Putin e il porgere l’altra guancia

(Tommaso Merlo) – L’Ucraina doveva aprire le porte a Putin, doveva lasciarlo arrivare a Kiev e a quel punto lanciare una ferma e pacifica opposizione democratica di massa. Fino a logorarlo politicamente, fino a renderlo ridicolo davanti al mondo e costringerlo a tornarsene a Mosca a testa bassa. Con contro un popolo intero, Putin avrebbe capitolato rapidamente anche vista l’assurdità di questa invasione. E i russi avrebbero dato una mano. Ed invece l’Ucraina è un cumulo di macerie e l’Occidente sembra ripiombato nel secolo scorso come se non avesse imparato nulla. Le ragioni di questa deriva guerrafondaia non sono politiche. La politica è solo una conseguenza di ciò che l’essere umano ha dentro di sé. Una delle manifestazioni della deriva egoistica che lo domina. Oggi porre l’altra guancia è considerata una barzelletta. E sembra che giganti come Gesù ma anche Gandhi o Mandela non siano mai esistiti. Eppure hanno cambiato il mondo più di chiunque altro senza sparare un colpo. Solo con la forza del loro esempio, dei loro valori, del loro spessore morale. Opponendosi fermamente ai soprusi e alle ingiustizie, ma sempre pacificamente. Ed è così che hanno inciso sulla storia del mondo mentre condottieri e dittatori e generali han lasciato alle loro spalle solo cumuli di cadaveri e di macerie. La guerra scoppia quando a violenza si oppone violenza. Vale per la vita delle persone come per quella dei popoli. Vale col vicino di casa come coi paesi confinanti. La guerra scoppia quando a dominare l’essere umano e i popoli è l’ego. La nostra dimensione più superficiale e malefica. Che ci sprona a reagire per difendere deliri mentali come i confini del proprio giardino o quelli del proprio paese. Deliri come la propria immagine, la propria fasulla identità, il proprio scopiazzato punto di vista. L’ego ci spinge ad armarci e a combattere con chiunque osi scalfirci. Vale per le persone come per paesi interi. Come se non vedessimo al di là della nostra staccionata e dei nostri confini anche mentali. Come se non distinguessimo i deliri egoistici dalla realtà. Per comprendere la potenza del porgere l’altra guancia e della lotta non violenta, l’essere umano dovrebbe evolvere oltre il suo ego e riscoprire la sua essenza di anima. Dovrebbe emanciparsi dalla propria mente e da tutti gli schemi mentali inculcati strada facendo e che ripete come un automa. In famiglia, in società, nel mondo. Più ci si evolve, più le meschinità egoistiche perdono senso. Più ci si evolve, più la guerra appare in tutta la sua follia e il porgere l’altra guancia diventa una scelta. E la scelta più intelligente. Per il mondo intero ma anche per sé stessi. Perché la guerra è autodistruttiva per chiunque la scelga. La guerra in Ucraina è la tomba politica di Putin e della sua Russia. Un’invasione figlia di deliri egopolitici da secolo scorso. Porgendo l’altra guancia e facendo opposizione pacifica e democratica, gli ucraini avrebbero facilmente vinto senza sparare un colpo. E molti russi gli avrebbero dato una mano. Ma non solo, la loro fragile democrazia avrebbe fatto un salto evolutivo di decenni e con loro tutta l’Europa che avrebbe dimostrato di aver appreso la lezione dopo secoli di sterili guerre intestine. Ed invece l’ego ha prevalso ancora una volta. Quello individuale e quello collettivo. Da entrambi le parti. Alla violenza è stata opposta violenza. Alla pace è stata preferita la guerra. E le ragioni di questa deriva guerrafondaia non sono certo politiche. La politica è solo una conseguenza di ciò che l’essere umano ha dentro. Una delle manifestazioni della deriva egoistica che lo domina. Porgere l’altra guancia e lottare pacificamente e democraticamente per i propri valori ed ideali, è stata la lezione dei giganti della storia. Una lezione che gli esseri umani coglieranno solo quando si libereranno dall’egoismo. Quando evolveranno scegliendo la pace. E solo a quel punto il mondo cambierà.

37 replies

  1. “E sembra che giganti come Gesù ma anche Gandhi o Mandela non siano mai esistiti. Eppure hanno cambiato il mondo più di chiunque altro SENZA SPARARE UN COLPO”.

    Passi per gli ultimi due, ma per il primo non si può parlare di meriti…

    Ci mancava la versione del Merlo su questa guerra: che bello!

    "Mi piace"

    • I commenti del rappresentante russo all’ONU sono riportati *solo* da fonti russe o da postriboli per cliccatori come il Simplicissimus (e Stalker etc etc). Io non ho trovato una sola menzione – PER ORA – di tali titoli nel sistema scolastico ucraino. Non che nessuno ci provi, anzi: fregnacce dello stesso stampo (la forma del cranio dei Catalani, ad esempio) riuscirono a passare qualche valutazione a Barcellona ma vennero stoppate prima di passare alle presse.

