La legge del 2%

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Qualunque cosa pensino del discorso di Conte, le persone sane di mente non possono non apprezzarne almeno lo stile e non pensare cosa sarebbe dell’Italia se finisse nelle grinfie di stilnovisti come quel tal Borghi, che dietro le quinte offre “buoni ruoli” ai 5Stelle se passano alla Lega e in aula discetta autobiograficamente di chi “defeca al centro della stanza”. Per recuperare un po’ di fiducia in un Parlamento sempre più screditato, attendiamo l’intervento di Liliana Segre, che alla sua età ha disobbedito ai medici ed è scesa a Roma – come ha raccontato a Gad Lerner sul Fatto – per votare la fiducia a Conte all’insegna di “un richiamo fortissimo di senso del dovere e indignazione civile”. Certo, a infoltire le file dell’antiparlamentarismo c’è il solito indecoroso mercimonio dei “responsabili” o “volonterosi” o “costruttori”. Ma ancor più vergognoso è l’uso propagandistico che ne fanno – oltre ai giornalistucoli della sinistra salviniana – Iv, Lega, FdI e financo FI: cioè i professionisti del trasformismo che evocano Mastella e Scilipoti come spaventapasseri. .Da che pulpito! Quando l’Innominabile scippò 48 parlamentari al Pd per fondare Iv, sabotare il governo e infine rovesciarlo, che altro fece se non un’operazione alla Mastella&Scilipoti? E quando Iv, Lega e FdI imbarcavano transfughi M5S, FI e Udc, dov’era chi oggi dà degli incoerenti ai coerenti ex Pd ed ex M5S che tornano nella maggioranza M5S-Pd? E quando Salvini chiede a Mattarella (nel marzo 2018 e in questi giorni) l’incarico per un governo di centrodestra senza avere i numeri, a cosa pensa se non a “responsabili” in uscita da altri partiti?

Ecco perché, se non il vincolo di mandato, sarebbe ora di introdurre la norma costituzionale suggerita da Zagrebelsky: la decadenza del parlamentare che cambia (legittimamente) schieramento per farla finita col tradimento della volontà popolare. Se la norma fosse già in vigore, oggi nessuno cercherebbe “responsabili”, perché Iv non sarebbe mai nata, la maggioranza godrebbe ottima salute e il governo si occuperebbe dell’Italia anziché della crisi più pazza del mondo. Non sappiamo come andrà oggi in Senato: se Conte andrà avanti o andrà a casa. Nell’attesa, un sentito ringraziamento per non aver mai nominato l’Innominabile, applicandogli la legge del 2% e degradandolo a “quello della conferenza stampa”. Per una volta, dopo mesi di occupazione totale di tv e giornali, ieri nessuno ha osato proporre di tornare con lui. Anzi, meglio: nessuno, a parte i suoi portaborse, ha parlato di lui. Almeno per 24 ore ci siamo liberati dello Scilipoti di Rignano. Anche se quello di ieri fosse stato l’ultimo giorno del Conte-2, ne sarebbe valsa la pena.

74 replies

  1. ho sentito, a proposito dell’intelligenza politica del bomba che quello che ha compiuto è ‘la mossa del cavallo’, e anche ‘la mossa dello scorpione’
    Io la chiamerei ‘la mossa del citrullo’ o ‘del coglione’

    Piace a 2 people

    • Se il bomba di Rignano non avesse sempre attorno quella schiera di giornalucoli-giornalettari, nessuno saprebbe che fa, che dice, ecc. Se le televisioni (compreso il Gilletti-cortile di Domenica) non lo inseguissero per sentire le sue cazzate, neanche sapremmo che esiste.
      Ed invece…eccolo.
      Ad organizzare la più grande scemeggiata (ho scritto bene: SCEMEggiata) delle ultime legislature

      Piace a 1 persona

  2. ma dov’è andato a finire l’articolo di giannini, quello dove diceva che si erano attivati i servizi segreti, la guardia finanza etc. alla caccia di responsabili per salvare il governo?’

    ritiratelo fuori!

    Piace a 2 people

  3. Numero finale da applausi, per il clown contorsionista domatore di zecche del famoso circo rignanese. Dopo oltre un mese di dubbi, tentennamenti, insinuazioni, allusioni, illazioni e chi più ne ha più ne metta, arriva finalmente il momento del dunque, e che si inventa il David Copperfield della cialtroneria? Astensione. Cioè, se ne lava le mani. Comunque finisca, finirà tra le risate.

    Piace a 6 people

  4. Certo è che sentire un Borghi esprimersi in parlamento in quel modo (di fronte agli italiani che hanno avuto la pazienza di seguire le dichiarazioni di voto per capire qualcosa di questa pazza crisi), sembrava di essere sul prato di Pontida al comizio leghista anziché in parlamento. Uno come Borghi a Borghezio gli fa un baffo….

