I talebani del vaccino si incartano sulle dosi

Un dato è certo: i vaccini perdono efficacia nel tempo. Anziché accelerare sui richiami ai fragili, Roberto Speranza si perde però nell’inutile caccia ai no vax. Con il risultato che a breve milioni di italiani si ritroveranno scoperti. A rischio giallo regioni col record di iniezioni. Ma accolgono malati tedeschi



(Maurizio Belpietro – laverita.info) – Il Paese più vaccinato d’Europa non si fida del vaccino: quello degli altri, ovviamente. Dunque, per concedere il visto d’ingresso richiede un risultato negativo del tampone. Che si tratti di un cittadino Ue oppure no, al Portogallo importa poco: nonostante l’87,78 per cento di immunizzati, nelle ultime settimane il Covid ha rialzato la testa e Lisbona cerca di evitare altri contagi e nuovi decessi, oltre a quelli che già si registrano ogni giorno (1.635 nuovi positivi e 13 i morti di ieri). La decisione del governo guidato da Antonio Costa, non pare sorprendere segue a papiù di tanto gli altri Paesi europei che, in barba alle disposizioni dell’Unione in materia di green pass, anziché fidarsi del certificato verde raccomandato da Bruxelles e adorato da Roma, si preparano a seguire l’esempio portoghese. Sì, più tamponi per tutti, in particolare per chi arriva dall’estero, anche se vaccinato.

La stessa linea è seguita da Boris Johnson il quale, per non aver introdotto il green pass e lasciato aperto il Paese, è considerato un pazzo furioso (la Ue non gli ha ancora perdonato di averla piantata in asso), ma a chiunque voglia entrare in Gran Bretagna da mesi richiede un tampone negativo prima dell’arrivo e un secondo due giorni dopo. Da ieri, le autorità pretendono anche l’isolamento in attesa del responso del test, ma sia nei ristoranti sia nei luoghi chiusi non è previsto alcun passaporto vaccinale. Un approccio pragmatico come nello stile dei sudditi di Sua maestà la regina Elisabetta? Di certo, un approccio di chi si fida dei vaccini, ma fino a un certo punto. L’Inghilterra è stato il Paese che per primo ha scelto di dare via libera alle iniezioni a tappeto. Non dovendo soggiacere alla burocrazia dell’Ema, cioè dell’ente che regola l’uso dei farmaci all’interno della Ue, Londra ha deciso di vaccinare tutte le persone fragili, senza mettersi a caccia dei no vax. Sì, mentre da noi il governo è determinato a stanare (ma sarebbe meglio dire rinchiudere) chi non si è vaccinato, in Gran Bretagna dei renitenti all’iniezione se ne sbattono, preferendo occuparsi di terze dosi, cioè concentrarsi sul 68% di inglesi che ha scelto di immunizzarsi. Infatti, sono stati veloci nel dare il via alla campagna dei richiami, ma soprattutto, sono stati i primi a dichiarare di voler anticipare a tre mesi la nuova puntura. Evidentemente, Johnson e i suoi consiglieri hanno preso sul serio le ultime ricerche pubblicate dalle riviste scientifiche, in cui si segnala la perdita di efficacia dei vaccini dopo pochi mesi. Qualcuno dice quattro, altri tre, ma di certo dopo sei mesi la copertura offerta dal siero perde vigore. In un Paese che avesse a cuore la sorte dei propri cittadini, le autorità si sarebbero dunque date da fare per accelerare i richiami, mentre noi stiamo ancora a gingillarci con il green pass e con i no vax, quasi che il primo rappresenti una garanzia anti Covid e i secondi siano tutti untori.

