO fornire i documenti.
        Io, fossi esercente, lo farei FISSO.
        Quindi, dopo la PRESUNTA “retromarcia”, la retro-retromarcia e FANCULO ai no pass.
        Perché la sostanza è quella: io do addosso ad Anna solo per QUELLE idee, che sta ripetendo alla nausea, da mesi (a parte che trovo snervante la sua scrittura) e se ne sto parlando ORA è solo perché È l’argomento in oggetto. Figurati.
        Solo non capisco come si possa NON vedere la sua posizione, solo perché la “ami”.
        Se queste cose le dicesse Travaglio, io lo ammetterei e lo criticherei alla grande. Non è che se dice stronzate che non condivido, le apprezzo lo stesso perché le dice lui… ma neanche se fosse mio marito!
        Comunque, io noto, veramente, che ogni commento di Marco è sempre in risposta a qualche no brain, come d’altronde Jerome, e verte sempre sul merito dell’argomento. (Invece Jerome attacca anche la persona, ma mi fa riderissimo)
        Carolina scrive e basta, mica interloquisce per sua scelta. Risponde se la chiami in causa, ma anche l’altro mi ha risposto talvolta. E lei, con me, non è stata affatto rispettosa, non è solo la parolaccia, e tantomeno il “tu”, che fa il “non rispetto”, ma anche l’uso di espedienti, che io odio perché sono SLEALI, come buttarla sull'”assenza di merito”o sull'”entri nel personale”, quando vuoi spostare l’attenzione dal merito PROPRIO TU!
        Perciò non sopportavo Andreaex, perché lo faceva di continuo!
        Il metodo ha anche un nome: bias dell’argomento fantoccio.
        Metodo odiosissimo e sleale, scorretto e da vigliacchi.
        Le cose che più detesto.
        Oltre all’essere malfidati con… l’universo.
        Se io penso che TUTTI gli altri siano interessati, veniali, egoisti e con secondi fini, vuol dire che lo sono IO.
        👋🏻😚

        "Mi piace"

      • Va bene stop su quella storia tanto rimaniamo convinte tu del tuo e io del mio.
        “Solo non capisco come si possa NON vedere la sua posizione, solo perché la “ami”.” E chi lo ha mai detto che io non veda la sua posizione perché la amo. La amo sicuro, ma che io non veda la sua posizione è una tua deduzione. Tra l’altro in base a cosa?
        E quello che dici che il tu non fa il rispetto è esattamente quello che fa marco b: non è ignorante come il caglione, pazzo come l’ingegnere del cim, ma parte sempre dal piedistallo su cui si è posizionato. Il fatto che tu condivida le sue idee non lo assolve dal fatto che è uno straconvinto,, straconvinto pure di essere un medico. Mi viene da ridere.
        Io non ho mai visto il misirizzi bolognese rispondere a nessuno, nemmeno a te, quando dovesse capitare fammelo notare. QUello che fa è invece commentare o in risposta a qualcuno o in risposta all’articolo, di solito se si posiziona sotto qualcuno lo fa per sbertucciare, cosa che ha fatto alcune volte anche con me. Una volta lo ha fatto con Adriano.
        Ma poi con tutta la sua competenza non è mai stato in grado di leggere le risposte, se lo fa con te fammelo notare, sono pronta a ricredermi e a dire che comunica.

        Su Carolina ho già detto, mi sembra molto strano sentir parlare addirittura di slealtà, però ognuno ha la sua sensibilità, quindi non discuto. Riguardo a ieri però credo che tu sia entrata nel personale con lei, e a giudicare dai vostri scambi lei non ti aveva autorizzato. Voglio dire che quando parli di cinismo sei personale. Sinceramente sono rimasta molto stupita da quel tuo commento.

        "Mi piace"

      • Cinismo per quello che scrive. Chi cavolo la conosce? Io conosco solo quello che scrive e quello lei ha scritto, OGNI VOLTA.
        Carolina
        11 agosto 2021 alle 3:29
        Esternazioni di Dirigono e pregressi di Farina. Due argomenti che non fanno prendere sonno agli Italiani.
        Poi contro cosa “, alzeranno le barricate” i 5Stelle ( o almeno faranno finta di farlo…)?
        Chiedere al PD.

