M5S, Trenta: “Lascio il Movimento, non è più la casa della trasparenza”

“Personalismi e troppi compromessi, era stata promessa una svolta mai arrivata”

(adnkronos.com) – “Lascio i 5 Stelle, più precisamente questo Movimento. Lascio con tanto dolore ma senza il rimpianto di non averci creduto e di non averci provato fino all’ultimo. Questa non è più la casa della trasparenza, della democrazia dal basso, della partecipazione e della coerenza con valori che sono e resteranno comunque miei. Lascio perché il coraggio di andare contro, quando è necessario, è stato messo in secondo piano dai personalismi, perché i troppi compromessi e le retromarce sono la negazione dei sogni di chi ha creduto in noi”. Così su Facebook l’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta.

“Caro Luigi – aggiunge poi Trenta rivolgendosi a Di Maio – ti sarò sempre riconoscente per avermi voluto come Ministro della Difesa, dandomi una grande e unica opportunità. Mi sono sentita orgogliosamente parte della tua squadra. Dovevamo e volevamo cambiare il Paese e invece, tra troppe paure, è cambiato il Movimento. Da parte mia, e lo sai bene, non ho mai ceduto sui nostri valori imprescindibili anche quando alcuni si sono messi contro di me cercando di infamarmi. Agli Stati Generali era stata promessa una svolta, una grande riflessione partecipata per ripartire e invece, per non ammettere che la base è altrove, tutto è finito velocemente in un cassetto”.

“Lascio ma non lascio la politica, scendo qui, proprio per ricominciare! Ringrazio tutti coloro che mi hanno seguita, che mi hanno difesa, che mi hanno chiesto di occuparmi di loro e che hanno creduto in me. Io ci sarò sempre per tutti, non importa il partito e sarò sempre pronta a lavorare con chi crede nei valori di un’Italia giovane, dinamica e innovatrice, giusta, forte, pienamente inserita nel contesto europeo, Nato e internazionale, ponte di dialogo con il Mediterraneo e con l’Africa, terra di poeti, artisti, eroi, santi, navigatori, e inventori, luogo di bellezza dove ogni cittadino del mondo amerebbe vivere, studiare e lavorare! E da qualsiasi parte andrò, porterò con me i valori che mi hanno fatto aderire al Movimento e che oggi, mi costringono a lasciarlo per realizzarli. Oggi c’è bisogno di competenza, serietà e cuore e io non smetterò di metterli a disposizione del sogno di rendere il nostro Paese e il nostro mondo un posto migliore per i nostri figli”, conclude Trenta.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

16 replies

  1. Belle parole, come ne abbiamo sentite parecchie prima che altri grillini approdassero alla lega e a fascisti d’italia, che rappresentano il cambiamento esattamente come le pornodive lo rappresentano per la morigeratezza.

    Vedremo dove approderà, visto che non lascia la politica, poi, alle persone normodotate, verrà permesso il giudizio.

    Piace a 2 people

    • Claudio,
      Non avevo letto il tuo post, ma vedo che, con parole diverse, abbiamo espresso lo stesso concetto, essendoci posti la STESSA DOMANDA.

      "Mi piace"

  2. La diga sta cedendo, ampie crepe si sono formate e gli zampilli si fanno sempre piu numerosi,
    Poro gigino che fine ingloriosa hai riservato al mv5 *

    "Mi piace"

  3. Alessandro cagliostro tu ti scagli contro di maio, io credo che il super colpevole sia Grillo. Quest’ultimo dopo il papeete ha imposto l’elevato, e tutti proni, prima con la lega, poi con il pd e leu, di maio zitto e a cuccia ha sempre acconsentito, prima contro bibbiano, poi contro salvini, ora scrive sul Foglio!!!!!! Il padrone ordina e il cane obbedisce, e da 5 mesi sono diventati tutti cagnolini, a cui interessa solo l’ora del loro pranzo!! Che delusione..
    Saluti

    Piace a 1 persona

    • Sono d’accordo su grillo, si è rimbecillito, amen,
      Ma gigino o bibitaro è il maggior colpevole, un cialtrone che si è ritrovato capo politico, vice presidente del consiglio, ministro, e guarda caso 3 governi 3 ministeri, chissa x quali oscuri meriti,
      Una banderuola che ogni refolo di vento la fa girare,

      "Mi piace"

      • Dimentichi Cagliostro che Di Maio è l’uomo di fiducia di Grillo.
        Le sue multipoltrone sono le miltipoltrone di Grillo.
        Capisci a me.
        Ha ragione Fabio.

