Meloni garantisce gli Usa e Crosetto prepara la guerra

A Roma prevale l’interventismo. Salvini e B. mugugnano, Fdi assicura gli States. Il filo diretto di Palazzo Chigi con Joe Biden, da un lato, e le dichiarazioni programmatiche del ministro Guido Crosetto dall’altro indicano […]

(DI SALVATORE CANNAVÒ – Il Fatto Quotidiano) – Il filo diretto di Palazzo Chigi con Joe Biden, da un lato, e le dichiarazioni programmatiche del ministro Guido Crosetto dall’altro indicano chiaramente che la guerra è in casa.

È stato lo stesso Biden ad annunciare ai giornalisti di aver attivato i colloqui del Quint, il coordinamento formato da Usa, Germania, Gran Bretagna, Francia e Italia sulle questioni delicate in ambito G7. E quindi di aver chiamato Olaf Scholz, Rishi Sunak, Emmanuel Macron e Giorgia Meloni. Biden sottolinea, oltre all’iniziativa tedesca, proprio il contributo dell’Italia nel sostegno all’Ucraina. Contributo che, secondo fonti parlamentari raccolte dal Fatto, sarebbe stato messo in discussione nei giorni scorsi da Silvio Berlusconi e Matteo Salvini che hanno cercato di fare pressione sul ministro della Difesa per assumere una posizione più flessibile sugli aiuti all’Ucraina.

La linea diretta Meloni-Biden e il discorso del ministro della Difesa ieri in Parlamento dicono invece che la pressione è stata respinta e che Fratelli d’Italia si conferma come il partito più sicuro della linea interventista.

La relazione di Crosetto alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato sulle linee programmatiche del suo ministero può essere riassunta in una frase inquietante: prepariamoci alla guerra. Con un esercito più forte, meno frenato da vincoli legislativi, più finanziato e percepito non più come “costoso”, ma utile e “fecondo” per lo sviluppo del Paese, creando così una nuova “cultura della Difesa”.

Il governo vuole attrezzarsi allo scenario internazionale definito come del tutto inedito, in cui la proiezione internazionale diviene strategica anche al di là delle missioni di “pace” per come sono state finora conosciute.

La guerra in Ucraina delinea uno scenario diverso in cui le Forze armate devono essere dispiegate lì dove è messa a repentaglio “la nostra democrazia”. E quindi servono strutture militari più efficaci, più attrezzate, più addestrate.

Quindi servono più fondi e l’obiettivo fissato dalla Nato di raggiungere il 2% del Pil nelle spese militari non si discute. Crosetto pensa che ci si debba arrivare nell’arco di due anni, anche se questo non lo dice nell’audizione. Ma il segnale è chiaro. “Oggi siamo all’1,4% quindi molto più bassi di quanto definito dalla Nato”. La riduzione non è un’alternativa, spiega Crosetto visto che il personale non si può toccare, la spesa corrente, in gran parte le manutenzioni, nemmeno. Toccare gli investimenti significa “prepararsi a un percorso di arretratezza”. Ipotesi che non collima con la nuova “cultura della Difesa” che deve prevedere un ruolo dell’Italia molto più autorevole e influente sulle decisioni internazionali. Nell’immediato, ad esempio, significa che per compensare gli aiuti all’Ucraina occorre subito ripristinare le scorte nazionali aumentando ancora le spese militari. Crosetto rilancia l’idea di scorporare le spese militari dal calcolo rispetto al patto di Stabilità, “un fatto puramente tecnico”.

L’obiettivo è avere più fondi e soprattutto “stabilità dei finanziamenti” con una legislazione triennale. Nel suo intervento Crosetto insiste più volte sulla necessità di modifiche alla normativa, in modo che “la rapidità militare non debba scontrarsi con vincoli legislativi”. Le decisioni vanno spostate là dove ci sono le competenze e occorre rafforzare la capacità “autonoma” dei militari. Ai militari si promettono favori sul piano del welfare, della previdenza, “anche specifica”, e garanzie di ricollocazione lavorativa a seguito di ferme a tempo determinato.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

44 replies

  1. ””’La relazione di Crosetto alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato sulle linee programmatiche del suo ministero può essere riassunta in una frase inquietante: prepariamoci alla guerra. Con un esercito più forte, meno frenato da vincoli legislativi, più finanziato e percepito non più come “costoso”, ma utile e “fecondo” per lo sviluppo del Paese, creando così una nuova “cultura della Difesa”.