Il problema, come è chiaro a chiunque lo voglia vedere, non sono gli italiani che non si sono vaccinati, ai quali ormai è vietato quasi tutto e a cui fra una settimana sarà proibito anche ciò che era consentito prima. Il problema è la perdita di efficacia dei vaccini, che impone di ricominciare da capo la campagna anti Covid. Gli italiani in possesso di un greenì pass ottenuto dopo la seconda dose sono circa 45 milioni, la maggioranza dei quali è stata convinta dalle rassicurazioni della politica e dei virologi che la doppia iniezione li avrebbe resi completamente invulnerabili al virus. In realtà, come ormai anche i bambini sanno, il vaccino non rappresenta una garanzia di non contagiarsi e di contagiare. Si è protetti, ovvio (altrimenti perché lo si farebbe?), ma non al 100% e più passano i mesi più la percentuale cala, rischiando di lasciare scoperto il vaccinato. A oggi, sono poco più di sei milioni le persone che si sono sottoposte al richiamo e ciò vuol dire che 39 milioni di italiani, se vogliono, dovranno ricevere una terza dose. Considerando che la maggior parte dei vaccini sono stati fatti prima o durante l’estate, se si prendono per buoni gli studi svedesi e israeliani circa la diminuzione dell’efficacia del siero, significa che milioni di persone oggi sono o saranno scoperti e dovranno presto tornare a vaccinarsi. Ma occupato com’è a dare la caccia a chi ha rifiutato le iniezioni ai minori, il governo non pare essersi accorto che al ritmo di 300.000 inoculazioni al giorno ci vorranno mesi per raggiungere l’obiettivo. Se poi si considera che il Natale è alle porte, il traguardo rischia di allontanarsi anche di più. E per rendersi conto del pericolo, basta farsi un giro negli hub vaccinali: molti di quelli messi in funzione all’inizio dell’anno, oggi sono chiusi e nessuno sa dire quando e se riapriranno. Non solo: mancano i medici e gli infermieri, anche perché un certo numero di quelli che avevamo, non essendosi vaccinati sono stati sospesi. Ciliegina sulla torta, invece di incentivare i tamponi, fanno di tutto per renderli inutili. Insomma, la caccia ai no vax prosegue, quella al Covid un po’ meno.

67 replies

  1. Ivermectina no,

    lattoferrina no,

    quercetina no,

    vitamina C no,

    vitamina D no,

    ozonoterapia no,

    idrossiclorochina no,

    plasma iperimmune no,

    ma i vaccini sì, eh. Per quelli non c’é problema ad autorizzarli anche se gli studi sono stati molto affrettati e pensate un pò, sono segnalati oltre 100 volte i morti che stopparono la vaccinazione contro la suina negli anni ’70.

    "Mi piace"

      • Tu invece farai un favore all’umanità quando non vorrai ad azzannare chiunque non la pensi come te sul fatto che il vaccino è l’unica via di salvezza e guai a criticarlo se no si è no vax terrappiattistih! Ma almeno ti pagano per questi commenti sgradevoli? Perché se li fai gratis è ancora peggio, capirei li facessi per soldi di più. Il mercenario ha più onore di chi si vende a gratis e ci mette pure la tua orribile cattiveria.

        "Mi piace"

    • Chicco bello, se funzionassero si saprebbe. Altrimenti hai ddue Q al posto degli occhi.

      PS … e quella roba della Merk mica pare che funzioni tanto bene.

      "Mi piace"

      • Sbagliato.

        Infatti, gli studi sulle medicine anti-covid li hanno fatti, inclusi quelli del CNR (responsabile della quercetina).

        Con la vitamina D hanno notato un calo anche dell’80% dei pazienti in T.I. e con l’ozonoterapia un ospedale italiano ha provato su 36 pazienti guarendone 35.

        Ma tutto questo è caduto nel silenzio più totale.

        Mentre nonostante il ritiro dell’articolo del Lancet sull’idrossiclorochina, in Italia non hanno mai ripristinato l’opzione, almeno per quanto ne so.

        Ce l’hanno detto, e poi li hanno azzittiti in tutti i modi.

        Sennò non potevano approvare i vaccini ‘in emergenza’, visto che per approvarli bisognava che non ci fossero altre terapie disponibili altrimenti se ne riparlava nel 2022-2023.

        Ma tu (e l’ominima della gradassa) continua a credere alle cazzate, tipo ‘se funzionasse ce lo direbbero’.

        "Mi piace"

  2. Gentilissima, giusto per non rimanere nell’area51, ma rendere fruibili i nostri dibattiti, le rammento che, Luca Speciani è fratello di Attilio e tutti e due sono figli di,
    Luigi Oreste Speciani che fu il fondatore della medicina psicosomatica in Italia e uno dei pionieri dell’omeopatia nel nostro paese

    https://www.eurosalus.com/

    "Mi piace"

    • Certo, speciani e famiglia sono anche quelli che, per curarti in modo alternativo, ti ciucciano il sangue meglio che le sanguisughe del dr Salasso. E lo dico per esserci passato dalla palude delle mignatte: altro che bigpharma!

