Uno più Matteo dell’altro

(Giuseppe Di Maio) – Sebbene molti si facciano ancora prendere in giro, il teatro della politica mette in scena films già visti, soliti raggiri, solite panzane. Persino il nostro celebrato estro nazionale non è più capace di artifici nuovi. Quelli che siamo costretti a subire, sono edulcorati, distorti da una stampa serva, sempre pronta a generare realtà inesistenti. Sfortunatamente la politica non è un consesso impersonale, ma è il collettore di molteplici condizioni umane: sociali, morali, psicologiche. Del Parlamento potremmo descrivere la sua composizione economica, civile, e… sanitaria. Potremmo descrivere il tipo psichico prevalente, e la persistenza di un tipo morale, di un tipo spirituale. E in questo momento, al cospetto di morbi endemici, per i politici auspichiamo che venga presto il tempo di affiancare ai certificati di sana e robusta costituzione (già previsti per i dipendenti pubblici), quelli di salute mentale e di assenza d’uso di stupefacenti. Agli elettori resterà solo (si fa per dire) il vaglio delle qualità morali e amministrative dei candidati, cosa di per sé già oltremodo ardua.

Emergere e durare sulla scena pubblica forse non è un’attività naturale, e può essere che coloro che sono investiti dell’incarico soffrano di qualche turba della personalità, che però lascia inalterati lo scilinguagnolo e la faccia tosta. La capacità di proporsi al pubblico difatti non è garanzia di salute mentale. Molti illustri politici del passato hanno riempito pagine di letteratura psichiatrica, ma solo dopo esser passati a miglior vita. Noi che siamo intrepidi, proviamo a riempire in vita se non proprio i testi di patologia, almeno una pagina del diario recente di due campioni nostrani. Tutto cominciò, manco a dirlo, il giorno successivo al 4 marzo 2018.

Allora, con la vittoria schiacciante di un partito nuovo, il centrodestra dalle ambizioni di prima forza, la tentazione diffusa di inciucio, e in cui nessuno voleva legittimare la vittoria dei 5 stelle, era esattamente stallo come ora. Ma ad un tipo psicologico a cui non fa vergogna scambiare un partito regionale per uno nazionale, dimenticare gli insulti e il razzismo verso una parte della popolazione, aizzarla contro un falso nemico esterno, istigarla contro la legge e l’ordine per garantirle legge e ordine, venne in mente di allearsi con i vincitori. Se uno è ladro, pensa di rubare. E Salvini pensò di rubare i voti al Movimento. Difatti passammo un anno e mezzo tra le ingiurie e le frottole della Lega. Poi, venne il giorno di tirare le reti. E se uno è un cretino, se si fa prendere in giro da un altro con la sua stessa patologia, se crede di poter trasformare da una spiaggia i sondaggi in potere reale solo confidando che il popolo italiano non capisce un tubo dei suoi maneggi, allora è un folle che non ha il sentimento della realtà.

Ma proprio grazie alle sue infermità, ce lo siamo tolto dai maroni. A quel punto, l’isolato e invidioso del PD volle fare di meglio. Costruì un governo, realizzò con transfughi un altro partito, e dall’interno della maggioranza e del governo cominciò a minacciare per rendersi visibile. Fino a quando non ha esagerato. E due! Fuori dalle palle anche Renzi. E a lui morbi e idiozie non ne mancano: disprezzo del bene comune, incapacità morale, impareggiabile autogollista. Entrambi i Mattei hanno voluto approfittare dei voti degli altri; tutti e due si sono attaccati alla responsabilità e agli impegni che altri avevano assunto di fronte al popolo italiano; l’uno e l’altro dopo essersi sfilati vogliono rientrare a tutti i costi. Se non è follia questa, ditemi voi cos’è. State attenti quando vi parlano di maggioranza numerica e non politica, perché di certi programmi politici l’Italia ne fa volentieri a meno.

