Massimo Fini: “Più del Covid pagheremo la crisi psicologica”

(Massimo Fini – massimofini.it) – C’è una barzellettina divertente. Un automobilista telefona a Isoradio: “C’è un pazzo che in autostrada va contromano”. Dopo cinque minuti Isoradio riceve un’altra telefonata: “Non è solo uno, sono centinaia”. Il pazzo in questa stagione Covid-lockdown sono io perché ho un’opinione che va, sia pur parzialmente, contro le scelte fatte da quasi tutti i paesi (Svezia a parte, ma per il mio bene sfioro solo l’argomento Svezia perché Travaglio va in convulsioni). Ma la Storia racconta che in qualche caso i pazzi che nel Medioevo si riteneva avessero uno speciale rapporto con Dio hanno avuto ragione sia pure sulla lunga distanza.

Non sono né negazionista né complottista, due categorie che si intrecciano, tra l’altro contraddicendosi a vicenda (uffa, ogni volta che si parla di Covid-lockdown in modo diverso dalla communis opinio bisogna premettere che non si è negazionisti, come quando si critica Israele bisogna premettere che non si è antisemiti, così rafforzando la convinzione che si è proprio antisemiti). Il negazionismo va contro la realtà dei fatti. I morti all’anno per influenza sono mediamente 20.000, col Covid sono arrivati a 100.000 e sarebbero certamente moltiplicati, in che misura nessuno è in grado di dire, se non si fossero attuate le misure di contrasto. I complottisti sostengono che il Covid è un parto dei cosiddetti “poteri forti”, non mai ben specificati. Quindi per i negazionisti/complottisti il Covid non c’è ma anche c’è. Quale sarebbe il disegno dei poteri forti? Aumentare appunto il loro potere e la loro ricchezza. Ma che bisogno c’è se il potere e la ricchezza ce l’hanno già, oltretutto creando uno scompiglio tale che proprio questo potere e questa ricchezza potrebbe intaccare? Io non li ritengo così intelligenti da creare un complotto mondiale cui parteciperebbero evidentemente USA, Russia, Cina, Brasile eccetera né così stupidi da darsi la zappa sui piedi.

La mia posizione è diversa. Secondo me non c’è proporzione fra la pericolosità del Covid e le misure che sono state adottate per contrastarlo, fra cui la più decisiva e anche la più devastante è il “distanziamento sociale”. Sostengo anche che nel tentativo, onesto, sincero, di salvaguardare la nostra salute, la stiamo compromettendo.

Sulla didattica a distanza tutti i governi all’inizio si sono concentrati sul fatto che interrompe la formazione degli studenti. Ciò è vero, ma fino a un certo punto. Io ho fatto tre prestigiosi licei milanesi, Parini, Berchet, Carducci, e c’erano ripetenti e gente che andava a ottobre con un mucchio di materie (io in seconda media con cinque, un record assoluto credo). Quindi studenti che non avevano studiato o lo avevano fatto malissimo. Eppure molti di costoro hanno avuto una buona riuscita nella vita, i “secchioni” spesso no. Solo di recente ci si è accorti che il vero e più profondo problema della didattica a distanza sta nel fatto che i ragazzi non possono conoscersi e socializzare fra di loro in un’età in cui questo è particolarmente importante per il loro equilibrio. Ma questa è solo la punta dell’iceberg. L’ambiente scolastico è solo uno dei luoghi della socializzazione giovanile, ci sono gli sport collettivi e, più semplicemente, la possibilità di incontrare amici e amiche o conoscerne di nuovi.

Alcuni ospedali pediatrici hanno registrato che i ragazzi fra i dodici e i diciotto anni che, ovviamente spinti dai genitori, si rivolgono a psicologi o psichiatri in periodo Covid sono aumentati del 17%. Le patologie sono psichiche ma hanno anche conseguenze fisiche: stati depressivi e ansiosi, attacchi di panico, autolesionismo, tentazioni suicidarie, stati ipocondriaci, anoressia che colpisce in prevalenza le ragazze e che, com’è esperienza comune, può avere esiti letali. I pediatri ritengono che quel 17% in più sia solo una frazione del disagio adolescenziale, perché ovviamente non tutti, pur soffrendo di quei sintomi, ricorrono allo psicologo o allo psichiatra. La psicologa italiana Giorgia Lauro scrive: “L’epidemia di Covid19 e i conseguenti e ripetuti lockdown possono produrre e hanno prodotto molteplici conseguenze sulla vita degli adolescenti, stress cronico e acuto, preoccupazione per i loro famigliari, interruzioni scolastiche, aumento del tempo trascorso su internet e sui social media, preoccupazione per il proprio futuro”.

