Giuseppe Conte grazia “Giggino ‘a poltrona”

(Roberta Labonia) – Giggino ‘a poltrona dopo essersi fatto paracadutare da Mario Draghi per interposto Enrico Letta in un seggio sicuro per i prossimi 5 anni, sta conducendo una campagna elettorale simil Renzi: mai in campo aperto ma sempre in ambienti protetti e ristretti. Il motivo è semplice: girando per l’Italia, specie a Napoli e dintorni, senza i suoi gorilla rischierebbe il linciaggio (a casa sua ha pure rinnegato il suo ex elettorato grillino che lo contestava: (“non so chi siano”, ha detto), sia perché oggi come oggi, con lo scarso 1% di consensi che si ritrova, i suoi comizi in piazza verrebbero scambiati per riunioni di condominio. Meglio quindi la formula “quattro amici al bar”, dove è libero, come fa Matteo Renzi, di predicare assurdità, certo che a fargli da megafono saranno i media asserviti al sistema . Roba che potrebbe prendere sul serio solo qualche eschimese in viaggio premio in Italia. In queste ore, ad esempio, va blaterando che “votare Conte è come votare Meloni”.

Giusto l’altro ieri sera gliene chiedeva conto, a Giuseppe Conte, la Palombelli durante la sua intervista: “perché Luigi Di Maio dice così?” E lui :”E scusi, lo chiede a me? Se uno dice una stupidaggine pubblicamente, lei la ripete e poi chiede a me di interpretare la stupidaggine… non mi sembra corretto”.

Ecco, Luigi Di Maio in questa campagna elettorale, oltre ad essersi assicurato il benefit di una poltrona in cambio del suo tradimento, ha un’altro vantaggio: quello di essersi scelto come nemico un fior fior di politico che con etica istituzionale, davanti alle sue cazzate, non infierisce.

Ne prenda atto e ringrazi.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

11 replies

    • Io invece non avevo dubbi. Ha dimostrato più volte di saper lottare e tirar fuori le unghie quando serve e di ottenere ciò che è importante e raggiungibile. Viceversa evita atteggiamenti “donchisciotteschi” e di impelagarsi in battaglie perse. Gioca le sue carte meglio possibile.

      Piace a 1 persona

    • Alla faccia di chi lo deride con appellativi quali “mr.tentenna” ed altri.
      E’ una persona seria, competente, pragmatica e perbene che i miserbili attaccano sul personale per distorcerne immagine e percezione e farlo apparire quello che non è.
      Non avrà un carisma da capopopolo trascinatore o salvatore della patria; lui va avanti per la sua strada e forse è proprio il tipo di persona equilibrata che serviva a questo paese per raddrizzarlo.
      E’ questo, credo, ciò di cui ha più paura il “sistema”: che una persona perbene risvegli le coscienze e dimostri ai cittadini quello che la serietà e la pacatezza possono riuscire a fare.
      Non servono i “salvatori della patria”, basta onestà, serietà e determinazione.

      Piace a 1 persona

    • Lo spero proprio che rimanga trombato e purtroppo non ho speranze che succeda lo stesso a quell’imbecille dagli occhi di tigre che pensava di fare un colpo grosso contrattando un Giuda da manuale. Se gli elettori lo rimandano a pascolare al San Paolo, avrò un bel motivo per stappare un Dom Perignon

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...