Palazzo Chigi val bene una figuraccia

Draghi tenterà di far passare i 5S per sabotatori per diletto, quando l’unico che ha sabotato persino il suo governo è stato lui stesso.

CONFERENZA STAMPA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO  DOPO L’INCONTRO CON I SINDACATI

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Quello che abbiamo visto ieri fare affari e salamelecchi in Algeria non aveva affatto la cera di un premier alle prese col trasloco da Palazzo Chigi. Semmai il suo problema è come restarci rimangiandosi la promessa di non governare senza i 5 Stelle, e giustificare la pantomima delle dimissioni consegnate a Mattarella e subito rifiutate, manco fossero uno il gatto e l’altro la volpe che stanno in società, e di loro – per cantarla con Bennato – ti puoi fidar.

Incassando una fiducia stratosferica domani al Senato, confermare le dimissioni apparirebbe infatti come il capriccio di chi fugge dalle sue responsabilità solo perché una forza politica si permette di non accontentarlo. Dunque serve un altro paravento, che probabilmente gli darà Di Maio, accogliendo un altro manipolo di transfughi dal Movimento, che permetteranno di far passare il concetto di una continuità della maggioranza, in quanto una costola dei 5S è ancora dentro mentre chi se ne va è un’altra cosa, cioè il Partito di Conte.

A tutto questo potrebbe aggiungersi un discorso del premier pieno di promesse, tipo quelle che fece diciassette mesi fa, illudendo persino Grillo, salvo poi smontare pezzo a pezzo il decreto dignità, la riforma della Giustizia, il Superbonus, la transizione ecologica e alla lista ormai manca solo il Reddito di cittadinanza. Per non parlare della presa in giro sul Salario minimo. Tutti impegni che potrebbero ricicciare, facendo passare i 5S per sabotatori per diletto, quando l’unico che ha sabotato persino il suo governo è stato lo stesso Draghi.

13 replies

  1. Lui e tutti i media, tranne qualche raro giornalista dotato di onestà intellettuale!! Lo schifo in questo giorni è al 90% se non di più!!

    Piace a 2 people

  2. Lui e tutti i media, tranne qualche raro giornalista dotato di onestà intellettuale!! Lo schifo in questo giorni è al 90% se non di più!!

    Piace a 1 persona

  3. Questo articolo di Pedullà è un monumentale (l’ennesimo) atto di verità che riesce a perforare, con parecchie difficoltà, la cortina fumogena della propaganda e della disinformazione del “sistema” . Spero solo che i cittadini ancora interessati a conoscere la meno viziata delle verità non si facciano disorientare dalle sirene starnazzanti di questi giorni e che alla prima occasione elettorale si assumano le loro responsabilità, come Pedullà (e non solo) continua a fare nel suo onesto lavoro.

    Piace a 2 people

  4. Mah, dopo aver letto come sempre volentieri Pedullà, vi dirò… quasi quasi tutto il manicomio si stra traformando ancora una volta nella “situazione perfetta” per Conte e quel-che-resta-del-“suo”-Movimento. Tutti volevano (o comunque speravano, anche nel male) che Conte si facesse il suo proprio partito…? Eccallà! Fatto!
    Drugy dopo aver fatto i capricci come un moccioso (roba che… Frenzie spostati!) andando a frignare da nonno Mattaman, alla fine mette Conte di fronte a una condizione pazzesca: levarsi di ‘ulo da questo governikkio mafioso e lobbista (oltreché chiaramente fascista) senza fare troppo casino e che quindi il governo caschi, ma dopo essersi tolto dalle palle quel farabutto del Di Maio e altri schifosi orpelli a lui vicini – che facevano discorsoni, ma alla prima occasione poi vedi bene che si stian sfilando a velocità warp. Insomma, che il governo dei migliori continui pure senza il Migliore VERO, e che se la canti e se la suoni da solo come ormai fa da più di un anno grazie al mainstream più venduto d’Europa (che perde pure tempo a fare le pulci alla antidemocratica e faziosissima propaganda demagogica russa, seee vabbè).

    Conte ormai ha le spalle larghe – in fondo si prende le bastonate quotidiane da tutti, e ormai avrà la pelle coriacea! – e quindi gliene cale il giusto, ma in compenso ora magari gli si avvicina il Dibba e per le prossime elezioni avranno fatto balzi da gigante in avanti. Non importa se governeranno o no: importa che tornino ad essere puliti e onesti!
    Con tutto che chi sta a Palazzo Chigi a ottobre e novembre prossimi, già se la vede nera (uuuuhhh, nerissima! Se sarà Drugy, ‘azzi sua: mal voluto unn’è mai troppo, come si dice a Florentia. Da Biden c’è andato a baciar il Q-lo invece che ricordarsi degli italiani e in autunno avrà semmai modo di pentirsene! E comuqnue mi garberebbe anche vedere la pesciajòla isterica urlatrice che farebbe, nella sua incapacità totale di fae qualsiasi cosa che sia diversa da urlare e rubare con gli amichetti fasci).
    Vabbè, si starà a vedere. Crossin’ my fingers, man!

    Piace a 1 persona

    • Grazie, Francesco, mi hai tirato un po’ su col tuo commento…
      Io ho una paura folle di vedere l’aula, oggi, trasformarsi in un’arena contro Conte e i 5s superstiti…
      Sto sperando che il VERO MIGLIORE tiri fuori…la verve del 20 agosto 2019, che faccia sentire le sue e nostre ragioni, senza troppi schiamazzi (vuoi che non lo mettano alla gogna?) e metta in evidenza tutte le contraddizioni e le menzogne di questo governo-fantoccio, creato apposta per distruggere, col m5s, le legittime aspirazioni dei cittadini comuni.
      Purtroppo anche in coloro che più dovrebbero sostenere gli unici che si prendono carico delle loro esigenze, prevale l’ignoranza, la propensione ad accontentarsi dei titoloni e di ciò che passa la tv, perché adottare una tesi già pronta è più facile che informarsi e approfondire.
      Hanno trasformato Conte nel rompicoglioni inaffidabile, con lo stesso metodo con cui l’Ucraina è diventata il simbolo eroico della resistenza e della democrazia.
      Un mondo di menzogne, per un popolo di ignoranti e analfabeti funzionali.
      Sono scoraggiata…quindi, ora, rileggo il tuo commento! 😘

      "Mi piace"