Non ci volevano equipe di pediatri, psicologi, psichiatri per capire che la reclusione in casa, per un anno e più, avrebbe devastato il mondo adolescenziale (e anche, sia pur in proporzione minore, quello adulto di cui qui non ci occupiamo), sarebbe bastata un po’ di esperienza e di senso comune.

I conti per gli automobilisti che ritengono di andare nella direzione “giusta” si faranno solo fra qualche anno, solo allora si potrà fare un bilancio fra costi e benefici e se, come ci dicono gli esperti, l’epidemia diventerà endemica, è chiaro che non potremo continuare col meccanismo dei lockdown stop and go, ma dovremo rassegnarci all’idea che, o bella, si può anche morire.

Il Fatto Quotidiano, 31 marzo 2021

A parer mio c’è un’unica, sola e vera epidemia: l’epidemia della paura. E poiché la paura contagia più velocemente del Covid, oggi molte persone che avevano affrontato questa emergenza ai suoi inizi con una certa serenità adesso sono terrorizzate e disposte a tutto, anche a farsi mettere il collare vaccinale che, di fatto, viola l’articolo della Costituzione che dice che nessuno può essere sottoposto a una cura contro la sua volontà. Ma a furia di violare le norme costituzionali, in nome oggi di un’emergenza sanitaria, domani magari di un interesse nazionale prevalente, stiamo finendo in uno stato di polizia sottoforma di democrazia.

M.F.

11 replies

  1. Costui non sa o fa finta. Nella sua Svezia i morti e i contagiati sono stati ” solo ” 5 / CINQUE volte di più, in percentuale alla popolazione, di Danimarca o Norvegia. Se leggesse i giornali svedesi e non le caxxte di quelli Italiani, potrebbe saperlo anche lui.

    "Mi piace"

    • Svezia: 1.327 morti per milione di abitanti (senza alcun lockdown). Italia, 1.811 per milione.
      Forse è meglio se ad informarti sei tu.

      "Mi piace"

      • Forse devi smettere di informarti e ripassare la comprensione del testo: io leggo “Nella sua Svezia i morti e i contagiati sono stati ” solo ” 5 / CINQUE volte di più, in percentuale alla popolazione, di Danimarca o Norvegia.”

        Dove hai letto Italia?

        "Mi piace"

      • A) in Svezia ci sono gli svedesi, con abitudini da svedesi e con una densità
        abitativa che non non sappiamo neppure cosa sia.
        B) il paragone, come sempre, va fatto tra cose simili.
        se lei mi paragona capre (gli italiani come lei) e i cavoli (come gli svedesi)
        non può ottenere un risultato congruo.
        paragoni popolazioni con comportamenti nello stile di vita e densità
        abitativa comuni e vedrà che il 5 volte di più citato da @paolo diamante Roma,
        ma che riporta pure la reuters, la BBC e altri media non proprio sconosciuti.
        C) che Fini ambisca a quel modello per l’Italia è veramente ridicolo, se non patetico.
        significa essere slegato dalla realtà
        basta sovrapporre i grafici con le date dell’andamento libertà di movimento e
        e quello dei contagi/ricoveri/decessi per vedere che una settimana o due dopo
        il secondo inevitabilmente sale
        le svelo un segreto di pulcinella, non c’è nessun arcangelo che porta la Sars-Ncov-2,
        oggi 467 morti? vuol dire che ci sono stati almeno oltre 400 altre persone che li hanno contagiati
        ieri oltre 500? idem.
        se non è ottuso, come appare quando scrive, immagini, con il liberi tutti, il risultato che si ottiene.

        "Mi piace"

  2. Se i morti all’anno sono 100.000 Anziché 20.000, è perché li hanno ammazzati, direttamente all’inizio, non curandoli come dovuto poi. Mortalità per influenza 0,1%; mortalità per Covid 0,14%. Certo poi, se la gente la tieni in “vigile attesa” che crepi…
    Scuola e DAD: ragazzi intontiti per ore davanti al pc. Chi gioca ai videogiochi, che guarda video… nessuno parla, nessuno si confronta con un pari o un superiore. Poi il tempo libero. Infinito. da soli, davanti al pc o allo smartphon. I tentati suicidi triplicano, i casi autolesionismo dilagano, i bambini crescono nel terrore del prossimo. Questa è una cosa che solo dei mostri potevano concepire. Mostri sociopatici che non vedono la plebe come umana, ma come bestiame.