        Piace a 1 persona

        Rispondi
        Anail
        11 agosto 2021 alle 5:24
        Ma stranamente sei sveglia, per proporci argomenti attualissimi e per niente triti e ritriti, al posto di quelli di Travaglio.

        Carolina
        2 days
        Sto lavorando.

        Non comprendo la ragione dei continui attacchi personali. Anch’io non condivido molte delle cose che lei scrive ma non mi permetto certo di criticare il suo modo personale di essere o di pensare. Al massimo si entra nel merito delle idee e se ne propongono altre. Se la infastidisco non mi legga, è molto facile. Perché tutta questa acrimonia? Non le pare fatica sprecata?

        Adesso leggi la SUCCESSIONE ESATTA dei commenti e DIMMI dove vedi l’attacco personale. Del cinismo parlo DOPO che lei mi accusa.
        Ho sempre risposto nel merito e se i suoi commenti sono cinici scrivo che sono cinici.
        È ovvio che se una scrive solo cose ciniche è cinica, così come se uno scrive solo parolacce è sboccato e se uno scrive solo cose da matto è matto.
        Altro che cose personali diciamo agli altri!!
        Da quando in qua siamo così attente solo con questa?
        Che cos’è, speciale? Non fa altro che criticare il mondo intero e ha sparato a zero su di me dalla prima volta che mi ha rivolto la parola e ora fa la preziosa? E soprattutto, visto che il metodo di usare l’argomento fantoccio ha “confuso” pure te, e quindi è riuscita nel suo intento, è pure furba.
        Ma non avevo dubbi. Lo pensa di tutti, quindi lo è.

        "Mi piace"

      • 
        
        
        
        
        
        
        
        Allora, non partire in quarta. Numero uno non mi ha convinta proprio di niente, non ho capito perché secondo te ho bisogno di aiuto per interpretare Carolina, Marco bo, Exandrea e financo la mia Anna.
        Secondo e anche qui stai serena, non la trovo affatto cinica, io che lo sono e tanto posso dirlo. La trovo molto professional, si criticherà tutto, ma che me frega, cioè qual è il passaggio che non colgo che come ti fa tanto innervosire? Cioè il primo messaggio che hai scritto è un messaggio aggressivo che io scriverei a F, al lurido renziano bannato, non lo so a gente così, a Carolina lo avrei scritto in altro modo. Ma certo che c’è un trattamento speciale, scusa! E che si può trattare Carolina come l’ingegnere del cim? O come il cazzuolatore? Ma ci sono gradazioni, è chiaro. L’altro giorno fabrizio castelllana ha detto esattamente le stesse cose su MT. Ma secondo te io gli rispondo coi tuoi toni con Carolina? E tu gli avresti risposto così? E mica è il lurido renziano, ovvio che sono più interlocutoria, se vuoi chiamalo trattamento speciale, ma non credo.
        Se tu hai le tue ragioni che io non conosco (perché la roba del cat calling è poco) per non essere interlocutoria con lei, beh aspettati che ti dica che il tuo tono è inappropriato. Io l’ho percepito così. Cioè ci sono decine di persone che non leggo e non ho mai letto tipo Viviana v perché non mi interessa il loro modo di ragionare, non mi ritrovo in quello che scrivono, noi siamo buoni e tutto il mondo è cattivo, però a che pro essere critica? Per questo ha ragione secondo me quando ti dice di saltarla, nello specifico in relazione forse più ad altri messaggi che a quello di ieri.
        P. S. Signor Ennio scusa la didascalia, ma lo sai che io uso 10 dita, no? (Con la tastiera).