    Piace a 1 persona

  5. MA PERCHÉ VOGLIONO TANTO IL MES?-Viviana Vivarelli.

    Renzi ma anche Rosato, Zingaretti, Bettini, Zanda… insistono per chiedere il MES, lo strumento feroce che ha assassinato la Grecia, ma nessuno dei Paesi europei, dopo la Grecia, lo ha più chiesto.È un prestito usuraio che sottopone il Paese che lo chiede a condizioni capestro. Renzi e Rosato hanno avuto la faccia di dire che è meglio del Recovery Fund. Tutti i documenti che lo regolano sono giuridicamente dei trattati internazionali e nessuno di essi è stato cambiato.Intanto, quando un Paese lo chiede, è come se dichiarasse al mondo intero che è fallito, per cui lo spread diventa altissimo, le agenzie di rating lo bocciano e nessuno compera i suoi titoli di stato. L’Ue ti dà i soldi ma perdi ogni libertà, sei sottoposto a un programma completo di aggiustamento dei conti pubblici , a una sorveglianza rafforzata. Le ripercussioni negative sono senza fine. Lo Stato non potrà più avere nessun’altra forma di prestito e sarà sottoposto a un bagno di sangue. Le autorità europee potranno scrivere tutte le misure drastiche che riterranno necessarie per risanare l’economia del Paese interessato. Per es. potranno pretendere la chiusura di aeroporti, stazioni metro, riduzione dello stato sociale, licenziamenti a migliaia, la chiusura di ministeri, enti, ospedali, riduzione di personale e di strutture e riduzione e di stipendi e pensioni fino a scrivere loro la legge di bilancio. Basta guardare cosa è successo alla Grecia e, soprattutto e chi ci ha guadagnato (Francia e Germania che hanno preso pezzi della Grecia per due soldi). La Grecia ne è uscita distrutta e restituirà, forse, il suo debito con il Mes nel 2070. Non servirà più il ministro dell’Economia e Finanze. Sarà sufficiente nominare uno o più commissari che avranno un potere immenso e privo di controlli esterni. Ed infine c’è la mannaia che rende vano ogni puerile tentativo di disapplicare le condizionalità: l’art. 136, III comma, del Trattato sull’Unione Europea: “Gli Stati membri la cui moneta è l’euro possono istituire un meccanismo di stabilità da attivare ove indispensabile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme. La concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nell’ambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità. Questo articolo è la carta giuridica più importante, fondante l’Unione che non potrà mai essere violato, superato, disapplicato se non con la firma di tutti gli Stati firmatari.Nessuno, dico nessuno ha mai detto che il Paese che richiede ed ottiene il Mes non incontrerà le condizionalità di cui all’art. 136, III comma del Trattato UE.ps1.L’agenzia internazionale Fitch conferma che il Mes entra a far parte di un giudizio negativo sul rating (c.d. Stigma).101 economisti e professori universitari hanno firmato un documento con il quale, accoratamente, invitano il governo a non firmare il Mes.Ma la Merkel ha detto che “la Grecia è stata il capolavoro dell’Ue”. Draghi ha partecipato al massacro. E ora qualche folle vorrebbe che la stessa cosa capitasse all’Italia?? E, guarda caso, si invoca proprio Draghi come commissario? Non basta quello che ha fatto intossicando di derivati l’Europa e distruggendo la Grecia?!Ora spiegatemi perché Zingaretti, Renzi e Rosato vogliono questo strumento di morte per l’Italia al punto da mettere a rischio se stessi e perché uno come Mentana lo invoca una sera sì e una sera sì. Chi li ha comprati? Non siamo solo in mezzo a una guerra sanitaria, siamo in mezzo a una guerra economica, dove il capitalismo occidentale e non solo aggrediscono Paesi a rischio per impadronirsi a buon mercato dei loro beni e distruggere completamente quel che resta della loro sovranità. In questa guerra non ci sono patrie perché il capitalismo non ha patrie, ci sono giornalisti e politici comprati e c’è solo il bottino.

    Piace a 3 people

    • Ecco un’altra Gazzelloni.
      Lei fa completa disinformazione.
      Il MES oggi non è più quello di prima, della Grecia e via discorrendo.
      Legga, studi, ragioni, e poi scriva.
      Grazie

      "Mi piace"

      • …e intanto l”Europa ci guarda.

        “L’attenzione della Commissione europea e delle capitali che contano sarà più che mai rivolta a Roma, e non certo per le manovre renziane

        Giunto al passaggio cruciale del suo intervento alla Camera, il presidente del Consiglio non si è trattenuto e ha denunciato come irresponsabile chi ha aperto la crisi. Renzi non è mai nominato, ma nessuno ha avuto dubbi su chi fosse il bersaglio dell’attacco né a chi si riferisse Conte parlando della necessità di “voltare pagina” dopo le dimissioni della piccola delegazione di Italia Viva al governo. S’intende che in politica, soprattutto in questa politica, certe affermazioni sono sempre relative. Tuttavia il premier, nell’intento di rendere più intransigente il suo j’accuse, ha toccato un tasto delicato e in fondo controproducente per la sua tesi.

        Ha infatti rammentato che gli scossoni a Roma non solo hanno fatto salire lo spread, ma soprattutto “hanno attirato l’attenzione dei media internazionali e delle cancellerie straniere”. Come dire tra le righe che Renzi, ponendo al centro del chiarimento a Roma i temi del Recovery plan, ha volontariamente o magari solo incautamente acceso i riflettori delle cancellerie, cioè delle capitali dell’Unione, sul modo con cui il governo Pd-5S-LeU sta organizzando i progetti italiani per spese e investimenti. Si preferiva forse che l’iter fosse avvolto nella nebbia? Sarebbe strano, eppure è ciò che suggerisce l’uso dei termini “attirare l’attenzione”.

