Cosa non ha funzionato?

(huffingtonpost.it) – Si moltiplicano ormai ogni giorno sulle colonne dei giornali, in tv e in rete le voci che si lamentano del fatto che i cittadini sono sempre più frastornati dalla marea di dati e di opinioni, spesso contrastanti, di epidemiologi, virologi e scienziati sull’epidemia del coronavirus.

Mentre le statistiche ci travolgono e gli esperti di Covid-19 affollano e movimentano i talk show, proviamo allora a concentrarci su pochi indicatori, chiari e precisi, che ci portano a sollevare una questione fondamentale. Come mai l’Italia, che di fatto era inizialmente entrata nella seconda ondata della pandemia meno colpita di altri Paesi, sta ora per diventare la prima nazione europea per numero di decessi, sorpassando perfino il Regno Unito (dove la prima ondata era stata gestita in modo a dir poco rocambolesco dal premier Boris Johnson)?

Facciamo innanzitutto un passo indietro. L’Italia a inizio 2020 era stata colpita per prima tra i Paesi occidentali da un virus che allora sembrava molto lontano, confinato in Asia, dopo essere scoppiato misteriosamente in Cina. Invece, nel giro di pochi giorni divamparono all’improvviso i focolai prima di Codogno e Vo’ e poi soprattutto quelli di Bergamo e Brescia che avrebbero determinato migliaia di morti.

Nell’immaginario mondiale la Lombardia e con essa l’Italia divennero così temporaneamente l’epicentro del coronavirus in Occidente. In quelle settimane di emergenza le altre principali nazioni europee, sottovalutando il pericolo, avevano dapprima guardato il nostro Paese con sufficienza accusandoci di incapacità e addirittura di essere gli “untori d’Europa”. Poi però erano state colpite pesantemente anch’esse, in particolare Francia e Spagna, per non parlare del Regno Unito che alla fine della prima ondata del Covid-19 divenne la nazione europea con il maggior numero assoluto di morti, mentre il Belgio fu quella con il più alto numero di decessi per abitante.

La disorganizzazione nella gestione dei contagi si rivelò ben presto maggiore altrove rispetto al nostro Paese. E, nei mesi successivi, in breve tempo anche gli Stati Uniti guidati da un confuso e ondivago Donald Trump furono travolti dalla pandemia, così come tutte le Americhe.

L’Italia reagì al coronavirus con uno dei lockdown più severi, forse in modo addirittura eccessivo, nel senso che le fabbriche, che pure erano luoghi relativamente sicuri, avrebbero potuto essere lasciate tutte completamente aperte (non solo i codici ATECO ritenuti essenziali), così da limitare il calo del nostro Pil nei primi due trimestri del 2020. Ciò, pur senza compromettere il contenimento dei contagi. Ma, in ogni caso, è un fatto che, grazie a quel lockdown, il coronavirus non si estese molto oltre la Lombardia, il resto del Nord Ovest e parte dell’Emilia-Romagna: infatti, il Triveneto, il Centro e il Mezzogiorno furono sostanzialmente risparmiati. Alla fine, il modello italiano di rapidità e severità dell’azione di governo e di compostezza dei cittadini fu perfino lodato dalla stampa internazionale, in particolare anglosassone, mentre la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, i cui leader sembravano quasi allo sbando di fronte agli avvenimenti della pandemia, venivano colpiti in modo tremendo per numero di morti.

L’Italia, però, ha sostanzialmente sprecato il vantaggio dei suoi duri sacrifici primaverili e si è fatta trovare impreparata di fronte alla seconda ondata del Covid. Certamente, noi non siamo in grado qui di stabilire se la recrudescenza del virus nel nostro Paese è stata determinata maggiormente dalle affollate discoteche estive e dalle movide serali cittadine piuttosto che dalla mancata organizzazione dei trasporti e della sanità prima delle riaperture delle scuole e delle attività economiche dopo le vacanze. È pur vero che anche altre nazioni, come noi, hanno avuto discoteche affollate ad agosto e hanno riaperto le scuole a settembre. Ma, forse, si erano preparate meglio di noi in vista della seconda ondata sul piano organizzativo e logistico.