        "Mi piace"

      • 1)Grazie a Dio che non ti ha convinto!
        2)Di che aiuto parli? Se ti mostro i meccanismi psicologici, i mezzucci che ha usato per sviare l’argomento, il solito tema “merito” e “personale”, specialità che mi faceva schifare l’ex, vuol dire che hai bisogno di aiuto? Allora non si può mai argomentare il proprio punto di vista con chi la pensa in altro modo?
        Ognuno ha i suoi gusti, ed è evidente che ti ritieni cinica più di lei, quindi PERCIÒ ti piace, ma se trovi “professional” una che sa solo vedere il male negli altri, fosse anche Gandhi o Gesù Cristo(e tu NON sei così, grazie a Dio) e arrogante e sborone uno che scrive le cose che SA, per mestiere o no, chiarendole agli analfabeti funzionali no brain che imperversano con le loro cazzate, allora non ci intendiamo proprio sulla lingua italiana.
        In effetti lei è PIÙ che cinica, è una che vede solo il MALE ovunque, dietro ogni buona intenzione, negativa sino al midollo, con cattiveria FREDDA, quindi non visibile, ma professional, in quel senso sì.
        Stessa differenza che passa tra chi uccide x odio e passione e chi per mestiere, con indifferenza.
        E comunque , una che dall’alto, OGNI SANTA VOLTA ha da dire a Travaglio che dovrebbe occuparsi di ben altro e recentemente ha scritto cose da leghista pura, facendosi schifare pure da Ennio, la tratto ben peggio di fabrizio, se permetti, ma anche se NON permetti.
        Posto che comunque le ho solo scritto ironicamente che era sveglia, anche se diceva che gli argomenti di Travaglio non toglievano il sonno e i suoi, invece, erano davvero originali. Mancava solo il bibbbbitaro, poi era cogliostro puro, col solito pd che nomina sempre più spesso a sproposito, esattamente come lui e il matto, magari così si sente “inserita”e sa dove indirizzare il suo odio.
        È lampante che ti stia simpatica e punto.
        A me sta sul caxxo e punto, invece, ma solo per quel motivo. Ciò non mi ha impedito di spalleggiarla e difenderla, quando pensavo che avesse ragione.
        Ed ero anche passata sul fatto che all’epoca mi avesse reiteratamente detto, una mai VISTA e mai cagata, che gli uomini da piccola mi molestavano perché mi prendevo troppo sul serio, non prima di aver parlato di “consapevole volgarità”, come spiegazione per le attenzioni degli uomini. Tutto perché le bruciava.
        E queste non sono cose personali, noooo.
        Lo è invece criticare e confutare i giudizi, quindi NON il comportamento privato, ma il merito degli articoli, di una che vede l’universo mondo come faccendieri e persone che pensano solo a qualche interesse nascosto, fosse anche il Dalai Lama.
        E questo è davvero moooolto professional. Ma de che? Di QUALE professione?
        Guarda, mi sta per venire qualche brutta idea, sarà che mi avrà contagiato?
        Comunque sei in buona compagnia, visto che piace al matto, che sicuramente ha l’occhio lungo per giudicare. Siete in 2.
        Ma non me ne fregherebbe niente, se non fosse che, evidentemente, quando ti piace qualcuno, passi sopra qualsiasi cosa, fosse pure un complottista di m.
        Quindi se le STESSE cose le dice Anna è diverso da quando le dice SCN, anche se sono identiche, quindi dovrei RISPETTARLE e la stronza sono IO, se non lo faccio.
        Quindi se io dico al KILLER, che sta ammazzando a sangue freddo qualche innocente, che è CATTIVO, l’aggressiva sono io, perché lui è tanto PROFESSIONAL.
        Non lo merita, la cattiva sono io che oso trattarlo male, mica lui è come il matto, lui lo si deve rispettare.
        Devo essere strana io a valutare le AZIONI e da lì, casomai, le persone e NON il CONTRARIO.
        Quindi, una volta messo il timbro, se uno ti piace può fare la qualunque, viceversa NO.
        Ok. Basta saperlo.

        "Mi piace"

      • “Se ti mostro i meccanismi psicologici, i mezzucci che ha usato per sviare l’argomento,” e in base a cosa ritieni di dovermeli mostrare? In base al fatto che tu cogli cose che io non colgo? E chi ti ha conferito questo compito? Forse hai fatto da sola credendo gli altri, o semplicemente me non in grado, Non ne ho bisogno, ti ringrazio, So valutare perfettamente senza bisogno di aiuto.

        “una che sa solo vedere il male negli altri” questa è una tua opinione che magicamente diventa un fatto. Non è la mia.

