Il voto furbo

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Il voto utile è sempre stato un ricatto agli elettori. Del resto per ogni partito è utile il voto dato a se stesso e inutile quello dato agli altri. Ma in questa campagna elettorale il voto utile l’ha invocato solo Letta: “Chi vota Conte o Calenda vota Meloni, datemi un 4% in più per fermarla”. […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

111 replies

  1. Il voto furbo

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Il voto utile è sempre stato un ricatto agli elettori. Del resto per ogni partito è utile il voto dato a se stesso e inutile quello dato agli altri. Ma in questa campagna elettorale il voto utile l’ha invocato solo Letta: “Chi vota Conte o Calenda vota Meloni, datemi un 4% in più per fermarla”. Purtroppo per lui e per noi, non è vero: grazie alla sua folle politica delle (non) alleanze, il centrosinistra è sotto il centrodestra di 20 punti. Ma ora, con la svolta degli ultimi giorni al Sud, il voto utile gli sta tornando indietro come un boomerang: non solo i sondaggi top secret, ma anche il clima registrato dagli analisti e persino da Letta&C., danno il M5S in forte recupero nel Mezzogiorno, dove sono di nuovo primo partito. Lì il bisogno di protezione sociale tracima e Conte fa il pieno di consensi, grazie non solo alla difesa del Rdc, ma anche al salario minimo, a misure crea-lavoro come il Superbonus e alle demenziali parole d’ordine dei suoi avversari, che chiamano lui “avvocato del popolo” e i 5Stelle “partito di Conte” pensando di danneggiarli: invece è proprio l’idea di un “avvocato del popolo” che piace ai ceti più deboli e impauriti dalla crisi e dalla guerra; e il “partito di Conte” è più accattivante del marchio 5Stelle, usurato da divisioni, polemiche e governo Draghi. Se è vero, come scrive Roberto D’Alimonte sul Sole 24 Ore, che Conte al Sud veleggia verso il 30%, lì l’unico voto utile in chiave anti-Meloni è quello ai 5Stelle: toglierebbe al centrodestra una manciata di collegi uninominali e dunque la maggioranza assoluta al Senato.

    Al Sud gli uninominali – dove vince chi ha un voto in più – per il Senato sono 31 e il centrosinistra non può vincerli perché in Campania, Puglia, Calabria, Sardegna e forse Sicilia è lontano dal 30-35% necessario per conquistarli. Quindi se li contendono centrodestra e 5Stelle. Se davvero Letta crede ai suoi allarmi sul pericolo nero, dovrebbe imitare il suo Michele Emiliano, che sul Fatto ha osato invitare gli elettori a “votare o Pd o 5Stelle”. Di più non poteva dire, essendo un dirigente Pd, ma il messaggio era chiaro: solo rafforzando il M5S con voti utili, anzi furbi, al Sud si può sottrarre a Meloni&C. la metà dei 31 collegi senatoriali. Che si aggiungerebbero ai seggi uninominali previsti dal centrosinistra al Centro-Nord (una quindicina). Con 15 o più seggi uninominali al centrosinistra e 15-20 ai 5Stelle, il centrodestra arriverebbe primo (grazie alla sua compattezza, che gli regala la maggioranza nel proporzionale e nel maggioritario), ma potrebbe non avere i numeri per governare. O, se li avesse di misura, governerebbe, ma non potrebbe cambiare la Costituzione senza passare dal referendum. Riuscirà il Pd a fare la prima mossa furba della sua demenziale campagna elettorale?

    Piace a 9 people

    • Grazie a tutti gli anti-Conte e anti-m5s per “le demenziali parole d’ordine […] “avvocato del popolo” e “partito di Conte” pensando di danneggiarli” (cit.) che – grazie al loro “attivismo” – stanno fattivamente aiutando il M5s ed il Presidente Conte a fare il pieno di consensi.
      Continuate così ⭐⭐⭐⭐⭐

      Piace a 7 people

    • se se se. Se mia nonna avesse le ruote… La destra fasciomeloniana mi fa schifo, ma l’idea di vedere ancora un governo giallorosso allargato me la fa vedere meno brutta.

      Piace a 2 people

      • risponderti sarebbe tempo sprecato, tanto ti qualifichi da solo/a con ciò che hai scritto. Sprecato anche stare a chiedersi quali sono le tue sirene (o sirenetti in sovrappeso) di riferimento.

        "Mi piace"

    • comunque tutto ciò non toglie il fatto che il voto a conte è il peggior voto di scambio in stile meriddionale. La cosa buona è che di soldi non ce ne sono più, la Lombardia sta entrando in crisi e non potrà più finanziare l’italia parassita.

      Piace a 1 persona

      • @Simo

        La Lombardia, quella di Formigoni – lui sì, un parassita che rubava qualsiasi cosa “pur di” e una volta acciuffato ha fatto la tragedia greca per quell’anellide che è, piagnucolando come un povero imb3cill3 mentre faceva i capricci per avere indietro il vitalizio – che ha rubato a tutto spiano e vi ha cacciato nei pasticci (ma anche no, nel senso che tra furbetti ve la intendete)? Quella Lombardia lì? 😅

        "Mi piace"

    • Nel caso (speriamo) in cui il centrodestra non avesse la maggioranza in una delle camere, vi sarebbe un altro problema : Calenda e il suo socio in affari diverrebbero ago della bilancia. L’ideale sarebbe che i due si fermassero al 2,99 %. Difficile eh ! Ma sperare a volte fa campare.

      "Mi piace"

    • Che articolo schifosamente propagandistico, totalmente privo di una analisi che approfondisca i singoli temi.
      Un articolo di un qualunquismo schifoso, buono per i militanti a la carte (quelli che si vendono per un piatto di lenticchie) e i sostenitori idioti che credono in buona fede alle “argomentazioni” di questo capopopolo (giornalista mi sembra eccessivo).
      Di Montanelli, il suo presunto maestro, non vale nemmeno un’unghia.
      Non so come ho fatto a pendere dalle sue labbra per anni, ha vinto sempre per demeriti altrui più che per meriti propri.
      Chi spera di interpretare meglio la realtà leggendo Travaglio, un po’ mi intenerisce.

      "Mi piace"

  2. Si dai regaliamo qualche voto in più all’avvocato del popolo per dare al centro destra una vittoria risicata e poter fare magari di nuovo un governo di unità nazionale con tutti i partiti,visto i grandissimi risultati ottenuti negli ultimi 2 anni,la verità è che comunque vada ci aspetta un governo che più brutto non si può e una recessione mai vista,e nonostante quello che dica Travaglio non sarà certo l’avvocato del popolo a salvarci

    Piace a 2 people

    • Hahahaha, Jop! Perdona la mia immane ignoranza: ma chi è Er Tronco? Io son di Firenze e pur avendo tutti i parenti a Roma… non conosco tal personaggio. 🤗
      Grazie.