      "Mi piace"

      • Per informazione:
        “Le cure” in omeopatia sono molto lunghe,
        perché ritagliate sull’individuo, (contrariamente a quanto fa la medicina cosiddetta ufficiale)
        che il più delle volte è affetto da patologie croniche, e spesso si è Sfondato di farmaci per lunghi anni soffocando la malattia stessa e presendando forti squilibri…..
        Il percorso viene fatto a stretto contatto
        e continuo monitoraggio da parte del medico che segue il paziente,
        fino al raggiungimento dello stato di equilibrio. (giustificazione costi)
        Dopodiché, se il paziente non è un
        caprone, ha tutti gli strumenti per mantenersi in un buono stato di equilibrio
        psicofisico autonomamente,
        semplicemente con prevenzione e stile di vita, e senza ricorrere all’uso di bigpharma e relativi e sempre più costosi tickets.

        P. S. n. b. il termine ricorrente “equilibrio”

        "Mi piace"

      • A me pare che, per gli omeopati, sempre per esperienza personale i pazienti siano pecore da tosare , altro che caproni! Quando, per cominciare, ti fanno fare test psicologici del valore di 320.000 lire, test allergologici per altri 280.000 lire. Più visita da 200.000 lire a botta, ed altri esami tutti costosi e rari che non ti portano da nessuna altra parte se non a gonfiare il portafogli dell’omeopata, forse qualche domandina ci sarebbe da porsela, o no?
        Certo, anch’io ricorro all’omeopatia se ho tosse, oppure dei crampi. Ma da qua a pretendere di curare tumori o altro con l’omeopatia ce ne corre. E non mi si venga a dire di stile di vita o di equilibrio, perché sono tutte sciocchezze: ognuno ha la sua vita e deve farci i conti. Le cure omeopatiche molto lunghe spesso sono solo delle truffe. Come recitava il titolo di un film di Woody Allen” l’importante è che funzioni”. Basta che non debbano passare 20 anni., aggiungerei io. In ogni caso: sono molto pragmatico: ci sono problemi di salute leggeri in cui l’omeopatia funziona. Altri, molto più complessi, in cui bisogna affidarsi alla medicina.punto.
        Se poi ci si lamenta dei ticket cari e delle liste lunghe di attesa, propongo di scendere tutti in piazza, non contro vaccini o green pass, ma contro la privatizzazione della sanità pubblica e contro i tagli verticali che ne penalizzano il concetto universalistico di base. Dovremmo andare in piazza e protestare per una sanità che sia a misura d’uomo. E non quel groviglio di interessi politici ed economici che c’è ne allontanano, riempiendo le tasche di tutta quella congrega di arraffoni che prospera all’ombra della cosiddetta medicina alternativa.

        Piace a 2 people

      • … a me pare Qualunquemente ma che gli omeopati…
        che lei si sia rivolto dal Divino Otelma a:

        Per le neoplasie-troppotardi rivolgersi dalla Veronesi DYNASTY vedrà che saranno piu
        economici (ammesso che lei abbia una assicurazione personale).
        Se invece vuole seguire l’omeopatia le consiglio di cercarsi un medico
        all’altezza e non il serfistista che cavalca
        l’onda.
        P. S. non si rivolga neanche in farmacia per farsi consigliare rimedi omeopaticifuffa inutili se non dannosi, come se fossero prodotti da banco.
        L’OMEOPATIAÈUNACOSASERIA fatta da medici Seri e preparati.
        Il segreto è tutto qui!
        P.P.S. Le aggiungo che, è più facile avere una udienza dal Papa che fare una visita da uno dei fratelli Speciani. A lei le conclusioni

        "Mi piace"

      • Appunto:Speciani+Papa=medioevo prossimo venturo. Il fideismo non è mai morto nell’essere umano. Tanto che, più costa il ciarlatano, più il facoltoso ci corre appresso… Buona vita a lei
        Ps:il suo specianipapa l’ho frequentato a metà ’90,quando non era ancora Papa . Ma, come avrà potuto notare dalle cifre più sopra riportate, quelle si erano già da Papa. Faccia un po’ lei. Altro che Veronesi dinasty!