        Sta di fatto che le cancellerie non avevano bisogno di Renzi per essere inquiete. Semmai è stato Renzi ad aver captato l’atmosfera in Europa, tentando di ricavarne un vantaggio politico. Il premier Conte non può non saperlo. Avrà letto qualche settimana fa l’intervista del commissario Gentiloni a Repubblica e prima ancora avrà senza dubbio saputo della visita romana del ministro del Tesoro francese, Le Maire. Né l’uno né l’altro hanno avuto bisogno di Renzi per esprimere la loro preoccupazione che è la stessa del governo di Angela Merkel, basta saper leggere i segnali. Naturalmente si può discutere sull’opportunità di aprire una crisi di governo per migliorare la versione italiana del Recovery, ma il tema del rapporto con l’Unione e dell’impiego dei fondi esiste e continuerà a esistere nei prossimi mesi. Anche perché il corretto utilizzo di quelle risorse (investimenti, modernizzazione, niente sprechi o spese clientelari) esigerebbe un complesso di riforme di cui al momento non si vede traccia, nonostante le consuete promesse del presidente del Consiglio.

        Qui è lo snodo della crisi, al di là della retorica parlamentare. L’attenzione della Commissione e delle capitali che contano sarà più che mai rivolta a Roma, e non certo per le manovre renziane. Da domani, superato in qualche modo l’ostacolo del Senato, il sentiero su cui si muoverà Conte sarà per forza di cose più stretto e precario. Il che pone qualche problema al Pd, come si è capito dall’intervento in aula, non privo di dubbi, del rappresentante di Zingaretti, Michele Bordo. Può darsi che più avanti riesca l’operazione impossibile oggi, ossia creare un gruppo vero e proprio, strutturato come un partito, di “responsabili per Conte”. Ma è più facile a dirsi che a farsi. Al momento il premier deve accontentarsi di qualche voto sparso. Troppo poco per governare con sicurezza. E anche troppo poco per immaginare tra qualche tempo una trattativa sul prossimo presidente della Repubblica alla quale il centrosinistra possa presentarsi con solide carte in mano. Eppure tutti sono consapevoli che sullo sfondo della strana crisi c’è anche l’avvio di una strategia per il Quirinale.”

        Stefano Folli

        "Mi piace"

      • No, non lo è .
        E’molto peggio.
        NESSUNO stato ad oggi lo ha chiesto.Tutti sciocchi?
        Solo noi saremmo i “dritti”a chiederlo? L ‘Italia si finanzia già sul mercato , non ne ha bisogno, perche quella linea di credito e’ per chi non può finanziarsi altrimenti .
        Ma poiché i fondi del Mes sarebbero spesi dalle regioni in quanto gestori delle spese sanitarie, ecco il perché del martellamento .Sono in crisi di astinenza da soldi !E non posso dire tutto.
        Poi la Troika ci comprerebbe per un’insalata i porti e ogni asset proficuo come per la
        Grecia .E nemmeno qui posso dire tutto quello che penso su chi spinge per questo cappio, che privv BBCzbilmente sarà ben ricompensato . Lei pensa davvero che basti una cartuccella firmata da Gentiloni e da quell’ altro per buttare nel cestino un trattato internazionale ?
        Si legga L articolo sul blog appena apparso in merito .
        Cordialità

        Piace a 3 people

      • Il Mes non lo vuole nessuno, punto.
        Come il Tav è una monumentale str..zata che piace solo ai gonzi, oltre a quelli che ci mangiano.

        Leggi, studia e ragiona (se ne sei capace) prima di scrivere, così eviti brutte figure.
        O sei il marito della Gazzelloni?😆

        Piace a 2 people

      • @Federico C
        Lei non si smentisce mai!
        Straparla accusando di fare disinformazione chi invece è sempre molto ben documentato
        e argomenta ciò che scrive, mentre Lei, non avendo uno straccio di argomento, scrive
        solenni castronerie del tipo: “Il Mes non è più quello di prima”
        Davvero? Ci dica Lei che “legge, scrive, ragiona” (ma poi non capisce un cazzo!) quando,
        come e da chi sono stati cambiati gli articoli del trattato che regola il MES.
        La informo che “le temporanee sospensioni di alcune clausole del MES a causa pandemia”
        NON SONO cambiamenti… ha letto bene? ha capito?
        Temo di no… e non mi sento neanche di invitarLa a “leggere, studiare, ragionare” perché,
        nel suo caso, sarebbe un’evidente perdita di tempo.

        Piace a 1 persona

      • @Maristella, CFPaolo, giannisimonati, Lorenzo e numerosi altri
        “Durante la pandemia l’idea è stata quella di dirottare il denaro a disposizione del Mes per erogare prestiti destinati ad interventi tesi a migliorare i sistemi sanitari. Questi finanziamenti verrebbero erogati senza condizionalità, ossia non vengono chieste in cambio riforme o interventi di politica fiscale, e a tassi di interesse che, per alcuni paesi risultano vantaggiosi rispetto ai prestiti contratti direttamente sui mercati emettendo titoli di Stato. Per un paese come l’Italia il risparmio sarebbe tra i 200 e i 300 milioni di euro l’anno, su una spesa per interessi complessiva di circa 60 miliardi. Una convenienza troppo modesta per vincere i timori con cui, legittimamente, gli stati europei guardano al Mes”.
        Se si discute in questi termini ne possiamo pure parlare serenamente, e la mia disponibilità all’ascolto è totale. Se si scrivono pezzi ideologici, faziosi, mettendo in mezzo Grecia, cappi, troike, titolando: Ma perché vogliono tanto il MES?, con il tono di chi la sa lunga e impartisce verità assolute, no.
        Se poi la parola “cretina” ha offeso la sensibilità di qualcuno, me ne dispiaccio.
        Un saluto

        Piace a 1 persona

      • Dovresti studiare tu piuttosto che invitare altri a farlo. Il MES e’ il principio della fine. Tutto il resto è malafede e/o crassa ignoranza.

