Infettati a nostra insaputa

(Flavia Amabile – la Stampa) – Quasi un milione e mezzo di italiani ha sviluppato anticorpi contro il coronavirus. È quanto emerge dall’indagine sulla sieroprevalenza effettuata dall’Istat tra maggio e luglio, quando 64.660 italiani sono stati sottoposti al test con la collaborazione della Croce Rossa. Secondo i dati statistici, sono un milione 482 mila le persone risultate con IgG positivo, che hanno cioè sviluppato gli anticorpi per il Sars-CoV-2, il 2,5% della popolazione. A essere entrata in contatto con il virus, dunque, è una quota di persone sei volte superiore rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia.

Se consideriamo il dato in rapporto con il numero dei decessi si ha un indice di mortalità del 2,3%, del tutto in linea con quanto è avvenuto a livello mondiale, sottolinea il presidente del Comitato tecnico scientifico Franco Locatelli. Chi è stato più esposto al contagio? Il 41,7% di chi ha avuto un malato in famiglia ha sviluppato gli anticorpi, e la prevalenza si abbassa al 15,9% per i familiari non conviventi. A creare problemi è stato anche il contatto con i colleghi di lavoro affetti dal virus (11,6%), o con pazienti nella stessa condizione (12,1%).

Come sottolinea l’Istat, il dato sui familiari dimostra, però, che «anche in presenza di una stretta convivenza con persone affette da virus non è detto che necessariamente si generi il contagio purché vengano osservate scrupolosamente le regole di protezione». Dati di sieroprevalenza molto alti anche fra gli operatori della sanità, con il 5,3%, e gli addetti alla ristorazione, che superano il 4%.

Non ci sono grandi differenze se si prende in considerazione l’età delle persone ma il livello più basso è per i bambini piccoli (1,3%) e per gli anziani (1,8%) probabilmente perché sono stati i più protetti. Non emergono invece differenze di genere. Le differenze principali sono quelle territoriali.

La Lombardia raggiunge i livelli più alti di sieroprevalenza, con una media regionale del 7,5%, sette volte di più dei valori registrati in molte regioni e soprattutto nel Mezzogiorno. Ma il dato della Lombardia comprende situazioni molto diverse, dal 24% di Bergamo al 3-5% di Como e Lecco.

Dopo la Lombardia segue la Valle d’Aosta, con il 4%, e un gruppo di regioni che si collocano attorno al 3%: Piemonte, Trento, Bolzano, Liguria, Emilia-Romagna e Marche. Il 27,3% delle persone che ha sviluppato anticorpi non ha avuto alcun sintomo. Mentre tra quanti si sono ammalati i sintomi più frequenti sono febbre, tosse e mal di testa, e perdita di gusto e olfatto. Per il ministro della Salute Roberto Speranza i dati confermano la linea di prudenza adottata dal governo.

«Non abbassiamo la guardia – conclude – anche se siamo fuori dalla tempesta non siamo ancora in un porto sicuro».Uno dei fronti aperti è quello del distanziamento sui voli. Il ministro assicura che il Comitato Tecnico Scientifico «è al lavoro su questo e io ho espresso una posizione molto chiara, che nei verbali precedenti si può riscontrare». Il Comitato si riunirà giovedì, si discuterà di una stretta, come avvenuto sui treni anche per i voli nazionali. Nel frattempo appaiono in netto calo i casi di contagio in Italia: sono 159 le persone che hanno contratto ieri il virus. Due giorni fa erano 239 e 295. Aumenta, invece, il numero dei decessi: sono 12 (ieri erano stati 8 e ieri l’altro 5) per un totale di 35.166 vittime.

39 replies

  1. Giusto per dare qualche notizia che i simpatizzanti di questo governicchio d’incapaci NON VI DARÀ.
    È stata garantita l’immunità da azioni legali, derivanti da dannosi effetti collaterali, all’azienda produttrice con la quale il vostro già genio Speranza (vietata la clorochina su base di pubblicazione fallace) ha sottoscritto un contratto per 400 dosi di vaccino (la AstraZeneca).

    Orbene, il problema sperimentazione è superato, il problema “reale efficacia” e “danni collaterali” è superato, il bollttino-stupidità prosegue strombettante su tutti i media… cosa può andare storto?
    Come sempre, buon PD a tutti.