        Piace a 1 persona

      • @ unoerre:
        La conclusione è che si tratta di “cure” (le virgolette sono tue, e non a caso) per ricchi iniziati, ai quali, quando le cose vanno male, si potrà sempre rinfacciare di essersi rivolti all’esperto sbagliato.

        Da Wikipedia:

        Nonostante molteplici studi, non sono state trovate prove oggettivamente valide sull’efficacia dell’omeopatia nel trattare qualsiasi tipo di patologia.

        https://it.wikipedia.org/wiki/Omeopatia

        Piace a 1 persona

      • Lo sai che per un avvocato difensore è deontologicamente scorretto squalificare così un proprio cliente? Qua c’è il povero SM che afferma di aver massicciamente contribuito alla stesura della nota enciclopedia libera, pertanto non devi prendertela con me: domanda direttamente a lui.

        "Mi piace"

      • Senza offesa, lei ci sguazza nel nel fideismo
        e manco se ne rente conto.
        Ricambio e le auguro un Splendida vita Silvia!

        "Mi piace"

      • Come tutti i novax: perfetto nel rigirare la frittata e nel fare il bue che dà del cornuto all’asino. Complimenti! Anche se avrei sperato un qualcosina di più. Ma si sa, purtroppo … quando si è così convinti di averci la verità in tasca non si può che finire a rigirare frittate.
        Auguri e mi stia bene.

        "Mi piace"

      • “Lo sai che per un avvocato difensore è deontologicamente scorretto squalificare così un proprio cliente? Qua c’è il povero SM…”:

        come sempre le tue ottime disamine, logicamente impeccabili, si basano su dei paralogismi infantili (dire sofismi sarebbe troppo…): io non sono avvocato difensore di SM (come di altri da te segnalati) che nella tua testolina, Jonny!

        Piace a 1 persona

    • Scusate tanto, ma perché uno che ha fondato l’omeopatia non avrebbe il diritto di parlare mentre uno che ha detto una coglionata smentita dai fatti si? “Il virus è clinicamente morto” cit.Matteo Bassetti giugno 2020. Vi ringrazio anticipatamente per le vostre esaurienti risposte

      "Mi piace"

      • @ Martello: il diritto di parlare ce l’hanno tutti (infatti lo esercitano alla grande) ma resta il fatto che l’omeopatia non sia nient’altro che ciarlataneria, scientificamente parlando.

        Però sia chiaro che quelli che scelgono di curarsi con le zollette di zucchero più care del mondo ne hanno pieno diritto e facoltà, ci mancherebbe. E’ solo che non esiste un solo trattamento omeopatico che sia mai stato dimostrato essere significamente più efficace del placebo, tutto qua. Se per qualcuno funziona, liberissimo.

        "Mi piace"

      • X Martello:

        Il diritto di parlare ce l’hanno tutti, ma proprio tutti.

        Tipo Pregliasco, per esempio, che continua a raccontare che le reazioni avverse sono irrilevanti di fronte al numero dei vaccini fatti.

        Chissà che penserebbe se la Tuscano fosse stata sua figlia.

        Ma si sa, sono ‘irrilevanti’ finché non sono amici tuoi.

        "Mi piace"

    • Infatti chi decide di curarsi con l’omeopatia mette le mani nella sua tasca,
      senza gravare sul S.S.N. ,e mi creda,
      questi birbaccioni indisciplinati,
      il medico di base manco lo conoscono,
      con tutto il piacere dello stesso

      "Mi piace"

  3. Quindi, alla fine, anche il Mascellone autoattentatore dello pseudogiornalismo all’italiana ce l’ha fatta ad ammettere che i vaccini sono efficaci, visto che titola “Un dato è certo: i vaccini perdono efficacia nel tempo” e che non si può perdere ciò che non si ha.