        “una che dall’alto, OGNI SANTA VOLTA ha da dire a Travaglio che dovrebbe occuparsi di ben altro e recentemente ha scritto cose da leghista pura,” evidentemente la leggi continuamente, cosa che io non faccio. Diciamo che me ne frego abbastanza, mi pare di avertelo già detto, non sono così interessata,

        Posto che comunque le ho solo scritto ironicamente che era sveglia,
        Ancora tua valutazione a me non sembrava ironico ed evidentemente nemmeno a lei. Comunque non mi sarei mai e poi mai sognata di intervenire, se non mi avessi chiesto tu. Viceversa tu ti senti autorizzata a spiegarmi quello che tu hai deciso che vuole dire marco bo, che tra l’altro oggi ha detto che si riferiva proprio al dpcm, o ti senti autorizzata a dirmi cosa devo pensare su un articolo che leggo, Boh,

        evidentemente, quando ti piace qualcuno, passi sopra qualsiasi cosa, fosse pure un complottista di m.
        Quindi se le STESSE cose le dice Anna è diverso da quando le dice SCN,
        Posto che io dei miei gusti non devo rispondere a nessuno nella vita, figuriamoci su un blog, ancora tue valutazioni che diventano magicamente fatti. Io non mi sognerei mai, quando tu ti spelli le mani per applaudire gaetano pedullà di dirti: ma come si può non vedere il livello mediocre di questo giornalista sia? Ma non ci penso proprio. Ma ti dirò più che non ci penso, non mi interessa affatto. Ma allo stesso tempo non ricordo di essere andata in giro per il blog in cerca di un mentore.

        PROFESSIONAL era il tono, inteso come distaccato, come il lei, ma tu ovviamente sei partita per la tangente su cui io non ho intenzione di seguirti

        Comunque sei in buona compagnia, visto che piace al matto, che sicuramente ha l’occhio lungo per giudicare. Siete in 2.

        In realtà è apprezzata da molte altre persone, cosa che evidentemente ritieni sminuisca te. E anche qui non ne so i motivi, ma francamente non ti seguo su questo terreno, perché io non sono appassionata di classifiche e di voti come te. Ah, a proposito: quel messaggio: ti avrei votato, ma non ti voto visto il tuo gradimento della Lombroso. Ti giuro, mi sono trattenuta dallo scrivere ma chi se ne frega del voto? E mi sono trattenuta per come sono fatta io, non per come sei fatta tu, sia chiaro.

        "Mi piace"

      • Guarda, sono allibita.
        Cioè se una si applica a spiegare le.sue motivazioni, il suo punto di vista, per te ti vuole INSEGNARE qualcosa?
        Ma poi, prima dici che non hai bisogno di saperle da me, le cose, poi mi dici che non LA LEGGI ? Allora che cosa ne sai?
        Ti dico che ero ironica e tu insisti a capire come vuoi tu e, visto che anche lei ha capito così, avete ragione voi? 👏🏻
        “Posto che comunque le ho solo scritto ironicamente che era sveglia,
        Ancora tua valutazione a me non sembrava ironico ed evidentemente nemmeno a lei.”
        Una MIA VALUTAZIONE? 😳
        No, ma SCUSA se l’ho SCRITTO IO e forse lo so che cosa volevo scrivere!!
        La prossima volta che scrivo qualcosa chiedo a voi due che cosa volevo dire!!!
        Cioè se io ti racconto perché la penso in un certoodo di qualcuno che, per tua ammissione, neanche segui, ti voglio insegnare qualcosa, tu invece VUOI DIRE A ME che cosa volevo scrivere IO, ma ne hai il diritto?
        Ma roba da matti.
        Mio Dio.
        Guarda. È tempo perso se ogni cosa che faccio, la interpreti al contrario.
        Pedullà? Lo applaudo se mi piace, altrimenti no. E se tu mi scrivessi: guarda che in certe occasioni ha scritto questo e questo, mica penserei che mi vuoi insegnare o chissà che, come fai tu, ma integrerei il mio concetto con le tue informazioni ed impressioni, se non avessi saputo certe cose..anzi gradirei il fatto che mi vuoi far sapere altro, che ci tieni a me.
        Tu parli a prescindere, giudichi a prescindere? Io no. Più dati ho meglio è, chiunque sia a fornirmeli. E parlo di dati, non di impressioni, a meno che sia un’amica di cui mi fido a fornirmele.
        Classifiche, voti… Ridicolo. Io, anche quando parlo di altro, se parlo ad un’amica, le sto mostrando la MIA anima.
        Ma siamo molto DIVERSE, TROPPO.
        Persino se ti dico una cosa SCHERZOSA come quella del voto, la fraintendi…assurdo.
        E apprezzi una persona arida e per niente sensibile, di cui però NON leggi i commenti abbastanza da poter capire perché dico questo, ma pretendi di conoscere di più di chi la legge e difenderla pure.
        Ridicolmente, perché non l’avevo accusata di nulla, se non del suo scritto contro Travaglio, l’ennesimo infarcito di benaltrismo, per nascondere le idee destrorse, che avresti condiviso se io l’avessi scritto a CHIUNQUE altro.
        Tutto questo apprezzamento che tu vedi, io non lo vedo, non le scrive mai nessuno, come lei non scrive a nessuno.
        Casomai dovrebbe ringraziare che qualcuno l’ha cagata, tipo me. O credi forse che io sia invidiosa del favore del matto? Che però, neanche lui, ci comunica?
        Certo, non rimedia neanche contrasti e opposizioni, proprio perché sembra che a scrivere sia un computer senza anima e passione, solo freddo calcolo senza umanità, solo freddi giudizi e illazioni negative su chiunque. Non vorrei essere così neanche morta e un’amica che non capisce NULLA di ciò che scrivo, anzi, apprezza l’esatto contrario di ciò che sono, non credo proprio che lo sia, amica.

