Alessandro Di Battista: “Avviso a tutti i cittadini distratti”

(Alessandro Di Battista) – Dopo le elezioni suppletive di Siena (si candida Letta nel collegio dove nel 2018 venne eletto l’ex-ministro) il governo italiano realizzerà un piano osceno: regalerà la parte buona del Monte dei Paschi ad Unicredit dopo aver fatto un aumento di capitale (miliardi di euro delle nostre tasse). Inoltre sarà lo Stato a farsi carico delle migliaia di esuberi (sono i dipendenti di MPS che Unicredit non vuole). Inoltre un serie di sportelli di MPS che Unicredit non vuole (pare siano oltre 140) probabilmente verranno rilevati dal Medio Credito Centrale (MCC), un istituto bancario pubblico gestito da Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti che, a sua volta, è partecipata al 100% dal Ministero dell’economia e delle finanze, ovvero il Ministero che sta trattando con Unicredit la cessione di MPS. Il Monte dei Paschi è stato, di fatto, nazionalizzato da Padoan quando Padoan era Ministro dell’economia. Poi, anche grazie al salvataggio di MPS con denaro pubblico, Padoan si è fatto candidare dal PD nel collegio di Siena. E’ stato eletto e poi ha lasciato la Camera quando è arrivata una bella proposta da parte di Unicredit (a proposito quando guadagna come Presidente?). Unicredit adesso tratta con il Ministero dell’economia e delle finanze l’acquisto di MPS. E chi tratta per conto del MEF? Alessandro Rivera, Direttore Generale del Tesoro, uomo legatissimo a Padoan da quando era responsabile della direzione Sistema bancario e finanziario proprio al Ministero dell’economia. Non solo. Unicredit per prendere MPS chiederà (ed otterrà) una serie di aiuti di Stato. Oggi Il Fatto Quotidiano ha calcolato che spenderemo 10 miliardi di euro per questa “operazioncina” tanto cara ad Unicredit. 10 miliardi che vanno sommati a tutto quel che abbiamo già speso per coprire le devastazioni fatte dalla politica nel Monte dei Paschi. La guerra in Afghanistan ci è costata molto meno del disastro MPS. Suggerisco di prestare attenzione anche ai “talebani” con i colletti bianchi…

29 replies

  1. Quirinale a ore
    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Dopo Benigni al Festival di Venezia, anche il cantante Marco Mengoni al Salone del Mobile di Rho-Pero, forse influenzato dal clima di antiquariato e modernariato, ha chiesto a Mattarella di restare ancora un po’.
    Come nel 2013 con Re Giorgio I e poi II, è partita la rumba delle perorazioni al capo dello Stato perché accetti la rielezione. Non per 7 anni, come prevedrebbe quel testo desueto chiamato Costituzione, ma solo un po’, per tenere in caldo la poltrona a Sua Altezza Reale Mario I, che poi deciderà quando ascendere al Colle dopo avere spicciato le ultime faccende a Palazzo Chigi.
    Come se il Quirinale fosse un albergo a ore. Immaginate cosa pensano all’estero di un Paese che, su 950 parlamentari, non ne trova uno in grado di fare il presidente della Repubblica, cioè di dire quattro banalità a Capodanno (“vestitevi che fa freddo, mettetevi le galosce”), baciare bambini, tagliare nastri ed estrarre dal cilindro un banchiere o chi per lui nelle crisi più serie.
    Anzi, uno ce l’avremmo, ma purtroppo fa già il premier e, se trasloca, restiamo senza e non troviamo più nessuno in grado di guidare il governo, pur formato integralmente da Migliori.
    Questa barzelletta fa ridere in Italia, figuriamoci fuori dalla cinta daziaria. Eppure è il mantra che salmodiano i giornaloni e seguiteranno a biascicarlo fino alla data di scadenza di Mattarella.
    I Costituenti, che avevano chiara la distinzione fra una Repubblica e una Monarchia (gli italiani avevano appena scelto la prima e salutato la seconda), assegnarono al capo dello Stato un mandato settennale per sganciarlo dalla logica maggioranza-opposizione e affinché l’interessato ne avesse abbastanza.
    Infatti nessun presidente pensò al bis fino a Napolitano, che ruppe la tradizione. E non, come ci fu raccontato, perché non c’erano alternative, ma proprio perché c’erano: Prodi e Rodotà, che però minacciavano un governo coi vincitori delle elezioni (M5S e Pd), anziché con gli sconfitti.
    Infatti i padroni del vapore imbalsamarono il loro santo patrono al Colle per propiziare il governo Letta, cioè l’ammucchiata fra Pd e sconfitti (FI e montiani), e tagliar fuori i vincitori.
    Ora i soliti noti ritentano l’audace colpo per tagliar fuori M5S e Meloni dal prossimo governo con un’ammucchiata ancor più vasta (ora c’è pure la Lega perché i partiti “affidabili” si sono ristretti un altro po’).
    Se Mattarella e i suoi fan pelosi vogliono provarci, liberissimi. Ma ci risparmino le balle tipo “non ci sono alternative”, “ce lo chiede l’Europa” e “il presidente è costretto al bis”.
    Le alternative sono almeno 950. In Europa, quando scade un presidente, se ne fa un altro. E nessun presidente può essere costretto al bis: se non vuole, lo dice chiaro e il Parlamento elegge un altro.