      "Mi piace"

      • Ciao Cekko,
        al liceo avevo un compagno un po’ duro di comprendonio, per questo chiamato “er Tronco”.
        Pero’, pur non essendo un fulmine, ogni tanto c’azzeccava!

        Ciao ed al prossimo commento der “Tronco”!

        "Mi piace"

  3. Secondo il ragionamento di Trav., Letta dovrebbe dare indicazioni, da Napoli in giù, di votare all’uninominale il candidato 5*. Mentre Conte darebbe indicazioni, al nord, di votare all’uninominale il candidato Pd. Dal punto di vista strettamente logico sarebbe giusto. Ma è un ragionamento astratto buono soltanto per chi legge i giornali e/o segue o fa campagna elettorale. Purtroppo l’elettorato nel suo complesso non è costituito da analisti politico-matematici. La gran massa di elettori di sinistra o ex astenuti non fa questi ragionamenti aritmetici: se crede (come io penso) che il Pd è un partito di centro che di sinistra non ha, ormai da decenni, nemmeno la parvenza, il voto lo dà al partito di Conte e la chiude lì. Quello che dice Trav, per realizzarsi, dovrebbe essere preceduto da accordi tra Conte e Letta alla luce del sole e per giunta non a due giorni dalle elezioni. C’è il pericolo che la destra prenda i 2/3 dei seggi?? Certo che c’è. Ma mooolto meno di appena una settimana fa. Il vento è già cambiato. Praticamente, se il partito di Conte supererà in voti il Pd, come io credo e come i sondaggi segreti pronosticano, il ragionamento salta. E allora l’indicazione di voto è una sola: votare anche all’uninominale per il partito anti-destra verosimilmente più votato : IL PARTITO DI CONTE. Che guarda caso sta già rimontato alla grande anche nel proporzionale pure al nord.
    Inoltre, nella sciagurata ipotesi che le destre riescano ad ottenere i 2/3 dei seggi (cosa per me non più realistica), ci sarà sempre la scappatoia della richiesta di referendum da parte del 25% degli eletti.

    Piace a 3 people

    • Ma i sondaggi sono segreti per tutti tranne che per te? Sei un sondaggista in incognito? Hai delle entrature negli istituti demoscopici? O te la fai con la Ghisleri?

      Piace a 1 persona

    • Il PD non è un partito di sinistra, né di centro, né di destra. Il PD è il partito dei Ruperti e dei De Angelis. Se quei due fossero stati contiamo o meloniani o forza italioti sarebbero sarebbero sempre utilizzati dagli agit prop pagati come giornalisti per fare campagna elettorale contro quei partiti a favore del PD. Invece sono scomparsi dalla scena.

      "Mi piace"

  4. Tanti inutili giri di parole e calcoli, la realtà è che dentro il sarcofago della mummia sicula è già pronto un bel governissimo con quasi tutti dentro da fare vomitare l’elettorato, guidato dal solito salvatore della patria. In nome del popolo sovrano e sempre per il nostro bene.

    Piace a 1 persona

  5. Finché ci sarà questa legge elettorale non si andrà da nessuna parte. Vedremo comunque in questa tornata elettorale l’effetto del condizionamento mediatico di anni di contrasto al cambiamento, auspicato da tutti i partiti. Salvo poi ritrovarci al governo i partiti e i personaggi che hanno già portato l’Italia e gli italiani sull’orlo del fallimento economico e morale.

    Piace a 2 people

  6. UNA GIGANTESCA OPERA DI DISTRAZIONE DI MASSA

    Chi voterà partiti che basano la loro propaganda sull’eliminazione del reddito minimo o sull’agenda Draghi non si rende conto che chi è privo di empatia e di compassione per i più poveri ha in mente di fare le stesse cose che Draghi fece in Grecia o che fecero in Argentina: prima si tagliano gli aiuti ai più poveri, poi si taglia lo stato sociale, per cui spariscono la sanità pubblica, i fondi alla scuola, i trasporti pubblici, si tagliano le pensioni, si licenziano gli impiegati statali, che non sono solo gli impiegati degli uffici, ma i medici, gli insegnanti, i poliziotti…si privatizza, cioè si svendono interi settori dello Stato, Draghi stava per privatizzare anche l’acqua, mentre sia la destra che la pseudo sinistra in ogni legge di bilancio hanno fatto tagli vistosi sulla sanità, sulla scuola… peggiorando lo stato sociale, alla fine si bloccano i Bancomat e si manda la gente a morire di fame…e tutto questo viene fatto per massimare i guadagni dei più ricchi a spese dei non ricchi e nei non ricchi ci siamo tutti, meno un pugno di persone che si chiamano Berlusconi, Benetton, Briatore…o sono i proprietari delle banche o gli azionisti di grandi società come quelle energetiche che ci hanno rubato sulle bollette facendo extraprofitti per 75 miliardi di euro o hanno le mani in pasta in politica. E tutto questo si accompagnerà a licenziamenti, crisi, fame, guerra. Non è una minaccia fantasiosa. È già stato fatto, in Argentina, in Grecia… e ora vogliono farlo anche da noi. Come può la gente essere tanto stupida da fare la lotta a chi sta peggio di lei, in una infame e idiota lotta tra poveri, che permetterà una tale catastrofe? Il piano diabolico di questi distruttori di Stati e di democrazia è quello di usare l’odio sociale come strumento per cui, invece di attaccare chi ci rapina e distrugge e sta in alto, rivolgiamo la nostra rabbia contro chi è più povero e debole di noi. Come può tanta gente essere tanto stupida da non capire che questi media, questi politici, queste televisioni stanno giocando con le nostre vite in una gigantesca opera di distrazione di massa?
    Credi di evitare tutto questo non votando? Allora sei pazzo, non solo illuso, e non hai attenuanti.

    Viviana Vivarelli

    Piace a 2 people

    • Condivido.
      Oltre ad essere pazzi ed illusi sono anche stolti ed in mezzo a loro ci sono quelli in malafede che soffiano sul vento dell’astensione perseguendo l’obbiettivo del “sistema” di ridurre la platea elettorale per avere, dato il loro sicuro bacino clientelare di voti, un maggior peso percentuale sui votanti.
      I “FRondolino amoroso” serpeggiano sui social come emerso da un’inchiesta, che ha svelato una chat tra Renzi e Rondolino, in cui quest’ultimo scriveva: “Non dobbiamo perdere tempo a riconquistare l’elettorato: dobbiamo spingerlo a non votare più”.
      https://infosannio.com/2021/11/14/la-character-assassination-di-rondolino/

      Piace a 2 people

  7. PERCHE’ VOTERO’ M5S- Viviana Vivarelli

    Nessun partito, salvo il M5S, propone di investire sulla giustizia mentre tutti, chi più chi meno, propongono leggi per troncare i processi e aumentare l’impunità degli imputati ‘eccellenti.

    Nessun partito, salvo il M5S, lotta in modo chiaro e palese contro le tre mafie e nessuno candida, come fa il M5S, importanti Magistrati antimafia.