        "Mi piace"

  6. CATERINA GRITTANI.

    Meloni: “MI SONO VERGOGNATA
    PER LEI, AVVOCATO CONTE.
    L’ ITALIA HA BISOGNO DI UNA
    CLASSE POLITICA ALL’ALTEZZA”

    Vediamo cosa ha votato GIORGIA
    Ricordando che la classe politica della Meloni negli anni più bui, cioè dal 2008 al 2011, ha partorito il CRAC ITALIA con:
    📌495000 AZIENDE FALLITE,
    📌SPREAD A 560
    📌LE SPA PERDONO 900 MILIARDI IN 15 GIORNI
    📌L’ITALIA DICHIARATA INSOLVENTE, AL GOVERNO C’ERANO FI-LEGA-FDI
    📌NESSUNO E’ STATO RIMBORSATO
    Per non parlare di tutto ciò che la sua classe politica e lei, in primis, Giorgia ha votato:
    📌MES 2011
    📌Taglio scuola 8 miliardi
    📌Legge Fornero
    📌Prescrizione, salva Berlusconi
    📌Lodo Alfano, impunità ai parlamentari
    📌taglio1 miliardo università
    📌Scudo fiscale per il falso in bilancio
    📌Legge Bavaglio sulle intercettazioni
    📌Svuota carceri per 7000 detenuti
    📌Trattato di Dublino immigrati Italia
    📌Voto contro taglio pensioni d’oro
    📌caso Ruby
    E quell’”Avvocato” piuttosto che Presidente, rivolta a Conte, nella sua dichiarazione di voto, usato in senso dispregiativo, senza rispetto, completa la sua qualifica.

    Piace a 4 people

  7. Molinari (lega) accusa il M5S e Conte di “aver approvato il MES” contro i loro principi iniziali mentre Renzi ha fatto dimettere le ministre proprio perché Conte non vuole il MES. Una massa di idioti

    Piace a 4 people

  8. Davvero…Travaglio Fido Coniglio ha ragione quando evocando costruttori di altra stagione (curiosamente tutti provenienti dall’Italia dei Valori ed io che adeii ad una associazione che doveva supportare Di Pietro so bene come ragionava Di Pietro per le candidature…Proprio come un Mastella qualunque mirava sempre al nome del “pdestà”, del farmacista, del primario per candidarlo alle elezioni! In perfetta antitesi antigrillina dell’uno vale uno non gliene poteva fregà de meno) spiega che erer più pulito c’ha la rogna! perfino Scampi ieri è rimasto muto quando volendo giustificare i costruttori pro Conte è stato zittito da Sallusti che gli ricordava come per loro fanno schifo solo chi accorre per salvare governi di altro segno…Ma perché chiamarli conigli questi se nn per il nullo coraggio che dimostrano anche solo per difendere lke loro ragioni? Dipendesse perché come la pelle di una certa parte del corpo anche uelle vanno là dove le porta il cuore?

    "Mi piace"

  9. Ecchepalle poi ‘sta sindrome de li mejo fichi! Quella per ui Ricolfi srisse “Perché siamo antipatici: la sinistra e la sindrome dei migliori”! Ma chiedersi come mai certi governi da Prodi a D’Alema a Conte si tengono con lo sputo e devono correre in soccorso gli ultranovantenni dei senatori a vita per supportarli non vi fa mai venire qualche dubbio per caso? In democrazia dovrebbe funzionare cosi’! Chi non ha consenso e quindi voti NON governa no che deve governare per forza per disposuizione divina perché sono stati baciati dagli dei!! La pretesa di scegliersi la destra che più vi aggrada ruitenendo scontato che i vostri sianmo i migliori! Cosi’ Conte con tutte le stronzate che ha fatto, l’accentramento di tutto, il farsi consigliare da un buffone! Tutto questo non esiste solo perché è stata piazzata una sdale di Travaglio alla Presidenza ENI e perhé grazie ad una delle sue legi c’h rimediato un pretito di favore! Ma mica s’è fattto copmprare Travaglio Fido Coniglio! Poer carità non sta bene… Ma che schifo! Trattare poi gli italiai che proprio per queste decennali mistiicazioni NON LI VOTANO come poveri deficienti che non capiscono è davvero indegno da parte di chi come suo ruolo dovrebbe sempre fare le scarpe a chi governa non certo a chi si oppone!

    "Mi piace"

  10. Che, poi, non è che siete ‘ste cime! IL FATTO campa a stento e deve sponsorizzarsi sia il giornale che il suo direttore manco si trattasse di venditori di pentole (consiglierei Mastrota nessuno è migliore nel vendere materassi pentole e…giornali…). Ieri Gomez (dal sorriso a tic che si spegne subito il che denota che non è emozionale ma a tic e bisogna diffidare sempre di chi ha certi tic paranoici, come i D’Alema, (ricordate il Fu fu?), i Bersani dalla smorfia demoniaca al Gomez dalla smorfia a riso spento…Ieri se n’è uscito cone questa acuta osservazione giornalistica (copiata da D’Alema): se un leader ha tanto successpo eppoi se ne va la gente si chiede se c’+è qualcosa che non va! Azz che editoriale! E bisognerebbe comprare il FATTO per ‘ste cazzatelle?!