    Piace a 1 persona

    • @Jonny Dio, il mascellone non hai mai detto che i vaccini non sono efficaci, ma che non sono efficaci come i pezzi da novanta della comunità scientifica (per intenderci quelli alla Pregliasco, capaci di contraddirsi un giorno si e l’altro pure, e addirittura nell’ambito della stessa trasmissione) hanno creduto che fossero, e ci hanno fatto credere fino a poche settimane fa. Ok, il virus è mutevole, e ovviamente non c’è letteratura scientifica certa a riguardo, quindi diciamo anche che la colpa non è di nessuno, se non di questo cazzo di virus. Bisognerà pur ammettere però che la teoria di Belpietro non è per niente strampalata. Il Green Pass è una spinta a vaccinarsi, ma se ci si contagia anche tra vaccinati, senza molte distinzioni tra vaccinati in prima, doppia e terza dose, e di finisce pure in ospedale, perché insistere solo con questa strategia? Non sarebbe meglio un sano rispetto delle regole alla Giappone e Corea per intenderci?

      "Mi piace"

      • Perché siamo itagliani.

        Cerchiamo di tagliare gli spigoli andando in mezzo al cubo, così facciamo prima. Però il cubo è di cemento armato e non ci riusciamo.

        Quindi diamo la colpa agli spigoli che non vogliamo percorrere.

        Immagina la Sicilia senza lo stretto. Bene, secondo i cialtroni che ci governano, per risolvere ci vuole da navigare con la nave dentro l’isola. Poi si accorgono che vanno a sbattere e se la prendono con il mare perché non è presente dentro la Sicilia.

        Ecco come funziona la logica in Italia.

        Le cure anti-covid le hanno affondate quasi tutte (a parte gli anticorpi monoclonali che costano 3.000 euro a botta), le prove dei vaccini le hanno fatte a caxxo e così hanno scoperto (poi) tanti effetti collaterali. Però se adesso funzionicchiano di meno e per meno tempo… è colpa di chi non li ha fatti, perché è noto a tutti, tranne ai politici e ai servi come se ne vedono anche da queste parti, che i vaccinati sono anch’essi contagiosi, però non bisogna dirlo troppo, pensando invece ad accusare gli untori che non hanno voluto ungersi.

        "Mi piace"

      • @ Martello: So bene come Bellattentato sia sufficientemente scaltro e scafato da non esporsi mai in prima persona: secondo una tecnica ben collaudata, lui non dice mai niente, lascia dire agli altri e le cose si limita a suggerirle; nello specifico, quanto basta per strizzare l’occhio a un certo mondo no-brain che, ultimamente, “tira” parecchio (ma senza fastidi come rettifiche e/o querele).
        Un vero professionista, nel rimestare nel torbido senza sporcarsi.
        La mia era una semplice riflessione su quanta ironia sia insita nel fatto che uno come Belpietro, ultimamente sempre molto attento a riportare qualunque dettaglio anche solo apparentemente a favore delle tesi no-vax, nel farlo abbia anche fatto un’implicita ammissione di come, al di fuori di certe narrazioni fantastiche, certe tesi finiscano regolarmente smentite dai fatti (segnatamente, l’efficacia dei vaccini). Ma tanto, non rischia nulla: se il suo lettore-tipo è talmente tordo da credere che tutti i capi di stato del mondo, d’incanto, si siano messi d’accordo per somministrare prodotti nocivi ai propri abitanti (col fine di arricchire Big Pharma), è molto difficile che poi abbia anche l’acume per cogliere certe sottigliezze, come quella che mi sono permesso di sottolineare.

        Certo che sarebbe meglio il rispetto delle regole, però invocare la Corea quando c’è chi pensa di essere già ora sotto dittatura, è davvero paradossale. In Corea, tanto per dirne una, vado a memoria ma l’equivalente della nostra app Immuni è obbligatoria.
        Ma, anche solo prendendo per buono il Giappone come esempio di ordine (e tralasciando considerazioni di ogni altra natura socio-politica), ti chiedo: ma secondo te, può davvero essere realistico pensare di far rispettare un obbligo di questo tipo, in Italia? Mi piacerebbe tanto sapere come (e, in subordine, chi mai dovrebbe avere la forza di imporre una cosa del genere).
        Per cui tocca, arrangiarsi con quello che c’è, dunque (per ora) vaccini con efficacia e durata limitate. Non risolutivo, ma comunque meglio di niente.

