“Agli italiani le riforme di Monti agli altri occidentali 15000 euro!”

(Marco Giannini) – Esiste una narrazione dominante che racconta di un Giuseppe Conte che “ha vinto”, con tanto di foto trionfante “Casalino style” con la mascherina e il pugno, ma che non spiega su cosa.

Forse la vittoria è rappresentata dall’aver evitato che un singolo paese disponesse del freno a mano sulle nostre spese? Intanto il freno a mano è rimasto e resta in mano a Bruxelles (umiliante), ma poi rispetto agli accordi di massima di Maggio non è cambiato niente se non circa tre miliardi in meno a fondo perduto (cioè quelli che non dobbiamo dare indietro) e una trentina circa in più a debito (pubblico). Ma il debito non era una catastrofe?

Il totale dei 209 miliardi verrà erogato in sei anni a partire da primavera 2021 (chissà come festeggiano gli imprenditori che ne necessitano adesso) e per quanto riguarda l’ammontare a fondo perduto, esso non è di 81 MD ma di 26 visto che il fondo stesso è creato con nostri 55 MD. Questa cifra equivale ai famosi 600 euro erogati alle imprese in primavera. Gli ulteriori 128 MD a debito saranno un macigno per ben trenta anni! Ci attendono tre decenni quindi in cui saremo pignorati…anzi! In cui i nostri figli saranno pignorati e accusati dalle solite cazzate tipo “ittaliani tepitori, colpefoli, pakare, paffi neri piza mantolino” (vedasi Regling, Hoekstra, Oettinger, Djisselbloem, Der Spiegel ecc ecc).

Mentre in paesi non certo comunisti, tipo USA, Inghilterra, Giappone, Australia hanno stampato moneta (senza quindi costi per i cittadini) ed hanno erogato l’equivalente di 15 mila euro a famiglie e imprese, subito! Le famiglie e le imprese risentono meno, in questo modo, del coronavirus, tranne ovviamente il rimanere chiusi in casa e il girare con le mascherine.

Forse l’affermazione giubilante di larga parte degli italiani è inerente la leadership del 5s che adesso, complici i media, appare quasi scontata per il non iscritto Conte? Guai a dirlo che non è iscritto, se critichi qualcosa sei tacciato di essere leghista, di essere Paragone, di essere fascista, renziano ecc.

Questa tecnica di chiamare in causa sempre il nemico esterno è stata coniata da Orwell nella Fattoria (vedasi Palladineve) ed è tipica dell’esaltazione ed è uno dei motivi per cui in UE ci disprezzano (al netto del fatto che molti berciano contro Renzi ma ci governano, come i “ladri di Pisa”!).

Sembra quasi che sia avvenuta una fusione alla Dragonball tra Mario Monti e il grillismo fanatico: i media appoggiano Conte che ci serve l’austerity montian-europea, parlano di vittoria a cucchiaio sull’Olanda (mentre i media tedeschi ci sfottono per la nostra ingenuità fanatica) ma allo stesso tempo queste azioni godono dell’appoggio accanito degli “onesti”. Aggiungo anche il Super Mario Monti associato a Balotelli nel 2012 a contorno…

Adesso se critichi sei “di destra”, sei “sovranista” (termine imbecille costruito dai media per allontanare dalle orecchie dei cittadini determinate realtà economiche) e magari puzzi anche.

Non è passata inosservata neanche la tipica “finestra di Overton” dal no euro, no Bibbiano all’eurolove del MoVimento.

E’ bastata l’equazione Salvini sovranista (ma dove?!? Egli cambia a seconda del vento, come la Meloni), Salvini nemico di Conte, Conte uguale reddito di cittadinanza, sovranismo nemico del reddito di cittadinanza e del Sud.  A questo gioco progressista/politically correct ha lavorato alla grandissima il buon Tommaso Merlo.

