Il sovranismo danneggia l’identità nazionale e non solo

(Tommaso Merlo) – È esattamente il contrario di quello che predicano i sovranisti, la difesa dei confini, il rinchiudersi dietro a muri fisici e mentali danneggia l’identità nazionale, non la preserva. In un mondo in perenne mutamento, più un’identità nazionale interagisce con le altre più si rafforza ed ha quindi opportunità di sopravvivere. Più si isola, più s’indebolisce e rischia di scomparire. Vale per i popoli come per le persone. Se ti rinchiudi in casa per paura del cambiamento t’illudi di essere al sicuro e che nulla cambierà. Ma il mondo non si ferma e fuori gli altri nel frattempo fanno esperienze, evolvono mentre tu rimani fermo. E quando uscirai dal tuo guscio scoprirai di essere antiquato e quindi più debole e perfino costretto a copiare gli altri per recuperare terreno. Per sopravvivere ai cambiamenti bisogna viverli, non evitarli. Che vi sia poi qualcuno che voglia distruggere o omologare le identità nazionali è una bufala a fini politici. Una delle tante paure con cui vorrebbero rinchiuderci. La diversità tra identità nazionali non è affatto minacciata e invece che essere un problema è la più grande risorsa. L’interazione tra diversità è il motore dell’evoluzione. Vale per i popoli come per le persone. Se ti rinchiudi in casa alla lunga rallenterai e tenderai a ripetere le stesse routine perché non hai stimoli. La contaminazione, la cooperazione crea energia e quindi sviluppo. L’isolamento crea stagnazione. L’identità nazionale non è poi un oggetto che si conserva. L’identità nazionale è un processo in continua evoluzione. Secolo dopo secolo. Generazione dopo generazione. Invece di assecondare quel processo, i sovranisti vorrebbero conservarlo barricandosi in casa come se fosse un soprabbevile prezioso. Ma la nostra identità non ha nulla a che fare con quella degli italiani di ieri e più ci isoliamo, meno resterà di noi in futuro. Confini e muri non preservano nulla, l’unico effetto che hanno è quello di separare, di dividere e quindi di alimentare l’ignoranza reciproca e quindi il sospetto e quindi rivalità e tensione. Confini e muri sono da sempre una delle principali cause delle guerre che hanno devastato il pianeta. Invece che garantire la tanto declamata sicurezza, confini e muri generano alla lunga l’opposto di quello che sostengono i sovranisti. Vale per le persone come per i popoli. Vale coi vicini di casa, come con le altre nazioni. E l’Europa non è altro che la parola fine a quella follia. L’Europa son secoli e secoli di guerre sanguinarie per poi alla fine comprendere che condividendo le risorse e sopprimendo i confini siamo tutti più ricchi e più sicuri. E poi quelli umani sarebbero gli esseri viventi più intelligenti. Checché ne dicano i sovranisti, i confini nazionali sono un deleterio feticcio del passato. Una volta completato il processo di unione europea, altri continenti ne seguiranno l’esempio. È quella la strada maestra verso il futuro. Quando si abbattono confini e muri, quando i popoli si abbracciano e cooperano pacificamente è uno dei segni più lampanti che l’umanità si stia evolvendo. Ma questo non vuol dire anarchia e migrazioni clandestine di massa. Altro spauracchio dei sovranisti. Senza realismo e gradualità si rischia solo di far danni e tornare indietro. Quando popolazioni si muovono da una parte all’altra del globo generano disordine sociale e potenziali conflitti. Succede ovunque e da sempre. Le migrazioni vanno gestite. Deve essere rispettata la capacità di assorbimento dei flussi altrimenti si generano reazioni deleterie proprio come è successo con lo scoppio del sovranismo in tutta Europa. Un ritorno delle destre nazionaliste con una confezione più accattivante e adatta al mercato elettorale moderno. Un ritorno alla retorica dei confini e dei muri per lucrare politicamente sullo choc dei profondi cambiamenti causati dalla globalizzazione e dalle migrazioni. Un ritorno dell’identità nazionale al posto dell’identità europea e di quella di esseri umani. Ma la storia dimostra come sia esattamente il contrario di quello che predicano i sovranisti, la difesa dei confini, il rinchiudersi dietro a muri fisici e mentali danneggia l’identità nazionale, non la preserva. E invece di garantire sicurezza ci fa scivolare verso i gravi errori del passato.

17 replies

  1. 8 mesi fa non scrivevi così, è dovuto accadere il finimondo perché in certe teste di cazzo (europee e non) entrasse un po’ di sale.
    Così non va bene però, non si può andare a vanti a colpi di ecatombe, tragedie e affini, che cazzo di maniera è di procedere?!!
    Ma guarda la Grecia. Cos’hanno combinato?!
    Costa ne fa un film e questi lo minacciano pure.
    Edificante.
    … andiamo avanti va’
    Che è meglio.

    Piace a 1 persona

      • Come l’indole che non c’e’, come sei solo un botox, come il fatto e le colpe, come non farti radere le braccia, come le forre di Papeete… e’ che ho una settimana di vacanza, niente frigo, fanno ventisei gradi e qui nel quartiere si adontano se gli rigo le portiere delle automobili. Ed e’ solo lunedi’…

        Ad ogni modo, per favore, seriamente: non ci mettiamo a discutere il fatto che un burattino coi fichi e’ sempre meglio di un burattino senza fichi. Eh?

