Dopo la farsa si sfiora la tragedia

L’ultimo decreto anti-Covid dei Migliori rischia di rivelarsi inutile se non addirittura controproducente

(Antonio Pitoni – lanotiziagiornale.it) – Con l’aria che tira c’è poco da stare sereni. Se l’Istituto superiore di sanità avverte che senza “misure di mitigazione significative” sarà “altamente probabile” un “ulteriore rapido aumento” di casi e ospedalizzazioni, delle due l’una.

O la massima autorità sanitaria del Paese ha preso un abbaglio – ipotesi altamente improbabile – o l’abbaglio l’ha preso Draghi varando un decreto che rischia di rivelarsi inutile se non addirittura controproducente. Con i contagi ormai fuori controllo (giovedì è crollato pure il muro dei 200mila), l’andamento pandemico in “drastico peggioramento” e ben otto regioni che galoppano verso la zona rossa, la contromisura dell’obbligo vaccinale – si far per dire – per gli Over 50 rischia seriamente di rivelarsi un flop.

E non solo per la microsanzione (si parte da 100 euro) prevista per chi dovesse rifiutare di farsi inoculare il siero. Ma soprattutto perché è ormai chiaro che contro il dilagare dei contagi della variante Omicron i vaccini possono ben poco. La farsa però rischia di trasformarsi in tragedia da lunedì prossimo con la riapertura delle scuole.

La sola misura partorita dal Governo dei Migliori per garantire la ripresa in presenza delle lezioni è la solita Dad. Che alle superiori colpirà in maniera discriminatoria solo gli studenti non vaccinati. Nessuna traccia, invece, dell’unico provvedimento che, a detta di autorevoli esperti, avrebbe potuto aiutare a prevenire i contagi tra i banchi: l’obbligo di mascherina FFP2. Richiesta per partecipare alle conferenze stampa di Draghi e i suoi ministri, ma non per proteggere i ragazzi a scuola. Perché loro sono i Migliori e gli altri non sono un…