    "Mi piace"

      • Nulla.. gatto lascia stare.. pace fatta nel senso che magari si potrebbero riprendere le vecchie sane e salubri conversazioni, che rendevano il contesto meno spettrale, a me piace moltissimo la filosofia, ma per questo tempo e questo luogo è come parlare sanscrito ad arabi. Comunque se riesco a ritrovare un senso di pace duraturo mi piacerebbe inscrivermi a qualche facoltà.. ma così non è possibile: il baluardo del potere impone obbedienza sottomissione anche se questa si connota di arroganza e ignoranza, viceversa i gruppi sono chiusi e non si aprono alle nullità, questo per indicare anche il senso religioso ipocrita e bigotto che permia il fare di molte persone aduse ad andare in Chiesa per chiedere perdono dei peccati che fanno comunque..Quindi mi ritrovo ad essere troppo solitaria, non avendo scelte ne essendo una persona introversa, ma l’opposto, da cui l’immane sofferenza… Ergo..la fisica dell’anima risponde anche a leggi gravitazionali, se così non fosse vi sarebbe un pianeta per ogni persona. Se sei o no un sacerdote, non cambia niente, pensavo di stimolare la corteccia non il prepuzio!.

        "Mi piace"

      • Prepuzio (?) a parte, sempre sibillina la nostra Minestrina… Mettiamola così: se per “sacerdote” si intende “colui che fa il Sacro”, penso di essere uno degli ultimi rimasti, non dico al mondo, ma in Occidente di sicuro…

        "Mi piace"

      • Oltre ad essere – e senza l’uso di avverbi – caruccio e pelosetto so anche dire che se i colti del mondo arabo e quello a est dell’Indo non si parlavano, si contavano assai.

        Si son parlati da al Mansur in poi, vi informo.

        E lo so dire anche in equilibrio sul guscio di una tartaruga!

        "Mi piace"

    • Gentilissimo Ennio lei avrebbe dovuto fare il regista per film per l’infanzia , non so se ricorda Pattini d’Argento, comunque vi sono tantissime storie da cui potrebbero nascere delle simpatiche serie. La politica contemporanea dovrebbe essere lo strumento per dare la possibilità ad altri di nobilitarsi con le loro arti ed è per questo che viene definita un’arte, lasciando da parte la retorica e il politichese che hanno disgustato anche i muri in cui si parla e parla e parla senza dire niente di interessante che abbia una valenza concreta se non abbassiamo le tasse, basta con l’assistenzialismo l’ Italia e gli italiani hanno bisogno di lavoro! gli aiuti , l’ assistenzialismo, di paternalismo e di misericordie vanno bene se il loro contro altare non fosse reso schizofrenico da una musica suonata senza lo spartito o con strumenti rotti! Ma Lei che sembra ferrato dovrebbe aver compreso cosa intendo: solo le parrucchiere e le estetiste possono avere tirocinanti? E il resto del mondo lo nascondiamo nella calza della befana insieme al carbone?

      "Mi piace"

      • Non mi chiamo Luigi

        Donna da Dio discesa, don divino,
        Deidamia, donde duol dolce deriva,
        Debboti donna dir, debbo dir diva,
        Dotta, discreta, degna di domino?

        Datane da destrissimo destino,
        Destatrice del dì dove dormiva,
        Delle doti donateti descriva
        Demostene, dipingati Delfino.

        Distruggemi dolcissimo desio
        Di divolgarti, disperol dapoi
        Diffidato dal dur depresso dire.

        Dunque dache dicevol detti Dio
        Dinegami, discolpami; dipoi
        Dimostra di degnarti del desire.

        Piace a 1 persona

      • Giovine e gagliardo di prose garrule,
        Giostrami in un gioco d’amore senza affanno,
        Giorno perduto senza gioie e giovani sorrisi,
        Giove di accolga oltre il giro del giogo
        Gorghi turbinanti di amplessi giocondi
        Gorgheggiano nelle ombre di fatali giochi,
        Gonne e gigli rallegrano nei greppi
        grigi andanti, trasvolanti in ampi giri,
        giglio velenoso senza più purezza,
        grondami dell’amaro che sarà la nostra gioia.

        "Mi piace"

      • lento la , lieve luna
        linea lontana, luce leggera
        là, lungo le loro lame,
        labbra limate ,
        lingue limose..
        lotte libranti.
        lei luna
        lui luna
        loro , lestofanti.