    Nessun partito, salvo il M5S, è privo di condannati per corruzione o altri reati, mentre gli altri partiti hanno ormai rinnegato la questione morale e candidano inquisiti, condannati e anche collusi con la mafia.

    Nessun partito, salvo il M5S, nemmeno i Verdi, ha reali proposte serie sull’ambiente e vuole investire realmente in energie pulite, nella chiusura sul fossile e nel recupero serio del dissesto idrogeologico del territorio (l’Agenda Draghi su questo punto si è rivelata una grossa beffa, andando a favore solo degli extraprofitti delle grandi società energetiche con un ritorno al fossile e la minaccia del nucleare con privatizzazioni crescenti dei beni comuni).

    Nessuno vuole risparmiare sui costi pubblici (vitalizi, abusi e numeri esosi della Casta) e anzi con Draghi i costi sono aumentati col raddoppio degli stipendi dei sindaci e l’assunzione da parte dello Stato delle pensioni dei giornalisti mentre perdura l’incostituzionale regalo alle scuole private e si continua a chiudere gli occhi sugli abusi fiscali del Vaticano.

    Nessun partito, salvo il M5S, si sta occupando seriamente dei più poveri, dei diritti delle donne, della tutela dei più deboli, della difesa dei lavoratori e della salvezza delle piccole e medie imprese. Di fronte alla degenerazione del Pd e di ex partiti di sx diventati banderuole inconsistenti, e di fronte alla crisi dei sindacati, non resta altro presidio di sinistra che il M5S.

    Ma anche il mondo cattolico e umanitario dovrebbe capire chiaramente che l’imperativo etico della coscienza non è accanirsi sui senza potere e osannare i più forti, ma correggere le storture del mondo e camminare su un cammino di civiltà, non per una diminuzione dei diritti dell’uomo e del cittadino in un accentramento solipsistico di poteri, ma sulla lotta per realizzare le promesse della Costituzione per una democrazia più compiuta nei fatti e non solo esistente sulla carta.

    Nessun partito, infine, lotta per mandare avanti negoziati di pace per troncare l’escalation di questa sciagurata guerra americana che distruggerà l’Europa per arricchire gli Stati uniti e quasi tutti sono asserviti in modo succube ai desideri di strapotere americani, troppo pavidi e vigliacchi per contrastare un Atlantismo avido e spietato, oltretutto per favorire una superpotenza che ha iniziato tutte le guerre del mondo senza poi essere capace di finirle.

    Nessun politico ha fatto al momento la minima proposta per uscire dalla catastrofe della guerra e dal terrore della recessione. Solo Conte è stato in grado di lottare in Europa per avere un cospicuo aiuto di 220 miliardi (che con Draghi non si sa che fine abbiano fatto dal momento che Draghi non è riuscito nemmeno a ottemperare alle richieste europee). Nessun politico, salvo Conte, è riuscito ad ottenere dall’Ue la distribuzione dei migranti (altro risultato che con Draghi è sparito). Nessuno ha avuto idee per la ripresa economica, mentre Conte col Superbonus ha risollevato il Paese e ha proposte serie che aumenteranno l’occupazione con le energie pulite e il recupero del territorio, con scelte di tipo keynesiano.

    Con Conte lo spread era sceso a 90, con benefici immediati sugli interessi del nostro debito pubblico e sui mercati, mentre con Draghi è risalito a 229 e con i governi Berlusconi-Salvini-Meloni era scoppiato a 700.

    Solo nel M5S, infine, possiamo sperare in un rispetto per la democrazia e nel suo consolidamento, mentre con la destra e l’Agenda Draghi si profilano all’orizzonte quadri foschi di presidenzialismo e governi autoritari che fanno a pezzi ogni ordinamento democratico.

    Piace a 7 people

    • Viviana,
      Eppure ci sono ancora “dubbi”: pare sfuggire al “popolo” che l’unico da votare sia realmente il suo avvocato e le cinque stelle splendenti (cit.)…..

      "Mi piace"

    • Lo voterei anch’io se non si fosse appropriato del Movimento senza esserne iscritto e candidato unico imposto anche da Di Maio escludendo Di Battista e poi al governo Draghi con Berlusconi perlomeno fosse uscito dal governo per non far pasare la riforma della giustizia orrenda di Cartabia .Il tutto per stare accanto al PD. E dopo il voto non ha messo paleti né verso il PD né verso un nuovo governo misto . Peccato .

      Piace a 1 persona

      • Eeeeeeeh?
        Antonio, li ha messi eccome, i paletti! Sia nei confronti dell’attuale Pd, sia per quanto riguarda un governo di “unità” (“faremo opposizione”).
        E non si è “appropriato” del M5S: è stato votato col 94% di consensi.
        Ma certo che è iscritto (da luglio 2021): non avrebbe potuto avere l’incarico, senza esserlo.

        Piace a 1 persona

      • Non si è impossessato di nulla, noi iscritti l’abbiamo eletto a leader.
        Governo con Berlusconi? Abbiamo lottato col mafioso coi denti e salvato il blocco prescrizione alla sentenza di primo grado e improcedibilità per reati di mafia e terrorismo. Uscire dal governo? Avevano i numeri anche senza di noi e avrebbero cancellato tutto il nostro operato.
        La tua é fantasia

        Piace a 3 people

      • Voi non avete presente cosa e accaduto da quando si dimise DiMaio quello che allora quando veniva chiamato bibitaro ,tanti come voi lo difendevano come ora difendete Conte . Voterò perché ho sempre votato in vita mia ma no per chi ha fatto si che il movimento che ho sostenuto dal 2013 ora non esiste più

        "Mi piace"

    • Pericolosi!
      Passeranno, come fecero con Berlusconi, tutto il loro tempo ad attaccare ed ostacolare la magistratura; smontando il sistema giudiziario; introducendo schiforme come e peggio della originaria “Cartabia” e a tentare di modificare la costituzione in senso autoritario, introducendo il “presidenzialismo” nostrano; a cancellare le riforme sociali volute e fatte dal M5S, privatizzando quel che resta delle risorse del nostro paese.
      Sarà il paese di bengoni per mafie, ‘ndrangheta, camorra e tutta la criminalità organizzata che vede in loro il salvacondotto per ogni nefandezza; la realizzazione del programma della P2 di Licio Gelli è servita.
      E’ questo che gli stolti che voteranno Meloni e compagnia cantante otterranno. Senza rendersene conto voteranno per i propri aguzzini salvo ribellarsi, invocando un nuovo salvatore della patria, quando ormai sarà troppo tardi.

      "Mi piace"

    • Io capisco quelli che non hanno votato M5S e quindi non si sentono traditi dal movimento.
      Evidentemente il programma che avevano non piaceva loro, oppure non si fidavano degli scappati di casa incompetenti ecc ecc come li descriveva la tv, e non li hanno scelti, per cui non hanno vissuto il tradimento del programma come un tradimento verso di loro e non hanno risentimento, e non temono di essere traditi una seconda volta.

