Renzi e quella lettera del 7 ottobre alla Casellati per essere difeso dai pm

(affaritaliani.it) – Lettere alla Casellati, email di amici che vogliono lanciare una nuova “bestia” contro gli avversari politici, presunte sponsorizzazioni “fiume” su Facebook per piazzare i post. Anche domenica i giornali si concentrano molto su Matteo Renzi. A partire, come sempre, da Il Fatto Quotidiano, che a pagina 2 pubblica il testo di una lettera inviata dal senatore al presidente del Senato Elisabetta Casellati. “I magistrati che nell ’ambito del procedimento penale”. I magistrati della Procura di Firenze depositando le conversazioni in cui era presente anche l’ex premier hanno violato le guarentigie costituzionali del parlamentare”. È con queste parole, scrive il Fatto, che il 7 ottobre scorso Renzi ha chiesto a Maria Elisabetta Alberti Casellati di “porre in essere tutte le azioni a tutela dei diritti del parlamentare”.

Martedì in Giunta per le immunità si discute del caso Renzi

La presidente del Senato ha deferito la questione alla Giunta per le immunità del Senato “che proprio martedì entrerà nel vivo: dopo le 20 in Giunta, nonostante l’ora, è previsto il pienone perché si comincerà a discutere della richiesta inoltrata da Renzi a Casellati”, scrive il quotidiano. “Non si tratta di una utilizzazione parcellizzata e disconnessa dalla posizione dei parlamentari, ma di una utilizzazione che ha evidenti ed inequivocabili incidenze sulla loro posizione nell’ambito del procedimento penale e delle relative indagini”, scrive ancora Renzi nel messaggio inviato a Casellati, secondo quanto riporta il Fatto.

Quella mail di Rondolino per colpire grillini e avversari politici

In attesa dell’appuntamento di martedì, il Corriere della Sera parla invece del caso della mail di Fabrizio Rondolino, allora consigliere dell’ex premier, poco dopo la sconfitta al referendum del 2016. “Nella mail,il giornalista già portavoce di D’Alema e in quei mesi tra i consiglieri di Renzi, prospettava l’ipotesi di costituire una piccola e combattiva redazione dedita alla «character assassination», per colpire gli avversari”, scrive il Corriere della Sera. “Leader grillini soprattutto, ma anche il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio. Il tutto su un sito costruito appositamente, con un server estero non sottoposto alla legislazione italiana e non riconducibile al Partito democratico o a Renzi. Meme, vignette, card per i social e una rete di fake perrilanciarle”.

“Macchina del fango alla renziana”: ecco i bersagli

Spiega ancora il Corriere, datando l’avvenuto il 7 gennaio 2017: “Sarebbe nato allora, con Renzi «agonizzante», un confronto su come risalire la china, fino a prospettare la costruzione di una macchina del fango, convinti di essere stati pagati in precedenza con la stessa moneta. Di qui la mail di Fabrizio Rondolino, inviata da un account criptato e intitolata «Tu scendi dalle stelle». Il sottotitolo era meno criptico: «Appunti sulla propaganda antigrillina». Due giornalisti d’inchiesta, un investigatore privato, il tutto per un costo medio-alto”.

Il Corriere della Sera fa anche i nomi di chi sarebbero dovuti essere i bersagli: “Con lo scopo di diffondere notizie, indiscrezioni, rivelazioni mirate a distruggere la reputazione e l’immagine pubblica degli avversari. Come bersaglio, indicati i nomi di Grillo, Di Maio, Di Battista, Fico, Taverna, Lombardi, Raggi, Appendino, Davide Casaleggio. Si proponevano messaggi ironici e strafottenti che ridicolizzino questa o quella proposta, dichiarazione, personaggio. Ma anche «inchieste giornalistiche documentate ovvero, secondo lo stile del Fatto, allusiveeintrinsecamente diffamanti»”.

“La Bestia renziana si ispirava a Trump”

Su La Verità, invece, si sostiene che quella che viene definita “Bestia renziana” sui social si ispirasse a Trump. “Il gruppo di social media spendeva oltre duemila euro al giorno per la propaganda: a pagare era Open”. L’obiettivo era piazzare i post a un pubblico il più ampio possibile. 

“Difendimi dai pm”: così Renzi chiede l’immunità alla Casellati

“Tutelami dai pm”. Martedì 1° round invoca “guarentigie parlamentari”, ma non è stato intercettato e all’epoca dei fatti non era un Senatore. La lettera del senatore. Primo round in Giunta. Martedì si discute la sua istanza alla presidente del Senato: “Guarentigie costituzionali violate”

(DI VALERIA PACELLI E ILARIA PROIETTI – Il Fatto Quotidiano) – Ciò che è avvenuto per quanto riguarda le conversazioni di Matteo Renzi finite agli atti dell’inchiesta della Procura di Firenze non ha rappresentato “una utilizzazione parcellizzata e disconnessa dalla posizione dei parlamentari”, bensì una “utilizzazione che ha evidenti ed inequivocabili incidenze sulla loro posizione nell’ambito del procedimento penale”.

