I nani, le ballerine e quei masochisti dei 5 Stelle

(Roberta Labonia) – Giovedì scorso, mentre Giuseppe Conte era al tavolo di Bruxelles a trattare, fra le altre cose, per sbloccare il Recovery Fund, che per l’Italia pesa 209 miliardi di euro, Matteo Renzi ci metteva in bocca alla stampa internazionale minacciando la crisi di governo dalla prima pagina di “El Pais”. Poi, non contento, poche ore fa ha lanciato un altro siluro, subito servilmente ripreso dai media: “Conte deve chiedere scusa” o lui gli toglierà la fiducia.

E si, Conte dovrebbe chiedere scusa al senatore semplice di Scandicci per aver osato pensare ad una “cabina di regia” che fungesse da controllore sulla corretta esecuzione dei progetti del Recovery Fund dove lui, il meglio fico del bigoncio, col suo 3% scarso di consensi, non figura nella lista. Insomma il Renzi di Rignano sull’Arno a Conte lo vuol far fuori e addirittura butta in mezzo Luigi Di Maio indicandolo come suo papabile successore a capo di un Esecutivo rimaneggiato (subito dallo stesso sconfessato). Perchè fonzie cuordileone ad andare alle urne non ci pensa nemmeno. Primo perché ora che arrivano gli sghei lui vuole esserci, ma senza Conte, e poi perché sa bene che se si tornasse a votare per lui sarebbe morte certa, politicamente parlando. I soloni del Pd, intanto, fino a qualche giorno fa rimasti in silenzio, non sconfessano il loro ex segretario ma, anzi, si fanno scudo delle sue sparate. Come si suol dire in questi casi, buttano il sasso e nascondono la mano. Anche loro con Conte c’hanno qualche conticino in sospeso: troppo autonomo ma, soprattutto, troppo popolare, si sentono tagliati fuori. Pressano per la verifica di Governo annunciata da Conte (che li vuole stanare), ma Palazzo Chigi se la sta prendendo comoda, ancora niente date. Da giorni i tre dell’ave maria Zingaretti, Franceschini e Orlando vanno predicando che a Conte gli ci vorrebbe vicino una figura di spessore a fare da trait d’union con tutte le forze di governo. I piddini, a Palazzo Chigi, ci vorrebbero mettere uno a fargli da “palo”, un personaggio Letta style che al Presidente lo marchi stretto, insomma, e che poi gli vada a riferire. Perchè i 3 piddini, che come le tre scimmiette con la testina fanno no ma il rimpastino lo vorrebbero eccome, l’odore degli sghei lo cominciano a sentire. E a quanto pare l’odore dei fondi europei è arrivato anche all’antieuropeista leader delle opposizioni Matteo Salvini, altrimenti non si spiegherebbe come gli possa essere venuto in mente, dopo aver vomitato bile su Conte fino a ieri, di offrirgli “collaborazione” proponendo un governo ammucchiata con dentro tutti. “Ma una volta finita la campagna vaccinale poi si torna a votare” ha detto il cazzaro verde. Comodo lui, la scalata a palazzo Chigi se l’acchitta ad emergenza finita, quando Conte gli avrà levato le castagne dal fuoco. Del resto la sua alleata, la Meloni de noantri, pure lei lo aveva dichiarato papale papale: governare durante la pandemia? No grazie.

E in tutto questo teatrino inverecondo di nani e ballerine i 5 Stelle che fanno? Neanche a dirlo, da bravi masochisti che altro non sono, si dedicano al loro sport preferito: mentre si flagellano l’uno con l’altro col gatto a nove code, come al solito, continuano a fare il culo per il bene del Paese.

Peccato che nessuno se ne accorge.