      Ma quelli che lo avevano votato per fare cose precise che poi sono state abbandonate per strada, oppure le hanno meritoriamente realizzate ma poi hanno partecipato al governo che le ha smantellate … li capisco molto meno, diciamo.

      Ripropongo il video che ho visto sul commento di Sparviero, perchè è una sintesi dei vari tradimenti del M5S, e domando a chi ha già votato e creduto nel M5S, come Viviana: come potete escludere che non siano solo parole e non vi sia un nuovo tradimento totale? Come potete fidarvi di chi ha appena finito di fregarvi, solo sulla base di promesse di marinaio elettorale?
      Invidio la vostra fiducia e ottimismo.

      Io che ho sempre criticato Mazzucco per la sua ostilità al movimento quando ancora realizzava cose nell’interesse del paese, devo ammettere che aveva ragione, purtroppo, e col senno di poi non li rivoto assolutamente.
      Se poi faranno bene nella prossima legislatura tornerò volentieri a votarli, però non posso che basarmi su quello che hanno fatto ultimamente per prevedere il futuro, e se faranno bene li rivoterò, ma siccome hanno fatto male (nell’ultimo anno e mezzo), non posso farlo.

      "Mi piace"

      • Quindi fra due eserciti contendenti, uno in netta minoranza numerica che porta avanti determinate battaglie a favore dei cittadini e del bene comune, che ha vinto determinate battaglie e ha dovuto indietreggiare su altre per non perdere la guerra, e l’altro, in netta supremazia numerica, che ha interessi completamente divergenti, tu, che da quello che affermi, dovresti essere parte dell’esercito di minoranza, siccome non sei, ancora, riuscito a vincere la guerra, cosa fai? Davanti alla superiorità numerica dell’avversario ti arrendi e dici ai tuoi compagni andate avanti pure voi che io mi fermo qui al sicuro, poi, se le cose si mettessero bene per il vostro esercito, allora, ma solo allora, tornerò ad appoggiarvi.
        Credo che la metafora sia chiara e non abbia bisogno di spiegazioni.
        Mazzucco parla di tradimento del mandato ma non esplicita quale sarebbe è la solita falsa litania, valida per boccaloni, da media mainstream.
        Certo ci sono diverse sensibilità all’interno dei 5S e le diverse alleanze di governo hanno fatto storcere il naso a molti, io pure non ho gradito certe scelte fatte, ma che sono state avvallate dalla base e quindi le ho accettate, ma tutto quello che è riuscito a fare il M5S è lì a testimoniare anche ai ciechi e ai sordi quali siano gli interessi che esso difende e tutela: esclusivamente quello dei cittadini e del bene comune ma purtroppo, date le forze in campo e cittadini poco lungimiranti come te che lo hanno indebolito, è dovuto indietreggiare e lasciare campo agli avversari che lo vorrebbero annientare.
        Il M5S ha vinto numerose battaglie grazie alla propulsione e alla forza iniziale ma non ha vinto la guerra, non si può fargliene una colpa, la colpa è solo “nostra/vostra” che avete desistito e gli avete sottratto forza e sostegno.
        Se ti fermi sulla riva del fiume ad aspettare, è più probabile che il cadavere che vedrai passare, sia il tuo.
        A te la scelta, poi non ti lamentare, chi è causa del proprio mal pianga sé stesso.

        "Mi piace"

      • Non è che il M5S ha dato 53 fiduc(i)e a draghi perchè “quelli come me, gli hanno tolto l’appoggio, ma l’inverso: “quelli come me” gli hanno tolto l’appoggio perchè ha votato 53 fiduce a draghi, dando di fatto il proprio appoggio all’eliminazione dei risultati precedentemente ottenuti.

        Poi il discorso che se non voto M5S allora voto la casta (se non ho capito male), non tiene conto che esiste anche l’astensione (che in effetti è simile a votare casta) o il votare uno dei partiti antisistema, cosa che farò molto probabilmente.

        "Mi piace"

      • Innanzitutto fa piacere che uno come fab.c che non si può certo dire un “duro e puro”, prenda questo tipo di posizioni, perché dimostra che i “duri e puri” sono l’ennesima categoria superca22ola che, come quella dei novax, non esiste affatto, se non come pretesto per dare credibilità alle tesi di alcuni “mollaccioni e laidi”, con la memoria dei cavedani.

        Il video postato da te fab. è un po’ che gira e sia io, ma ancora prima CAINO64, l’abbiamo pubblicato più volte.

        Però chiedo: con “…Io che ho sempre criticato Mazzucco per la sua ostilità al movimento quando ancora realizzava cose nell’interesse del paese…” che cosa vuoi dire? Ma l’hai visto il video nel quale Mazzucco esordisce dicendo di averli votati proprio per l’interesse del Paese?

        Circa Viviana, scrivevo questo in un commento che non è passato: “Viviana lasciamola stare, vah: l’ennesima che ha sbraitato contro l’infamia a 5Stelle e alla fine, docile, docile (cit.)…: much ado about nothing!”.

        Piace a 1 persona

      • Mazzucco ha votato il movimento ma ha iniziato a criticarlo molto prima di me. Io ho ingoiato alcune cose (il TAV con grande difficoltà per esempio), e imputavo a Mazzucco fino all’arrivo di draghi quello che ora chi ha deciso che Conte è ottimo e abbondante imputa a me: di avere un meno peggio e non appoggiarlo.
        Il contrappasso … me lo merito.

        Viviana mi stupisce. Era incazzatissima con Conte e ora passa alla propaganda a favore. Non so che ragionamenti abbia fatto.

        "Mi piace"

      • L’abbandono e il mancato sostegno è iniziato molto prima. Circa sei mesi dopo le elezioni nazionali, alle europee, il M5S è stato abbandonato da circa un terzo degli elettori che, forse, volevano “o miracolo”. 😀
        Da qui il sistema ha iniziato a prendere piede, essendo riuscito ad intaccare il consenso che aveva il M5S, indebolendolo con la solita falsa e menzognera narrazione.
        Ti manca la visione d’insieme, ti soffermi su singoli aspetti senza considerare la visione generale e la complessità della realtà. Certo, si poteva andare all’opposizione del governo Draghi, ma a quel punto la schiforma “Cartabia”, appoggiata dal restante 67%, sarebbe passata nella sua versione originaria o, sempre a posteriori, si poteva minacciare di uscire dal governo sulla schiforma “Cartabia”, salvo poi sentirsi additare stupidamente e falsamente, come per il TAV, quali responsabili della schiforma stessa perché non si è riusciti, con il 33% contro il 67%, a fermarle.
        Eh si, proprio un bel modo di ragionare, di distorcere la realtà dei fatti e la sua complessità.