      Cento euro sono un decimo di quel che prendo ogni mese, non un bruscolino. Ma raddoppio: dammi una prova verificabile ed io pago duecento (200) euro a chi vuoi tu. Il 20% della mesata, fatti aiutare, chiedi in giro, ma prenditi questa responsabilita’.

      "Mi piace"

      • Perchè c’e censura, come il video che ho postato è già stato stato rimosso
        e io lo rimetto ancora

        [video src="https://videon.img.ria.ru/Volume65/Flv/2022/05/12/2022_05_12_NebenzyaRIA16x9_zyqg4434.v5x.mp4" /]

        "Mi piace"

      • Peggio dei bambini: il video mostra uno che parla e niente altro. niente altro perche’ il tipo che parla e’ pagato per dire bugie.

        TU, se vuoi essere creduta nell’affermare che in Ucraina insegnao QUELLE COSE LI’ mi devi portare le prove che il Ministero dell’Istruzione ucraino usa quelle cazzate COME LIBRI DI TESTO.

        Post Scriptum Pensare che la rappresentazione video di un discorso ufficiale avvenuto nella sede dell’ONU sia scomparsa o quasi per colpa della censura dei tuoi “poteri forti” di scelta e’ una vera idiozia. E’ questo il tuo livello?

        "Mi piace"

      • “Peggio dei bambini: il video mostra uno che parla e niente altro. niente altro perche’ il tipo che parla e’ pagato per dire bugie.”.

        Hai le prove? E’ questo il tuo livello?

        "Mi piace"

      • L’INCOSCIENZA DI ZERO

        La moglie lo scopre a letto con l’amante, lui si difende:

        IO NON VOLEVO,E’ LEI CHE MI HA COSTRTTO CON LA FORZA

        "Mi piace"

      • L’INCOSCIENZA DI ZERO

        La moglie lo scopre a letto con l’amante, lui si difende:

        IO NON VOLEVO,E’ LEI CHE MI HA COSTRETTO CON LA FORZA VIOLENTANDOMI

        "Mi piace"

  2. Merlo ha una fede ingenua nell’onnipotenza della bontà; è convinto, come qualche disgraziato fra noi, che essa finirà col mangiare il diavolo.

    Ma la bontà, nella vita reale, lascia ben poco posto negli spiriti per le cose che son della terra. Giacché non ha importanza la forma, è la sostanza che conta; e questa ci mostra che niente è gratuito su questo fronte del mondo.

    Supponiamo che domattina salti fuori un nuovo Gesu Cristo che traccia il percorso della società umana verso quello che ritiene «il manifesto di un nuovo umanesimo» fondato sull’amore, sull’amicizia e sul trionfo della pace nel mondo intero.

    Crediamo forse che i grandi ceffi della Terra lo accoglierebbero con rose e fiori o, molto più probablimente, manco s’immagina che genere di musica gli farebbero subito ballare? E che sarebbe tanto di guadagnato, per la sua ghirba, se se ne ritornasse immediatamente in quella regione dell’extramondo da dove è venuto!…

    Niente è gratuito su questo fronte del mondo. L'”angelo cieco dell’espiazione” frusta a tutto spiano i poveri cristi… il voler troppo la pace nel mondo è pericoloso e la pace, si sa, costa cara!!!

    "Mi piace"

  3. La pagina web archiviata catturata il 25 febbraio 2022 dalle 14:53 mostra che NED ha concesso $ 22.394.281 sotto forma di 334 premi all’Ucraina dal 2014 ad oggi. La cattura alle 23:10 dello stesso giorno mostra “Nessun risultato trovato” per l’Ucraina. Al momento, ci sono ancora “Nessun risultato trovato” per Ucraina…

    La cancellazione dei registri della NED è necessaria per convalidare la grande bugia dell’amministrazione Biden – echeggiata dai media – secondo cui l’invasione russa dell’Ucraina è stata “non provocata”.”

    Chi soffrirà di più in questo piano per una lunga battaglia di resistenza? Il popolo ucraino.

    Se il motivo principale per cui Putin è andato in Ucraina è “denazificare” il Paese, e la CIA, la NATO e co. stanno costantemente “nazificando” le componenti politiche e militari dell’Ucraina, si può vedere come ciò stia rendendo impossibile una situazione di pace in Ucraina e che la colpa sia della CIA e della NATO.

    "Mi piace"

  4. @beyond ogni anno, in tutto il mondo, vengono uccisi a grappoli i Cristi che nascono e che lottano per equità, pace, ambiente, libertà e giustizia.
    La croce è sempre il destino, ma non possiamo abbracciare la violenza del Potere, solo la Pace può portare l’umanità al salto evolutivo che ancora dobbiamo compiere.
    Io credo in una sola cosa, che è profondamente legata indissolubilmente a tutto il resto….. spero sapremo liberarci di tutti quei condizionamenti che ci rendono eterni sudditi e martiri.