    Il governo vuole attrezzarsi allo scenario internazionale definito come del tutto inedito, in cui la proiezione internazionale diviene strategica anche al di là delle missioni di “pace” per come sono state finora conosciute.

    La guerra in Ucraina delinea uno scenario diverso in cui le Forze armate devono essere dispiegate lì dove è messa a repentaglio “la nostra democrazia”. E quindi servono strutture militari più efficaci, più attrezzate, più addestrate.””’

    NON MI VIENE NESSUN COMMENTO CHE NON CONTENGA UN INSULTO.

    Questo sarebbe il ministro della GUERRA, immagino. FdI ha venduto l’anima al diavolo yankee e alle lobby delle armi pur di andare al potere.

    E il popolo che subisce una roba del genere è complice, mica vittima.

    Anche perché DOVE CAXXO sarebbe la messa a repentaglio della democrazia? Forse in Ucraina, dove Zelensky ha CHIUSO LE CHIESE ORTODOSSE il 19 gennaio scorso, non pago della chiusura di 12 partiti d’opposizione e il controllo su tutti i media?!?

    Ragazzi, siamo nelle mani dei peggiori delinquenti mai saliti al potere. Nemmeno Mussolini avrebbe sacrificato le spese sociali per le armi, almeno non fino a metà anni ’30. Questi hanno iniziato, dopo la presa del potere 100 anni dopo, da SUBITO a fare quest’attività, e non per interessi nazionali, ma perché BIDET gli ha telefonato!

    Piace a 5 people

    • Essere seriamente preoccupati è il minimo.. non abbiamo granché potere però! A meno che non intervenga il pdr a fermare questa follia! Ma la vedo dura!! P.s. SM sparviero grazie per il bella, non so se detto con ironia o seriamente, ma grazie comunque.. aggiungo, anche se frase fatta, essere belli dentro è sicuramente meglio.. credo che la bellezza interiore traspaia e renda bella qualsiasi persona..

      Piace a 2 people

      • C’hai ‘sto volto sorridente che sembra un Sole, altro che ironia ❤ poi ho appena imparato come fare cuoricini su Infosannio. Che è la stessa cosa che su FB, tra l'altro.

        Piace a 2 people

      • Buongiorno a tutti, essere oggetto di leggerezza in questo blog e soprattutto in questo momento così difficile mi rende orgogliosa! Non sarò candidata al premio Pulitzer ma strappare un sorriso non è poi così male!! Ognuno ha il proprio ruolo nella vita ed io mi accontento di essere ciò che sono, una semplice persona con un sorriso ed un volte solare che di questi tempi è già moltissimo!! Qualcuno storcerà il naso perché questo non è contesto per divagare dagli argomenti ma un po’ di leggerezza credo faccia solo bene.. per il micione arruffato dico: l’importante è che tu sia veramente te stesso e che non ti atteggi a ciò che non sei per dimostrare di essere migliore degli altri.. poi sei simpatico quando vuoi!! abbraccio caramente tutti 💝.. p.s. la situazione è veramente critica ed io ho veramente paura, ora sì!!

        "Mi piace"

    • Se in Ucraina gli USA sono riusciti a installare un governo fantoccio, vuoi che non ci siano riusciti in Italia che la stanno occupando da settant’anni? In un periodo difficile per la pace nel mondo, ci ritroviamo una coalizione guerrafondaia guidata da una Valkiria missina sdraiata davanti al nonnetto fascista americano che ormai non ha più nulla da offrire al mondo e quindi disposto anche a sacrificarlo pur di assecondare le brame dell’industria bellica americana.

      Piace a 2 people

    • Caro Sparviero, la differenza tra i fascisti di un tempo e quelli moderni sta tutta nell’ipocrisia di quest’ultimi. Con le menzogne riuscirebbero a farsi passare per comunisti.