23 replies

  1. Lo sto dicendo e lo sto scrivendo da una settimana in termini diversi da Lei dr. Labonia, ma il senso è lo stesso.
    La colpa primaria è dei 5S che hanno lasciato l’informazione in mano a questi personaggi e che non ci sia qualcuno tra loro che informi il paese del lavoro che fanno e dei risultati ottenuti senza ruberie, anzi non cavalcare sempre le solite cose già note a tutti come fa Di Maio “Taglio degli stipendi, taglio dei parlamentari” I motivi per cui l’innominabile, maz..Zinga, il cazzaro verde, la melione, ecc. fanno cabaret in questo momento tragico per il paese (non tutto) sono solo I SOLDI. Per me CONTE non deve fare nessun passo indietro, nè chiedere scusa, ah chi poi? al nulla. Ha fatto bene a costruire quella piramide per far sì che i soldi del Recovery vengano spesi dove servono, seguendo i dettami e i paletti dell’UE (ci conoscono bene) che controlleranno (ma quanto denaro negli ultimi anni provenienti dall’UE sono stati spesi per progetti inutili, o non spesi, forse non trovavano l’accordo).
    Voglio dire anche che i vertici dei 5S dovrebbero con più vigore difendere l’operato di CONTE…altrimenti mi faranno pensare che non c’è speranza per questo paese ed hanno ragione i duri e puri.

    Piace a 4 people

  2. Roberta Labonia ha fatto centro con quest’articolo molto simpatico, pieno di gatti e volpi pronti a vedere come fare a papparsi il gallo Conte, che però, come suo uso, è andato subito a consultarsi con Mattarella, vecchio politico navigato che vuole portare la nave in porto senza scossoni, ma soprattutto uno che quelle volpi e quei gatti conosce bene. Sono sicura che sarà prodigo di buoni consigli…Renzi è ormai alla canna del gas e cerca di sparigliare le carte, lo hanno capito anche le formiche. Sarà interessante vedere se come spero, Conte, andrà in parlamento a chiedere la fiducia, quanti dei suoi lo seguiranno in questo suicidio politico. Mancano ancora 2 anni a fine legislatura e vediamo chi rinuncerebbe ai bei centinaia di euro che possono guadagnare in 2 anni. I gatti sornioni del PD stanno lì a vedere se c’è da mettere le zampe nel lardo che arriverà dall’Europa e non si sbilanciano…Conte falli friggere!!!!

    Piace a 3 people

    • Anch’io sorrido all’idea che i parlamentari di IV seguano Pierino Kamikaze. Mi aspetto un travaso di rientro nel PD di più di qualcuno di loro.

      "Mi piace"

  3. Anch’io sorrido all’idea che i parlamentari di IV seguano Pierino Kamikaze. Mi aspetto un travaso di rientro nel PD di più di qualcuno di loro.

    "Mi piace"

  4. A me viene solo da vomitare a vedere questi sedicenti politici manovrare a più non posso per accaparrarsi il malloppo procurato da Conte. Fossi in lui non attenderei neanche la sfiducia in Parlamento ma proporrei direttamente a Mattarella un rimpasto senza IV. Preferisco a questo punto inserire Brunetta e qualche scappato da FI piuttosto che avere a che fare con Renzi.

    Piace a 1 persona

      • Più che dico spero perché ho sempre pensato che, ottenuti i soldi europei, Conte e i 5S verranno fatti fuori e tutti gli altri banchetteranno allegramente.

        "Mi piace"

    • @lucapas,
      dici: “…Più che dico spero perché ho sempre pensato che, ottenuti i soldi europei, Conte e i 5S verranno fatti fuori e tutti gli altri banchetteranno allegramente….”!!!

      ma allora cé qualcunaltro che ha capito come si comporteranno il ladri, corrotti e corruttori con cui i tratrapoltronari e i suoi accoliti destrorsi (usurpatori, tradiori e pure un pò buffoni?) hanno voluto, fortemente voluto, governarci assieme…???

      "Mi piace"

  5. Bene! A quanto pare anche voci autorevoli all’interno del Mov, e Robilab lo è, stanno facendo pressing
    perché si recuperi quel minimo di cattiveria, reattività e istinto di sopravvivenza senza i quali l’agonia
    del Mov è destinata a non finire.
    Morire senza aver nemmeno provato a combattere non è accettabile per chi avrebbe voluto “aprire le
    istituzioni come una scatoletta di tonno” ma, avendo perso l’apriscatole, gli tocca accontentarsi di pane e
    cicoria consumati su uno sgabello ai margini della politica italiana.