4 replies

  1. Draghi non è Superman: qualcuno glielo spieghi
    di Daniela Ranieri (ifq)

    Vi ricordate il Timoniere del Titanic Italia? Il fuoriclasse, grande comunicatore, comandante, ultima chance, campione certificato che sistemerà la Patria, in una parola the best? (definizioni realmente uscite sui giornali dal 3 febbraio 2021, giorno dell’incarico a Draghi da parte di Mattarella). Ecco, è istruttivo vedere oggi quegli stessi giornali impegnati nello sforzo di rendere conto del disastro in cui siamo precipitati fingendo che la responsabilità non sia di Draghi, ma della imprevedibile variante Omicron (per difendere lui e le sue misure risibili minimizzano la variante, declassata a “raffreddore”). Così possono continuare a muovere questo loro pupazzetto di Superman, alle prese coi partiti infidi che ne sabotano il genio e vogliono pure impedirgli di diventare presidente della Repubblica com’egli desidera. Il decreto appena varato per far fronte all’emergenza Covid (infatti entrerà in vigore dal 15 febbraio, con calma) ribadisce la linea del governo nella lotta al virus: puntare tutto su Green pass e vaccini, stabilendone l’obbligo sopra i 50 anni (ma non avevamo raggiunto l’immunità di gregge a ottobre?), anche se ormai è chiaro che da soli non impediscono il dilagare dei contagi e quindi il disastro sanitario ed economico. Tutte le altre misure di contrasto al virus – tracciamento, tamponi, quarantene, smart working, Dad – sono saltate, perché non sono state disposte per tempo, o perché insidiano il Pil, o perché il ministro Brunetta non le gradisce. Allora il governo dei Competenti manda in giro milioni di persone positive, testate con tamponi rapidi affidabili al 50% (le stesse probabilità di fare testa o croce lanciando una monetina), accorcia la quarantena ai contatti stretti per non “bloccare l’Italia” (col risultato certo di doverla bloccare quando quelle stesse persone, che nel frattempo ne avranno contagiato altre, finiranno a casa o in ospedale malate), affida tutto all’autosorverglianza di cittadini taglieggiati dai laboratori per un molecolare e annaspa coi vaccini di cui pure impone l’obbligo. Naturalmente le cose peggioreranno: gli ospedali hanno le terapie intensive piene, rimandano gli interventi, chiudono reparti (ai Migliori sfugge l’aritmetica di base: se una percentuale anche piccola dei contagiati da questo “raffreddore” va in terapia intensiva, al salire dei contagi saliranno anche gli intubati e i morti), ma ormai il governo deve tenere il punto per “non creare allarmismo” (morti di allarmismo: zero; morti di Covid: 5 milioni e mezzo). È uno choc per i giornali veder cadere il loro idolo di carta: non ammetteranno mai che il Salvatore della Patria, il genio del “rischio ragionato”, è un vanitoso che voleva solo un trampolino per il Quirinale; che l’allievo keynesiano di Federico Caffè adotta misure ultraliberiste fregandosene dei poveri; che l’allievo dei gesuiti, in teoria obbligato alla parresia, il dovere di dire la verità a ogni costo, appena può si dilegua e non si abbassa a parlare al popolo che sta mandando allo sbaraglio per salvare il Pil. Mentre Conte faceva conferenze stampa in orari che gli editorialisti ritenevano offensivi, Draghi si è scoperto un pessimo oratore (memorabile la frase: “Il Green pass dà la garanzia di essere tra persone non contagiose”) e ormai se ne guarda bene dal farne. A meno di non chiamare conferenza stampa quella patetica sceneggiata coi tre ministri mandati per strada a illustrare il decreto. Speranza: “Abbiamo varato misure all’unanimità per contrastare il virus”. Lo conosciamo come una persona seria, esaurita da due anni di strazio: perché non si dimette, dissociandosi da queste misure alla brasiliana?
    Il ministro “Aprire le finestre” Bianchi: “Si torna a scuola in presenza. Per i bambini 5-11 anni quando c’è un caso si fa un test di verifica. Abbiamo dato a Figliuolo 92 milioni” (a proposito: che fine ha fatto il “piano anti-Dad di Figliuolo” col “team di soldati a domicilio”? Non ha funzionato?), come se il problema fosse solo il contagio in classe e non anche sui mezzi pubblici. Menzione a parte merita Brunetta: lo avete ascoltato? Vi sembra una persona in possesso delle qualità di equilibrio e serenità per partecipare alle decisioni di questo momento? Si sente già premier, rivendica il primato dell’Italia nell’obbligo come se stesse infliggendo una punizione: vi sembra interessato più alla salute dei lavoratori pubblici o al suo riscatto personale? (Abbiamo avuto una demo del governo Brunetta, se Draghi riesce a coronare il suo sogno quirinalesco).
    Infine: come sarà fatto rispettare l’obbligo vaccinale? E ammesso che si riesca a vaccinare il 100% della popolazione senza disordini sociali, poi cosa si fa? Una chiave per capire come siamo finiti in questo disastro la fornisce inopinatamente proprio Brunetta: “Quella che stiamo vivendo è una sfida tra l’intelligenza di chi governa e l’intelligenza del virus”. Allora si spiega tutto.

    Piace a 3 people

    • Gent.ma Viviana, apprezzo molto ciò che ha riportato, in parte lo condivido pure. La prego, tuttavia, di riferire, se può, all’autrice del pezzo che lei ha riportato (Daniela Ranieri) che Mr Goldman Sachs è tutto fuorché keynesiano. Il prof Nino Galloni, in un’intervista pubblicata su YouTube, afferma che Draghi tradì il maestro (Federico Caffè) non appena giunto negli Stati Uniti, dopo la Laurea, aderendo all’approccio metodologico neoclassico che, all’epoca, aveva già originato la famigerata teoria della scelta razionale e la sua appendice più antiscientifica consistente nell’ adottare le cosiddette “aspettative razionali”. Federico Caffè, afferma Galloni in quella intervista, riunì tutti i suoi collaboratori presso il Dipartimento a Roma La Sapienza, annunciando il tradimento di Mr Draghi.

      PS: Mr Draghi si recò negli Stati Uniti grazie ad una letter of recommendation sottoscritta dallo stesso Federico Caffè.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...