Sorrentino come Tornatore, fabbrica di capolavori made in Sud

(Pietrangelo Buttafuoco) – È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino è la storia di una passione, quella di un ragazzino – dunque il suo romanzo di formazione – per il cinema. L’identico canone di un altro grande racconto, Nuovo Cinema Paradiso, dove un bambino resta a bocca aperta davanti allo schermo del cinema  per trovare nel proiezionista – un magnifico Philippe Noiret – il maestro custode di un unico insegnamento: «Vattene!». Anche nel film di Sorrentino c’è un personaggio – un regista, Antonio Capuano – che si fa carico di un monito: «Non ti disunire» e c’è una zia, eroticissima, a far il paio con la sequenza dei baci tagliati dal prete gestore della sala cinematografica con cui Giuseppe Tornatore descrive l’aspra malinconia chiamata amore. Dopodiché c’è Napoli, in Sorrentino. E c’è la Sicilia, in Tornatore. L’autobiografia dell’uno e dell’altro. Praticamente il Regno del Borbone in forma di ricognizione sentimentale, la fabbrica esclusiva – e scusate se è poco – dei capolavori.

3 replies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...