Dal 2016 la Nato ha cominciato ad addestrare migliaia di ucraini per creare un movimento di partigiani

(Tonia Mastrobuoni – la Repubblica) – Mieczyslaw Bieniek è stato il primo vice comandante strategico polacco della Nato, ha combattuto in Iraq, Afghanistan e Siria. Lo abbiamo incontrato a Cracovia, nel clima ancora incandescente del missile caduto al confine con l’Ucraina. Ma Bieniek è ottimista sulle prospettive di pace in Ucraina: «Qualcosa sta succedendo: basti pensare alla dinamica della ritirata di Kherson». E, a proposito della città-simbolo della resistenza ucraina, il generale polacco rivela che dal 2016 la Nato ha cominciato ad addestrare «migliaia » di ucraini per prepararli alla resistenza nel caso di un’invasione russa.

Generale, quanto è ottimista su un negoziato per la pace?

«Il comandante russo Gerasimov e quello americano Muller stanno comunicando. E, sì, penso che qualcosa stia succedendo, dietro alle quinte. Pensi alla ritirata di Kherson: 25mila soldati russi, sull’orlo dello sterminio, che vengono evacuati in tre giorni e due notti. Solo passando sul ponte Antonovski e due ponti militari costruiti da loro sul Dniepr. Avrebbero potuto distruggerli in ogni momento, erano un bersaglio facile. Invece non è successo. Penso sia un sintomo che Biden ha parlato con Zelensky, che gli ha detto lasciali andare, non sbarrare la strada a negoziati futuri».

A proposito di Kherson, a giugno sono emerse le camere per le torture, c’era una fortissima resistenza lì.

«Certo. E le spiego perché. Le truppe speciali ucraine sono state addestrate dal 2016 dalle truppe speciali della Nato. Per creare un movimento dei partigiani: c’era una grande consapevolezza che ci sarebbe stata l’invasione da parte della Russia, prima o poi».

Ma dove sono state addestrate? In Ucraina?

«Non solo. Non posso entrare nei dettagli. Ma uno dei tanti training era proprio ‘Operazioni segrete nei territori occupati’. Hanno nascosto ovunque stazioni radio, munizioni, esplosivi, gli hanno insegnato come muoversi, organizzarsi, come comunicare. Sono stati addestrati con i mezzi più moderni di combattimento, rigorosamente difensivi: obici, sistemi antiaerei e anti missilistici. E una delle basi è stata ad esempio a Yavorov, vicino a Leopoli, non a caso bombardata in primavera dai russi».

Erano cellule dormienti partigiane?

«Certo, nascoste tra civili. Ecco perché gli ucraini erano così preparati, così efficaci. E non solo lì. A Novofedorivka, la base aerea in Crimea, c’erano due soli orari possibili per colpire gli aerei e i piloti insieme, e hanno attaccato durante uno di questi slot. Qualcuno gli ha dato l’informazione in tempo reale: un partigiano. Hanno insegnato agli ucraini a usare il ‘Battlefield management system’, BMS, un metodo per integrare spie, satelliti e altri mezzi di comunicazione e colpire bersagli in tempo reale. Ecco perché hanno ucciso ad esempio tutti quei generali russi all’inizio della guerra».

8 replies

  1. semmai è la prova che la guerra è stata preparata minuziosamente, anche con le azioni che il battaglione Azov ha condotto in Donbas dal 2014. Hai posteri l’ardua sentenza se ne sia valsa la pena…..

    Piace a 2 people

  2. Ma non avevamo riempito milioni di bottiglie molotov per difendersi dai russi.???ma si volevano imitare i vietcong che si difendevano con archi e frecce dagli amerikani ma in quel caso veramente.poveracci sti occidentali fanno sempre figure di sterco.CADRANGIA solo cadrangia.

    Piace a 1 persona

  3. “Ecco perché gli ucraini erano così preparati, così efficaci.” oddio viste le ingenti perdite ucraine tanto efficaci e preparati non erano…

    "Mi piace"

  4. Questo generale è un ciarlatano della peggio specie, comunque sia.

    ”Pensi alla ritirata di Kherson: 25mila soldati russi, sull’orlo dello sterminio, che vengono evacuati in tre giorni e due notti. Solo passando sul ponte Antonovski e due ponti militari costruiti da loro sul Dniepr. Avrebbero potuto distruggerli in ogni momento, erano un bersaglio facile. Invece non è successo. Penso sia un sintomo che Biden ha parlato con Zelensky, che gli ha detto lasciali andare, non sbarrare la strada a negoziati futuri».”’

    Ma quale STERMINIO?

    L’unico sterminio è stato quello degli ucronazi, 10.000 morti in 2 mesi di attacchi senza risultati contro i russi.

    Se gli ucraini non hanno attaccato i russi in ritirata è perché loro per primi non credevano alla mossa russa. E quando si sono fatti vedere le hanno prese sode, tra l’altro.

    ”’E non solo lì. A Novofedorivka, la base aerea in Crimea, c’erano due soli orari possibili per colpire gli aerei e i piloti insieme, e hanno attaccato durante uno di questi slot. Qualcuno gli ha dato l’informazione in tempo reale: un partigiano. Hanno insegnato agli ucraini a usare il ‘Battlefield management system’, BMS, un metodo per integrare spie, satelliti e altri mezzi di comunicazione e colpire bersagli in tempo reale. Ecco perché hanno ucciso ad esempio tutti quei generali russi all’inizio della guerra».”’

    ECCO per esempio, la dimostrazione plastica che la NATO è una gang di criminali che ha dichiarato senza ufficialità la guerra alla Russia.

    Come reagirebbero i NATO-fili che gridano per 2 contadini uccisi da un missile (ucraino), se gli accoppassero 10 generali in Irak e Siria, per esempio?

    Capito che razza di gangster ci dominano?

    Piace a 2 people

  5. Mumble, mumble… “Creare un esercito di partigiani”. Mi ricorda qualcosa…
    Ma come “creare”!!! I Partigiani sono un movimento spontaneo e autorganizzato, massima espressione dell’ orgoglio di un popolo che autonomamente si ribella all’ oppressore!
    O no?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...