Alessandro Di Battista: “Certi amori meglio tenerli nascosti”

(Alessandro Di Battista) – Oggi, dopo 14 mesi in cui, giustamente, si è parlato di pandemia, un nuovo, fondamentale tema diventa centrale. La disoccupazione? L’usura che strozza i piccoli imprenditori? L’aumento dei tumori nelle aree inquinate? No, oggi si parla della Super Lega di Agnelli, Florentino Perez e degli altri potenti del business che rotola.

Molti di loro avendo speso denari “ad minchiam” e dovendo rientrare dei “buffi” accumulati si sono inventati questo obbrobrio che uccide la meritocrazia, ovvero uno dei capisaldi dello sport. Il titolo della FC Juventus oggi ha scalato le classifiche. +8,54%. Molto meglio della prima squadra del resto. In Francia ed in Inghilterra, paesi dove la politica ha ancora un valore, i Presidenti si sono espressi duramente contro il progetto della Super Lega. D’altronde altro non è che l’ennesimo progetto elitario partorito da chi detiene il potere oltretutto con il consueto sostegno finanziario delle merchant bank americane. Stavolta pare esser JPMorgan il grande sponsor dell’operazione. Ad ogni modo ci domandiamo: Draghi parlerà o, come solitamente gli capita, eviterà di prender posizione davanti alla nuova aristocrazia del calcio? Staremo a vedere. Speriamo, almeno, che eviti frasi del tipo: “Andrea Agnelli sta diventando il “dittatore” del calcio italiano ma è un dittatore di cui abbiamo bisogno”. Di certo se il progetto non dovesse esser bocciato dal governo la “fuitina” tra l’apostolo Draghi e la Exor – l’holding di John Elkann che possiede, tra le altre cose, la Juve, il gruppo Gedi (Repubblica, La Stampa, etc, etc.) e una parte di Stellantis – verrebbe immediatamente svelata.

E certi amori meglio tenerli nascosti. Non sia mai che qualcuno iniziasse a comprendere i giochi di palazzo che sono stati fatti per portare il Messia a Palazzo Chigi….

5 replies

  1. Sono così evidenti quei giochetti per buttare giù Conte che li vedrebbe anche un cieco e del resto, la marionetta fiorentina incaricata di fare il lavoro sporco, se ne vanta pure spudoratamente. Per il resto :Agnelli,la yuve, il Milan e tutto il resto sono già da tempo nell’elenco delle cose tanto inutili quanto dannose.Il mondo del calcio è lordo e deprimente. Questa nuova trovata nasconde di certo una strategia per ragiungere traguardi ancora più loschi

    Piace a 1 persona

  2. Da ragazzo e fino a pochi mesi fa ero un tifoso juventino ma di quella Juventus di Omar Sívori, John Charles e Giampiero Boniperti. Il “trio magico”. Ora tifo per l’Atalanta di Gasperini e ieri, quando la DEA ha battuto la Juve mio malgrado ho gioito. Non me lo aspettavo da me stesso.

    Piace a 2 people

  3. Credo che potrebbe bastare togliere le agevolazioni fiscali di cui hanno goduto le 3 società italiane in maniera retroattiva, mi piacerebbe vedere la PECORELLA con il suo Ronaldo dove andrebbe.

    "Mi piace"

  4. Sono anni che ho smesso di seguire il calcio dei club, da quando sono infestati di stranieri finanche ai racattapalle. Nulla contro qualche straniero in squadra, specie se veramente di talento, ma non rose che hanno ormai stabilmente minimo due terzi di stranieri e i pochi italiani relegati alla panchina con qualche rara eccezione. Da tifoso sfegatato a totale indifferente delle sorti del campionato. Seguo solo la nazionale che per ora si dimostra forte coi deboli e debole coi forti, ma questo passa il convento.

    "Mi piace"

  5. il calcio professionistico è business, spalmato a tutte le ore, quasi tutti i giorni per incassare e non fallire. Perchè i proprietari delle squadre di club non dovrebbero pensare ai soldi?
    Davvero uno pensa che le competizioni professionistiche di oggi siano come 20,30,40 anni fa?
    Vi siete scordati di quanti scaldali si sono macchiati? Ancora pensate che vince il più meritevole?
    Quali sono le squadre che hanno vinto lo scudetto in Italia negli ultimi 30 anni?
    Fifa e Uefa temono di perdere appeal e soldi, davvero pensavano che le squadre più ricche, si facessero sfruttare per far guadagnare altri?
    Meritocrazia? con le squadre professionistiche? quelle con più potere e soldi?
    ma quando mai sia a livello nazionale che internazionale.
    il Verona a vinto lo scudetto nell’UNICO anno in cui c’era il sorteggio per designare gli arbitri, poi hanno protestato e si tornati alla normalità.
    Andate a vedere le squadre dilettantistiche piuttosto, se amate il calcio, altrimenti godetevi lo spettacolo pre-confezionato in streaming

    "Mi piace"