Pure alleati M5S e Pd sono diversi

GIUSEPPE CONTE

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Allearsi su specifici obiettivi non significa fondersi, e se a invitare 5 Stelle e Pd a un supplemento di riflessione è anche il premier Giuseppe Conte, pure le basi più recalcitranti dovrebbero valutarne meglio i pro e i contro. Il Movimento, con la sua giovane storia, è cosa ben diversa dai dem, che non hanno perso per strada molte delle brutte abitudini di chi governa da sempre. Che sia a Roma o nelle Regioni, il principale partito della sinistra ha evidenti responsabilità: ruberie, debito pubblico, privatizzazioni sempre a vantaggio dei privati e mai dello Stato, tagli al welfare e ai diritti dei lavoratori. D’altra parte, la fedina penale del partito ereditato da Zingaretti non è più nera di quella del Centrodestra.

Salvini, Meloni e Berlusconi, pur divisi su tutto e perennemente intenti a fregarsi a vicenda, sono però elettoralmente furbi. La Lega che strappò i patti e andò a governare con i 5S lasciando a bocca asciutta i soci non è certo peggio del Cav che si offre per una nuova ipotetica maggioranza. Eppure ogni volta che si vota fanno quadrato, sbaragliando tutti gli altri che marciano divisi. Perciò, se si vuole contare sul territorio, ma anche rafforzare un’esperienza di governo senza precedenti, un’alleanza tra M5S e progressisti è necessaria. Per i 5S non si tratterebbe dell’ennesimo boccone amaro, perché una convergenza temporanea non cancella la distanza con i partiti tradizionali, compreso il Pd.

E lo stesso vale per i dem, che porterebbero avanti i loro uomini migliori, come Emiliano in Puglia, assediato dal ritorno del dinosauro Fitto e persino dalla candidatura di disturbo del renziano Scalfarotto. Così si getterebbero le basi per non perdere senza neppure provarci la Liguria e magari riconfermare esperienze di buon governo cittadino come quelle della Raggi e Appendino. Certo, per andare avanti così ci vuole coraggio da entrambe le parti, e se i 5S possono perdere altri consensi dei duri e puri, il Pd dovrebbe archiviare esponenti indigeribili come De Luca in Campania. Piccoli passi indietro per farne poi uno gigante in avanti, e impedire a una destra arraffona di riprendere la guida del Paese, per tornare ai bei tempi dei conflitti d’interesse, delle caste e degli amici degli amici.

2 replies

  1. A logica avrebbe senso: trovi le persone migliori sul territorio e convergi su quelle per limitare i danni non solo dell’arrivo delle destre, ma anche del pd, che somiglia molto più alle destre che al M5S.

    A logica … ma nella realtà il pd appartiene alla casta nè più nè meno di berlusconi salvini e meloni, e trovare candidati decenti con loro è fantascienza.
    Il pd è una forza politica che fa gli interessi dei suoi padroni, non dei cittadini, e se ha ancora qualche parte sana (cosa che sinceramente dubito: come puoi rimanere in un partito marcio per anni senza andartene?), come minimo non conta niente.

    L’idea di trovare candidati decenti col pd secondo me è ingenua. Al massimo si può trovare qualcuno che sembra decente, ma poi verrà fuori in un secondo tempo che è ricattabile dai soliti noti.
    Il pd è impossibilitato a trovare candidati passabili, piuttosto cederà il passo alla lega penso.

    Inutile sognare una politica sensata, non in questo paese.
    Il M5S secondo me deve tenersi su candidati di ottimo livello e perdere a oltranza piuttosto che tentare la scalata con qualcuno che alla prima occasione lo prende a sassate dall’alto e gli taglia la corda.

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.