        "Mi piace"

      • Ah, ecco. Quello è scambio civile.
        Che mi prendo troppo sul serio e gli uomini mi molestavano per quello, o che c’era consapevole volgarità PER ATTIRARE gli uomini, quindi peggio per noi, è CIVILE e IMPERSONALE.
        Invece confutare le cose coi fatti, come fanno Marco Bo e Jerome(che anzi c’ammolla pure l’insulto) o usare l’ironia per criticare un attacco a Travaglio, è incivile e personale.
        Guarda, basta così.
        Stop.

        "Mi piace"

      • Chissà se te lo mostrano il mio romanzo, è in moderazione perché è lungo 🤔
        Certo che non moderano il matto del CIM, però! 😠

        "Mi piace"

      • Ma cosa c’entra la questione della carta di credito? Dal primo messaggio che te lo dico.
        Qui non si tratta di quello che possono o non possono fare, qui si tratta di ciò che è scritto nel DPCM e c’era scritto che avrebbero dovuto controllare gli esercenti e il dpcm è una legge.

        "Mi piace"

      • Ti ho risposto altrove, ma lo stanno moderando perché è lungo.(mi sono allargata…a parlare di altro) Comunque, tu parli di DPCM che si riferiva ai controlli sul green pass, NON al controllo dei documenti che ne attestino la proprietà. Sono due cose DIVERSE, che infatti la Lamorgese ha dovuto chiarire dopo.
        Ti sto ripetendo che si parlava di QUELLO, in particolare. Se hai letto i commenti tra me e Jonny lo capisci. E anche Marco Bo parla di quello, qui, non del DPCM.
        OK? 😅🥵🥵(si muore…)

        "Mi piace"

  4. Da oggi tutti i pizzardoni a Roma sono stati informati sul come comportarsi quando incontrano Anna:

    “Signora, favorisca i suoi nocumenti”

    "Mi piace"

  5. https://www.imolaoggi.it/2021/08/10/agamben-vaccini-e-green-pass/
    “Quello che colpisce nelle discussioni sul green pass e sul vaccino è che, come avviene quando un Paese scivola senza accorgersene nella paura e nell’intolleranza – e indubbiamente questo sta avvenendo oggi in Italia – è che le ragioni percepite come contrarie non solo non sono in alcun modo prese seriamente in esame, ma vengono rifiutate sbrigativamente, quando non diventano puramente e semplicemente oggetto di sarcasmi e di insulti. Si direbbe che il vaccino sia diventato un simbolo religioso, che, come ogni credo, funge da spartiacque fra gli amici e i nemici, i salvati e i dannati.
    Come può pretendersi scientifica e non religiosa una tesi che rinuncia allo scrutinio delle tesi divergenti?”

    "Mi piace"