Al contrario, la salute mentale e il bene comune continuano ad esprimersi attraverso il silenzio e la saldezza di un uomo normale, cioè sano, che ad ogni vorticare di pantano ha risposto con la parlamentarizzazione delle crisi, e la pacatezza della ragione.

22 replies

  1. ho superato da un bel po’ gli ……anta. La mia collocazione politica mi è chiara, ché vengo da una famiglia antifascista. Nel corso della mia vita, i politici di spicco che hanno governato più a lungo sono stati: andreotti, craxi, berlusconi e prodi. Tre delinquenti acclarati, due passati in giudicato e uno prescritto. e un imbecille. Poi come per magia, inaspettato è apparso ilM5S con Giuseppe Conte, una persona per bene.
    Mi appello ai miei connazionali perché mi risparmino l’angoscia di dover subire anche un governo meloni-salvini.
    Un grazie a chi contribuirà a risparmiarmi e risparmiarci lo schifo!

    Piace a 3 people

    • Caro amico Mannaro, purtroppo grazie alla idiozia degli italiani, altrimenti perché ancora abbiamo soggetti da 20/30 anni in politica ininterrottamente con tante malefatte combinate, la nipote di MOUBARAK, leggi vergogna, la legge Fornero, depenalizzazione del falso in bilancio, baciamano e bombardamenti sulla Libia, abolizione articolo 18, Jobs act, e possiamo continuare per paginate intere, dicevo che grazie agli italiani anche questa volta avremo la Meloni, Salvini, Berlusconi al governo. E tutto quello che ha fatto il movimento 5stella, dico tutto, andrà cancellato. Perché in Italia i ladroni hanno sempre vinto. Spero di sbagliarmi, ma l’andamento di questa seconda crisi ha la stessa prassi della prima al Papeete, per cui c’è poco da sperarci. Saluti, sig. Mannaro, e auguri a tutti noi.

      "Mi piace"

    • Mannaro,
      Poiché tu stesso dici di aver superato gli anta e poiché non credo che il medico ti abbia consigliato di occuparti di politica, che ne dici della settimana enigmistica? Ma solo perché i cantieri al momento sono difficili da raggiungere.

      Prodi un imbecille e il movimento che è apparso con Conte?

      Mi vien da risponderti delle robe e apostrofarti in un modo, che so solo io…

      "Mi piace"

      • Cara Paola, Prodi ha fatto all’Italia più danni di Berlusconi svendendo la Lira, perché ormai è acclarato che il cambio non doveva essere 1 Euro = 2000 Lire ma 1 Euro = 1000 Lire o anche meno. Fatti due conti e vedi quanti miliardi c’abbiamo rimesso grazie a, confermo, quell’imbecille!

        Piace a 2 people

      • Ah se lo confermi, allora sarà così. Strano che le vostre analisi siano un po’ quelle che fa Borghi per spiegare al suo elettorato l’economia. Sarà una coincidenza.

        Piace a 1 persona

      • @paolapci
        sai benissimo che non sono leghista, ma i numeri non mentono e sono validi per chiunque (naturalmente se non manipolati).

        "Mi piace"

      • @lucapas 15:32
        Egregio Lucapas, con molto rispetto, la storia del cambio sbagliato è un’IMMANE scioccaggine inventata dalla propaganda di B.
        Mi permetto di allegarle un articolo del 2016 de “Il Fatto Quotidiano” illuminante, in materia.

        https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/01/18/quelli-che-leuro-era-giusto-ma-il-cambio-era-sbagliato/2385235/

        Fu B. a chiudere nel marzo del 2002 gli Osservatori provinciali dei prezzi. I commercianti raddoppiarono subito i cartellini. In Francia, per dire, si sono mantenuti i prezzi sugli scontrini, per DIECI ANNI, in franchi ed euro.
        In ogni caso, basta dare un’occhiata ai giornali del dicembre 1998 per avere un’idea precisa e chiara di quella che era la situazione.
        Cordialità

