Nuovo Dpcm in vigore da domani: resta l’obbligo di mascherine, estesa la capienza per i mezzi pubblici

(Anna Ditta – tpi.it) – Il nuovo Decreto del presidente del consiglio dei ministri (Dpcm) entrerà in vigore domani, lunedì 7 settembre, e sarà valido fino alla fine del mese. Il provvedimento in sostanza proroga le norme fissate il 10 agosto scorso per contenere i contagi di Coronavirus. Rimangono, in particolare, l’obbligo di mascherine nei luoghi chiusi e ogni volta in cui non sia possibile mantenere il distanziamento. Prorogato anche il divieto di assembramento e l’obbligo di tampone per chi proviene da uno dei 16 Paesi considerati “a rischio” (inclusi Croazia, Grecia, Spagna e Malta).

Nessuna apertura invece per discoteche e stadi, che dovranno restare chiusi. Confermato l’obbligo di mascherina anche all’aperto dalle 18 alle 6 del mattino, per evitare che si creino assembramenti nei luoghi della movida. Cambiano invece le regole per i mezzi pubblici, con la capienza che è stata estesa all’80 per cento, sia per i posti a sedere che per quelli in piedi. Sugli scuolabus sarà possibile anche raggiungere la capienza massima, a condizione che gli alunni non restino a bordo per più di un quarto d’ora.

Nel nuovo Dpcm, come riporta Open, c’è inoltre un’apertura nei confronti delle coppie in cui uno dei due partner risiede al di fuori dell’area Schengen. Con il precedente Dpcm, infatti, a chi viveva al di fuori dell’area Schengen era impedito “l’ingresso e il transito nel territorio nazionale” salvo “esigenze lavorative; assoluta urgenza; esigenze di salute; esigenze di studio; rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”. Adesso invece si potrà entrare in Italia per incontrare “la persona con cui ha una stabile relazione affettiva, anche se non convivente”.

“Abbiamo un sistema di monitoraggio elevato, possiamo affrontare l’autunno con fiducia, senza un nuovo lockdown”, ha detto ieri il premier Giuseppe Conte, che ha espresso anche il “no” alla riapertura al pubblico degli stadi. “Nello stadio – ha affermato Conte – l’assembramento è inevitabile, dentro, come entrando e in uscita: l’apertura la trovo inopportuna”.

3 replies

  1. La demenziale manifestazione negazionista di ieri dice chiaramente che se non si prendono provvedimenti di polizia contro gli assembramenti qualunque decreto resterà inattuato e il Covid continuerà a viaggirare. In Germania li hanno presi a manganellate. Qua ieri a Roma non si poteva almeno usare gli idranti?

    Piace a 1 persona

  2. Luca Bottura

    Il disagio aggressivo espresso dai cosiddetti No Mask a Roma è parente di quello che normalmente alligna nelle curve italiane. Esistono comuni cause endemiche (povertà, ignoranza, distruzione sistematica del lavoro operato dagli ultimi giapponesi della scuola pubblica, necessità identitaria delegata a quattro cialtroni nostalgici) ma il dato che più facilita certe adunate è un altro: chi di dovere, non interviene. Mentre qualunque manifestazione a trazione progressista o semplicemente di impegno civile viene attenzionata con modi spicci (Genova 2001 per tutte, quando vennero massacrati gli inermi e istigati i violenti), gli stadi o le curve anarco-mussoliniane trovano sempre sguardi amorevoli. Striscione del Duce? Bandiera nazista? Leggi sul distanziamento violate petando rumorosamente? Avanti, c’è posto. Quattro fischi a Salvini? Documenti, prego. In questa disparità di trattamento oltraggiosa c’è tutta la mutazione culturale che permette ai complottisti comode passerelle durante le quali, per sovrammercato, si atteggiano a vittime silenziate. Piazze come quella di ieri, cui andava applicato il modello tedesco, sono per l’Articolo 21 il corrispettivo del funerale dei Casamonica. Uno sfregio. C’è qualcuno al Viminale che può per un attimo distogliere l’attenzione dalle interviste sui migranti?

    È pure su questo blog i commentatori nazistoidi, o loro impliciti supporter, ABBONDANO.

    "Mi piace"

    • La proposta di Luca Bottura e Repubblica è: MANGANELLATE! o almeno una bella doccia fredda.
      Per 4 sfigati? La migliore risposta è stata farli esprimere, la povertà di mente espressa gli ha sotterati e ridicolizzati oltre ogni comprensione.
      Se fosse intervenuta la polizia anti-sommossa avrebbe fatto il gioco dei 2 o tre organizzatori e avrebbe dato una grande risonanza, dove sarebbero zompati, il duo FASCIO-COATTO.
      Strategia veramente vincente!
      Ma, veramente, per chi parteggia LUCA BOTTURA?

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.