    I ragazzi condotti dallo psicologo sono aumentati del 17%?
    E in quanti, non avendo i soldi per quello privato, si guardano bene dal portare il figlio quello della asl, che, in vista dei genitori disoccupati, potrebbero segnalarlo ai servizi sociali per un affido?

    Purtroppo, non posso postare i numerosi video che riprendono bambini piccoli feriti e sanguinanti per i tamponi, pretesi per un po’ di moccetto al naso, né dei loro volti spenti di povere creature isolate trai banchi. Youtube (censura privatizzata) li ha bannati e continuano a circolare su altre piattaforme che i filtri non consentono di postare… Ma il loro dolore si sente.

    E se credete che tutto finirà con un buchino nel braccio, sbagliate di grosso: ecco cosa vi aspetta:
    https://www.bloomberg.com/opinion/articles/2021-03-24/when-will-covid-end-we-must-start-planning-for-a-permanent-pandemic
    « Bisogna prepararsi per una Pandemia Permanente. Con le mutazioni del coronavirus, in corsa contro le vaccinazioni, potremmo non tornare mai alla normalità. »

    Perché è lì che finirete, un piede dopo l’altro, alla New Normality, nuovo nome di un metodo vecchio: la DITTATURA.

    E mentre Gesù avvertiva, che chi avesse fatto del male ad un infante, avrebbe fatto meglio a gettarsi in mare con una pietra al collo, il cardinal Bergoglio, anche detto papafrancesco (abusivo almeno quanto Draghi, e agli stessi poteri genuflesso), fa comunella con la ditta Rothschild & Davos, che a gran voce, chiede e pretende qla New Normality.

    "Mi piace"

      • Bravo. Ma poi, a noialtri, chi ci sollazza?
        Uno dei tratti più esilaranti del complottista Master Class è quando si rivolge agli altri in seconda persona (“se credete”, “cosa vi aspetta”, “è lì che finirete”), come se lui vivesse al di fuori della società civile (i dissociati dalla realtà ne fanno comunque parte, sebbene loro malgrado).

        "Mi piace"

    • “Se i morti all’anno sono 100.000 Anziché 20.000, è perché li hanno ammazzati, direttamente all’inizio”
      memoria corta o si diverte a sparare stupidaggini?
      al 15/08/2020 i decessi erano 35.392
      quindi l’inizio era già passato da un pezzo
      visto che al 15/05/2020 erano 31.610
      – 3 mesi = 3.782 decessi
      ora in 1 mese 11.647
      la nota la differenza? lo capisce che la frase che ha scritto è demenziale?

      “Mortalità per influenza 0,1%”
      mi sa che che s’è perso qualche zero dopo la virgola
      per sua comodità:
      «Diversi studi pubblicati utilizzano differenti metodi statistici per la stima della mortalità
      per influenza e per le sue complicanze», spiega l’Istituto superiore di sanità.
      «È grazie a queste metodologie che si arriva ad attribuire mediamente 8 mila decessi
      per influenza e le sue complicanze ogni anno in Italia».
      Ricapitolando: se contiamo i morti “diretti” per influenza, tra il 2007 e il 2017
      sono stati in totale poco più di 5 mila;
      se si considerano anche i decessi “indiretti” il numero sale di molto e potrebbe
      potenzialmente a superare le 100 mila morti in totale.

      100.000 IN 10 ANNI, non ogni anno ovvero, visto che in matematica non è una cima,
      10.000 all’anno dieci volte meno che l’ultimo anno passato.

      l’ignoranza non è una scusa
      il ripetere cose che non si capiscono, una volta spiegato l’errore, è colpa grave.

      "Mi piace"

    • I morti sono 100 mila perché da Ottobre ad oggi continuano a morire, altro che solo all’inizio,visto che alla fine della scorsa estate le vittime erano 35 mila,quindi, evitare di scrivere idiozie sarebbe un buon inizio

      "Mi piace"

  3. O Fini a volte scrivi cose che mi piacciono.A volte mi dai la sensazione che sei contro a prescindere.Non pensi che la realtà sia più sfaccettata e che in mezzo a cose giusti infili delle cazzate?Dittatura….ma per favore Fini

    "Mi piace"

  4. Se qualcuno ha voglia di ascoltare quali osceni intrecci ci sono tra OMS, Vaccini, Italia e Bill Gates, si guardi questo video inchiesta, sempre che abbiate stomaco: la seconda parte riguarda i bambini!

    "Mi piace"