        "Mi piace"

  2. ll ruolo di Merlo è proprio questo: difendere l’euro portando la base 5s verso questa posizione che anche per lui è quella unica/occulta.

    Il sovranismo è un termine imbecillissimo creato dai media.

    In realtà tornare ad avere una propria banca pubblica significa smetterla di regalare un 25% annuo di economia ai tedeschi.

    Moneta nazionale non ha niente a che vedere con il rinchiudersi, con il razzismo ecc ecc la “liretta” aveva la tripla AAA mentre il nostro debito con l’euro è vicino all’essere spazzatura.

    Tommaso Merlo puoi ingannare chi è in buona fede a lungo ma non per sempre.

    Piace a 1 persona

    • Bene, allora ti chiedo: secondo te, anche SE si verificassero in Italia (ma quando mai con gli itaGliani!) le condizioni politiche per fare quello che dici (premetto che son d’accordo), sarà mai possibile che l’Europa ci lasci avere una nostra banca pubblica? Come diceva Perino: A sarà düra!

      "Mi piace"

    • Cioè uno sta sul balcone col bandierone europeo, tu ( e mi scuso del tu, prima che mi denunci) sul balcone di fronte con il bandierone italiano.
      Entrambe a sventolare.
      Che senso ha, lo sapete solo voi.
      Sono in gioco schieramenti e forze in questa pandemia che di questa europa fanno un sol boccone, la posso sfasciare come ricompattare e giocoforza farle prendere decisioni finora inimmaginabili.
      Tempo al tempo.

      "Mi piace"

  3. Merlo dimentica che il Movimento in origine aveva un’anima schiettamente “sovranista” (volendo usare questo termine) ed euroscettica, diffidava dell’Europa “delle banche” e “dei burocrati”: nel programma elettorale del 2018 si trova ancora traccia dell’impronta genetica originaria del M5S (c’è anche il famoso proposito di liquidare il MES, tra l’altro), ed è proprio in virtù di questa impronta genetica che è stato in grado di governare con la Lega per un anno. Adesso Merlo e i cantastorie del Movimento non lo ricordano volentieri, ma a strillare contro Bruxelles e a fare braccio di ferro nelle tante battaglie con le cancellerie europee, inclusa quella del famoso 2,40% di deficit (poi diventato 2,04%), durante il Conte I non c’era solo Salvini, c’era pure Di Maio, e c’era pure Conte: non erano due che passavano di lì per caso. E’ solo adesso che sono alleati coi partiti più euromanichei del continente che i 5S e i loro bardi si sono scoperti convinti europeisti e se la prendono col “sovranismo”, propugnando non si sa bene cosa a questo punto. E che siano lì a nicchiare per l’uso del MES, trincerandosi dietro formule nebbiose tipo “al momento non ce n’è bisogno”, “non serve”, “Conte ha fatto i conti e ha detto che al momento non è utile e ci fidiamo di lui”, invece di dire chiaramente “non lo useremo MAI”, è molto significativo di questo nuovo trend pentastellato.

    Piace a 1 persona

    • Concordo JH; i 5S stanno calcando le orme della fu sinistra: da tutelanti a tutelati; da suonatori a suonati! La “bandiera gialla” si è girata dalla parte del putrido vento della politica mainstream: una delusione totale. Un vero peccato: corruptio optimi pessima!

      "Mi piace"

      • Vuol dire che optano per funzioni politiche di “sinistra” via evoluzione convergente. Fuori i trinariciuti indagatori di scie chimiche, fuori i Mussolini ha fatto anche del bene, fuori a casa mia comando io, fuori gli amici del mattone. tutte queste scorie defluiscono verso i fasci o i renzi.

        Rimangono quelli che forse riusciranno a salvaguardare e ristrutturare la rete idrica nazionale e toglierla alla Mafia al Sud, troncare col governo dell’Egitto e sputtanare la Francia, elevare le multe e promettere VHS gratuiti di Moana Pozzi a tutti i finanzieri che mantengono la media di sei arresti a settimana a partire dall’imponibile scelto da Exandrea.

        Cose cosi’, poi Di Maio fuori dal MdE, eccetera. Ma soprattutto niente due pesi e due misure.

        "Mi piace"

      • Articolo 1 – La politica di Berlusconia, (tette allegre e culi andanti), sfociate nel perverso sistema della PORNOGRAFIA CINEMATOGRAFICA (Legg. CINEMA ARLECCHINO, ponte vecchio Fi, )… con la menteccattite storica della sinistra italiana, di contatine analfabete che , prima sono entrate nelle ampie maglie statali e poi hanno studiato e acquisito un ruolo professionale, rispetto alla mia generazione che prima si è diplomata, poi laureata e costretta a cercare lavoro in un sistema insolvente per principio ontogenetico, osso all’osso, la mentecattite si è ingigantita a partire dall’arrivo dei primi bifolchi ontogenetici, adesso la musica, nessuno può dire che non è schizzo-frenica, come il rumore, alto del martello pneumatico, e il rumore nel cervello di coloro che sono cresciuti, sistematicamente, a discoteca tecno e alcolici, auguri!

        "Mi piace"

  4. Ma non capite che tutti noi siamo sulla medesima barca. Il CLIMA ,L’ARIA,L’ACQUA non tengono confini. T. Merlo ha perfettamente centrato l’ENORME PROBLEMA. L’EUROPA servi d’esempio. SOLO COSI’ SI PUO’ SPERARE DI SALVARCI .( L’egoismo alla lunga non paga. ma presenta il conto).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.