La finestra del “palazzo” sul cortile

(Dott. Paolo Caruso) – Che il federal cazzaro verde e la figlia della lupa della Garbatella  facciano il gioco sporco, cercando di abbattere quello che resta della politica intesa come “governance della polis”, è  giustificabile solo come principio machiavellico in cui il fine giustifica i mezzi, infatti trattasi di un piano cinico e opportunistico messo in atto per il raggiungimento di un unico  scopo, quello della spallata definitiva al governo Conte. Il tanto peggio tanto meglio non è per nulla accettabile, e esula totalmente dai veri interessi degli italiani. In un momento di grave crisi economica, in una realtà sociale provata dalla pandemia, i partiti di governo e quelli dell’opposizione, pur nei rispettivi ambiti istituzionali, invece di cercare in maniera seria e costruttiva  un confronto programmatico di ampio respiro, trovando una soluzione ai tanti problemi che assillano i cittadini per la rinascita e la ripresa socio economica del Paese, offrono uno spettacolo squallido e indecoroso di pura contrapposizione strumentale non ideologica. E come spesso accade i nemici peggiori si trovano anche tra gli alleati, infatti all’interno della maggioranza il “Bomba” di Rignano, alla ricerca continua di visibilità e legato a certi  ambienti imprenditoriali, cerca di mettere in difficoltà lo stesso esecutivo. E’ di questi giorni la disponibilità del Caimano a sostenere il governo ricreando le condizioni per il progetto mai sopito “renzusconi”, cioè rivitalizzare l’asse Renzi Berlusconi tanto amato e desiderato dagli imprenditori e dagli amici degli amici. Lo stesso atteggiamento benevolo di parte del PD e del suo prode Prodi intorno alla beatificazione a senatore a vita del pluriprescritto di Arcore rendono evidente il clima  che si respira all’interno della maggioranza di governo con i reduci della vecchia partitocrazia, riciclati, pronti a tessere trame più o meno velate, accordi, per rendere debole e facilmente ricattabile il governo dando così una spallata definitiva al presidente Conte. Il presidente Giuseppe Conte, uomo di cultura, di provata onestà oltre che di capacità e competenza,in un paese privo di etica, in cui certa politica invece di tutelare gli interessi pubblici ha da sempre cercato di salvaguardare con leggi ad personam le lobby e quella imprenditoria dispensatrice di tangenti e quant’altro fosse necessario all’arricchimento e al consolidamento del potere. In queste condizioni di perenne instabilità, amplificata dalla cassa mediatica, in Europa gli amici del duo Meloni Salvini, nazionalisti e sovranisti, hanno vita facile e con il grido di “non un centesimo per gli italiani” rendono ancora più difficoltoso il raggiungimento del Recovery fund.   

3 replies

  1. I soliti pagliacci…. solo palate di m…. sull’esecutivo, mai mezza parola su cosa farebbero loro se non slogan delle solite caxxate che sparano un giorno si e l’altro pure. povera Italia come sei ridotta ! ma quel che è peggio è che c’è gente che li segue !!!

    Piace a 1 persona

  2. Egregio dr. Caruso, con molto rispetto, non continuiamo a offendere N.Machiavelli. Egli sosteneva che ” il fine deve essere proporzionale ai mezzi”. La frase che lei gli attribuisce ” il fine giustifica i mezzi” è, invece, un’invenzione dei Gesuiti, che il Cielo li perdoni.
    Saluti

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.