I piedi d’argilla

(Giuseppe Di Maio) – Furono annunciati all’inizio dell’anno da un Luigi Di Maio dimissionario, ma gli Stati Generali del M5S hanno dovuto cedere il passo all’emergenza sanitaria. Tuttavia, mentre il Movimento degli eletti si disfaceva in parlamento sotto la pressione dell’interesse privato, il capo politico pro-tempore e il vertice 5 stelle sono riusciti ad organizzare un confronto tra migliaia di attivisti. E’ veramente un peccato che sia stata solo una tempesta in un bicchiere d’acqua, che il documento finale sia una paginetta generica e sterile che non aveva bisogno di centinaia d’ore di convegno. Nulla è cambiato. Ma il vizio, il peccato, era già all’origine della storia del M5S.

Spesso si è detto che fossero intellettuali della mutua, Beppe e Gianroberto, mentre tracciavano le linee di un’azione politica onesta e moderna. E in effetti lo erano, poiché se avessero letto di più Gramsci, non sarebbe venuta loro l’idea di fondare un movimento “post-ideologico” con l’ambizione di cambiare la società, né avrebbero evitato strenuamente di trasformarlo in partito quando si fosse presentata l’occasione. Essi erano diffidenti della propria creatura, così come lo erano della democrazia, nonostante osannassero il popolo e pretendessero maggioranze assolute. Da allora riuscirono a mettere in campo molti strumenti per combattere la corruzione, ma a tutt’oggi manca il più importante, “il Principe”, il luogo politico dove non si inseguono le maggioranze, ma l’egemonia, dove non si selezionano curricula, ma idee per un ordine nuovo.

L’incapacità di interpretare fino in fondo la struttura sociale è stata ad esempio causa della fiducia cieca nella magistratura, una fesseria che il Movimento farà bene a estromettere al più presto dal suo genoma. L’incapacità di individuare gli obiettivi politici, che poi si chiamerebbe ideologia, ha creato fin da subito una struttura verticista, un apice senza legame con la moltitudine dei tifosi. E la fiducia (per fortuna teorica) nel popolo e nella sua saggezza, ha causato l’incapacità di selezionare una vera classe dirigente. Poiché il solo legame col territorio e l’elenco delle abilità civili dei candidati sono insufficienti a isolare rappresentanti capaci di trasformare la società. Il M5S è diventato un cartello elettorale afflitto dalla lotta per la selezione, oppresso dalle logiche campaniliste, e in mano a bande autoreferenziali gelose del loro cartello.

E’ vero: nel Movimento non capiterà mai che una MariaElena Boschi possa essere mandata a Bolzano per essere eletta, ma non capiterà nemmeno che un F. De Sanctis possa essere rappresentante del collegio di Sansevero, invece che della sua Sant’Angelo dei L. Insomma, la mancanza del laboratorio, non solo impedisce la formazione delle idee, ma anche di far politica ai fuori sede; impedisce di scegliere una classe schiettamente politica (capace cioè di ricevere un mandato dalla base), ma consente solo di esprimere il miglior curriculum della provincia. Questo sta succedendo in quel movimento che, dichiarando di essere post ideologico, ha fatto sfilare sui tavoli tematici mille idee, ottime e neutre, per governi che non attenteranno mai all’ordine sociale. Anni fa mi dicevo che quando il M5S sarebbe stato maggioranza molti furbacchioni sarebbero saltati sul carro del vincitore. Ma questa, non è più una circostanza futura.

4 replies

  1. mah forse non ha tutti i torti, dico però: cosa crede che la rivoluzione francese sia andata diritta come da programma o ha avuto alti e bassi, incertezze e perplessità ed infine il Terrore?.
    Certo credo pure che Giuseppe critichi costruttivamente, ma chissà che l’oggetto delle sue critiche non sia
    la novità nel modo di raffrontarsi di questo movimento.
    Non diventa un partito per non rischiare di diventare come gli altri, la storia insegna.
    Nel bene e nel male si deve continuare a dar loro credito, alternative non ce ne sono.
    E, cosa più importante, al di la se ci riescono pienamente, agiscono per la gente….e vi pare niente?

    "Mi piace"

  2. Io insisto. Batto sempre su quei 2 tasti e lo dirò ai 5 stelle finchè avrò fiato. I 2 problemi giganteschi che il Movimento deve affrontare sono La “BUROCRAZIA” e la “COMUNICAZIONE” non si diventa adulti se non si affrontano questi 2 problemi senza perdersi in rivoli e rivoletti di cui non si cura nessuno tranne i beneficiari (dei rivoletti) e venderli gridandoli come grandi conquiste del Movimento tipo il risparmio avuto con l’aereo di Renzi, o gli alberi piantati, o altre facezie simili. Nessuno dice che grazie al Movimento gran parte dei truffati dalle banche sono stati risarciti, che il reddito di cittadinanza ha salvato e salva centinaia di migliaia di famiglie dall’indigenza, che la legge spazzacorrotti ha assicurato alla giustizia tanti politici e non che si sono arricchiti alle spalle del popolo Italiano rubando i loro soldi e rendendoli più poveri. Ma perchè non vi è neppure un canale televisivo che almeno 1 volta alla settimana non fa trasmissioni televisive di informazione e di approfondimento su questi temi ma è continuo tal show con i soliti Renzi e Salvini a tutte le ore del giorno? Non se ne può più di Renzi, Salvini, materassi e divani in perenne offerta speciale. Basta!!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...