Vieni a intascare in Puglia

(iltempo.it) – Rispunta l’indennità di liquidazione per assessori e  consiglieri regionali. Succede in Puglia, la regione governata da Michele Emiliano, dove l’assegno di fine mandato, abolito nel 2012 dal Consiglio regionale, torna dritto nelle tasche di assessori e consiglieri. C’è di più: il pagamento avrà effetto retroattivo e saranno recuperate le cifre non erogate  a partire dal 2013.

A riferire la vicenda è il Corriere del Mezzogiorno che spiega che nessuno perderà un centesimo, neanche gli eredi in caso di eventuale morte del beneficiario. Alla base c’è quanto deciso nell’ultima seduta del Consiglio regionale della Puglia che con un emendamento bipartisan, a firma dei capigruppo di tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione.

Quanto incasseranno assessori e consiglieri? “7.100 euro lordi per ogni anno passato sugli scranni dell’assise pugliese e, a conti fatti, 35 mila e 500 euro pro capite una volta terminata la legislatura”, spiega il quotidiano. 

La cifra complessiva dell'”operazione” si aggira su circa 9 milioni di euro complessivi per i 5 anni. La liquidazione era stata cancellata con l’abolizione dei vitalizi regionali.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies

  1. Non bisogna votarli.
    Emiliano si diverte pure a percularci atteggiandosi ad uomo rigoroso, del resto è un ex magistrsto.

    Anche ai tempi della Polverini in regione Lazio successe qualcosa del genere, destri e sinistri si aumentarono lo stipendio d’amore e d’accordo.

    I partiti sono una unica banda che si è divisa i compiti: “tu fai da palo, io guido, lui porta il malloppo”.
    Cambiano solo le parole: “tu fai finta di essere di sinistra, io di centro e lui di destra. Poi dividiamo la refurtiva indipendentemente da chi vince”.

    "Mi piace"