        Piace a 3 people

      • @paolo
        il cambio sarà stato numericamente corretto, ma sicuramente errato considerando il vero valore della Lira. Per me una sciocchezza è credere che il mercato possa essere controllato. Da che mondo è mondo esso si regge sulla legge della domanda e dell’offerta e quindi si autoregola. E guarda caso in Italia lo ha fatto molto rapidamente con un raddoppio immediato del costo dei prodotti. I problemi di cui parla l’articolo linkato sono non problemi, perché anche nel caso in cui i prodotti italiani avessero avuto prezzi superiori, ci sarebbe subito stato un aggiustamento sui costi e sistemi di produzione. Il raddoppio è stato troppo uniforme e immediato per poter pensare ad una semplice furbata di commercianti e aziende.

        "Mi piace"

    • È arrivato l’ennesimo imbecille che fa quello che ne capisce, e spara le michiate “ai suoi connazionali”. Altre scemenze ce ne hai?
      Ecco vista la tua maleducazione ora vedrai come mitinculo io! Non avrai tregua.

      "Mi piace"

    • Mannaro, ci tengo a dirti che, nonostante la tua età, o forse per quello, hai dimenticato che il Governo Prodi I è stato uno dei migliori governi dei nostri tempi, con Bersani ministro “delle lenzuolate” di cui ancora beneficiamo tutti. Solo perché è l’unico che ha battuto per ben due volte Berlusconi, per me e per tutti noi Prodi dovrebbe essere un eroe.
      Inoltre, se avessi sentito come ha asfaltato Renzi, l’altra sera da Floris, ti saresti risparmiato quell’epiteto.
      Comunque, Mannaro, tranne rare persone giovani, credo che qui abbiamo tutti una certa età, chi più chi meno, quindi non puoi appellarti a quello, con una platea di coetanei che con infosannio hanno sostituito la supervisione dei cantieri. Se vieni da una famiglia antifascista, e non sei il solo, dovresti riconoscere chi è orientato a sinistra come te ed è sensibile a certi argomenti.
      Mi chiedo: che cosa hai votato, all’epoca, se eri giustamente contro Berlusconi? Come fai a mettere un governo di centrosinistra, quindi il relativo PDC, alla pari con uno di destra? Non vedi differenze? Non dirmi che ti sei fatto contagiare da chi lo definiva “mortadella” e, molto finemente, la mangiava in Parlamento…
      Se ti riferisci alla solita storia dell’euro, il link postato da Paolo Diamante risponde egregiamente.
      Se invece vogliamo ricordare le sue ultime scelte in materia di referendum, beh, un certo rimbambimento l’ho notato pure io, ma sai, in noi anziani è giustificabile…

      "Mi piace"

  2. Guardo poco il digitale e certe battute me le sono perse

    Da Gallera che è indietro nei vaccini e dice: “Cominciamo lunedì” e ha scambiato i vaccini con la dieta

    a Toti che dichiara: “Andiamo piano con i vaccini perché sennò ci finiscono prima che ne arrivino degli altri da Roma!”
    Commenta Propaganda live : è come per le nonne contadine che dicevano: “Non mangiate la pastasciutta tutti i giorni con la pommarola sennò ci finiscono i pomodori!”

    alla allucinante intervista della Maglie che difende gli insurrezionalisti che attaccano il Campidoglio come fossero eroi della libertà che osservano la Costituzione (ma chi l’ha sciolta questa?)

    alla battuta di Renzi che con le mani giunte si raccomanda: “Ragazzi, rispettiamo le forme democratiche!”

    e per finire l’intervista ‘muta’ molto imbarazzante sempre di Renzi

    che richiederebbe uno che fosse il contrario dell’interprete del linguaggio per i muti e traducesse le smorfie del muto in parole
    Ma dove l’abbiamo raccolto un simile coglione???
    Ma cos’è? destra e sinistra fanno a gara per scegliere il peggio che c’è????