    "Mi piace"

  11. Oggi non perdetevi Conte al senato.Credo che ci sarà da divertirsi.Non riesco a immaginarei Conte che non reagisca davanti alla descrizione che ne fa il lupo,Renzi ,che accusa,Conte, agnello,di inquinarli l’acqua mentre sta a valle del fiume.Pensate che Conte accetterà tutto senza reagire?se fosse cosi è meglio che se ne vada a casa per il suo bene.Io mi auguro che oggi ridicolizzi Renzi ne va della sua ma anche della.nostra dignità di cittadini onesti stufi di questi lupi affamati di sangue di innocenti

    Piace a 1 persona

  12. E meno male! Ci voleva Gaia Tortora con Arditti e Velardi per dire qualche verità su quanto di anomalo successo negli ultimi dieci anni! Un PD che ha sempre governato, pur non essendo stato votato da nessuno per farlo! Che ha registrato ed alternato tre Presidenti del Consiglio tutti nati dalle loro faide, che è partito di potereda decenni e chge sta in tutti i gangli del potere, perfino con un D’Alema che in questo governo ha una certa rilevanza Ed è davvero incredibile che il pMoviento che doveva rappresentare il nuovo si sia affidato per interposto presidente del consiglio da loro voluto abbia resuscitato quelli che per esempio Toninelli in Parlamento aveva accusato di averregalato Aurtostrade ai Benetton! Uno schifo assoluto altro che nuovo…Peraltro davvero inquietante che rispetto alla telefonata di Mastella rivelata da Calenda sulla intenzione da parte del PD di far fuori la sindaca Raggi NESSUNO, neanche il nostro prode Travaglio Fido Coniglio né tantomeno i vertici del Movimeto da Grillo a Di Maio che sono stati accusati di averla lasciata completamente sola (aa parte Grillo) abbia profferito parola!!

    "Mi piace"

  13. Povero Federico C
    Non è cambiata ‘nessuna’ delle condizionalità del MES. ‘Nessuna’. Da chi ti sei fatto abbindolare per dire le tue fesserie? E infatti il Mes è cambiato a tal punto che nessuno dei Paesi europei ne vuole anche solo sentir parlare!
    Ti ha convinto Renzi? quello che lo chiamano ‘la bocca della verità’??
    Copio” Il problema è che la riforma che gli stati europei si apprestano a varare e che sta generando aspre tensioni politiche all’interno della maggioranza di governo, cambia poco le cose, anzi forse persino le peggiora. E’ una riforma che è stata pensata, ed era già pronta, prima dello scoppio della pandemia e che oggi risulta quindi vecchia ancora prima di vedere la luce.”

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/11/26/il-mes-e-la-riforma-che-non-serve-a-niente-jaques-delors-centre-il-fondo-devessere-completamente-ripensato/6016486/

    Piace a 1 persona

  14. Rosato che propone di alzare gli stipendi dei deputati (mentre Renzi lamenta di soldi mal spesi), mentre le aziende chiudono, a quale istinto si appellerà, che si possa e debba tradurre in un rinvigorito senso di patriottismo squisitamente renziano? La campagna acquisti della Lega, in quale mondo renderebbe un deputato qualcosa di diverso da un voltagabbana? Le ministre segnaposto che riprendono vita come i giocattoli di toy story, quando il bambino Renzi esce dalla stanza, come possono spiegare l’aver sottovalutato l’immondo testo del recovery, dopo aver partecipato alle riunioni senza proferir parola? Conte è causa della crisi e la crisi non è causata da Renzi, come spiegare al paese e al mondo questo paradosso dell’informazione italiana? Ci sono diverse risposte, ma in due parole si può riassumere il tutto in menzogna ed ipocrisia. Se l’ipocrisia fosse un vaccino, raggiungeremmo l’immunità di gregge grazie a chi non fa che tramutare cittadini in pecore, a forza di idiozie inoculate come il piano recovery, migliorato grazie ad uno che ci ha indebitato per un aereo che nessuno voleva. Peccato che sull’acquisto dell’aereo indagava la Corte dei Conti, invece sul piano recovery indaga un rancoroso senatore che vaneggia della corte del Conte, dimenticando di aver governato in qualità di premier e aver fatto sul serio e anche peggio, tutto quello che addebita all’odiato Conte. Poi se qualcuno avesse il buon gusto di dire che se esiste un piano recovery, migliorabile o meno, è perché qualcuno ha ottenuto i fondi del recovery e che quel qualcuno è lo stesso che si vuole accompagnare alla porta…
    Ma sì, tutti fenomeni e allenatori del giorno dopo, queste sono le qualità (a quanto pare) di un leader servizievole.
    Non è importante la mossa del cavallo in fondo, quanto la parte da cui è girato, quando la mossa compie.