        Perdonami, ma mi sembra che tu faccia ancora confusione tra vaccini, uno strumento la cui efficacia e durata sono riconosciute, quantificate e dimostrate da miliardi di somministrazioni, e green pass, ovvero un mero strumento politico (di cui, personalmente, ho sempre criticato i numerosi limiti). Si insiste con questa strategia per motivi che hanno più a che fare col modo in cui si gestiscono da sempre le cose importanti in Italia, ma di tutto ciò la responsabilità è in primis del capo del Governo, solo che in pochi osano dirne male, nonostante ce ne sarebbero più che giustificati motivi (a puro titolo di esempio, come pensa di far rispettare l’obbligo di GP sui mezzi pubblici laddove non si riesce nemmeno a far rispettare quello del biglietto).

        Piace a 1 persona

  4. SCIENTIFICAMENTE da parte di chi!
    sa solo applicare i protocolli imposti, prendere mazzette, (guardare le cronache)
    e Inguacchiare ricette per prescrivere domestiche-scaffalate di farmaci.
    Che popolo Scetato!

    "Mi piace"

    • Scientificamente da parte della comunità scientifica, non da un video su YouTube. Comunque, non ci vuole niente: basta organizzare uno studio sufficientemente ampio, e l’efficacia (se c’è) salta fuori, è una cosa che potrebbero fare in molti. Mai sentito parlare di doppio cieco, di peer-rewiew? Quella roba là.
      Quando qualcosa funziona, basta dimostrarlo e c’è da fare soldi a palate, ma forse vendere zucchero a prezzi da uranio rende di più.

      Piace a 1 persona

    • Certamente. Ricambio la buonanotte con un consiglio: occhio a non aver mai bisogno nemmeno di un’aspirina, perché è tutta roba approvata col medesimo meccanismo.

      "Mi piace"

      • 1- L’aspirina non sei obbligato a prenderla. Né trattato come appestato perché non la prendi.

        2- Non mi risulta che gli effetti collaterali dell’aspirina siano ancora ignoti, mentre al contrario del vaccino ogni tanto si scopre qualche sopresa (emorragie, trombi, miocarditi ecc ecc).

        3-Nella fascia 0-39 anni i morti sono l’1% del totale. Gente come Francesca Tuscano, Stefano Paternò e Camilla Canepa correvano lo 0,0001% di morire di COVID, invece li ha fatti secchi il vaccino che era stato garantito essere ‘sicuro ed efficace’ (mantra).

        Se non ci arrivi ad ammetterlo non è perché sei stupido. E’ perché sei uno dei personaggi più falsi e faziosi che abbia mai incontrato.

        "Mi piace"

      • 1 – Mai sostenuto il contrario.

        2 – Effettivamente, è davvero curioso che un farmaco vecchio di oltre un secolo sia meglio conosciuto rispetto ad uno vecchio di un anno. Gombloddo!

        3 – Nella fascia 0-39, in Italia i vaccinati sono circa 14 milioni. L’1% che gli sciacalli come te millantano siano morti a causa del vaccino (fonte? Se sono le solite segnalazioni mai verificate da nessuno che chiunque può fare, te la puoi pure risparmiare) farebbero la bellezza (si fa per dire) di 140 mila morti: una bella strage, anche più del Covid, diversamente dalla quale non esiste alcun riscontro nelle statistiche sulla mortalità.
        Una strage talmente enorme che quelli che girano sono sempre i soliti tre nomi in croce (con scarso rispetto per il dolore delle famiglie, peraltro).

        4 – Rimane inevasa la domanda delle cento pistole: come mai non esiste un Paese al mondo che abbia ufficialmente rinunciato ai vaccini, se sono così pericolosi?

        "Mi piace"

      • “2- Non mi risulta che gli effetti collaterali dell’aspirina siano ancora ignoti, mentre al contrario del vaccino ogni tanto si scopre qualche sopresa (emorragie, trombi, miocarditi ecc ecc).”

        Se patagoni i due bugiardini vedrai che contrindicano ed avvertono quasi tutto a parte l’Apocalisse di Giovanni.