Sta di fatto che se il nostro Governo era stato pronto a chiudere quasi tutto il Paese a marzo, aprile e maggio, compito che richiedeva in verità più decisione che competenza, probabilmente è stato più deciso che competente nel richiuderlo selettivamente in autunno quando era chiaro che stava per ripresentarsi una nuova emergenza della pandemia. Con una azione basata su un groviglio di indicatori sanitari e colori di regioni (dal giallo, all’arancione e al rosso) che hanno fatto di tutta l’erba un fascio. Perciò, si sono chiusi in modo contraddittorio i piccoli ristoranti delle province lasciando però aperti gli affollatissimi trasporti urbani e suburbani nelle città metropolitane e nei loro hinterland, il che ha fatto rapidamente estendere il contagio da Milano alla Brianza, fino a Varese e Como, nonché da Torino, Roma e Napoli alle loro popolose periferie. E, a differenza della prima ondata del coronavirus, la seconda ha colpito pesantemente anche il Centro e il Mezzogiorno.

Poi, anche sotto la pressione dei conflitti di interesse che le controverse chiusure selettive hanno scatenato tra Stato, regioni e categorie economiche, negli ultimi giorni si sono riaperte attività commerciali di grande affollamento in grandi città e regioni che, pur avendo i famosi indici Rt in lieve calo, presentano ancora molti decessi e altissime percentuali di ricoveri ospedalieri (in terapia intensiva e area non critica). Con possibili drammatiche conseguenze in termini di rimbalzo dei contagi tra qualche settimana.

Abbiamo più persone anziane e vulnerabili di altri Paesi? Il virus da noi è più cattivo che altrove? O è stata più cattiva la gestione della pandemia? Soltanto future analisi ci spiegheranno che cosa è successo esattamente. Una cosa indubbiamente positiva, rispetto al primo lockdown, è che sono state lasciate aperte le fabbriche, anche perché gestite ordinatamente come caserme da imprenditori e lavoratori altamente responsabili e attenti ai protocolli interni. È altrettanto certo, però, che nella gestione delle chiusure e delle riaperture delle altre attività economiche e negli spostamenti dei cittadini, così come nell’organizzazione di trasporti, scuola e sanità, sono stati fatti parecchi errori.

Altrimenti non si spiega perché, dopo aver iniziato l’autunno con pochissimi decessi per Covid-19 rispetto a Francia, Spagna e Gran Bretagna, l’Italia nelle settimane successive da metà ottobre in poi abbia avuto un notevole incremento del numero di morti e stia in questi giorni ormai superando la Francia per decessi nella seconda ondata

Al punto che il nostro Paese tra non molto sopravanzerà di certo anche il Regno Unito per numero complessivo di persone decedute dall’inizio della pandemia. Un triste primato. Saremo il Paese europeo con il più alto numero di morti per Covid nel 2020. E con molti indicatori anche regionali dei decessi (in special modo al Nord) tra i più alti del continente da settembre in poi, sia in termini assoluti sia in termini per abitante (si veda la tabella).

C’è solo da augurarsi che la diffusione dei vaccini nei prossimi mesi sia gestita in Italia meglio e con più competenza ed efficienza della seconda ondata.

10 replies

  1. E guardiamo in faccia alla realtà invece di abbaiare alla luna.
    Ancor oggi la regione più colpita, in termini di vittime, è quella più abitata, la Lombardia. Chi la gestisce ha dimostrato persino incapacità nella distribuzione di vaccini antinfluenzali stagionali.
    Chi la gestisce ha continuato e continua ad opporsi a qualsiasi iniziativa di contenimento del contagio, dipendendo più che dagli scienziati dalle paturnie dell’algoritmo di Morisi, vate del capitone.
    Apri, chiudi, riapri, richiudi, indossa la mascherina, rifiuta la mascherina, reindossa la mascherina, difendi la tua libertà di assembrati, sproloquia di dittatura sanitaria, straparla di tradizioni inesistenti sull’orario della messa natalizia pur essendo ti perennemente tenuto lontano da qualsiasi funzione religiosa. Poi incita alla partecipazione numerosa ai cenoni natalizi e di capodanno e, se alla fine, le statistiche oscurassero i tuoi vaneggiamenti…. Ricomincia la tiritera sui monopattini, i banchi a rotelle e l’invasione africana con i porti aperti.

    Io, alla luce di questa realtà, non ho capito di cosa caxxo parlasse il/la giornalista.