    "Mi piace"

    • Gatto, dall’alto della tua cultura, cerchi sempre zizzania, come fai ad appoggiare federico c.? Ha scritto una sonora minchiata, invece di chiedere scusa a viviana v., le da della cretina ed intervieni tu ad appoggiarlo. Dai , te hai del tempo da perdere e ti piace il sale, saluti
      Come fai gatto a difendere Federico c., dicendo che è dura fare li più intelligente in un covo di geni. Io sono zero, ma su infosannio poco più sotto c’è un articolo sul mes di tale stefano rossi, che non so chi sia, la sua tesi è firmata da tantissime personalità, nessuno che smentisce e tu intervieni qui per appoggiare tal Federico c.
      Vuoi proprio animare la giornata. Saluti

      "Mi piace"

  15. Se il governo oggi va sotto,voglio guardare la faccia dei renziani per scrutare la loro felicità. E già! Uno pensa che avendo fatto tutto questo casino per farlo cadere,ragiunta la meta, debbano esserne massimamente soddisfatti. Invece ,dentro di loro, aleggiano forti timori per il proprio futuro e per il proprio seggio,il che renderà la propria possibile vittoria molto amara, peggio di quella di Pirro.

    Piace a 1 persona

  16. Già infatti lo chiamo Zelig…Se si vivesse in un paese normale uno come questo sarebbe l’idiota di paese di cui si ride, invece un presunto giornalista che si è fatto passare per integgggerrrrimo per decenni se ne è fatto zerbino per chiare convenienze di parte, anche economiche….19 GEN 2021 09:40
    “CONTE SI FA CONCAVO E CONVESSO, SI PORTA SU TUTTO. È COME IL BEIGE. NON STONA, NON LO NOTI” – CONCITA DE GREGORIO FA LA PERIZIA PSICHIATRICA A “GIUSEPPI”: “PUÒ STARE AL FIANCO DI SALVINI O DI DI MAIO, DI TRUMP, DI BIDEN, DI MASTELLA. È COME I GATTI CHE STANNO CON CHI GLI DÀ DA MANGIARE MA NON SI AFFEZIONANO A NESSUNO. È COME I BAMBINI CHE TENDONO LA MANO SENZA GUARDARE CHI LI RIPORTA A CASA. DOMESTICO MA INACCESSIBILE. È DUTTILE, CONVIENE AGLI INVITATI. L’ALTERNATIVA, ANCHE PER IL COLLE, È CATASTROFICA. BEIGE IS THE NEW BLACK. THE NEW RED. È LO STESSO, ORA CHE LA SINISTRA NON C’È”

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/quot-conte-si-fa-concavo-convesso-si-porta-tutto-come-258465.htm

    "Mi piace"

      • Su, non facciamo i sessisti. La sciora Bruna è libera di sparare tutte le boiate che vuole, tu non lo sei di insultarla.

        "Mi piace"

      • Pirgopolinice…

        1) Non ho insultato nessuno, ritenta;

        2) Scrivo quello che mi pare.

        Il maestrino saccente lo fai a casa tua. Và a ciapà i ratt!

        "Mi piace"

  17. Nauseabondo Conte al Senato! L’ennesimo elenco di “dobbiamo”! Ma non si rende conto del ridicolo?!

    "Mi piace"

    • Nulla al confronto dell’ennesimo elenco di putt…te di Bruna Gazzelloni.🤥🤫
      A differenza di Conte tu vivi da sola, quindi nessuno ti fa notare quanto sei ridicola.😌

      Piace a 1 persona

  18. 19 GEN 2021 12:07
    I CIALTRONI DEL PIANO PANDEMICO – SECONDO LA PROCURA DI BERGAMO LE MISURE DELL’ITALIA PER CONTRASTARE UNA POSSIBILE EPIDEMIA ERANO FERME AL 2006 – EPPURE L’OMS SI ERA RACCOMANDATA DI AGGIORNARLE NEL 2009, NEL 2013 E NEL 2018: NOI ABBIAMO PREFERITO UN MALDESTRO COPIA INCOLLA DELLE LINEE GUIDA CHE POI NON ABBIAMO NEMMENO APPLICATO – QUANTE VITE SI SAREBBERO POTUTE SALVARE CON MAGGIORE PREPARAZIONE?

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/cialtroni-piano-pandemico-secondo-procura-bergamo-misure-258479.htm

    "Mi piace"

  19. 19 GEN 2021 10:55
    RECOVERY CONTE! – IL PREMIER RIVENDICA IN PARLAMENTO IL RUOLO “PROPULSIVO” DELL’ITALIA PER LA SVOLTA EUROPEA DEL PIANO “NEXT GENERATION EU”, MA INTANTO GENTILONI BACCHETTA IL PIANO ITALIANO: “È IN LINEA CON LE POLITICHE E GLI OBIETTIVI GENERALI UE MA NECESSITA DISCUSSIONI E UN RAFFORZAMENTO” – IL PRESIDENTE DELL’EUROGRUPPO: “SERVONO MISURE DI LUNGO RESPIRO” – L’EUROPA NON SI FIDA DELL’EX POPULISTA CONTE E TEME CHE I 209 MILIARDI FINISCANO NEL CESSO…

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/recovery-conte-ndash-premier-rivendica-parlamento-ruolo-258472.htm

    "Mi piace"