    "Mi piace"

    • @Elena, il tuo credo è anche il mio, ed è solo grazie ad esso se riesco a non inaridirmi e a coltivare la speranza di futuri migliori, tramite il sogno (donchisciottesco), l’immaginazione, l’evasione dell’anima dalle tetre prigioni della contemporaneità.

      Ma, ahinoi, nonostante dall’avvento di Cristo sulla Terra siano passati venti secoli e passa, di cui almeno due di “alta civiltà democratica”, non siamo ancora riusciti a far si che un “povero cristo” possa trovare un po’ di pace, non dico, in una societa autarchica o monarchica, assoluta o moderata, ma nemmeno nelle nostre tanto decantate società democratiche, mediante le quali s’immaginava di scorgere i segni della provvidenza divina e la promessa di “equità, pace, ambiente, libertà e giustizia” eterna.

      Mentre in realtà, se si guarda indietro nella storia, ha trasformato prima l’Occidente, poi il mondo intero, in un immenso manicomio, dove la scaltrezza è la virtù per eccellenza, l’utilità il criterio dominante, i valori economici occupano il vertice della scala dei valori umani dell’odierna “società democratica del consumo e del malessere”.

      "Mi piace"

      • “Nessuno può servire a due padroni; perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e trascurerà l’altro. Non potete servire a Dio e a mammòna” (Vangeli di Matteo e Luca)

        Non so no religiosa, ma era tutto chiaro anche ai tempi del Cristo.

        Per il resto @beyond, condivido.

        Piace a 1 persona

    • Tracia
      😱Megalomania allo stato puro.
      Peccato che mostri solo il testo di geografia e non anche quello di storia, dove i partigiani non sono esistiti e al loro posto c’era l’eroe Stepan Bandera.
      I testi scolastici fascisti a questi gli fanno baffi, barba e capelli.
      Se non fossero pericolosamente fuori di testa sarebbero patetici, ma è così che coltivano le nuove generazioni.

      Piace a 1 persona

      • Quello della giornalista del Donbass, che, tra le altre cose, racconta dei libri scolastici dei figli…o quello di storia dove l’insegnante inculca ai bambini la discriminazione nei confronti dei russofoni?
        Entrambi rendono l’idea.
        Li ripesco.

        "Mi piace"

      • (Dal min 22 al 25 e oltre)

        (Dal minuto 42/43 in poi- Dal 36 per sentire quanto erano estranei gli USA al golpe del 2014 e all’insediamento del governo com nazisti di contorno compreso il famoso “Fuck the EU”, in tutto il suo splendore)
        Consiglio agli “ignari” di dedicare del tempo a entrambi i video/documento.

        "Mi piace"

  5. Forse il buon Merlo e tutti coloro che ne condividono la posizione dovrebbero incontrare uno dei ragazzi che praticano, da qualche tempo anche in Italia, il “Knockout game”. Per chi non lo conoscesse consiste nello sferrare un violento pugno sul viso a dei perfetti sconosciuti e poi, naturalmente, scappare. Vorrei proprio vedere questi “pacifisti” porgere l’altra guancia (o altra parte del corpo) senza reagire… prima di recarsi al Pronto Soccorso! Svegliatevi… “Chi pecora si fa, il lupo se la mangia”.

    "Mi piace"

    • @Mark Twain io ormai ho una certa, ma le racconto brevemente ciò che mi è successo a Milano nel 1996: stavo passeggiando con i miei cani dell’epoca in zona Piazza Cordusio, pieno centro, alle 10 del mattino circa di una domenica di maggio, mentre attraversavo la strada sulle strisce pedonali mi si è fatto incontro un ragazzo che avrà avuto una ventina d’anni e mi ha tirato un destro in piena faccia. Sono caduta all’indietro perdendo i sensi, mi aveva colpito e deviato il setto nasale. Quando mi sono ripresa mi hanno portata in ospedale e mi hanno parzialmente raddrizzato il setto con una manovra di riposizionamento, infilandomi dei bastoncini nel naso. Naturalmente sono arrivati i carabinieri e ho sporto denuncia, ma il carabiniere più anziano mi ha spiegato che era una moda, molto in voga tra alcuni gruppi di ragazzi, spesso di “buona famiglia”. Il ragazzo naturalmente non è mai stato identificato e il mio naso è rimasto lievemente deviato. Ebbene, non credo che se lo avessi incontrato gli avrei spaccato a mia volta il naso, con ogni probabilità lo avrei fatto affidare a cure psichiatriche.