        Astenersi equivale ad appoggiare il sistema; votare per uno dei partiti “antisistema” a parole, che probabilmente nemmeno entreranno in Parlamento, ma funzionali al “sistema” per dividere e sottrarre consenso all’unica forza politica che ha dimostrato con i fatti di essere realmente “antisistema” e, per questo osteggiata come non mai, non farà altro che avvantaggiare sempre il “sistema”.

        “Dobbiamo procedere con cautela e consolidare ogni posizione acquisita, poiché lo strato inferiore della società sta già dando segni incessanti di agitazione. Facciamo uso dei tribunali… Quando, grazie all’uso della legge stessa, la gente comune avrà perso le proprie case essa sarà più facile da controllare e più facile da governare, e non sarà in grado di resistere alla mano forte del governo che agisce in conformità… con il controllo dei dirigenti e leader della finanza.” “[Noi banchieri] Dobbiamo mantenere il popolo occupato con antagonismi politici … Dividendo l’elettorato in questo modo, faremo sì che esso spenderà le proprie energie lottando al suo interno su questioni che, per noi, non hanno alcuna importanza”. United State Bankers, magazine 1892.

        Dividersi in mille rivoli (fino alla scissione dell’atomo) su singole questioni fa il gioco del “sistema”.
        Complimenti per la tua lungimiranza.

        PS.: Reputo Viviana una persona intelligente, a me ha stupito l’attacco cieco e rabbioso che ha fatto al M5S nel recente passato, ma che ho attribuito, al risentimento di una persona che ha messo la sua passione in una determinata cosa e si è sentita, erroneamente, tradita.
        Con l’uscita di Di Maio e della sua corte al seguito, alcune questioni interne sono emerse e si sono svelate.
        Ripeto, anch’io non ho condiviso determinate scelte ma le ho accettate come decisione collettiva e parte di un percorso di maturazione e credo che, data l’esperienza, serviranno per il futuro. I principi e la visione rimangono intatti comunque; la stella polare del M5S, è l’interesse dei cittadini, il bene comune e non è mai venuta meno, questo è l’importante.
        Credo che questo Viviana lo abbia capito, ragionando a mente fredda, ultimamente, con maggiore chiarezza e serenità.

        P.P.S.: Sugli elementi alla Mazzucco meglio sorvolare. Fenomeni da circo mediatico che mistificano per piegare la realtà alle loro convinzioni monotematiche. Soprattutto quando dice di aver votato, nel 2018, il M5S per il referendum sull’uscita dall’euro, quando quello faceva parte del programma del 2013, mentre per il 2018 già si diceva che non era più il caso di un’uscita dall’Euro, mai detto dall’UE. Questo la dice lunga sulla sua credibilità.

        Non mi dilungo oltre, la tua scelta l’hai fatta, spero non debba pentirtene.

        "Mi piace"

      • Io parlavo di “quelli come me” infatti, poi che ci siano altri che hanno revocato l’appoggio prima non me lo puoi imputare.

        Comunque mi auguro di aver distorto la realtà ecc, e che tu abbia ragione su tutto. Nel caso hanno perso un voto e lo riconquisteranno, niente di grave, tanto i giochi si fanno in alto, e il nostro voto non vale praticamente nulla, sennò semplicemente abolirebbero le elezioni.

        "Mi piace"

      • Questa tua twainata, fb, peraltro assolutamente vera, mi fa sorgere spontanea una domanda: vivi una vita che sai perfettamente essere un sogno, ma fai come se fosse reale?

        "Mi piace"

      • Twainata da Mark Twain? Mi mancano le basi.
        Lo so che è un sogno la vita, ma come nei sogni, mi sembra reale. Il sogno lucido purtroppo non mi riesce.

        "Mi piace"

      • “il nostro voto non vale praticamente nulla, sennò semplicemente abolirebbero le elezioni” (fabriziocastellana)

        “Se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare” (Mark Twain)

        "Mi piace"

  8. PROGRAMMA DI GIUSEPPE CONTE PER LE ELEZIONI POLITICHE 2022

    UN FISCO SEMPLICE E PIÙ LEGGERO
    DALLA PARTE DEI LAVORATORI E DEL WELFARE:
    PER UNA VITA DEGNA E SENZA PRECARIETÀ

    SALARIO MINIMO
    Nove euro lordi l’ora di salario minimo legale per dire stop alle paghe da fame e dare dignità
    ai lavoratori che oggi percepiscono di meno

    CONTRASTO DEL PRECARIATO
    Rafforzamento delle misure del decreto dignità per mettere i lavoratori, in particolare i giovani, in condizione di sviluppare progetti di vita agevolando i contratti a tempo indeterminato

    STOP A STAGE E TIROCINI GRATUITI
    Stage e tirocini non possono essere strumento di sfruttamento della manodopera. Prevedere pertanto un compenso minimo per i tirocinanti e il riconoscimento del periodo di tirocinio ai fini pensionistici

    STABILIZZAZIONE DI ‘DECONTRIBUZIONE SUD’ per proteggere e creare nuovi posti di lavoro nel Mezzogiorno

    CASHBACK FISCALE
    Introduzione di un meccanismo che permetta l’immediato accredito su conto corrente delle spese detraibili sostenute con strumenti elettronici. In questo modo semplifichiamo la vita dei contribuenti e contrastiamo l’evasione

    CANCELLAZIONE DEFINITIVA DELL’IRAP a beneficio di tutte le imprese

    TAGLIO DEL CUNEO FISCALE PER IMPRESE E LAVORATORI, per ridurre più incisivamente la differenza fra il costo del lavoratore per l’impresa e il netto percepito in busta paga dallo stesso lavoratore

    CESSIONE CREDITI FISCALI STRUTTURALE
    Stabilizzare l’innovativo meccanismo che ha decretato il successo del Superbonus, che è in grado di mettere a disposizione di famiglie e imprese ingente liquidità e che può essere esteso ad
    altre agevolazioni per investire a costi ridotti nella transizione ecologica

    MAXIRATEAZIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI per dare ossigeno a contribuenti e imprese anche dal lato della riscossione

    PARITÀ SALARIALE
    Introdurre misure per un’effettiva parità salariale tra uomini e donne, per fare in modo che di fronte alle stesse qualifiche e alle stesse mansioni le donne abbiano una retribuzione reale non
    inferiore a quella degli uomini

    EQUIPARAZIONE DEI TEMPI DI CONGEDO DI PATERNITÀ E MATERNITÀ
    Per rendere finalmente concreta la parità di genere nella gestione familiare e nella vita lavorativa

    PROROGA DI OPZIONE DONNA PER L’USCITA ANTICIPATA DAL LAVORO
    PENSIONE ANTICIPATA PER LE MAMME LAVORATRICI
    PROROGA DELLO SGRAVIO CONTRIBUTIVO AL 100% PER L’ASSUNZIONE DI DONNE DISOCCUPATE
    RAFFORZAMENTO DEL FONDO PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE
    SGRAVI PER L’ASSUNZIONE DELLE DONNE IN GRAVIDANZA
    UN NUOVO STATUTO DEI LAVORI, DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI PER GARANTIRE A DIPENDENTI E AUTONOMI GLI STESSI DIRITTI E LE STESSE TUTELE

    RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN SENSO UNIVERSALE
    Anche per autonomi, partite Iva, liberi professionisti e per le nuove tipologie di lavoro

    RAFFORZAMENTO DEL REDDITO DI CITTADINANZA
    Misure per rendere più efficiente il sistema delle politiche attive. Monitoraggio delle misure antifrode

    RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO A PARITÀ DI SALARIO
    Sperimentazione di una riduzione dell’orario di lavoro soprattutto nei settori a più alta intensità tecnologica. Le imprese che aderiscono al programma ottengono esoneri, crediti di imposta e
    incentivi aziendali per l’acquisto di nuove dotazioni tecnologiche e nuovi macchinari

    RIFORMA DELLE PENSIONI
    Evitando il ritorno alla legge Fornero, attraverso l’ampliamento delle categorie dei lavori gravosi e usuranti e attraverso meccanismi di uscita flessibile dal lavoro

    RAFFORZAMENTO DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E ISTITUZIONE DI UNA PROCURA NAZIONALE DEL LAVORO

    DALLA PARTE DEI GIOVANI:
    PER IL LORO FUTURO, DI BENESSERE E STABILITÀ

    PENSIONE GARANZIA GIOVANI
    Un aiuto concreto a tutti quei giovani con carriere intermittenti che fanno fatica ad avere una pensione

    RISCATTO GRATUITO DELLA LAUREA
    Un incentivo allo studio universitario e un riconoscimento dell’impegno profuso nel percorso di studi in vista dell’attività lavorativa

    INCENTIVI ALL’IMPRENDITORIA GIOVANILE E sBUROCRATIZZAZIONE DELLE STARTUP

    STABILIZZAZIONE DEGLI SGRAVI PER L’ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DEGLI UNDER 36

    PROROGA DELLO SGRAVIO PER L’ASSUNZIONE DI GIOVANI UNDER 36 IN TUTTA ITALIA DALLA PARTE DELLE IMPRESE:
    PER GARANTIRE LIQUIDITÀ E AGEVOLARE GLI INVESTIMENTI

    STATUTO DELLE IMPRESE
    Introduzione di uno strumento per dare certezza di regole agli imprenditori

    POTENZIAMENTO E STABILIZZAZIONE DECENNALE DI TRANSIZIONE 4.0, estendendo allo stesso piano Transizione 4.0 la cessione dei crediti d’imposta sul modello del Superbonus

    RAFFORZAMENTO E STABILIZZAZIONE DEL FONDO CENTRALE DI GARANZIA per garantire liquidità alle PMI con garanzie statali dall’80 al 100%

    POTENZIAMENTO DEL FONDO SALVAGUARDIA IMPRESE che consente allo Stato di entrare nel capitale delle aziende in crisi per un ammontare massimo di 10 milioni di Euro

    MISURE PER CONTRASTARE LE DELOCALIZZAZIONI E FAVORIRE LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE

    POTENZIAMENTO DEL FONDO ETS PER LE IMPRESE ENERGIVORE

    MISURE PER ASSICURARE IL SALVATAGGIO DELLE IMPRESE DA PARTE DEGLI STESSI LAVORATORI

    DALLA PARTE DELL’AMBIENTE: PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA, ECOLOGICA E LA TUTELA DELLE BIODIVERSITÀ

    SOCIETÀ ‘2000 WATT’
    Tendere a un modello sostenibile di consumo energetico per ridurre le emissioni annue di gas serra.

    SUPERBONUS E ALTRI BONUS EDILIZI STRUTTURALI
    Stabilizzazione delle agevolazioni edilizie per permettere la pianificazione degli investimenti sugli immobili e continuare a migliorare i livelli di risparmio energetico e di conseguenza risparmiare sulle bollette. Sbloccare e far circolare i crediti d’imposta per evitare il fallimento delle imprese che ancora oggi non riescono a trasformarli in liquidità per pagare fornitori e dipendenti

    UN NUOVO SUPERBONUS ENERGIA IMPRESE, sempre basato sulla circolazione dei crediti fiscali, per permettere alle imprese di investire a costo zero nel risparmio energetico e nelle fonti
    rinnovabili

    SBUROCRATIZZAZIONE PER FAVORIRE LA CREAZIONE DI IMPIANTI DI ENERGIA RINNOVABILE PER LA CASA:

    PERCHÉ TUTTI ABBIANO UN TETTO,

    PER AGEVOLARE L’ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

    PIANO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA con riqualificazione degli edifici esistenti senza consumo di suolo

    MUTUI AGEVOLATI PER ACQUISTO PRIMA CASA

    MUTUO SALVA CASA
    Permettere alle persone sovraindebitate, con l’immobile oggetto di procedure esecutive, di riacquistarlo tramite mutui a lungo termine, agevolati dallo Stato.

    AFFITTO SALVA CASA
    Consentire alle persone sovraindebitate, con la casa oggetto di procedure esecutive, di rimanere in affitto nella propria abitazione con la possibilità in futuro di poterla riacquistare

    COMPLETAMENTO DELLA CARTA GEOLOGICA per mappare il territorio e prevenire i dissesti idrogeologici

    CONTRASTO AL CAROBOLLETTE
    Revisione del sistema di formazione del prezzo del gas favorendone lo sganciamento dal mercato olandese TTF, caratterizzato da fenomeni speculativi

    STOP A NUOVE TRIVELLAZIONI E A NUOVI INCENERITORI
    DALLA PARTE DELLA RIGENERAZIONE:

    PER L’ECONOMIA CIRCOLARE

    DALLA PARTE DELLA SALUTE:

    PER IL DIRITTO UNIVERSALE ALLE CURE,

    PER UNA SANITÀ TERRITORIALE E NAZIONALE

    BASTA INTERFERENZE DELLA POLITICA NELLE NOMINE DEI DIRIGENTI SANITARI

    RIFORMA TITOLO V DELLA COSTITUZIONE PER RIPORTARE LA SALUTE ALLA GESTIONE DIRETTA DELLO STATO ed evitare le attuali disfunzioni dei 20 sistemi regionali, a maggior ragione emerse con la pandemia

    POTENZIAMENTO E ACCESSIBILITÀ ALLE TERAPIE INNOVATIVE E AVANZATE

    INCENTIVI PER I PRONTO SOCCORSO

    AUMENTO DELLE RETRIBUZIONI PER IL PERSONALE SANITARIO

    ECONOMIA RIGENERATIVA, per un sistema non più fondato solo sulla crescita ma anche sulla rigenerazione sociale, del territorio, dei consumi

    STOP A TECNOLOGIE OBSOLETE PER I RIFIUTI
    Realizzazione di impianti completamente compatibili con le richieste dell’Europa e non inquinanti, finalizzati a migliorare le prestazioni ambientali

