Gran record di bombe dove arriva il bomba

Corsi e ricorsi. I frequenti viaggi del senatore tra Africa e Paesi del Golfo dove è schizzato il commercio di armamenti sotto il suo governo: da 2,1 nel 2013 a 14,6 miliardi nel 2016.


(di Tommaso Rodano e Gianni Rosini – Il Fatto Quotidiano) – Matteo Renzi viaggia come se non avesse mai lasciato Palazzo Chigi. La sua carriera da conferenziere attinge al network di rapporti coltivati negli anni da premier.
Le aree visitate nell’ultimo periodo, Africa e Golfo Persico, sono le stesse in cui il suo governo ha costruito un record storico in uno specifico settore: l’export di armi. “In tre anni, dal 2014 al 2016, il suo esecutivo ha sestuplicato le autorizzazioni per esportazioni di armamenti”, spiega Giorgio Beretta, analista dell’osservatorio Opal.

L’Italia è passata dai 2,1 miliardi di euro del 2013 ai 14,6 miliardi del 2016. Le cifre riguardano tutto il mondo, ma la crescita è concentrata nelle due aree citate: Golfo Persico e Africa Subsahariana.

Africa.

I numeri elaborati da Beretta mostrano una tendenza cristallina: negli anni di Renzi, in parallelo alle numerose visite del premier ai leader del continente, le esportazioni di armi verso gli Stati africani sono aumentate in modo esponenziale. Le aziende italiane hanno fatto affari in Etiopia, Congo, Nigeria e Angola, ma il record è in Kenya (dove il senatore ha programmato uno dei prossimi viaggi). Il traffico in direzione Nairobi è iniziato nel 2015 per poi esplodere nel 2017, l’anno in cui l’Italia ha consegnato al governo kenyota tre aerei da trasporto tattico C-27J Spartan prodotti dalla Alenia (per oltre 160 milioni di euro), tre elicotteri AW-109 per impiego militare di Agusta-Westland (44 milioni di euro), 1.500 fucili d’assalto Arx-200 e mille pistole mitragliatrici Mx4 fabbricate dalla Beretta (3,7 milioni di euro). Al governo c’era Gentiloni, ma le autorizzazioni per questi tre grandi contratti risalgono tutte all’anno precedente, l’ultimo di Renzi a Palazzo Chigi.

Qatar.

I flussi verso il Golfo Persico sono ancora più consistenti. Nel 2014, la ricca monarchia qatariota era al centro del dibattito internazionale per le accuse di sostegno ai gruppi dell’Isis in Siria – protagonisti di crimini brutali anche contro civili e occidentali – per rovesciare il regime di Assad. Il canale con Doha viene aperto dalla visita del 2014 dell’ex vice ministro degli Esteri, Lapo Pistelli: “Il Qatar non è solo un attore imprescindibile per la stabilizzazione della regione – dichiara –, ma anche un Paese molto ricco, dove è più che opportuno esplorare ogni possibilità di collaborazione”. Nello stesso periodo, nel Paese è volata anche la ministra della Difesa, Roberta Pinotti. A gennaio 2016, l’emiro Tamim bin Hamad al-Thani viene ricevuto a Roma da Renzi e dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nemmeno sei mesi dopo, a metà giugno, la ministra Pinotti e il suo omologo, Khalid bin Muhammad al Attiyah, siglano il Memorandum per la cooperazione nel settore navale, con la Difesa qatariota che firma anche un contratto con Fincantieri e Mbda per la fornitura di cinque navi militari per circa 5,3 miliardi di euro. L’accordo farà schizzare il valore delle autorizzazioni del 2017 verso il Qatar a oltre 4,2 miliardi e quelle del 2018 a oltre 1,9 miliardi di euro (nel 2015 erano appena 35 milioni, nel 2016 invece 341).

Arabia Saudita.