        "Mi piace"

      • Certo che ti piacciono proprio mature le ciliegie, eh, Gatto? Perdonami la miopia, ma proprio non capisco che relazione ci sia né cosa dovrebbe dimostrare quel tragico episodio di ben sessant’anni fa (episodio che, per la cronaca, portò comunque al ritiro del farmaco in questione): potresti essere un pochino più esplicito?
        Una cosa del tipo: siccome è successo questo, allora ciò dimostra che… (che tutti i farmaci in commercio sono potenzialmente dannosi? Che l’omeopatia funziona? Che i vaccini non funzionano? A me sembra che non dimostri esattamente un cazzo di niente, ma ti prego di correggermi se sbaglio).
        Ah, no, scusa, dimenticavo che la tua cifra distintiva consiste nel lanciare sempre il sasso per poi nascondere la mano; tu certe cose non le dici mai direttamente (anche perché sai bene che, se andassi a fondo dei tuoi “ragionamentii”, ti copriresti ancor più di ridicolo), da bravo proselito del Mascellone autore dell’articolo qua sopra, tu certe cose le suggerisci soltanto, ma ti guardi bene dall’affermarle (e fai bene).
        Pazienza, sarà per un’altra volta.

        "Mi piace"

      • “4 – Rimane inevasa la domanda delle cento pistole: come mai non esiste un Paese al mondo che abbia ufficialmente rinunciato ai vaccini, se sono così pericolosi?”

        Sarebbe meglio definirla la domanda DEL PISTOLA…

        "Mi piace"

      • Non capisci che relazione ci sia né cosa dovrebbe dimostrare quel tragico episodio di ben sessant’anni fa? Guarda che non è il nocciolo delle ciliege (cit.) che devi mangiare!

        “Una cosa del tipo: siccome è successo questo, allora ciò dimostra che… (che tutti i farmaci in commercio sono potenzialmente dannosi?”: ahahah … A canne sei peggio del drogato olandese… ahah…

        “Ah, no, scusa, dimenticavo che la tua cifra distintiva consiste nel lanciare sempre il sasso per poi nascondere la mano; tu certe cose non le dici mai direttamente…”… AHAHAHAH… STR0NZ0!

        “da bravo proselito del Mascellone autore dell’articolo qua sopra, tu certe cose le suggerisci soltanto, ma ti guardi bene dall’affermarle (e fai bene)”: pensa,Gsi crede che il mio idolo sia il Banana… Ma curatevi!

        Pazienza, sarà per un’altra volta…

        "Mi piace"

      • Io chiedo seriamente spiegazioni e tu mi deridi? Non è molto gentile da parte tua. Me ne farò una ragione, anche perché certi silenzi sono ben più eloquenti.

        P.S: mai detto nè pensato che Belpietro sia il tuo idolo. Più modestamente, mi limito a constatare come siate fratelli nella paraculaggine.

        "Mi piace"

      • Guarda Jonny, fin che si scherza, anche pesantemente, va bene, ma non cercare di far credere che servirebbero risposte alle tue domande, la mancanza delle quali significherebbe inequivocabilmente che non ne avrei.

        Non fa onore alla tua intelligenza: cerca di essere più leale, non come certe SCOREGGION3, dai…

        "Mi piace"

      • So benissimo che tu hai le risposte, dico solo che non le tiri mai fuori per non comprometterti, e ne hai ben donde: in effetti, quando la sola risposta possibile alla domanda delle cento pistole è “perché sono tutti d’accordo”, è oltremodo evidente come la cosa sia talmente ridicola da rendere decisamente preferibile soprassedere.

        Come dico sempre, la cosa più divertente quando si ha a che fare con un complottista non è contrastare le sue tesi strampalate, ma dargli ragione: essendo strampalate le tesi, le conclusioni lo saranno ancor di più.

        Su una sola cosa posso darti ragione: un bel gioco, dura poco.
        Pertanto ti saluto, cordialmente come sempre.

        "Mi piace"

      • Tanto per PRECISARE:

        NON HO MAI DETTO CHE IL VACCINO HA UCCISO 140.000 PERSONE, anche perché le segnalazioni in tutto il mondo note parlano di poco più di 30.000.

        Quello che l’egregio J.D. non capisce, che è l’1% dei morti è sul totale delle vittime COVID (1300 su 130000).

        Quanto al discorso degli effetti collaterali:

        Si dà il caso che proprio perché farmaco NUOVO si debba andare con principio di cautela, e non a vaccinare cani e porci perché sennò ‘non si vince la pandemia’.

        Ma questo non lo si vuol proprio capire, evidentemente la fede cieca nella punturina fa brutti effetti anche ai non abituali consumatori di eroina.

        "Mi piace"