Silvio, ma ‘do vai? 

(Estratto dell’articolo di Fabio Tonacci e Giuliano Foschini – la Repubblica) – L’agenda di gennaio del candidato al Quirinale Silvio Berlusconi è fitta di appuntamenti. In Tribunale.

Il 19, cinque giorni prima che i Grandi Elettori si riuniscano in Parlamento, a Milano si tiene l’udienza del processo Ruby ter: il Cavaliere è alla sbarra insieme ad altre 28 persone per corruzione in atti giudiziari e induzione alla falsa testimonianza.

Il 21 gennaio i suoi avvocati si devono spostare a Bari per l’udienza sul caso Tarantini dove – particolare non secondario – la presidenza del Consiglio si è costituita contro di lui. Il 26 gennaio, a urne presidenziali probabilmente ancora aperte, li vedremo tornare in fretta a Milano di nuovo per il Ruby ter.

E nei mesi successivi altri procedimenti giudiziari, a Roma, a Firenze, a Siena. Detta altrimenti: se davvero Berlusconi venisse eletto, avremmo per la prima volta un Capo dello Stato condannato in via definitiva per frode fiscale (2013, vicenda diritti Mediaset), costretto a districarsi tra quattro processi e sotto inchiesta per le stragi di mafia del 1993. Il calendario non lascia molto spazio all’immaginazione.

Si parte con la prima delle udienze di gennaio: l’accusa è aver pagato le cosiddette “olgettine” per dire il falso nel processo Ruby, il filone principale, nel quale Berlusconi però è stato assolto nei tre gradi di giudizio dalle imputazioni di concussione e prostituzione minorile.

Nel 2016, dunque, l’ex premier viene mandato a processo nel Ruby ter. I procedimenti sono spacchettati in sei tribunali diversi poi tornano a Milano. Tutti, tranne due: uno rimane a Siena, uno a Roma.

A ottobre è stato assolto a Siena (induzione a mentire del suo pianista di fiducia), precedente che fa ben sperare i suoi avvocati. Si attendono le motivazioni della sentenza per capire se la procura farà ricorso in appello.

A cavallo delle elezioni presidenziali Berlusconi è atteso in aula a Milano, mentre a marzo (a Capo dello Stato eletto) sarà alla sbarra a Roma. La situazione più imbarazzante per l’ex premier è probabilmente quella di Bari.

Il 21 gennaio è prevista l’ennesima udienza di un processo che si trascina da quasi dieci anni: agli atti, per dire, ci sono alcune istanze di rinvio presentate dai suoi legali per l’elezione del presidente della Repubblica di sette anni fa.

Berlusconi è imputato per aver pagato Gianpaolo Tarantini per mentire riguardo alle serate a casa sua.  Che, ha stabilito la Cassazione, non erano cene eleganti, ma, in almeno sei casi, cene in cui delle ragazze si prostituivano.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

5 replies

  1. Ho una domanda da fare a Travaglio: se B., che abita nella Villa San Martino espropriata al- la famiglia Casati attraverso il subdolo contributo del nostro ca- ro avvocato Previti, verrà eletto presidente della Repubblica, po- trai continuare ad apostrofarlo puttaniere, evasore, corruttore e quant’altro, o dovrai metterti in riga chiamandolo presidente?
    ANGELO FERRARA

    Credo proprio che continuerò a farlo. Un puttaniere, frodatore fiscale e fi- nanziatore della mafia non smette di esserlo solo perché trasloca sul Colle.
    M. TRAV.

    Piace a 2 people

  2. Mafioso correo morale di eliminazioni fisiche (Borsellino),ladro evasore,pregiudicato condannato,pervertito puttaniere anche con minorenni,corrotto curruttore. Ditemi cosa gli manca a un tipo del genere per essere il nostro amato presidente della repubblica ?

    "Mi piace"

  3. E Gianni Letta, con mossa del cavallo democristiano si troverà sul Colle, tra il plauso e il sollievo di tutti, elargendo le stesse grazie del Berlusca, ma in modo sobrio e riservato.

    "Mi piace"

  4. questi non mi paiono affatto impedimenti, ma sproni per candidarsi alla presidenza della repubblica. Il fatto poi di presiedere il CSM sarebbe poi l’ennesima vendetta che gli riuscirebbe. Mi chiedo a quel punto se l’Europa continuerebbe a finanziare la nostra repubblichetta bananiera

    "Mi piace"