        "Mi piace"

  4. “Questa non è più la casa della trasparenza, della democrazia dal basso,”

    Era facile accorgersene da tempo, il multipoltronaro che l’ha nominata e che ora lei riconoscente ringrazia, è un campione della trasparenza e della democrazia dal basso?

    Tutti conoscono l’involuzione verticistica ed opaca del M5S.
    Tutti sanno che è una degenerazione in atto da anni.
    Fin dai primi passi del M5S c’erano segnali preoccupanti, era evidentemente ad esempio che Grillo non era il megafono delle decisioni prese dalla base ma delle proprie.
    “Draghi grillino” è solo l’ultimo boccone amaro.

    Molti se ne accorgono ora, dopo aver fatto i parlamentari e i ministri.

    Non credo alla sua buona fede perché non ci sono partiti trasparenti e democratici e meritocratici in giro.

    Sono i partiti partitocratici.

    Dove vuole andare a far politica?

    "Mi piace"

  5. «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio»: ahahahah…

    "Mi piace"

  6. Questi fanno il grano con i citrulli.Ci sono cascato anch’ io dopo 10 anni che non scommettevo.Gli ultimi sei mesi sono stati un massacro.La politica? Il trucco c’è ma non si vede. https://www.ilblogdellestelle.it/2018/08/autostrade_cosi_una_ricchezza_pubblica_e_finita_nelle_tasche_di_alcuni_privati_intervista_a_mario_giordano.html Secondo voi la CASALEGGIO & C con il pubblicare l’intervista a questo soggetto (noto “nemico” m5s) E ben tre anni fa, da che parte stava?Come mai tutti questi casini nel movi-mento? . Sono stati creati ad arte? Soldi?Fatevi la domanda e datevi la risposta.Perché tutta sta “pappardella” sui dati degli iscritti? Non vorrà per caso avvantaggiare una certa destra misogina e becera alla casapound?Quando vinceranno le destre vinceranno pure loro.Davide.c è un fan di casapound.Riflettete????

    "Mi piace"

    • Mi spieghi perché il neo M5S non se ne frega dei dati degli iscritti alla piattaforma Rousseau?

      Spiegatemelo cazzo, sono giorni che ve lo chiedo.

      Se fossi un iscritto a Rousseau e condividessi il progetto di Conte, che difficoltà avrei a fare una nuova iscrizione?

      Perché Conte non invita i simpatizzanti a iscriversi ad un nuovo portale?

      Perché ha bisogno di quella lista?

      Perché è una lista di lacchè che vota a comando?
      Quindi comoda a chi finge la democrazia dal basso?

      Perché?
      Perché?
      Perché?
      Perché?
      Perché?
      Perché?
      Perché?
      Perché?

      "Mi piace"

      • Mah, me lo sono chiesto anch’io ma credo sia una mera questione burocratica. Senza lista degli iscritti Conte sarebbe costretto alla formazione di un partito ex-novo e sarebbe ben più complicato.
        Ad ogni modo questa lettera è veramente pietosa perché, come hai detto anche tu, quesi valori di cui parla la Trenta stanno/stavano solo nel M5S, quindi è la solita supercazzola per rimanere in politica e mantenere lo stipendio intero. Avesse davvero creduto in quello che ha scritto, si sarebbe corciata le maniche per liberare il Movimento dal pantano in cui si è cacciato e riportarlo in carreggiata per proseguire nella giusta direzione. Ma non sia mai che debba sforzarmi troppo eh!
        Ora, come dicono anche altri, vediamo dove approda, e allora capiremo subito quali sono i veri “valori” che insegue.

        "Mi piace"

      • Su Trenta siamo d’accordo.
        Sul testo un po’ meno.
        La burocrazia centra poco, se realizzi un portale la registrazione di un utente è cosa facile.
        La formazione di un partito ex novo è semplice se hai militanti appassionati.
        Sono imbecilli ‘sti militanti iscritti a Rosseau che non sanno iscriversi al nuovo portale di Conte?

        "Mi piace"