Essendo anche io euforico per la vittoria del Premier riporto le sue parole “con il Recovery Fund abbiamo salvato la moneta ed il mercato unico”! Certo Presidente ma non ha salvato certo gli italiani, li ha ipotecati per 30 anni! Next generation UE (appunto…), bel regalo che lasciamo sulle spalle di figli e nipoti.

Sia chiaro, questa sconfitta (perché di tale si tratta) non è da imputare a Conte perché dal Consiglio Europeo nessuno avrebbe ottenuto di più o di meno: quando sono stati bocciati gli eurobonds da Frau Merkel in primavera, è lì che siamo stati sconfitti e, come detto in questo pezzo, (https://infosannio.com/2020/07/22/conte-e-il-recovery-fund-trionfalismi-o-catastrofismi-analisi-realistica-del-post-consiglio-europeo/) era in quel preciso istante, a primavera, che dovevamo disporre una uscita concordata, shiftata al post Covid.

Nessuno intanto fa caso al fatto che i media che hanno esaltato prima Prodi e Berlusconi, Monti, Renzi, Gentiloni adesso elogiano Conte! Mi chiedo se ai grillini ciò non puzzi o se basta loro l’essersi inseriti nel potere ed aver sostituito le poltrone dei precedenti politicanti con le proprie, mantenendo identiche politiche eurosuicide. Molto più semplice stare quassù se si sta da questa parte, vero? Il Nobel Economico Stiglitz in “Freefall” aveva previsto che per trattare la UE come fu ridotto il sud est orientale, per costringere alla austerity neoliberale ed alla cessione di sovranità (cioè di diritti!!!) avrebbero dovuto utilizzare in modo impeccabile i media! Ciò sta avvenendo.

L’Italia nessuno in UE vuole ucciderla definitivamente, o espellerla, altrimenti non potrebbe essere costantemente dissanguata, munta; questa non è una vera unione, vedasi negazione degli eurobonds, ma un campo di battaglia e di sottomissione: siamo un paese in ginocchio di fronte ai paesi del centro.

Siccome quando si unifica un continente c’è sempre chi ci guadagna tanto e chi ci rimette tanto (tanto è la parola giusta), i media vengono utilizzati affinché le popolazioni “perdenti” si accorgano il meno possibile del salasso, dello stato di soffocamento costante della propria economia. La tifoseria 8e l’opportunismo) è congeniale a questo gioco.

Spesso si perde perché si è svantaggiati prima, a volte si perde perché le condizioni accettate da dei traditori sono svantaggiose. I traditori pensano “devo unire sennò lo farà un altro al mio postome ne frego se poi la mia popolazione starà male”. Perché lo fanno? Perché ci sono degli interessi! Se io fossi come un D’Alema (per fortuna no) avrei tutto l’interesse ad unire la UE perché così diventerei parte dell’establishment europeo (non più solo italiano) e garantirò ai miei discendenti generazioni di agi, ipocriti onori e prebende! Tengono anche loro famiglia…

Vista la scorrettissima orgia mediatica in atto, nessuno me ne vorrà se la mia voce è dissonante (tanto rimarrà inascoltata se non condivisa dai lettori)…eppure mi sembra di parlare da pentastellato (e di avere dall’altra parte tanti bugiardi della seconda Repubblica).

Sento quindi che abbiamo vinto e sono così festono anche io…! Ma rispetto al mondo extra UE cosa abbiamo vinto? Abbiamo ottenuto che Conte (ma non è colpa sua come detto) se ne è tornato con condizionalità, riforme strutturali, un debito pubblico oltre il 160% (a causa della parte a debito del Recovery da restituire in 30 anni!) e un bonus da 600 euro una tantum, a fondo perduto (come spiegato sopra sono i famosi 26 MD).