  20. 19 GEN 2021 12:38
    CONTE, I CONTI NON TORNANO – DOPO I MAL DI PANCIA DEI 5 STELLE PER IL PREMIER ARRIVANO LE LAGNE DEL PD: “IL SENTIERO E’ STRETTISSIMO, NON E’ CHE POSSIAMO ACCETTARE DI TUTTO” – LO SCHIAVO DI CASALINO E’ STATO COSTRETTO AD ACCOGLIERE TUTTE LE RICHIESTE FATTE PER MANO DI RENZI, E’ STATO USATO DA ZINGA E POI SCARICATO. MA AL NAZARENO NON BASTA: DAVANTI AI NUMERI DEL SENATO INCALZANO IL PREMIER, PER DEPOTENZIARLO…

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/conte-conti-non-tornano-dopo-mal-pancia-stelle-258463.htm

    "Mi piace"

  21. 19 GEN 2021 09:33
    GRILLINI AL VELENO – HANNO ESPULSO TIZIANA DRAGO, LELLO CIAMPOLILLO, MARIO GIARRUSSO PER LE MANCATE RESTITUZIONI E LE CRITICHE AL MOVIMENTO E ORA SE LI RIVEDONO RIENTRARE IN MAGGIORANZA, CHIEDENDO GARANZIE SULLA NASCITA DEL PARTITO DI CONTE E SU UNA RICANDIDATURA QUANDO SI FINIRÀ AL VOTO: “MA COME? NOI NON POSSIAMO NEANCHE CHIEDERE UN ALTRO MANDATO E QUESTI SI FANNO ASSICURARE LA CANDIDATURA? MA CHE SCHIFO È?”

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/grillini-veleno-hanno-espulso-tiziana-drago-lello-ciampolillo-mario-258461.htm

    "Mi piace"

  22. Pengue: ho un sospetto. Ma tu ci odi?
    Se sì ti prego diccelo, se no vorrei segnalare sommessamente (come la Meloni, lei segnala sempre e solo sommessamente, mai, dico mai sguaiatamente) che la gazzella è in una fase di bulimia molto acuta, non credo la si possa aiutare.

    Piace a 1 persona

  23. Bruna gazzelloni, ho capito, conte e i5s sono un disastro
    Perché da oggi non facciamo un altro gioco?
    Noi raccontiamo la nostra visione e tu e alcuni altri la vostra. Iniziamo:
    Conte ha eleganza, educazione, cultura, temperamento calmo, non si arrabbia, fisicamente stoico, accetta il dialogo,
    I 5s sono persone perbene oneste, silenziose dedite al fare no a parlare, hanno buon senso, ingenui quel tanto che l’umiltà ti concede essendo la prima esperienza politica importante, hanno il vincolo dei 2 mandati, che dal mio punto di vista va letto in questo modo
    A) selezione dei migliori, questi rimangono a vita finché lo vogliono, a discapito dei 2 mandati
    B) voler fare ( che non vuol dire attaccati alla poltrona) ma obbligo di cercare di realizzare il programma elettorale.
    Credo che in 2 anni e mezzo non ne hanno sbagliata una, gestendo i problemi prima con savini, poi con renzi/ zingaretti/ bersani
    La tua quale è : accetto le critiche, la mia visione è sbagliata.
    Fontana /gallera? Zaia? La meloni con alemanno e i casamonica?
    Mi sfugge altro?
    Perché non racconti la tua/ vostra visione della politica?
    Come risolvi il problema salute e mantieni i conti al loro posto?
    Grazie per i suggerimenti
    Saluti

    "Mi piace"

  24. Questa ritardata mentale di bruna gazzelloni ha subito oltre che il licenziamento dall’ENEL (plauso) anche l’asportazione di un tumore.
    Cercate di capirla, oltre all’astio verso il mondo per essere stata licenziata ha subito pure una lobotomizzazione ( quest’ultima è una deduzione mia, a giudicare da quel che scrive e come lo scrive)… voi che fareste?
    Individuate un colpevole (piu di uno pare) e poi giù a capofitto finchè morte non sopraggiunga.
    Brunetta, vai a cacare, cerca uno psichiatra o un esorcista e sparisci dal mondo, oltre che da questo blog.
    non ti si incula nessuno, fai piu che altro schifo a tutti noi, voglio dire…ammazzati.

    "Mi piace"

  25. Federico c
    Dunque quando qualcuno ti dice che hai torto, tu, invece di presentare le tue tesi e dimostrargli le tue ragioni gli dai del cretino??
    Accidento che classe! E che intelligenza soprattutto?’ E con questo stile dove ti credi di andare?
    La riforma del MES prevede l’introduzione del backstop comune (un paracadute finanziario) nel Fondo di risoluzione per le banche, alimentato con contributi annuali del settore bancario, anticipandolo al 2022 (doveva essere il 2024). Il common backstop entra in gioco, se le risorse del Fondo di risoluzione non sono sufficienti, con i fondi del Mes in caso di dissesto di un istituto bancario per garantirne l’operatività e scoraggiare le speculazioni.
    Mi dici che cosa ci guadagna lo Stato che lo chiede?
    Immagino che come risposta mi darai della cretina.
    Suppongo che con queste capacità di razionalizzazione non avrai combinato molto nella vita e che prima o poi qualcuno ti risponderà col tuo stesso aplomb tirandoti un pugno sul naso, che poi, forse, è l’unico linguaggio che capisci.