      Piace a 3 people

    • SM concordo anche sulle virgole.
      Che siano maledetti, loro e chi, senza mezzo grammo di cervello, li ha votati.
      Siamo nelle mani di Shrek e di una tr0ietta leccaqli da 4soldi.
      Mi chiedo perché non ci sia un’alzata di scudi di magistratura e PDR in difesa della Costituzione, che NON contempla l’invio di armi a paesi in guerra… che non sono nemmeno di striscio alleati (né Nato né EU).
      Chi cz sono questi?
      Difendere la democrazia de che?
      LA NOSTRA, DOBBIAMO DIFENDERE, non i governi paranazisti e guerrafondai, pagando per la loro pazzia!

      Piace a 5 people

      • Sono talmente infuriato che non riesco nemmeno a scrivere qualcosa di più articolato. Quindi concordo con te che concordi con SM. Siamo sull’orlo della catastrofe, SULL’ORLO DELLA CATASTROFE!!! Siamo ormai naufraghi alla deriva: welfare azzerato, futuro sempre più precario, pensioni e sanità ridotte all’osso, scuola da terzo mondo; ma i debiti per le armi, quelli si possono fare, si devono fare, caxxo. Per chi? Per arricchire i pochi soliti noti, difendendo un regime di neonazisti corrotti. Ma come si fa ad avere le fette di salame così spesse sugli occhi? Com’è possibile che chi la pensa come noi è la maggioranza, ma nessuno ci fila? Intanto la turba idiota affolla stadi e centri commerciali, beatamente, come se niente fosse. Che fare?

        Piace a 2 people

      • Ti assicuro che ciò che hai scritto, Fletcher caro, è più che articolato, purtroppo.
        Ne condivido ogni parola, pensiero, preoccupazione… è sconvolgente.
        È come vedere arrivare uno tsunami e non riuscire a gridare per avvertire… anzi, urlare e vedere che nessuno ti sente.
        Come se fossimo fantasmi.
        Un incubo.
        E forse anche le altre guerre sono iniziate così…🥺😣

        "Mi piace"

  2. Ragazzi, inutile girarci intorno: non ci si può fare nulla. Draghi e tutto il Parlamento (tutto) hanno iniziato la cosa, e non poteva essere altrimenti. Chiunque sia al governo dovrà ubbidire: visto come ha dovuto calare le braghe anche la Germania, che è quella che ci rimette più di tutti e noi con lei??
    Siamo un paese occupato, l’ Europa è un Paese occupato. “Fuck Europa” è esattamente quello che pensano gli US, che hanno piazzato i “loro” in qualsivoglia posto di comando nel nostro continente. E chi fa opposizione sa benissimo di essere ininfluente, altrimenti non potrebbe distinguersi, esattamente come non si è distinta all’ inizio di tutto questo.
    Purtroppo siamo l’ ultima ruota del carro, e questo Governo è sempre in bilico dall’ essere delegittimato come “fascista”: Renzi è in attesa pewr conto dei Dem US e per sopravvivere il Governo deve mostrarsi più lealista del Re per la propria sopravvivenza : qualche articolo del NY Times o del WP, o del Guardian, ripreso con clamore dai media nostrani, e Renzi sarebbe di nuovo in sella, magari sotto mentite spoglie, con il suo “nuovo” Terzo Polo che ospiterebbe anche gran parte dei notabili PD ( e gli altri lasciati ad “allearsi” col Movimento per eroderlo dall’ interno).
    Vedremo.

    Piace a 1 persona

    • Ma la volete piantare di parlare di Europa? Mamma mia vi hanno proprio fatto il lavaggio del cervello. Pensate solo all’Italia!
      Non se ne può più degli europeisti, che infilano la parola Europa dappertutto come giustificazione dei problemi, siete la vergogna di tutti i partigiani che hanno combattuto per la sovranità del nostro paese. L’Europa non esiste e non è mai esistita, non è nemmeno un continente!
      SVEJA!

