Una vera fortuna

(Bartolomeo Prinzivalli) – Draghi è senza ombra di dubbio il personaggio più illustre ad aver calcato il suolo in questo lembo di terra dal dopoguerra, e per dopoguerra intendo quella punica. Una vera fortuna nella penisola disastrata dei giorni nostri: oltre alla grande professionalità, all’empatia ed all’amor patrio che traspare ad ogni sua frase, pronunciata con tono suadente e solenne, è anche un bell’uomo, il che non guasta. Costretto, proprio malgrado e con riluttanza, a subentrare a maggioranze instabili poiché frutto delle preferenze di elettori ignoranti, ha tanto istantaneamente quanto disinteressatamente conquistato il favore di stampa e media, traghettando il bel paese fuori dalle secche di una pandemia falcidiante, combattuta a suon di norme spesso incomprensibili alle limitate menti dei più, ma forse proprio per questo efficaci, poiché in grado di confondere il virus stesso. La sua sacra missione è sempre stata quella di salvare il tanto amato popolo ad ogni costo, non come accadde in Grecia ad opera del tizio allora in BCE di cui nessuno ricorda il nome; avrebbe potuto guidare più comodamente la nave Italia piazzando il timone al Quirinale, dalla cui sommità godere di un panorama più ampio e privo di punti ciechi, se solo i partiti non si fossero dimostrati talmente pavidi ed ansiosi da non poter farne a meno a Chigi, opponendosi alla trasformazione di fatto in una repubblica presidenziale che avrebbe dimostrato a quel dittatore sanguinario di Putin come ci si dovrebbe comportare in una vera democrazia occidentale.

Gli applausi sinceri e spontanei ricevuti in Europa qualche giorno fa, non tanto per quantità ma per qualità poiché l’aula era praticamente deserta, non fanno altro che ribadire quanto il resto del mondo ce lo invidi: più di Pippo Baudo, della Ferragni e di Damiano dei Maneskin, giusto per pronunciarne tre, forse addirittura un pelino sopra Barbara D’Urso, se posso esagerare. Ma già il fatto che piaccia a Letta e Confindustria è di per sé garanzia di qualità.

Talmente democratico da non aver bisogno di interpellare il parlamento, conoscendone telepaticamente umori e volontà, preferisce la concretezza alle parole inutili, divenendo simbolo della volontarietà coercitiva, della pace belligerante e delle punizioni autolesioniste, veri marchi di fabbrica di cui la penisola può fregiarsi oggi.

Certo, non mancano i detrattori in patria, veri ostacoli a quiete e felicità al soldo del nemico, ma per fortuna si tratta di sparuti e vigliacchi ingrati capaci al massimo di mugugnare dissenso fra le urla di giubilo dei fedeli in adorazione: qualche imbecille si è permesso di chiedere un resoconto sulla linea che verrà adottata durante la trasferta in USA, come se il nostro salvatore potesse sapere in anticipo quali ordini riceverà lì dall’alleato a stelle e strisce, come se si potessero prevedere le intenzioni di uno che alla fine di un discorso tende la mano al nulla. Va bene che il nostro amato economista è un superuomo, ma mica è un indovino; altri lamentano mancata vigilanza sui vertiginosi rincari frutto di speculazione, asserendo che a parità di percentuale lo stato incassi molto di più sulle imposte dato il raddoppio dell’imponibile, ma anche questa è polemica campata per aria; intanto avremo tutti un bonus di 200€, duecentoeurituttiassieme, che per chi non lo sapesse sono circa mezza bolletta del gas a sbafo, e nemmeno rateizzata. È l’emblema dell’ingratitudine: vostro nonno (al servizio delle istituzioni) vi dona con una mano 200€ e voi vi focalizzate su ciò che vi toglie con l’altra? È un comportamento quantomeno inelegante, se non addirittura cafone, ed è giusto che i giornalisti dalla pensione garantita insistano nel sottolinearlo.

Perle ai porci…

9 replies

  1. Un’altra sintesi che delinea il volere di cost’oro in chiave ironico grottesco, in antitesi alla diciamo, volontà popolare che si esprime con la lotta ai vari giochi che ci portiamo dietro e anche inside ad opera del processo fisiologico ontologico.
    Ma per la classe dei massimi politologi, soddisfare la volontà acerba quanto primula, quanto ubertosa e feconda nella considerazione dei processi in divenire, strettamente collegati al Tempo, alla sua percezione umana e decodificazione in chiave esistenziale di ogni persona in quanto la percezione del tempo è indissolubile con la Vita, a meno che non si creda che anche le pietre pensino, in quanto dotate di una mente, come la Krptonite o .materiale spaziale , cucinato alla Tarantola, ad assoluto potenziale militare , per i super man italiani, filo americani , che alimentano la relativa catena super automatizzata , sia innocua come acqua pulita, o già ripulita?

    In Un paese di 40 mila abitanti. Pensare di mettere insieme 100 persone è già dolo, se non si chiamano partiti, affiliati al governo di potere economico, per la porta di sesamo: il tesoro di Stato, frutto delle tasse milioni di vite con annessa tara ad arbitro del compenso in lavoro.

    Ergo, chiudano cinema, teatri, alziamo con kili di lievito. Il prezzo dello standard di studio universitario, togliamo di mezzo gli scomodi intellettuali da strapazzo e voilà !l’ignoranza e la sua società violenta. Legata al controllo ipocrita del lievito alle armi in forme sempre più organizzato con funzione di controllo e repressioni a vario titolo sempre forti e maledettamente incisivi è servita!!!

    "Mi piace"

  2. E quattro! È il quarto articolo talmente bello, ma talmente bello, che me lo copio e me lo incollo tra i documenti personali sul mio Mac. E guarda, lo condivido pure su Facebook, tsé!

    "Mi piace"

  3. …..e lo spread che in un anno Lui,il grande banchiere e supremo economista, è riuscito a farlo schizzare a 200 p.ti? Ben 100% in più,dove lo mettiamo?
    ..e la costituzione a cui il Grande dà una sua originale interpretazione?
    Se resterà assiso su quello scranno chissà quante altre belle sorprese ci riserverà nel prossimo anno!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...