      Piace a 1 persona

      • @Elena. Mi spiace che tu abbia provato in prima persona proprio quella esperienza, ma il significato della mia nota intendeva solo ricordare alla “anime belle” come te che esistono individui per i quali qualunque atteggiamento “umano” è privo di senso (cfr. La banalità del male, di Hannah Arendt), per loro tu sei meno di un “oggetto”.
        Io avevo 18 anni quando mio padre è stato assassinato da un rapinatore, per il quale la sua vita contava meno di niente… e questo gesto ha stravolto la mia vita, quella di mia sorella e di mia madre.

        p.s. Anch’io sono in vista del… “capolinea”.

        "Mi piace"

  6. caro Tommaso,
    a chi si dovrebbe porgere l’altra guancia: ai cani cha latrano ai confini della russia, come a dichiarato il capo della chiesa occidentale?
    su fai il bravo: ritira il capino nella cuccia e goditi il film!
    sicuro avrà un finale interessante e sorprendente anche per te che dai l’impressione di amare il nazicapitalismo predatore…!

    "Mi piace"

  7. L’opinione del buon Merlo, per quanto rispettabile, presenta una grave pecca: è basata solo sulle sue personali fantasie.
    Volendo provare ad essere un filino più concreti, magari basandosi su dei precedenti, la cosa più probabile che sarebbe successa se, come auspicato da Merlo, l’Ucraina avesse spalancato le porte a Putin, sarebbe stata l’instaurazione di un regime fantoccio modello Bielorussia, con tanti saluti alla “ferma e pacifica opposizione democratica di massa” e al conseguente logorìo che avrebbe dovuto rispedire indietro l’invasore a testa bassa.

    Secondo Merlo “porgendo l’altra guancia e facendo opposizione pacifica e democratica, gli ucraini avrebbero facilmente vinto senza sparare un colpo”, e porta come esempio le figure di Gandhi e Mandela, due indubbi giganti che dimostrano come questo tipo di atteggiamento, in determinate circostanze possa funzionare. Su questo si può anche essere d’accordo, ma arrivare a sostenere che la cosa sia anche “facile” è una forzatura non da poco.
    Gandhi infatti, con la sua non violenza (ma sarebbe meglio chiamarla non collaborazione: violenze ce ne furono eccome) ci mise la bellezza di oltre trent’anni prima di arrivare alla completa cacciata degli inglesi, e ci quando infine ci riuscì fu anche grazie all’indebolimento di quest’ultimi causato dalla seconda guerra mondiale; Mandela invece, prima di raggiungere il suo scopo si è fatto quasi trent’anni di galera da innocente: certamente non si può fare una colpa a qualcuno, se non se la sente di fare altrettanto.

    Infine, come giustamente osservato da altri utenti, dubito fortemente che lo stesso Merlo muoverebbe un’identica osservazione alle popolazioni russofone del Donbass, eppure anche per loro dovrebbe valere lo stesso ragionamento: se avessero porto l’altra guancia, avrebbero vinto senza sparare un colpo? A Tommà, ma falla finita.

    "Mi piace"

  8. Merlo dice anche del vero in questo che più che un articolo è uno sfogo concettuale, morale. A parte mescolare Gesù ( che per chi crede, ma anche per chi non crede è altro) con Gandhi o Mandela, i principi della non violenza sono bellissimi. Ma non di applicazione pratica nella comunità degli umani. E non lo furono neanche tra i due Grandi citati. Direi che “tendere” alla pace, alla non violenza, è un’aspirazione, e può delinearsi solo con passaggi graduali, piccoli segnali. Una rivoluzione non violenta nella Società è una splendida Utopia. Nel singolo essere umano ha più spazio, diventa Vocazione, Esempio. Ma la contaminazione è lenta e non sempre possibile. La realtà va affrontata con la consapevolezza di ciò che è, non di ciò che dovrebbe essere. Pertanto il tema della Guerra non può prescindere dal conoscere le “ragioni” umane ( o disumane che siano) della stessa. E raccontarle nella loro “complessità” ( parola che fa storcere il naso agli ipocriti). Io non ho cambiato idea sulle “ragioni” dei Russi e dei torti dell’Occidente. Pur sapendo che la Guerra in quanto tale rende tutto irragionevole, orrendo, mistificante. Con la Guerra perdiamo tutti. E rendere più lunga una sconfitta è un’agonia insopportabile. Qualcuno decreti la fine di questo strazio. In qualunque modo, con qualunque compromesso. Questo il mio auspicio.

    "Mi piace"

  9. Insomma, Merlo ora che è sempre più evidente che Putin non sta perdendo la guerra e che tutta la narrazione NATO si rivela una bugia con l’aggravante dell’esaltazione dei neonazisti e lo sfascio economico dell’UE, adesso parla di non violenza e di pace. Poverino, si RIPOSIZIONA.

    "Mi piace"