      Piace a 1 persona

      • Gentile Carlo, abbiamo firmato degli accordi ( obbligati) e l’ UE è una creazione US, soprattutto per quanto riguarda l’ allargamento ad Est, sempre più affollato. Le aree di influenza sulla povera Europa erano due, ora una sola. Anche la Brexit è stata una “esigenza” USA, lo stiamo ben vedendo: la longa manus direttamente… in loco, ma non troppo…
        Pensare solo all’ Italia? Semplicemente non si può. Non vede come ci trattano con i “migranti”? Siamo l’ hub destinato: se per caso ne arrivano 10 in Fracia poco ci manca che ci dichiarino guerra. Col Gas sarà uguale: siamo il Paese dei “servizi”. In senso stretto e lato.
        Ci avevamo provato negli anni ’60 a crescere dal punto di vista del know how e della tecnologia avanzata: Mattei, Marotta, Ippolito, Olivetti…
        Tutti ben presto depotenziati: direttamente o indirettamente grazie alla Magistratura.
        Ci hanno lasciato crescere solo attraverso il cemento: attività a basso contenuto tecnologico, alta deregulation, inesistenti controlli sul posto ed in costante odore di mafia.
        E si continua: il caro affitti ( mai normato nè controllato) costringe ad acquistare, coltivare, cementificare un territorio già piccolissimo e sovraffollato. Basta dare un’ occhiata alle foto notturne da satellite e si vede quanto cemento c’è nelle poche pianure del nostro Paese, prevalentemente montuoso…
        Semplicemente chiunque sia al Governo ha le mani legate: lo abbiamo ben visto, nei fatti…

        "Mi piace"

      • Invece proprio perché abbiamo perso sovranità (quel poco che c’era dalla fine della SGM) si sono presentati problemi come l’immigrazione. Secondo te per quale motivo arrivano in Italia? Perché è zona Schengen e i politici possono fare lo scaricabarile. Un’Italia sovrana e con la propria moneta, come molti paesi nel mondo, se la caverebbe benissimo come aveva sempre fatto prima di commettere la pazzia di subordinare la propria economia e la sovranità ai burocrati di Bruxelles.

        Sono riuscito a scrivere un commento senza quella parolaccia che è diventata di moda dal 1958. Visto?

        "Mi piace"

  3. O siamo matti noi oppure son matti loro, e pensare che questa signora è il leader dei verdi pacifisti lgbt,
    La dichiarazione di Baerbock secondo cui -“stiamo combattendo una guerra contro la Russia”,- dà a Mosca la giustificazione legale ai sensi del diritto internazionale per attaccare le basi di addestramento dei carri armati in Polonia, Germania e Stati Uniti. Non credo che la Russia farà qualcosa di avventato. Hanno tempo per pianificare e valutare le opzioni.

    "Mi piace"

    • Non sarà un caso che un Paese “povero” come l’ Italia ha il più grande numero di proprietari di case. In Germania ed in Francia, in Olanda, non hanno i soldi? Semplicemente lo storytelling è diverso , la mobilità superiore e il lavoro si trova anche in campi… “diversamente tecnologici”…
      Da noi se non hai la casa e il SUV parcheggiato davanti ( magari senza Assicurazione) sei morto socialmente. Esattamente come negli US.
      E la domanda “Che lavoro fai?” con relativo computo tra se’ e se’ dell’ ammontare del prevedibile stipendio, ha ormai sostituito il “Come stai”?
      Esattamente come negli US:

      "Mi piace"

  4. E poi dicono che il fascismo è finito nel 45 . Sto personaggio sbruffone sempra uscito dal gran consiglio di mussuliniana memoria. Mussolini voleva spezzare le reni alla Grecia ,lui alla Russia ma finirà per spezzarle agli italiani.

