Un sacrosanto sì

AULA CAMERA DEI DEPUTATI VUOTA COMMESSO

(Tommaso Merlo) – Tutta la stampa al guinzaglio delle lobby è schierata per il “no” al referendum. Davvero impressionante. Invece che avamposto della società, il giornalismo italiano si è ridotto a megafono dei parrucconi. Quelli dei potentati che gli pagano lo stipendio e quelli dei vecchi partiti a cui s’ispirano. Davvero sconcertante. I resti di un regime politico ma anche culturale morente che non si vuole rassegnare alla sua fine. Il quesito referendario non c’entra. La posta in gioco è tutta politica. Parlano di difesa della Costituzione quando han sempre cercato di manometterla maldestramente. Parlano di rappresentanza quando han sempre fatto di tutto per sottrarla ai cittadini con leggi elettorali vergognose e inciuci acrobatici durati anni. Dicono che servirebbe chissà cos’altro quando i loro tentativi di riforma sono sempre sistematicamente falliti. Ancora meno gli importa delle 345 poltrone in meno, di risparmiare soldi pubblici o di adeguarsi alle altre democrazie europee. Hanno sguazzato per decenni negli sprechi più aberranti moltiplicando poltrone a dismisura. La posta in gioco è tutta politica. Il vero e unico motivo per cui sono schierati per il “no” è spegnere una volta per tutte l’onda anomala del 4 marzo e ristabilire un ordine a loro più congeniale e vantaggioso. Un ordine in cui le loro lobby e i loro partiti di riferimento tornino al centro della vita politica, tornino a comandare. Vogliono che si spenga la stagione della lotta alle caste e alle sue abbuffate a sbafo. La stagione della trasparenza e della legalità e della sobrietà. La stagione del cittadino che ritorna protagonista a discapito degli appetiti delle lobby e dei rigurgiti ideologici dei vecchi partiti. La loro è ingordigia ma anche paura. Non vedono l’ora di tuffarsi a bomba nella mangiatoria europea del Recovery, ma temono anche che l’onda anomala del 4 marzo continui arrivando ad intaccare altri nervi nevralgici del vecchio regime come il conflitto d’interessi o una vera libertà di stampa. Il loro è egoismo ma anche orgoglio. Difendono col mignolino alzato il loro confortevole status ma anche la loro immaginaria superiorità culturale e intellettuale con cui riuscivano ad indirizzare le masse prima che scappassero dalle caverne le orde populiste. Non era mai successo che l’Italia cambiasse nonostante loro e perfino contro di loro. Erano ad un bivio. Potevano adeguarsi ai tempi, potevano levare il disturbo ma nella gerontocrazia italiana non se ne parla nemmeno ad un passo dalla fossa. Ed ecco le motivazioni di un regime morente che non si vuole rassegnare alla sua fine. Ed ecco le motivazioni del “no” al taglio. Tutte politiche. Spegnere una volta per tutte l’onda anomala del 4 marzo cercando di abbattere il suo principale artefice e cioè il Movimento. Ma su questo hanno ragione. Se si è arrivati così vicini allo storico taglio dei parlamentari dopo decenni che se ne parla a vanvera, il merito è tutto del Movimento che non ha mollato costringendo prima le Lega poi il Pd a seguirlo e trascinandosi poi dietro controvoglia tutto l’emiciclo. Se con un sacrosanto sì andasse in porto anche questa riforma, i reduci del vecchio regime dovranno ammettere che i cavernicoli a 5 stelle hanno cambiato di più l’Italia in due anni che loro in venti. E non finirebbe qui.

1 reply

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.