    "Mi piace"

  26. Condivido quanto dice Travaglio salvo quando vorrebbe, su suggerimento di Zagrebelsky, una norma costituzionale che preveda “la decadenza del parlamentare che cambia (legittimamente) schieramento, per farla finita col tradimento della volontà popolare”.
    Il deplorevole fenomeno del cambio di casacca, quasi sconosciuto al tempo della prima repubblica, esiste da quando sono i partiti a decidere chi entra in Parlamento e non gli elettori. Per cui l’eletto sente di dover rendere conto del proprio operato esclusivamente a chi gli ha dato la poltrona o gliela potrà dare.
    Questo, oltre che la negazione della democrazia fondata sulla sovranità popolare (art.1 Cost.), è il trionfo della partitocrazia, ossia di una sorta di vera e propria oligarchia (governo di pochi).
    Il passo da qui alla dittatura vera e propria è breve, perché, se il popolo non si sente più rappresentato e disprezza chi in realtà dovrebbe rappresentarlo, ossia il Parlamento (come dimostra l’astensione crescente dal voto), sarà sempre più tentato di affidare i pieni poteri a uno solo, al cosiddetto “uomo della provvidenza” che metta finalmente a posto le cose in nome del popolo. Ricordatevi in proposito che tutte le dittature si sono sempre appoggiate ad una forte base popolare (non necessariamente maggioritaria) e non si conosce il caso di una dittatura durevole piovuta dal cielo o comunque imposta dall’esterno.
    Si torni quindi alla preferenza (una sola, per i ben noti motivi) e si faccia in modo che gli elettori conoscano i candidati, aumentando il numero dei collegi, riducendone le dimensioni e consentendo la candidatura in un solo collegio. Per favorire la governabilità, si riduca la frammentazione ponendo una seria soglia di sbarramento quale potrebbe essere quella del 5% di cui già si parla.
    In alternativa, andrebbe anche bene il sistema maggioritario uninominale di collegio, già sperimentato con la legge Mattarella del 1993. Però quel sistema portava già in sé i germi dello scempio di democrazia venuto dopo, perché, per assicurare l’ingresso in Parlamento ai big dei partiti, prevedeva un 25% di eletti con sistema proporzionale ma su lista bloccata. Un referendum popolare per abrogare questa parte della legge mancò il quorum per poche migliaia di voti, così come avevano voluto tutti i partiti uniti eccetto i promotori (Radicali e Italia dei Valori). Sebbene più del 90% dei votanti si fosse espressa per l’abrogazione, la partitocrazia se ne fece un baffo, finché nel 2005 il governo Berlusconi pensò bene di estendere dal 25 al 100% i parlamentari eletti su lista bloccata, con quella legge oscena definita “una porcata” dal suo stesso estensore, Roberto Calderoli. A quella vergogna seguì il cosiddetto “Italicum” di Renzi, mai adoperato in quanto demolito dalla Corte Costituzionale, quindi la legge Rosati vigente, che non è stata dichiarata incostituzionale sol perché nessuno ha ancora voluto impugnarla innanzi alla Consulta. Tutte leggi ispirate allo stesso principio della nomina o cooptazione che dir si voglia, anziché al principio costituzionale della sovranità popolare e quindi della scelta da parte dell’elettore di chi debba rappresentarlo. Leggi altresì dettate unicamente dall’intento di favorire una parte politica a scapito dei suoi avversari. Come nel caso del “Rosatellum”, voluto da PD, FI e Lega per arginare la crescita del M5S.

    "Mi piace"

  27. È vero che Bagnai deve solo ringraziare che ieri ha parlato Borghi e lui può tranquillamente passare per statista, ma questo sta leggendo la poesia dell’ossigeno e carbonio.

    Vasco Errani del mio cuore, uno e trino!

    "Mi piace"

  28. Tanto con questi ci si sono alleati…Alro che il masochsmo orghasmico cu si riferisce Travaglio Coniglio Riferito a tutti quelli che elogiano Renzi…I grillini sono stati sistematicamente insultati dal PD ed oggi ci governano allegramente insiemee! Fruste, maanettee ed altri utili artifici del sadomaso a questi je faanno una pippa!
    19 GEN 2021 11:37
    “OGGI LA NOSTRA È UNA REPUBBLICA SENZA PARTITI CHE RISCHIA DI COLLASSARE” – INTERVISTATO DA MIRELLA SERRI A GIUGNO, EMANUELE MACALUSO TUONAVA CONTRO I GRILLINI E CONTE, CHE OGGI LO HA RICORDATO AL SENATO: “IL PREMIER È ABILE MA NON HA ALLE SPALLE L’APPRENDISTATO POLITICO. OGGI È ASSENTE LA CAPACITÀ DI INSIEME E DI SINTESI PROPRIA DI PERSONAGGI COME AMENDOLA” – “IL MOVIMENTO 5 STELLE È ALLO SBANDO, I GRILLINI SONO SPAPPOLATI. SI ANNUNCIANO MESI BUI. ALLA PANDEMIA SI È AGGIUNTA LA CRISI ECONOMICA E SONO NERE LE PREVISIONI DI CRESCITA…”

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-oggi-nostra-repubblica-senza-partiti-che-rischia-258480.htm

    "Mi piace"

    • “Paragone, fondatore e unico esponente di Italexit, prefigura un futuro tipo Germania orientale nei giorni più cupi: «Userete i servizi segreti contro i liberi parlamentari!»”

      Peccato che per dare la fiducia al Governo, si è dovuto salvare lo scranno di questo figuro, eh brunella?

      "Mi piace"