(Aggiungo che a primavera se non protestavamo PD e M5s volevano erogare solo 3.5 MD per l’emergenza Covid; invito tutti gli smemorati a ricercare in rete)…

Adesso quindi stiamo esultando per 600 euro + le 600 di primavera = 1200, peraltro ricevendo in dote una montagna di debito pubblico, quando nei paesi occidentali extra UE, senza condizioni e riforme assurde e senza costi per nessuno, ricevono l’equivalente della bellezza di 15000 euro.

Come al solito, come nella crisi scaturita dalla Lehman Brothers, in UE si socializzano le perdite, perché le riforme strutturali equivalgono a quello!

Con queste cifre non si tratterà solo di debito ma anche di ripercussioni sulla economia, sul lavoro, sui diritti sociali: credete che le fesserie fucsia, la retorica politically correct che vi daranno in pasto, compenseranno tutto ciò?  

Tornando ai 209 MD complessivi, in cambio dovremo fare le riforme strutturali, quelle che voleva Mario Monti, magari saranno infarcite di retorica ambientalista e della lobby LGTB (i più euroeccitati) ma il fine sarà il drenare soldi dal nostro paese (con l’austerity) verso l’industria tedesca che ha tanto, tanto bisogno di essere convertita a basso costo verso l’idrogeno di Elon Musk (Prosit!). Ed anche qua ce ne sarebbe da dire…i suoi soldi influenzano e corrompono la democrazia prostituta UE….

E quindi?

Qualora dicessimo “no” alla riforma (ad esempio) che alza l’età pensionistica, la BCE intenzionalmente non farà il suo compito, lo spread si impennerà e cederemo, anzi, obbediremo (tra accuse e sberleffi stereotipati e razzisti di olandesi, tedeschi, francesi ecc).

L’agenda di riforme strutturali (ricordate Monti quando uso sto termine?) è già stata disposta in questi mesi…

I soldi (e il debito) che riceveremo non potremo investirli in opere che vogliamo noi, magari concorrenziali rispetto ai tedeschi o a forte margine di crescita di PIL, ma saremo costretti a utilizzarli come, dove e quando vogliono “loro”. Da un lato in questo modo sarà più difficile che questo danaro se lo intaschi qualcuno ma sarà il viatico per una bella perdita di competitività.

Non ha senso tagliarsi i coglioni per far dispetto alla moglie non credete? Vi immaginate quanto potrebbe essere felice un lavoratore che viene a sapere che dovrà lavorare sei anni di più per riposarsi in pensione quando gli diranno “eh sì è vero, la pensione è rimandata di qualche annetto ma adesso alcune grandi aziende ricevono in cambio incentivi green per le auto a idrogeno ed i monopattini”.

E’ opportuno tutto questo? Intanto è già in arrivo una tassa letale: ho sempre affermato che se tornassimo ad avere una BC pubblica italiana potremmo stampare moneta per avere acquedotti pubblici con acqua di alta qualità in ogni angolo del paese, potremmo ptornare a consumare e risparmiare dal rubinetto e invece no! La megatassa sulla plastica in arrivo da Bruxelles sarà alla fine pagata come obolo dalla cittadinanza festosa. Con buona pace dei residui della nostra industria che sarà smantellata (per la felicità della Germania). Tutto come previsto finiremo per avere una svendita all’estero di altri assets privati e pubblici (che porteranno via i profitti dal nostro paese essendo comprati da stranieri), la chiusura di molte piccole imprese e forse qualche altro suicidio…

Sono sincero, questa è la verità, questa è la ve-ri-tà.

Mi sento sempre un 5s, ma sono felice in questo momento di non farne parte perché non voglio essere partecipe di questo epocale tradimento che, in aggiunta, comporterà l’ennesima contrazione della domanda aggregata.

Happy yeah, We are the champions! Conte ha vinto!”.