    "Mi piace"

  6. Roberta
    Ai tuoi tre delll’Ave Maria devi aggiungere un quarto moschettiere dei miei stivali : risponde al nome di Delrio !
    Ecco, così la rosa dei 4 cavalieri dell’Apocalisse e’ completa ! E … come suol dirsi “che Dio ce ne scampi” !

    "Mi piace"

  7. Una politica di meschinità che cerca a tutti i costi, con i due cazzari, con la pesciaiola fascio garbatella, e con gli infiltrati del Bomba di Rignano annidati appositamente all’interno del Pd, di creare quelle condizioni atte a far fuori il cocchiere che ci sta portando dall’Europa il tesoro di 209 miliardi di Recovery, così da poter dare l’ultimo assalto alla diligenza con la colpevole cecità e smemoratezza degli italiani

    Piace a 1 persona

  8. Infosannio si è caratterizzata col riportare articoli di vari partiti politici, in genere tutti meno il M5S. È vero che il M5S non ha quotidiani né televisioni, resta comunque lo stesso che alle politiche prese 11 milioni di voti e resta pur sempre il primo partito del Parlamento. Ma Infosannio lo ignora o sceglie articoli come questo che citano i 5 stelle solo per offenderli. A parte qualche riferimento a Di Battista che è uno che nel Movimento ci sta da fuori. Dunque da parte di Infosannio, nemmeno una parola nemmeno per gli Stati Generali. Eppure ha riportato anche post presi da Facebook come quelli di Francesco Erspamer.
    Per cui a colmare la lacuna ci penso io.

    AVER FEDE- Viviana Vivarelli.

    C’è una frase che io dico molto spesso, ed è “aver fede”.
    Ora dovrei precisare cosa intendo con questo, perché non sono il tipo dell’osservanza chiesastica, né di questa né di altre religioni, non nomino mai il nome di Dio, e sono anche piuttosto scettica, di base, sulle virtù del genere umano. Eppure, malgrado la cronaca di ogni giorno, tanto quella spicciola quanto quella politica, ci diano tanti esempi di gente in mala fede, “io so” che bisogna aver fede nel Bene e che questo esiste e che possiamo farne parte.
    Quando chiesero a Jung se credeva in Dio, lui dette questa splendida risposta; “Io non credo. Io so”.
    Allo stesso modo “io so” che esiste la forza del Bene e credo nel potere degli uomini buoni, nella lotta giusta. Capisco che molti possano vederci un’altra forma di religione, ma per me religione non vuol dire ‘credo’ o ‘dogma’, io torno all’origine della parola per cui religione viene da ‘religare’, ‘unire’, raccogliere.
    I 5stelle dovrebbero essere tutti riuniti, raccolti, in un sogno.
    E quello che gli altri non capiscono è che la forza e la bellezza di questo sogno non sta in questo o in quel leader, in questa o in quella proposta di legge, perché i leader cambiano e le leggi evolvono, l’essenza del Movimento sta nella volontà buona, quella che non vuole nulla per sé e sogna per il bene di tutti, e sa che questo suo sogno, se realizzato, porterà all’evoluzione di un popolo intero fatta dal popolo stesso.
    Ed è proprio questa generosità di intenti, questo BENE COMUNE, sentito come superiore al bene di me singolo, che tanti non comprendono, perché l’egoismo è una benda davanti al cuore che impedisce di innalzare la propria vita e farne un dono per un popolo intero. E tanti non riescono a capire che è questo dono in crescita fatto da persone generose e idealiste insieme, il nucleo della DEMOCRAZIA DIRETTA.

    (Sulla Democrazia Diretta io di articoli ne ho scritti tanto e molti altri con me. Ma Infosannio ha deciso di ignorarla. E allora, come diceva Nazzari: “Peste la colga!”)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...