    Poi ci sono i grulli che vogliono le elezioni!! Siamo in piena guerra, abbiamo bisogno di un governo con forti poteri che riesca a dominare l’emergenza e questi vogliono un governo dimezzato dimissionario che perde tempo per 3 o 4 mesi per le elezioni??????

    Piace a 1 persona

    • Viviana, giusto per non continuare a diffondere la fake di Renzi che tace imbarazzato: quello è un video costruito da Propaganda live.
      Lo fanno ogni settimana con personaggi diversi, usando vari spezzoni dei momenti “morti”.
      Non è Renzi che si imbarazza e tace, PURTROPPO.
      E quanto devono aver faticato a trovare parti del video in cui STAVA ZITTO, ne parliamo?
      Forse, ci sono riusciti giusto perché l’intervista era in inglese…

      "Mi piace"

  3. Caro amico Mannaro, purtroppo grazie alla idiozia degli italiani, altrimenti perché ancora abbiamo soggetti da 20/30 anni in politica ininterrottamente con tante malefatte combinate, la nipote di MOUBARAK, leggi vergogna, la legge Fornero, depenalizzazione del falso in bilancio, baciamano e bombardamenti sulla Libia, abolizione articolo 18, Jobs act, e possiamo continuare per paginate intere, dicevo che grazie agli italiani anche questa volta avremo la Meloni, Salvini, Berlusconi al governo. E tutto quello che ha fatto il movimento 5stella, dico tutto, andrà cancellato. Perché in Italia i ladroni hanno sempre vinto. Spero di sbagliarmi, ma l’andamento di questa seconda crisi ha la stessa prassi della prima al Papeete, per cui c’è poco da sperarci. Saluti, sig. Mannaro, e auguri a tutti noi.

    "Mi piace"

  4. Caro Mannaro,
    sono tuo coetaneo degli anta, anch’io come te, dopo troppo PD, ho ta tua stessa speranza. Dal Sentire di Orlando c’è l’intenzione masochistica di perdonare nuovamente il Mostro della politica italiana. Posso solo immaginare le trame inenarrabili in vista della prossima conta.
    Giorrnalloni e TV se lo contendono, sempre al servizio di questo miserabile che non conosce vergogna e che oggi sarà ospite a La… , pensate un pò da Gi…tti, Scusate ma non riesco proprio a scrivere i nomi di questo pseudo ambiente della più completa disinformazione.
    Concludo dicendo che la vedo dura e la foto che intesta l’articolo dice tutto sulla loro sulla reputazione dei due. Lombroso mi darebbe ragione. ..
    Quindi nulla da spartire col galantuomo Conte che ha saputo rappresentare al meglio il popolo italiano. A questo punto tiri dritto e vada a riferire a Mattarella, il popolo italiano lo seguirà.

    Auguri di cuore a tutti

    "Mi piace"

    • Antiogu, bogamì una curiosirari, ma con “anta”, che cosa dobbiamo intendere?
      Perché se siete quar… anta, beati voi! 😉
      O è 5anta, 6anta, 7anta…etc?

      "Mi piace"

  5. Sono due talmente SPREGEVOLI che nel gioco di dover scegliere chi buttare giù dalla torre per primo c’è da impazzire, si rischia cioè di avere rimorsi per il resto della vita. Questo perchè c’è solo una soluzione possible e NON altre: buttarli giù conteporaneamente e cosa ancora più importarte, accertarsi poi che la loro fine sia effettivamente compiuta. Non sono ammessi errori. Solo poi la serenità potrà tornare a essere la normalità. Solo dopo.

    "Mi piace"

      • *Tracia,
        A mio parere personale forse sbaglia.
        Renzi è manovrato ( da terzi attualmente “coperti”)tanto quanto Salvini .
        Anzi di più .
        Ed è ovvio che chi prende ordini poi si rifà dandone ai suoi sottomessi , anche con modi da bullo .

        "Mi piace"