I magistrati della Procura di Firenze – che hanno iscritto il leader di Italia Viva con altri per concorso in finanziamento illecito – depositando le conversazioni in cui era presente anche l’ex premier hanno violato “le guarentigie costituzionali del parlamentare”. È con queste parole che il 7 ottobre scorso Renzi ha chiesto a Maria Elisabetta Alberti Casellati di “porre in essere tutte le azioni a tutela dei diritti del parlamentare”. La presidente del Senato ha deferito la questione alla Giunta per le immunità del Senato che proprio martedì entrerà nel vivo: dopo le 20 in Giunta, nonostante l’ora, è previsto il pienone perché si comincerà a discutere della richiesta inoltrata da Renzi a Casellati. Della lettera del 7 ottobre i legali, dell’ex premier hanno informato anche la Procura di Firenze.

Già nelle scorse settimane il Fatto ha raccontato delle lettere di Renzi e di come il caso in Giunta sia stato affidato alla senatrice di Forza Italia Fiammetta Modena. Ma cosa c’è scritto di preciso nella missiva spedita a Casellati? Alla “Eccellentissima sig.ra Presidente” il senatore ha rappresentato anche quanto avvenuto il 4 ottobre, quando la Procura di Firenze ha dichiarato il non luogo a provvedere rispetto all’istanza dei legali di Renzi che qualche giorno prima avevano avanzato “formale intimazione al Procuratore Aggiunto, dott. Luca Turco di astenersi dallo svolgimento di qualsivoglia attività investigativa preclusa in base all’articolo 68 della Costituzione (sulle guarentigie dei parlamentari, ndr)” e dall’utilizzo di “conversazioni e corrispondenza casualmente captate (…) senza la previa autorizzazione della Camera di appartenenza”.

La richiesta è stata respinta sulla base della circostanza che l’utilizzazione dei dati processuali in questione è stata operata non già nei confronti di Renzi, ma di un altro indagato che non essendo parlamentare non poteva invocare quelle garanzie riconosciute agli eletti. Di qui la lettera di doglianze di Renzi alla Casellati: “La lapidaria affermazione dei pm non è in alcun modo condivisibile e viola le guarentigie costituzionali del parlamentare, dal momento che volutamente trascura una circostanza di centrale rilievo. Le conversazioni oggetto dell’istanza sono, infatti, avvenute tra parlamentari e non, e sono state utilizzate dalla Procura per sostenere la propria tesi accusatoria senza la previa autorizzazione delle Camere di appartenenza”. “Non si tratta – continua Renzi – di una utilizzazione parcellizzata e disconnessa dalla posizione dei parlamentari, ma di una utilizzazione che ha evidenti ed inequivocabili incidenze sulla loro posizione nell’ambito del procedimento penale e delle relative indagini”.

Renzi aveva già scritto alla Casellati a dicembre 2020 allegando una comunicazione con cui chiedeva conto al Procuratore aggiunto di Firenze di quanto avevano riferito i quotidiani a proposito dell’avvenuta esecuzione di intercettazioni e/o comunque captazioni di conversazioni o comunicazioni o corrispondenza dello stesso senatore e/o di altri parlamentari coindagati, nonché l’inserimento nelle chiavi di ricerca di telefoni e pc sequestrati dei nomi di parlamentari. Una comunicazione, inoltrata per conoscenza alla Casellati, in cui Renzi auspicava una smentita da parte del Procuratore aggiunto, ritenendo che, in caso contrario, sarebbe stato “evidente il tentativo di intercettare, captare e acquisire, senza la necessaria preventiva autorizzazione, conversazioni o comunicazioni o corrispondenza del parlamentare”. Poi con la lettera del 7 ottobre Renzi punta a ottenere a una pronuncia da parte del Senato. Da martedì, la Giunta per le immunità potrà riservare tante sorprese.

3 replies

  1. Il narcisista spregiudicato sta offrendo il proprio pacchetto di voti alla Casellati per l’ascesa al Colle (il finto appoggio a Berlusconi è un diversivo). In cambio chiede protezione e, se proprio dovesse mettersi male, può sempre contare sulla grazia!

    "Mi piace"

  2. Il problema e’ molto piu profondo secondo me, e non è Renzi o Berlusconi, Salvini,Meloni etc…ma gli “italiani ” che a scapito di altri italiani vogliono essere come loro, e credetemi sono tantissimi che amano lo slogan “e che vuoi farci,il mondo e’ dei furbi, morte tua vita mea”…..ed e’ per quello che il mediocre e avido “signore delle tv private” ha avuto successo, in questo “laboratorio” chiamato Italia, dove compassi, grembiulini e candelabri fanno da centinaia di anni quel che gli pare e gli conviene….”Hai serva Italia, di dolore ostello” diceva qualcuno che ne sapeva “qualcosina” di questo paese.

    Piace a 1 persona

  3. Maestra gné gné, quello è kattivo buahhh (Renzi alla Casellati).

    Incredibile a che cosa ci si è ridotti.

    Incredibile.

    "Mi piace"