    PROMOZIONE DEL VUOTO A RENDERE

    DALLA PARTE DI TUTTI, NESSUNO ESCLUSO:

    PER POTENZIARE IL SOSTEGNO ALLE PERSONE CON DISABILITÀ E AI CAREGIVER
    COMPLETARE L’INCREMENTO DELLE PENSIONI DI INVALIDITÀ PER LE PERSONE CON DISABILITÀ
    POTENZIAMENTO DEGLI STRUMENTI PER I PERCORSI DI VITA INDIPENDENTE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ E NON AUTOSUFFICIENTI
    ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA IN TEMA DI DISABILITÀ

    DEFINIZIONE E POTENZIAMENTO DELLE TUTELE PER I CAREGIVER
    ‘SILVER COHOUSING’ E SOCIO BONUS per creare condizioni di vita migliori per gli anziani

    DALLA PARTE DELLE ISTITUZIONI: PER GARANTIRE “DISCIPLINA E ONORE” NELLE FUNZIONI PUBBLICHE, PER DARE ALL’ITALIA
    RIFORME NON PIÙ RIMANDABILI

    SFIDUCIA COSTRUTTIVA
    Un Governo non può essere sfiduciato se contestualmente non si vota la fiducia a un altro Esecutivo

    POTERE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI REVOCARE I MINISTRI
    ESTENSIONE AI 16ENNI DEL DIRITTO DI VOTO

    LIMITE DEI DUE MANDATI ESTESO A TUTTI I PARTITI

    LIMITI ALLA DECRETAZIONE D’URGENZA

    LEGGE SUL CONFLITTO D’INTERESSI

    LEGGE SULLA REGOLAMENTAZIONE DELLE LOBBY

    VALUTAZIONE DI IMPATTO SUL BENESSERE DEL PAESE, avviare a livello istituzionale un serio lavoro di valutazione di impatto ex-ante e ex-post delle proposte di legge e dell’attività del governo

    STOP AI CAMBI DI CASACCA IN PARLAMENTO

    COMPLETARE LA RIFORMA DEI REGOLAMENTI PARLAMENTARI PER DISSUADERE I PASSAGGI “FACILI” DA UN GRUPPO PARLAMENTARE ALL’ALTRO

    DALLA PARTE DELLO SVILUPPO:
    PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE, ALL’AVANGUARDIA, RISPETTOSA DELL’AMBIENTE

    INFRASTRUTTURE INTERCONNESSE E MOBILITÀ INTERMODALE SICURA, manutenzione ordinaria e straordinaria garantita, riduzione del gap infrastrutturale tra i territori

    ‘SMART ROAD’ E UTILIZZO AGEVOLATO DEI MEZZI AD ALIMENTAZIONE ELETTRICA, a idrogeno e a combustibili alternativi originati da fonti rinnovabili

    RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS CLIMALTERANTI ATTRAVERSO LA RICONVERSIONE DEL PARCO AUTO PRIVATO CIRCOLANTE

    BIGLIETTO UNICO INTEGRATO

    PROGETTO MEDITERRANEO
    Istituzione di una cabina di regia per promuovere e sviluppare ‘l’economia del mare’, con la riorganizzazione del settore marittimo-portuale e il miglioramento del sistema di interconnessioni tra porti, reti stradali e ferroviarie

    DALLA PARTE DELLA LEGALITÀ:
    CONTRO CORRUZIONE, CRIMINALITÀ ORGANIZZATA E NARCOMAFIE

    CONTRASTO ALLE MAFIE
    Potenziamento degli strumenti di contrasto già esistenti. Completamento della riforma in tema di ergastolo ostativo. Tutela dei principali presìdi antimafia come il 41 bis, le misure di prevenzione personali e patrimoniali

    LOTTA ALLA CORRUZIONE, maggiore trasparenza e controllo dei fondi del Pnrr e implementazione delle tutele per il lavoratore che denuncia (‘whistleblowing’) e per i testimoni di giustizia

    CONTRASTO ALLE AGROMAFIE ED ECOMAFIE, tutelando il diritto alla salute attraverso un efficace sistema di repressione delle attività della criminalità organizzata e dei reati ambientali in generale

    REGOLAMENTAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS per uso personale, al fine di contrastare il business della criminalità organizzata e superare le criticità connesse alla produzione limitata di cannabis per uso terapeutico

    POTENZIAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO A OGNI FORMA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE attraverso la formazione degli operatori, l’obbligatorietà e l’implementazione dei braccialetti elettronici e percorsi di recupero per i soggetti maltrattanti.
    Riforma della disciplina degli affidi

    SUPERAMENTO DELL’IMPROCEDIBILITÀ NEL PROCESSO PENALE
    DALLA PARTE DEI DIRITTI:

    PER L’UGUAGLIANZA SOSTANZIALE
    TRA GLI ESSERI UMANI E LA PARITÀ TRA I GENERI

    PASSARE DA UN SISTEMA CORPORATIVO FONDATO SUI PRIVILEGI E SULLE RENDITE A UN SISTEMA CHE OFFRA A TUTTE E TUTTI LE STESSE OPPORTUNITÀ. SE I DIRITTI NON SONO ACCESSIBILI A TUTTI ED ESERCITABILI DA TUTTI ALLORA SONO PRIVILEGI

    MATRIMONIO EGUALITARIO E LEGGE CONTRO L’OMOTRANSFOBIA
    EDUCAZIONE SESSUALE E AFFETTIVA NELLE SCUOLE

    IUS SCHOLAE per riconoscere la cittadinanza al minore straniero, che sia nato in Italia o vi abbia fatto ingresso, qualora abbia completato regolarmente uno o più cicli di studi

    Piace a 2 people

    • Se anche stavolta, come nel 2018, il M5s riesce ad attuare l’ 80% del programma elettorale, allora si che avremo un’Italia migliore e diversa a fine legislatura.

      Piace a 2 people

    • “Per rendere finalmente concreta la parità di genere nella gestione familiare e nella vita lavorativa”…

      …”PROROGA DI OPZIONE DONNA PER L’USCITA ANTICIPATA DAL LAVORO”… Ecco…

      "Mi piace"

      • Marco Rizzo,una delle colonne Italia sovrana popolare

        https://www.pclavoratori.it/files/index.php?obj=NEWS&oid=5842

        Rizzo pelato, servo della NATO”. Questo lo slogan apparso sui muri di Torino nel lontano 1999. Il motivo era allora chiaro. Marco Rizzo era uno dei principali dirigenti (coordinatore della segreteria nazionale) del cosiddetto Partito dei Comunisti Italiani, diciamo il numero tre, dopo Cossutta e Diliberto. Come tale era stato, nel 1998, uno dei principali organizzatori della scissione del Partito della Rifondazione Comunista. Scissione di destra.
        Quando Bertinotti era stato costretto, a malincuore, a rompere col centrosinistra sfiduciando Prodi, i cossuttiani avevano rotto con lui per continuare a sostenere il governo; governo che in realtà era stato sostituito da quello di D’Alema, in cui i cossuttiani erano entrati a pieno titolo, ottenendo il ministero della Giustizia, affidato a Diliberto, e quello degli affari regionali, a Katia Bellillo.
        Fu questo il governo che nel 1999 partecipò alla guerra della NATO contro la Jugoslavia, bombardando Belgrado con aerei italiani, mentre tutti gli aerei NATO partivano dalla base italiana di Aviano. Il buon Rizzo non mosse un dito contro l’appoggio del suo partito al governo di guerra, anche quando una minoranza dei delegati del PdCI ad un congresso del partito sollevò obiezioni (salvo poi capitolare con il profondo argomento che tanto la guerra… stava per finire con la vittoria della NATO).