46 replies

  1. @Marco,
    e, si, mi é venuta in mente la frase di Caponnetto, dopo che avevano assassinato anche Borsellino…(é stato la mafia…)!
    “E’ tutto finito. Non mi faccia parlare… é tutto finito…”!!!
    Grazie al tradimento dei pentafive non ci resta che lasciarsi andare e abbandonarsi ai flutti del fiume e, se siresta vivi, arrivare alla foce… dove, é sicuro, famelici squali non vedono l’ora di banchettare…!!!

    "Mi piace"

  2. Marco Giannini
    ancora!!!????
    ma quante pseudo verità che hai messo in fila….non c’è niente da fare…. testardo ed obnubilato da teorie economico-monetarie truffaldine.

    Fatti un giro e vatti a leggere qualcosa di Hjalmar Schacht, forse impari qualcosa e la smetti di fare propaganda a false illusioni.

    solo 2 cose:
    1)il valore della moneta è dato principalmente da quello che le viene riconosciuto da chi la riceve.

    2)il valore della moneta spesso è dato e non solo, dal totale delle capacità economiche, sociali ed individuali (dai suoi abitanti, dalla scuola, dalla giustizia, dalla qualità della vita, dalle infrastrutture, dal territorio, dai beni, dalle risorse ecc.ecc.) di un paese o gruppi di paesi associati.

    e con questo ho chiuso! non ho proprio voglia di impartire GRATIS nozioni di economia a delle teste di granito..
    Vai a studiare!!!

    Piace a 3 people

    • Egregio Adriano, è tanto vero quel che dici al punto uno che la moneta era espressa, presso alcune popolazioni, in collane di conchiglie o foglie di tabacco, a non parlare della pecore ( donde pecunia). Qualcuno non sa che STAMPARE denaro e distribuirlo significa: inflazione ( non c’è corrispondenza tra la ricchezza prodotta e il circolante). Vederselo REGALARE o prenderlo in PRESTITO, significa che quel denaro esiste e che tu me hai la disponibilità.

      "Mi piace"

      • Ma quale inflazione?!? La moneta è endogena e non si crea inflazione stampandola. La BCE ha inondato la UE di moneta quasi 4000 miliardi inflazione ferma lì. La vertà è che finchè i soldi li danno alle banche vi sta bene , proprio come fa la bce , altrimenti se finiscono al cittadino per voi è un crimine. Vi piace la miseria

        "Mi piace"

      • Ennio
        si senza ideologie altrimenti si dovrebbe dannarlo in eterno per la sua collaborazione al regime e, malgrado fosse di origine ebraica, era anche razzista.
        In una situazione drammatica in cui la Germania era dissanguata dai debiti e dall’inflazione, per giunta con milioni di disoccupati causa crisi economica del ’28 è riuscito a risollevare in pochi anni l’economia tedesca, mentre quelle deglia altri paesi agonizzavano con politiche che accentuavano la crisi stessa .

        "Mi piace"

  3. Una volta lessi sul giornale che questo giornalista ha 4 lauree lei Adriano troll di professione quante ne ha? A giudicare dagli sfondoni economici che sparge direi nessuna. E’ il simbolo del deserto mentale e della maleducazione nel paese……..
    Io ad esempio non sono laureato ma leggo moltissimo, non si misura l’intelligenza con i titoli.

    "Mi piace"

    • Egregio Lolli, ammiro gli autodidatti. Vorrei farle osservare che se si stampa moneta senza corrispettivo di crescita del PIL si crea inflazione. La BCE stampa i soldi sulla base del PIL complessivo dell’Eurozona. Per una esposizione sull’argomento, le suggerisco la voce “inflazione” nell’enciclopedia Treccani on line con le varie teorie.
      Quanto al fatto che finora il denaro sia andato al circuito bancario senza “colare” verso i cittadini sono anch’io d’accordo che sia un sopruso.
      Quanto al fatto che mi piaccia la miseria, la ringrazio: mi ha fatto fare una bella risata.

