Il Narciso con sfondo di tavoletta del water

L’ex premier si ritrae nei bagni del teatro, ma dimentica un particolare. Il capo del non-partito Italia Viva, si è scattato per l’appunto in una toilette per signori e ha pubblicato su Instagram: “Io faccio sempre fatica a vedermi in smoking. Ma la serata della nuova inaugurazione del teatro dell’Opera… meritava il sacrificio”. Anche il sacrificio di chi guarda?, chiediamo […]

(DI DANIELA RANIERI – ilfattoquotidiano.it) – Cosa spinge gli uomini a fotografarsi nello specchio del bagno e a postare la foto sui social? Cosa c’è all’origine di questa piaga sociale?

Ce lo siamo chiesti guardando una foto che Renzi, il capo del non-partito Italia Viva, si è scattato per l’appunto in una toilette per signori e ha pubblicato su Instagram: “Io faccio sempre fatica a vedermi in smoking. Ma la serata della nuova inaugurazione del teatro dell’Opera… meritava il sacrificio”. Anche il sacrificio di chi guarda?, chiediamo.

Renzi è effettivamente in smoking, con papillon. È stranamente snello: il teatro dell’Opera ha specchi deformanti, per compiacere ego e trippe straripanti? Ha usato il filtro snellente delle influencer? Ha inclinato il telefono verso il basso, tipo prospettiva del Borromini a Palazzo Spada? Ha perso qualche chilo e ha ritenuto che il mondo dovesse sapere? Fatto sta che la figurina appare macrocefala, con effetto videocitofono, il che avvalorerebbe l’ipotesi di una qualche anamorfosi (smagrisci i fianchetti, ma le ossa del cranio quelle sono).

A destra, si intravede il coperchio del water alzato, con sopra il bottone per lo sciacquone. Che sia questo il punctum della foto di cui parlava Roland Barthes? Il centro emotivo del tutto? Alle spalle del soggetto, un quadro non identificato (bei tempi, quando impallava il Tondo Doni di Michelangelo agli Uffizi: ora gli toccano le croste nei cessi, sebbene upper class). Sul volto, l’espressione stolida di chi fa pipì in piscina, o dei gatti nella lettiera. Perché caratteristica precipua dell’autoscattista piastrellista è la totale assenza di autoironia; crede in sé stesso, anche se chissà quante prove ha fatto prima di scegliere lo scatto giusto, piegando il braccio secondo diversi angoli e parallassi. In generale, un’atmosfera triste, da privé di discoteca lituana (e se entrava qualcuno? Lo sanno gli inservienti dei bagni del teatro dell’Opera che dentro c’è un ex presidente del Consiglio che si sta selfando?).

Renzi ha la cognizione di quanto è amato, infatti limita i commenti ai suoi amici (tutti complimenti, c’è chi lo vede figo, elegante, persino bello: poi dice i terrapiattisti), infatti sugli altri social, dove la foto viene diffusa, lo massacrano.

Dopo questo stress test visivo, la risposta alla domanda iniziale (cosa spinge gli uomini a farsi le foto nei cessi) è: il narcisismo, certo, un’egolatria patologica, ma anche qualcosa di infinitamente più pericoloso per un politico: il delta incolmabile tra le aspettative su sé stessi e la realtà al di qua dello specchio.

29 replies

  1. Già. ..vestila come vuoi ma sempre faccia di merda rimane ! Mai frase piu azzeccata di questa verso codesto cialtrone, imbonitore, falso e ipocrita politicante….e ne avrei di epiteti da aggiungere. Ma tant’è…purtroppo c’è tanta gente insulsa, collusa e ignorante, che anvira sostiene certa feccia. Allora continuo a chiedermi, pur senza speranza : “Ma in che cazxx di paese di merxx vivuamo?”

    Piace a 2 people

  2. ” Faccio fatica a vedermi in smoking. ..” noi invece facciamo fatica a vederti. Punto! Una sorta di sofferenza/malattia epidemica, come da nevrosi masochistica, con pericolosi tratti di depressione maggiore, collettiva, reattiva a trigger visivi di immagini , in smoking o in mutande, od uditivi dell’ elemento scatenante! Esiste fortunatamente una cura indicata in foto: il cesso! Basta leggere il bugiardino per istruzioni d’ uso…..poggiare la mano su pulsante, comprimere con decisione, avviare lo scarico; quando il papillon galleggia sull’ acqua, chiudere il coperchio del cesso, come da termine procedura di corretta assunzione della terapia. Il tempo di latenza per beneficio terapeutico è veramente breve, non sono stati segnalati effetti collaterali avversi, la cura dà sollievo fisico e psichico immediati!

    Piace a 2 people

  3. “Alle spalle del soggetto, un quadro non identificato (bei tempi, quando impallava il Tondo Doni di Michelangelo agli Uffizi: ora gli toccano le croste nei cessi, sebbene upper class).”
    😆🤣😂

    Piace a 1 persona

  4. poveraccio…!
    non so perché quado mi capita di guardare i suoi dagherrotipi mi sembra di guardare l’immagine di uno stron…!!!

    "Mi piace"