Lei non sa chi sono io!

(avionews.it) – Nei giorni scorsi un equipaggio del volo decollato da Palermo e diretto a Milano-Linate -operato nei primi di novembre da Ita Airways – sarebbe stato chiamato a rapporto dal presidente esecutivo Alfredo Altavilla. Il motivo? Tutta colpa di una cappelliera e di una passeggera che ricopriva o ricopre una importante carica in Alitalia-Ita.

Questi, sembra, i fatti. La signora avrebbe trovato la cappelliera posta sopra la propria poltrona già occupata. A questo punto avrebbe chiesto di utilizzarla, ma il personale non è riuscito a trovare una soluzione. Secondo quanto riferito da nostre fonti ma anche da rumor sui social, la signora avrebbe messo in piedi una bagarre contro gli assistenti di volo. La passeggera in questione sarebbe Costanza Esclapon de Villeneuve, attuale membro del consiglio di amministrazione di Mediaset ed ex-membro dell’ufficio di comunicazione di Alitalia con la sua società di consulenza per la comunicazione CsC.

La signora avrebbe espresso le proprie rimostranze a tutto l’equipaggio, compreso il comandante, avvertendo che avrebbe informato del fatto il presidente Altavilla in persona. Secondo quanto apprende AVIONEWS, l’equipaggio di cabina -chiamato a rapporto dal presidente- avrebbe ricevuto 5 giorni di sospensione. E avrebbe potuto anche andare peggio se non fosse intervenuto il comandante dell’aereo a mediare la situazione e il pilota non avesse ricevuto l’appoggio dell’amministratore delegato Fabio Lazzerini.

Una lettera del presidente Altavilla a tutto il personale navigante chiarisce che particolare attenzione va rivolta all’accoglienza dei passeggeri e alla gestione dei bagagli a bordo, affinché questi siano collocati nelle cappelliere più vicine in modo da agevolare le operazioni di imbarco e sbarco dei clienti. A quanto si capisce quindi il problema era una cappelliera più vicina al posto della signora Esclapon.

E per non averla ottenuta ha mobilitato niente popò di meno che il presidente, il quale poi ha preso tanto a cuore la questione. La lettera di Altavilla parla di comportamenti arroganti e ineducati che pongono a rischio la raggiungibilità dell’obiettivo di NPS dell’azienda, e dunque il conseguente pagamento del premio di risultato a tutti. Questo episodio fa ricordare un film di Alberto Sordi, il “Marchese del Grillo”, quando beffardo diceva: “Io sono io, e voi non siete un…”.

Categorie:Cronaca, Inchieste, Interno

Tagged as: , ,

10 replies

    • cioè, secondo lei, l’Alitalia è fallita perché c’era chi gestiva i posti in capelliera in malo modo?
      mi permetto di dubitarne, più probabile che sia avvenuto per personaggi, pari livello,
      che hanno animato questa commedia surreale

      non so in prima classe, mai stato, ma le posizioni in capelliera sono legate al numero del posto a sedere?

      se si, la cosa ha un senso, anche se la sfuriata è veramente ridicola, come ridicoli sono la persona
      che l’ha fatta, quella che ha recepito il suo reclamo e chi lo ha commentato favorevolmente,

      in questo caso dovevano fare rispettare l’occupazione relativa,
      altrimenti questa nuova compagnia fallirà ancora prima della vecchia.
      per gli stessi vizi capitali

      "Mi piace"

  1. Se i “fatti” sono questi e considerati i cognomi “altisonanti” della “signora” che ricordano tanto quelli della fantozziana contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare mi viene da fare un solo misurato commento: ME COJONI…..

    Piace a 2 people

  2. Ma il problema è lei o chi ha ricevuto la sua segnalazione e l’ha non solo letta, ma pure usata per infliggere 5 giorni di sospensione?
    E poi, sospensione dallo stipendio? Subito dal giudice e si facessero risarcire con interessi!!

    "Mi piace"

  3. Veramente sta succedendo anche di peggio sulle tratte Volotea.
    Cagliari-Milano: bagaglio a mano consentito SOLO ai passeggeri “Priority”.
    Gli altri hanno dovuto imbarcare in stiva…e, poi, le cappelliere erano VUOTE (tranne quelle speciali, ovvio). 🤔
    Motivazioni ignote.
    Al ritiro: bagagli distribuiti in due zone diverse, di cui una dall’estero, con evidenti disagi di chi aveva (anzi, avrebbe avuto!) SOLO il bagaglio a mano.
    Ovvi litigi.
    Per la serie: cominciamo bene.

    E comunque, non ho mai capito come mai la cappelliera relativa al proprio posto a sedere debba essere occupata dai bagagli di altri.
    Qualcuno si “allarga”, evidentemente.
    Vorrei vedere se lo facessero coi posti a sedere e qualcuno dovesse restare in piedi per colpa di altri.
    Quindi, per me, VIP o no, la tipa aveva ragione a pretendere di trovare posto per i propri bagagli.
    Noi avremmo abbozzato, lei no.
    Quindi?
    Chi stava approfittando di ciò che non gli spettava erano altri, non lei.

    "Mi piace"