    Piace a 1 persona

  5. noi non sappiano un caxxo di quello che hanno deciso,
    lo sanno solo i componenti dellla commissione del congresso e lo stato maggiore degli Stati Uniti e UK, noi sappiamo solo quello che vogliono farci credere.
    Questa guerra è stata pianificata anni fa, hanno preparato le mosse da molto tempo, le stanno solo adeguando a quello che sono le risposte sul campo della Russia.
    Gli italiani non sanno che quegli armamento verranno usate da truppe NATO sotto falsa bandiera, oramai qualche notizia filtra, ci sono già truppe polacche, ceche, baltiche, slovacche, forse anche rumene inpegnate sul terreno.
    Riguardo all’Italia, non abbiamo nessun obbligo di alleanza, possiamo sempre dire NO all’invio delle armi, come fanno altri stati NATO e EU.
    Ci adeguamo solo per riflesso condizionato, perchè non abbiamo coraggio, perchè abbiamo paura delle minaccie di un ottuagenario eterodiretto affetto da demenza senile, che tra due anni verrà cambiato e forse cambieranno anche le priorità.
    Facciamo la voce grossa in casa (fascio-coatta) ma al dunque strisciamo, non siamo capaci di iniziativa autonoma. La tradizione è rispettata.

    Piace a 3 people

  6. Gli inglesi si fanno i c…i loro, sono pure usciti dall’UE anche se c’erano solo con un piede,noi invece ci rimaniamo contenti e fregati.
    Ma questo disegno vine da lontano,molto da lontano oltre Atlantico.
    Riusciamo a sputtanarci del denaro,sacrificando servizi sociali e mettendo in crisi intere famiglie privandole di salvataggi già in atto da tempo,pur di spendere quelle risorse in armi per una guerra che la Costituzione proibisce e in aiuto(si fa per dire) per uno stato che non ha ratificato nessun accordo internazionale perchè fuori dall’UE e dalla Nato.
    A questo punto siamo governati da traditori diel popolo e della Costituzione.
    Non ho più parole come definire questo Governo e coloro che lo hanno votato.
    Se poi andiamo ad analizzare il perchè è caduto il governo Conte 2…. è la dimostrazione di dove sono arrivati.

    Piace a 2 people

  7. E non perchè ebreo, ma solo perchè si rifiutò di obbedire alla Repubblica di salò e / o in alternativa essere integrato nel corpo dei nazisti. Era uno dei 600mila militari italiani che furono sfruttati dai nazisti. e che preferirono ,appena furono disarmati, la resistenza senz’armi con un semplice NO ai repubblichini e ai nazi.
    C’è mia madre di 97 anni che ha un’angoscia addosso che non vi dico. Come ormai viviamo dal 2020 le ho detto di guardare film antichi, cartoni animati e programmi sulla vita degli animali

    Piace a 1 persona

    • Un abbraccio a te e a tua madre cara Virgy, e grande onore al tuo coraggioso padre.
      Anch’io, come voi e altri qui sul blog, comincio ad essere realmente spaventata dalla situazione, che sta precipitando…giusto la mia fiducia incrollabile nelle risorse interiori dell’umanità mi permette di avere la speranza che possiamo, all’ultimo momento, deviare da questa strada in discesa verso la catastrofe.

      "Mi piace"

  8. @Carolina non mi sono dimenticata della promessa sui canali telegram. Non metto il link completo perché non so le politiche del canale
    Al momento quelli in italiano sono:
    RangeloniNews (un giornalista free che è sul posto in Donbass oramai da tempo…parla anche russo poiché la nonna è russa)
    russiaeurasianews
    BravagliosWarRoom War Room – Russia, Ucraina, NATO
    infodefITALY (di questo trovi la versione inglese più completa >>> infodefENGLAND
    lamiarussia
    LombardiaRussiaGeN
    O.d.E.G. Guerra NATO-RUSSIA
    se vuoi quelli in lingua russa sicuri e se hai telegram, questo è il mio profilo: Virgy @Mitici_T34

    "Mi piace"