        "Mi piace"

      • ANZI/SCANZI Poveri sardi che non possono più cuocere il loro maialino sulle spiagge! al posto di una tradizione culturale chi cuocerebbe Lei Signor ADRIANAAAA! ADDIO.

        "Mi piace"

  2. Tautonomia della sfiga

    Soggiaccio, senza sinonimia
    saccente, sopito,
    silente. Sideree
    sue sillabe sorgono
    sinuose, soffiano sensi.
    Sassi sospesi su stagno,
    sensazioni salvate,
    supereranno Saturno.

    "Mi piace"

  3. Gatto gratta grige gozzoviglie gettando guaste guatate guadagnando gettiti gerontofili.

    E voglio la sorella di Snoopy Presidentessa del Consiglio, porcocane!

    "Mi piace"

      • Signor intellettuale de sto cazzo ( ..) pensa che le persone siano cretine se non sono palloni gonfiati? Odio l’Italia, un mare di facce a culo e pezzi di merda pronti a leccare il culo al potente di turno. se così non le aggrada faccia come crede! Un mare di mafiosi, un mare di bigotte pronte a pugnalarti alle spalle, meglio le troie, se mi consente,..anche se fanno schifo pure loro insieme a chi le frequenta! Vada in qualsiasi negozio e scoprirà il valore della carta moneta della Beozia. .Vada, vada, e vada.. che a fan culo ci vado pure io.

        "Mi piace"

      • Ma guardi sign adriano 58, se mi banna non sono altro che contenta, non ne posso più di questo rullo macina byte! E potete tenervi stretti stretti i cari Jerome insieme a tutta la banda mafioso politica che ha rovinato l’Itaglia e continua a farlo attraverso la censura del pensiero diverso, non penserà mica che i 10 ragazzi del Decameron non abbiano fatto sesso o all’Ammore come si dice in napoletano?Ma questo non va bene ne si deve dire anche se il povero Recalcati (500 anni dopo ancora) urla all’erotismo del phatos !.

        "Mi piace"

      • Beh, a me è successo qualche mese fa proprio qui: un furbacchione usava il mio nick per offendere pesantemente e dire cose che non ho nemmeno mai pensato.
        Però non capisco: da cosa deduci che qualcuno si sarebbe appropriato del nick di un altro? Non capisco…

        "Mi piace"

      • 34° esimo girone infernale: i diavoli che mordono, ogni 60 scansioni oculari, il cuore dei dannati e i loro occhi.

        – eccoci giunti all’ultima porta, ove recava, sullo stipite più alto, la scritta: il lavoro nobilita l’uomo e lo rende libero: scritto però in caratteri sassoni: (Arbeit adelt den Menschen und macht ihn frei), Virgilio fece il primo passo e subito si udì urla strazianti provenire dalle profondità della conca; Dante chiese chi fossero costoro e quale peccato avessero commesso; Virgilio rispose che erano coloro che in vita erano stati avidi di amore e di cuore e che avevano preferito non allietare le sofferenze altrui fino alla loro morte pur di arricchirsi e menar vita non grama, le perfette macchine sociali che riescono, a spese della vita altrui, a stare al passo con le mode cangianti che richiedono per la colazione un vestito Armani e per la sera uno di Valentino.
        Dante si avvide di una figura che si rannicchiava in un angolo che tenea la testa fra le gambe per proteggere il cuore e gli occhi dalle grinfie del diavolo cornuto che le era dappresso; le si avvicinò lentamente e piano piano vide il volto straziato di una giovane donna con i capelli scapigliati e le guance rigate di lacrime che si voltò in un istante verso di lui; La donna tese le mani argute e scheletrite e urlò: non ti avvicinare tu mortale che dalle spire del mio cuore possono ancora germinare edere e avvincerti alla loro linfa; in quel mentre il demone cornuto fece un balzo e premette la testa sul petto della donna, un urlo terribile si alzò da quel corpo esile e scheletrito e la donna si accasciò e più non disse altro.
        L’impressione fu così violenta che al sommo poeta caddero lacrime copiose sul selciato, si voltò e tornò verso il vate.
        Insieme ripreso il cammino a ritroso e uscirono donde l’aria si fa più cristallina e leggera, ma nessuno si avvide che una piccola pianta di edere germogliò dove le lacrime erano cadute.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.