      "Mi piace"

      • LA BCE emette moneta per rifornire i buchi dei bilanci delle banche europee in primis tedesche.
        In altre parole hanno giocato ai cavalli i soldi. In che senso? Hanno preso dei titoli in borsa pericolosi ma che davano rendimenti altissimi. Successivamente si sono rivelati scoperti…quindi inesigibili…Di fronte quindi al non rientro del capitale prestato e/o investito si ritrovano un buco enorme che la BCE rimpingua comprando dalla banca privata quel titolo.
        Adesso si rassegni, lei è solo un trollino piccolo piccolo che dissemina fesserie.

        "Mi piace"

      • Lei prende per oro colato la teoria quantitativa della moneta, di stampo neoclassico e monetarista.
        Nel frattempo c’è stato un secolo (quasi!) di lettaratura economica che, nella sostanza, cancella (dopo averla demolita) questa impostazione, partendo dall’osservazione sul campo, tramite l’adozione di specifici modelli econometrici: secondo questo filone di analisi, qui in termini necessariamente spicci, non è la moneta che fa i prezzi ma sono i prezzi che fanno la moneta.
        Il risultato dell’applicazione delle ricette neoclassiche è stata la Grande Crisi degli anni Trenta, per cui è stata la storia che le ha in qualche modo confutate.
        Quanto alle preoccupazioni inflazionistiche, dovrebbe essere l’ultima delle preoccupazioni di fronte alla grave recessione di questi anni (praticamente ininterrotta dal 2008: prima del covid in Italia eravamo ancora 10 punti sotto il Pil di quell’anno).
        PS: uno studio andrebbe fatto sulle motivazioni politico-culturali per cui la classe dirigente di certa sinistra pret à porter ancora non si capacita del fatto che le crisi di sistema degli ultimi decenni nel mondo capitalistico (cfr. Dornbush-Fischer) sono tutte crisi di domanda ed il perché si incaponisca a risolverle stando (come purtroppo le capita troppo spesso!) dalla parte sbagliata, in questo caso dal lato dell’offerta.
        Ovviamente questa non è la sede adatta per intavolare una discussione su questi temi ma il mio vuole essere soltanto l’invito a riflettere con maggiore pacatezza, ovvero usando toni meno apodittici, su temi su cui la discussione economica da decenni ha battuto ben altre strade.
        La cosa peggiore infatti è constatare che molti professoroni che in accademia insegnano ai loro studenti certe teorie sul manuale citato, chissà perché a favore di telecamera dicono l’esatto contrario caldeggiando soluzioni che, se in sede d’esame le ascoltassero dai loro interlocutori, li inviterebbero a ripresentarsi al prossimo appello.
        Le ricordo che alla nascita dell’euro, Dornbusch esclamò: “se mai è esistita una cattiva idea, questa è l’Unione monetaria europea.”

        "Mi piace"

      • Il suo commento Pau era riferito a Adriano58…mi permetta: lo ha prima denudato poi depilato ed infine sotterrato.
        Non meritava tanta competenza…però è bello leggerla!

        "Mi piace"

  4. Egregi Lollo, Lolli, Lulli, Lello etc? Epiteti non ne prendo da nessuno, tantomeno da qualcuno che non sa neppure come si chiama.
    Quelle che lei qualifica, da vero cafone, fesserie sono solo idee diverse dalle sue. Se lei non è in grado di intavolare una discussione senza scadere negli insulti mi dispiace per lei e per quelli che la debbono sopportare.

