Che follia perdonare Matteo

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Più imbarazzante di Renzi che manda in crisi il Governo in piena pandemia c’è Renzi che lallo lallo prova a fare marcia indietro, aprendo porte e saracinesche a quel dialogo che lui stesso ha chiuso con Conte e in special modo Zingaretti. Il motivo è sotto gli occhi di tutti: alla Camera e al Senato c’è un assembramento di parlamentari pronti a votare la fiducia, e tra questi molti sono di Italia Viva, ben felici di poter essere riaccolti nel Pd, costretto dalle circostanze ad essere meno schifiltoso con chi era andato via sbattendo la porta per inseguire le illusioni dello statista di Rignano.

Invece di seppellire il premier, dunque, l’uscita dei renziani dalla maggioranza metterà fine alla carriera politica di Renzi, a cui in Parlamento non resterà nemmeno il simbolo e dovrà accomodarsi nel gruppo misto. Per questo dalla ministra Bonetti al deputato Faraone ieri è stato tutto un inseguirsi di amorosi sensi verso gli ex alleati, dicendo in estrema sintesi che tutto è perdonato, e le ministre ci mettono un secondo a ritirare le dimissioni, che peraltro Conte ha già archiviato da un pezzo.

Certo, l’offerta di pace ha degli innegabili vantaggi visto che le opposizioni di Centrodestra cavalcano la piazza che aspetta i vaccini e i ristori ma poi votano contro e rallentano tutto. Nel bilancio tra costi e benefici, riprendersi Renzi tra i giallorossi ha però un conto totalmente negativo. Mai l’ex rottamatore ci ha raccontato il vero motivo del suo tentativo di far saltare Conte, per quanto la conclusione a cui si arriva seguendo le impronte è la spartizione dei miliardi europei. Soldi che sono degli italiani e che dovranno servire per fare grandi infrastrutture e riforme strutturali.

Lasciare che questo ben di Dio – mai visto e che sicuramente mai più rivedremo – negli artigli di chi vuole prendersi il bottino, a partire dai soliti salotti industriali e finanziari, con i loro giornaloni tuttora a lutto per il demolition man che si è demolito da solo, significa sacrificare l’unica concreta possibilità di ammodernamento del Paese. Un prezzo che non c’è giustificazione per pagare, in special modo per un prodotto scaduto da un pezzo com’è l’ex rottamatore.

7 replies

  1. Corre voce che i peones di IV non sapessero davvero che quell’intervento del loro capo fosse risolutivo:-O così o pomì!-
    Corre voce che anche le due vittime sacrificate sull’altare dell’ego smisurato del BOMBA, non fossero del tutto certe che avrebbero dovuto mollare veramente la loro bella poltrona da ministre.
    Corre voce infatti che la Bonetti, poverina, non volesse uno strappo così…doveva essere un bau bau e un ringhio da mettere paura al premier per farlo arrivare a più miti consigli…difatti si è subito predisposta a collaborare. Lei non è parlamentare, deve tornare al suo lavoro a scuola.
    Corre voce che qualche prenditore che aveva il Bomba come riferimento per il soccorso dei propri affari, lo stia finanziando nell’intento di non farlo desistere e pensando a elezioni anticipate.
    Corre voce che la MEB sia sparita di giro, lei la faccia non ce l’ha messa e poi sentito che nessuno la voleva in qualche dicastero si è nascosta perché non sapeva che dire o non aveva ancora pronto il suo bel discorsetto imparato a memoria.
    Corre voce che ad alcuni politici dei 500 morti al giorno, della pandemia, delle vaccinazioni e della situazione economica disastrosa in cui versano migliaia di famiglie non freghi niente.

    "Mi piace"

  2. Si potrebbe pensare di farlo solo nel caso l’innominabile faccia una conferenza stampa in diretta tv e abiura tutto ciò che ha detto e alla fine ripetere tre volte Mio Conte, Mio Conte, non mi abbandonare…ma forse è meglio di no , se ne vada al diavolo.

    "Mi piace"

    • È così. D’altro canto, a parte aver un simbolo che per foggia e colori mi ricorda le confezioni di Vagisil, non è mai veramente stata “viva”. È letteralmente nata già deceduta. E questo perché il Bomba è sempre stato uno sfigato cronico. Un poveraccio fin troppo provinciale.

      Piace a 1 persona