  9. Con buona pace di Crosetto moschetto, non abbiamo nessun obbligo di regalare armi all’Ucraina, alcuni paesi NATO non lo fanno, né di portare la nostra spesa militare sopra il 2% del PIL. La maggior parte dei membri NATO è sotto questa soglia, la Spagna e altri spendono meno di noi in rapporto al PIL. Nel 2014 Renzi andò a un vertice NATO in Galles dove firmò l’impegno per il 2% del PIL entro il 2024. Non ricordo se quella firma fu preceduta da un dibattito parlamentare, credo proprio di no. In ogni caso si tratta di un IMPEGNO NON VINCOLANTE, non è prevista nessuna sanzione per chi non dovesse rispettarlo. Intanto però si amplifica la campagna bellicista dei media a sostegno del governo Meloni appecorato ai piedi della NATO, cioè di Biden e della lobby delle armi. Vogliono convincerci che non ci sono alternative rispetto a quella sostenuta ieri da Massimo Giannini in un lugubre podcast dal titolo:
    “Convivere con Putin o morire per Kiev”.
    Insomma, l’alternativa per noi sarebbe tra il disonore e l’atto eroico estremo. Alla fine il direttore de La Stampa – che, per quanto agnellizato, in teoria dovrebbe essere di sinistra, cioè un uomo di pace – si aggrappa con voce affranta, come quella di chi simula un conflitto interiore, alle parole di Churchill dopo gli accordi di Monaco del 1938 con la Germania di Hitler:
    “Potevate scegliere tra il disonore e la guerra. Avete scelto il disonore e avrete la guerra”.
    Ma in serata, dalla Gruber, Lucio Caracciolo ha messo a posto il povero bellicista Giannini e i suoi sogni eroici ricordandogli la sottile differenza tra oggi e il 1938:
    “I nostri soldati non farebbero neppure in tempo a partire per l’Ucraina”.
    Trovate facilmente in rete un eccellente articolo tecnico sugli effetti di una guerra atomica globale di media intensità, dal titolo “Nowhere to hide”. Si stimano 360 milioni di vittime nell’immediato e oltre 5 miliardi entro 2 anni, per lo più morti di fame o di freddo a causa dell’inverno nucleare che ci riporterebbe 3°C sotto rispetto all’ultima era glaciale. Ai falchi, ai guerrafondai e al patetico Giannini, rispondo umilmente come credo risponderebbe qualsiasi persona seria e di buon senso: NON CI SONO ALTERNATIVE: DOBBIAMO E POSSIAMO CONVIVERE CON LA RUSSIA, CON L’UCRAINA E CON TUTTI I POPOLI DI BUONA VOLONTÀ. Per farlo, bisogna spegnere il fuoco della guerra invece di gettarvi olio. L’escalation più pericolosa è quella della follia umana.

    Piace a 4 people

  10. L,Italia è il tacchino che verrà cucinato il giorno del Ringraziamento,
    D’altronde i pennuti finiscono quasi sempre infilzati allo spiedo,
    Un debito Monster, lavoro che comincia scarseggiare inflazione galoppante energia sempre più cara, soldi sottratti alla sanità e alla scuola, treni da terzo mondo, strade in condizioni pietose, e questi invertebrati si permettono di inviare armi e soldi a dei nazisti come se non avessimo pagato a caro prezzo la campagna di Russia napoleonica sia le mire imperialistiche di Hitler e Mussolini,
    La storia ha cicli ricorrenti e in più la stragrande maggioranza degli itaGGliani ha la memoria del pesce rosso.

    Piace a 2 people

  11. “La relazione di Crosetto alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato sulle linee programmatiche del suo ministero può essere riassunta in una frase inquietante: prepariamoci alla guerra.”

    Strano che a nessuno in questo governo sia venuta in mente la non belligeranza. Soluzione astuta e densa di ricordi.

    Piace a 1 persona

  12. Io se abitassi a sigonella, Taranto napoli golfo di Gaeta Tirrenia la spezia e Aviano comincerei a prender contatti in un qualche paesino lontano lontano

    Piace a 1 persona

  13. Da casa mia a Ghedi – 36.9 km , 20-40 bombe atomiche B-61 3,B61-4 e B61-7 di potenza variabile tra meno di 1 chilotone e 340 chilotoni.

    "Mi piace"

    • La bomba più potente che ha Putin è da 200 megatoni, cancellerebbe metà pianura padana con un colpo solo. Ma vista l’orografia gli effetti potrebbero essere più devastanti a causa delle Alpi.

      "Mi piace"