    "Mi piace"

    • Ammazza che potente argomentazione Diamante! I miei complimenti! Lei spesso dissemina di insulti (e sfondoni) questa bacheca ma se le dicono che racconta fesserie va fuori di melone…

      "Mi piace"

  5. Ho letto per caso i commenti. Di solito non entro nelle bagarre che si scatenano dopo ogni articolo: hanno il livello delle liti condominiali e mettono in risalto il peggio del genere umano. Ho apprezzato Pausylipon. Voglio rassicurarlo sul fatto che non tutti i professori sono silenti e/o consenzienti … o drogati dal fascino della notorietà, che rende ipocriti o peggio intellettualmente disonesti. Se fosse stato un mio studente, mi sentirei orgogliosa: non tutti i semi cadono nel deserto

    Piace a 1 persona

      • Non è una scelta nostalgica, anche se evidentemente avrà trovato che lo pseudonimo si riferisce in parte alla storia. Un amico mi ha detto che “mi si addice”… È vero che “neppure spezzata indietreggio”. Più che camaleontica direi quindi una fenice… e se per rimanere in vita ho “dovuto rimettermi in sesto per talea” non vedo dove stia il problema…
        Ma non ho scritto per parlare di me… volevo esprime apprezzamento sia per questo articolo, sia per il commento di Pau. Non conosco gli scambi di commenti e alterchi nei quali potete essere coinvolti da articoli passati. Come ho già scritto, gli insulti di tipo condominiale non giovano a nessuno, se non a rendere vuota ogni comunicazione. Mi piacerebbe ci si potesse concentrare sulla gravità di questo momento… serve che ogni goccia di intelligenza nel nostro paese possa volgersi a risollevarlo dalla cenere… mi piacerebbe che si smettesse di pensare all’insulto, perché questa continua distrazione ci distoglie dall’occuparci del fatto che altrove la nostra libertà, quella vera, viene messa in discussione…
        per la cronaca, sono figlia di un operaio e di una sarta (solo per sottolineare che non sono nata nella bambagia), grazie ai loro sacrifici sono diventata un professore (per ripagarli dei loro sforzi ho pagato i miei studi lavorando e vincendo tutte le borse di studio che servivano allo scopo): ho tenuto la mia prima lezione universitaria a 23 anni… ho avuto la libertà di scegliere quello che volevo diventare… mia figlia non avrà la stessa possibilità: non potrò garantirgliela pur essendo un professore… c’è qualcosa di profondamente distorto e innaturale in questo processo epocale. Se ci concentrassimo su questo aspetto, forse potremmo scoprire che sono più le questioni che ci uniscono nella ricerca di un futuro da costruire, di quelle che ci dividono futilmente nel presente.

        Piace a 1 persona

    • Leggo che lei si appassiona in modo umorale. Questo la colloca fra i camaleonti. Devo dire che mi sovviene stizza. In fondo chi mantiene i professori universitari? Se ogni bravo studente avesse una bacheca per le idee e tali idee venissero minimamente prese in considerazione dai baroni forse il mondo sarebbe già migliore. Già.. Il rapporto tra politica e mondo universitario crea le delegazioni al comando e tutto riprende il suo corso come lo sperpero dei miliardi per 200 metri di strada dove coloro che lavorano è grassa se hanno aperto 3 libri.

      "Mi piace"

      • Signora, mi promette di non pensare che sia solo colpa loro, degli operai che “non hanno letto”? Altrimenti il valore della conoscenza va a finire in formato A4.

        "Mi piace"

      • Si figuri, signore, lavorano tosto 10 ore tra martelli pneumatici spacca schiena, polveri e stress fisici, con un’ora di pausa pranzo. Il mondo è fatto a scale come il formato di Escher, se si prova a salirne una bisogna stare attenti a coloro che sono davanti e dietro e questo, per quanto mi riguarda è generico, come un placebo universale.

        "Mi piace"

    • Mi scusi Prof, ma che nesso ha tutta la sua bibliografia, anche io trasporto i morti (si prega di non toccarsi),
      con questo articolo tendeziosamente sciocco per non parlare di commenti che a dir poco sono la sacra del qualunquismo?
      Bye-bye

      "Mi piace"

    • Quello davanti può scalciare.. ed io non sono adusa a passare avanti, nel senso che rispetto le file e forse per questo che mi sono trovata maluccio, pur avendo fatto file da quando avevo 19 anni!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.