    Piace a 4 people

  2. Non so cosa non abbia dunzionato, anche se mi sono fatto un’idea parziale, che terrò per me.
    Vorrei fare presente, che il disastro economico sta superando ampiamente quello sanitario.
    E non parlo dei ‘poveri ristoratori’, che hanno ricevuto i soldini anche se l’attività è stagionale e che berciano in tv;
    non parlo degli statali, costretti in smart working…
    non parlo delle ‘povere’ forze dell’ordine che hanno ricevuto bonus per balzellare i ciclisti anzichè mafiosi e spacciatori…
    non parlo delle partite iva che hanno comunque ricevuto un bonus …
    parlo della marea umana crescente degli esclusi, quelli che si arrabattano tra lavoretti a nero e/o occasionali e che vedono allontanarsi di giorno in giorno la possibilità di tornare ad una vita dignitosa. Per le regole Covid, per le ‘digitalizzazioni’ che fanno piazza pulita di posti di lavoro, per il liberismo che silenzioso aumenta e che porterà la civiltà in dietro di 2 secoli.
    Eccola, la fila infinita, che parte la mattina alle ore 7, per un pasto caldo. In Italia, a Milano; non a Calcutta:

    Se non ci fossero le organizzazioni di volontari, queste persone sarebbero abbandonate a sè stesse.
    Mi chiedo davvero, se uno Stato che non è in grado di arginare la povertà, nè provvedere ad essa, possa permettersi di importarne altra con tanta superficialità e ipocrisia. In un momento così, poi. Ma dove vogliamo arrivare?? E a chi giova??
    I poveri, si accalcano senza paura, invisibili, per chiedere il pane, mentre i ricchi si scannano in tv, con la mascherina all’ultimo grido, negli studi vuoti dei ricchi di Stato. I poveri, quelli veri, nessuno vuole vederli. Finiremo come gli USA, che se ne occupano solo per pulire i parchi dai loro escrementi. Evviva il progresso! Evviva la prosperità liberista! Basta non guardarsi intorno.
    Non è polemica, ma penso che le misure urgenti, ora, non fossero smantellare i ‘decreti sicurezza’.
    E che dire dei progetti dei Recovery? … machine elettriche… digitalizzazioni… sono queste le priorità?
    E per chi, di grazia?? Ma non c’è in corso un’epidemia? … ah! dimenticavo… il Mes!
    Questo Paese, lo ripeto di continuo, io non lo riconosco più.

    "Mi piace"

    • Il primo giorno in via Tibaldi.
      Lo ricordo ancora come fosse ieri.
      In coda davanti a me un uomo di 48 anni che piangeva.
      Era un’ingegnere, 3 figli piccoli, la moglie lo aveva appena mollato, scappata dopo 15 anni di matrimonio, con il tizio che lavorava in palestra, nel giro di 2 anni aveva perso tutto.
      Lavoro, famiglia, sicurezza.
      Ho scritto era, dopo 5 giorni, non lo vidi più.
      2 settimane e venni a sapere, chiacchierando in coda con altri disperati, che era morto, suicidato.
      Come lui tanti.
      Troppi.

      "Mi piace"

    • “Non so cosa non abbia dunzionato (sic; spero non parta anche a te l’embolo, credendo che sia una correzione…), anche se mi sono fatto un’idea parziale, che terrò per me…(cit.)”: hai paura di essere proscritto da La Company dell’Insulto?

      "Mi piace"

  3. Penoso articoletto scritto secondo le “istruzioni per l’uso” dettate dal committente. Già il nome della testata, con quell’afflato di internazionalità ‘de noantri’, la dice tutta! Cosa non ha funzionato? Basta chiederlo ai grandi protagonisti di notevole spessore e peso che hanno battuto il marciapiede della scena politica italiana negli ultimi mesi, per non parlare di quella giornalistica, per avere un quadro chiaro ed esaustivo. Che tristezza.

    Piace a 4 people

  4. Come al solito il Fuffington finge di analizzare obiettivamente il problema di cui si occupa l’anonimo opinionista
    di turno, ma non riesce, proprio non riesce ad occultare il vero bersaglio che è, ora e sempre, il governo Conte.

    Cosa non ha funzionato? Si domanda l’anonimo, e tra le tante risposte dimentica di citare un piccolo particolare:
    sono le Regioni, guidate da pasdaran generalmente ben oltre il limite di ogni decenza, ad occuparsi della gestione
    della Sanità Pubblica ed è ancora grazie alla loro totale incompetenza, irresponsabiltà e malafede che siamo
    ancora con la merda alla gola e il tanto vituperato governo deve lottare col coltello tra i denti per impedire che
    quei folli e i loro manovratori ci tengano giù la testa con le loro farneticazioni.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...