Il commercio di armi è fiorente anche verso l’Arabia Saudita, il Paese del “Nuovo Rinascimento” e di Mohammad bin Salman, “amico” di Renzi e mandante dell’omicidio Khashoggi secondo la Cia. La vetta è nel 2016, con il via libera al famigerato export di bombe prodotte dalla Rwm di Domusnovas verso Riyad, protagonista nel sanguinoso conflitto nello Yemen. L’accordo prevede l’esportazione di circa 20mila bombe Mk80 per un valore di 411 milioni di euro: è la maggiore commessa italiana per munizionamento pesante dal dopoguerra. Come suggerisce il numero di licenza MAE45560 l’autorizzazione è del 2014. L’affare arriva dopo una serie di intensi incontri sull’asse Roma-Riyad: nel 2015 il ministro degli Esteri Adel al Jubeir è in Italia, a novembre dello stesso anno Renzi vola nella Capitale saudita per incontrare, tra gli altri, re Salman e l’allora vice principe ereditario Mohammad bin Salman, a ottobre 2016 a Riyad arriva invece Pinotti. L’export di bombe verso l’Arabia Saudita è stato sospeso nell’estate del 2019 e revocato definitivamente nel gennaio 2021.

Kuwait.

L’11 settembre 2015 – pochi mesi dopo una visita di Pinotti nell’emirato –, Renzi riceve a Roma il primo ministro della monarchia, Jaber Mubarak al Hamad al Sabah. In quei giorni viene anche firmato un accordo intergovernativo che porterà, il 5 aprile 2016, all’intesa tra Finmeccanica e Kuwait City per la fornitura di 28 caccia Eurofighter Typhoon. Un affare da oltre 7 miliardi di euro.

3 replies

  1. La bomba l’ha appena sganciata SEIF, la Società editoriale del Fatto Quotidiano, in Borsa che, a mercati chiusi, ha comunicato la chiusura dell’anno 2020.

    Seif ha chiuso il 2020 con un valore della produzione, si legge in una nota, e” pari a 38,027 mln di euro (31,985 mln nel 2019, +18,89%), Sarebbero GLI INCASSI TOTALI ANNUALI
    l”Ebitda e” pari a 5,266 mln di euro (1,239 mln nel 2019, +325,10%),
    l”Ebit e” pari a 0,162 mln di euro (-2,037 mln nel 2019),
    l”UTILE NETTO e” 0,301 mln di euro (-1,492 mln nel 2019 Era una perdita) e dividendi per 0,438 mln di euro, rispetto ai 0,345 mln nel 2019.
    La Posizione finanziaria netta e” pari a 1,373 mln di euro (1,139 mln nel 2019, +20,57%) e Patrimonio netto e” pari a 4,420 mln di euro (4,147 mln nel 2019 +6,58%).

    Questo ribaditelo alla camicimice bruna pappagonica quando parla del FQ come di un giornale fallito.
    Chi di sicuro sta FALLENDO è CAGOSPIA, che il suo fondatore, non riuscendo a piazzarlo a qualche fesso, mana avanti oramai attraverso la prostituzione dei suoi contenuti fascio-legaioli e pornografici.
    La stessa Z0KK0LA che viene a impestare l’aria del blog ha tale ingrato compito.

    E per il rignanese vale lo stesso. Il mercato, i lettori, gli utenti televisivi, credono ai componenti delle redazioni giornalistiche e li premiano.
    AD OGGI si può dire che è un caso di successo in campo mass-mediatico.

    Piace a 1 persona

  2. nulla di nuovo sotto il sole, le guerre si vincono con i mezzi finanziari (soldi), logistica ed approvvigionamenti, cosa che fanno i paesi arabi la cui ricchezza è notoriamente derivante dai proventi del petrolio. Renzi si è dato da fare in questo settore (proficuo) alla faccia dei nobili sentimenti di pace e rispetto dei fondamentali diritti umani.

    "Mi piace"