        Piace a 3 people

      • Scissione dei Comunisti italiani “di destra” un bel par di palle dal momento che Bertinotti (ammaliato addiritura, oggi, da CL) facendo cadere il governo Prodi spianava la strada al ritorno di un montante Berlusconi.
        Quanto al governo d’alema che preferivi? L’alternativa era un governo Berlusconi.
        Che poi abbia fatto poco o niente di sinistra è altro discorso.
        Ma, se conosci gli avvenimenti del tempo e non li hai letti su Wikipedia, non era il Caimano.

        "Mi piace"

  9. Lunedì.
    Abbiamo vinto.
    No. Abbiamo perso.
    Non sai leggere i numeri, abbiamo vinto.
    No no ti sbagli, abbiamo perso perché…
    Ok, abbiamo pareggiato.

    "Mi piace"

  10. Per gli ammiratori di italexit di pappavone:

    Questi se entrano in parlamento faranno la stampella alla destra estrema.
    Mentre gli Usa, per voce di un alto funzionario della Casa Bianca, parlando con i giornalisti a margine dei lavori dell’Assemblea generale dell’Onu, dichiarano: “prenderemo misure al neopremier Italiano”.
    “Chiunque diventerà il nuovo primo ministro italiano, il presidente” americano Biden “dovrà avere una conversazione precoce e prendere le misure di quella persona”, oltre che “stabilire cosa questo significherà”.
    Cos’è, una velata minaccia?
    Vogliono diventare una sartoria personale o prendere le misure per la bara?
    😀

    Piace a 1 persona

    • “Questi se entrano in parlamento faranno la stampella alla destra estrema.”.

      Ah, beh, ma e i 5Stekke a chi hanno fatto la stampella finora, a M.L. King?

      "Mi piace"

    • State calmi, non vi ringalluzzite negli ultimi giorni, non avete nulla da temere sono partitini ma è giusto che rappresentino i cittadini con quelle istanze, o ci dovete stare solo voi con le vostre buone e giuste; personalmnte sono dello stesso parere di Monti, è giusto che abbiano rappresentanza tutte le istanze sociali. Riguardo a ciò che è accaduto in Molise hanno fatto un pasticcio ma è un problema che sta interessando persino il ministero degli interni, per il gran numero di elettori all’estero scomparsi da anni che ancora risultano negli elenchi a cui stanno mandando le schede elettorali e sta creando un certo caos. Interessa a chi interessa. Ognuno vada per la sua strada

      "Mi piace"

      • Non hai dato nessuna evidenza su battaglie legittime e di pari dignità; viene più facile cercare di screditare chi si è impegnato a ferragosto, senza mezzi, a portare nelle istituzioni democraticamente milioni di persone senza rappresentanza, che spendere le stesse energie a convincere gli astenuti sulla propria parte, così da rafforzare la propria invece di demolire quella degli altri.

        "Mi piace"

      • Perché secondo te far vedere chi è candidato nel partito di pappavone non è dare evidenza di chi siano realmente loro, di chi si celi dietro il paravento di pappavone?
        Persone pericolose che non hanno il minimo rispetto per la legalità e, conseguentemente, degli altri e dei basilari principi di convivenza.
        Ma fammi il piacere!

        Piace a 1 persona

  11. Ben 2 articoli del FQ tirano in ballo l’analisi di D’alimonte sul Sole 24 Ore di ieri su cui abbiamo dibattuto, mi pare che spieghino bene cosa si intende per argine alla Meloni e perchè parte del sistema è costretto, suo malgrado, a tifare per il Movimento

    "Mi piace"

  12. Il candidato di Italia sovrana e popolare è un massone?
    Esperienze politiche pregresse: assessore comunale comune di Gioia Tauro

    "Mi piace"

  13. X gatto il freevax

    “Scoppia la pandemia. Toscano è tra gli intellettuali che non prendono posizione contro il Governo, che si adeguano ai cori del mainstream. Passano mesi dall’inizio della pandemia e non si sente un solo lamento di Toscano e Fusaro, che avviano ciascuno per conto proprio un canale Youtube personale.”

    https://www.ilcorrieredelpopolo.it/le-piroette-di-toscano-giravolte-da-destra-a-sinistra-da-vox-a-ancora-italia-con-diego-fusaro-a-stipendio-mensile/

    "Mi piace"

  14. Viviana grazie.
    Come sempre sei talmente tosta che nessuno degli imbecilli (a priori o pagati) anti-Conte trova la forza per sparare una delle solite cazzate sui tuoi articoli…al massimo possono balbettare un “Si però…”.
    Auguro per i loro figli di crescere in un mondo dove se saluti fascista lo fai “per fermare gli altri”, e se qualcuno ride per la cazzata, prende l’olio di ricino.

    "Mi piace"

  15. ” non solo i sondaggi top secret, ma anche il clima registrato dagli analisti e persino da Letta&C., danno il M5S in forte recupero nel Mezzogiorno”

    Pure Travaglio che fa finta di credere ai sondaggi e addirittura agli analisti odoratori di clima (devono essere gli stessi odoratori che davano i 5stelle morti due mesi fa causa Draghicidio).

    Tra l’altro, se fosse così facile cambiare il clima non lo farebbero tutti?

    Non sarà invece che i sondaggi sono perennemente sballati e indirizzati (per tenere a galla certi partiti e tentare di affossarne altri) e che quando arrivano le elezioni la cosa va riequilibrata ed ecco le grandi rimonte e i grandi crolli improvvisi?

    "Mi piace"

  16. Bravo Travaglio, il governo di UNITA’ NAZIONALE e’ cosi a un passo, er Cottarelli e’ in preriscaldamento, il regime e’ servito..

    "Mi piace"

  17. Certo che considerare uno scudiero che ha raccattato e mangiato sterco del drago per ben 55 volte e assegnargli 53 stelle Michelin uno stratega e grande condottiero ci vuole proprio una grande, ma che dico grandissima enorme smisurata fantasia,
    Proprio vero, in itagglia i pifferai godono di un enorme consenso, sarà per quello che ci stiamo dirigendo a passi da gigante nella m€rda.
    Porta itagglia.

    "Mi piace"