    Piace a 6 people

    • Per la verità,può essere eletto presidente qualsiasi cittadino italiano che ha compiuto 50 anni ,quindi non solo 950 (fra l’altro molti parlamentari hanno meno di mezzo secolo) ma vari milioni.

      Piace a 1 persona

  2. Chissa quanto si spartiranno gigino e giuseppi delle spoglie del mps, visto e ascoltato il loro silenzio assordante,

    "Mi piace"

  3. non dimentichiamoci che Draghi era capo della banca d’itaglia, doveva, ripeto: doveva, vigilare su questa catastrofe e non l’ha fatto.

    E non solo: salvare MPS ci costa più del reddito di cittadinanza. Pensiamoci, la prossima volta che qualcuno dice che bisogna fare spese produttive.

    E infine Letta, la barzelLetta della situazione, si candida a Siena senza simbolo PD. Magari pure con la parrucca bionda.

    Piace a 3 people

  4. Le alternative sarebbero più di 950….ogni cittadino italiano maggiore di 50 anni può essere eletto…comunque pare non ci sia limite al peggio….

    Piace a 2 people

  5. Non capisco perché i candidati alla Presidenza della Repubblica sarebbero 950. Mi pare ci sia stata una riforma che ha ridotto da 630 a 400 i deputati e da 315 a 200 i senatori… qualcuno mi illumini..
    I presidenti della repubblica non “baciano” i bambini, meno che mai oggi con la pandemia ..
    Grazie a Di Battista. Peccato che quel solito Pd governi col M5S.

    "Mi piace"

    • Gentile Adriana, i parlamentari, adesso, sono quanti scrive Travaglio. Dalle elezioni del 2023 saranno di meno. Il Presidente, però, sarà votato, nel 2022, dai parlamentari che, adesso, sono lì.
      Comunque, vedrà che i “Magliari” faranno di tutto per azzerare il referendum del 2020 che tagliava il numero degli ” eletti” e rimanere con i seggi attuali.

      Piace a 1 persona

  6. Peccato che quel solito Pd governi col M5S:E viceversa non lo mettiamo?State “governando” con i peggio del peggio e state per fare le cose peggiori di sempre. Dalla nascita della Repubblica Italiana.Non sarebbe ora di accorgersene?Così per dire…Sfilarsi sarebbe saggio.Farlo dopo che si siano fatti disastri sociali inimmaginabili, non servirà a nulla.Quando si rompe qualcosa rimangono solo i cocci.

    "Mi piace"

    • Sfilarsi, sarebbe bello ma sembra che sfilandosi gigino e complici non possano portarsi dietro la poltrona a cui sono attaccati da amore e passione.

      "Mi piace"

      • E smettila con sto ” giggino” ! Purtroppo l’ L’ INVIDIA e’ una malattia dura a guarire, ma molto di più da sopportare ; rode il culo specialmente quando a occupare la poltrona è un altro!

        "Mi piace"

      • Gigino con una sola g, e da quando draghi ha vinto le elezioni e gigino è stato eletto x appoggiare la feccia pdiota e dex-trota compreso il berlusca?
        Questi figuri sono stati mandati in parlamento x aprirlo come una scatoletta di tonno, non x infilarcisi e rinchiudercisi,
        Gigino é solo un infame traditore dei valori primari del mv5*, una sola.

        Piace a 1 persona

    • Scusi e abbia azienda : chi dovrebbe governare, secondo Lei ? Forse chi non vince le elezioni ? Così tanto per
      avere un’ idea; anche su di Lei me la sono già fatta ! ” Sfilarsi ” prima ” sarebbe saggio” : su questo mi trova in accordo !

      "Mi piace"

      • Cavolo, un difensore dei peggiori, squallidi poltronari che x amore della poltrona hanno rinnegato tutto e tutti, degni compagni do merende del bomba di rignano e del cazzaro verde,

        "Mi piace"

      • Chiunque governi, è tenuto a rispettare il programma presentato agli elettori, e quando non ci riesce più se ne sta all’opposizione.. si chiama serietà e coerenza, le uniche cose che possono essere premiate dagli elettori perbene..
        Qui invece, dopo essere stati assorbiti dal sistema di potere ed essersi creati il famoso cerchio magico, con Conte si è semplicemente trovata una pezza morale per campare di politica..
        Agli Stati Generali del M5S, Dibba ha ottenuto il 40% dei voti, Dino Giarrusso il 18%, Di Maio intorno al 13%… il resto è Storia, ovvero la storia di una presa per il cxlo EPOCALE…

        "Mi piace"

      • In itaglia vanno di moda, come in nessun altro paese le fette molto spesse di mortadella con cui amano foderarsi gli occhi, tanto spesse da non vedere i salti mortali carpiati con cui gigino e la sua banda di sciacalli hanno tradito il loro mandato, dimostrandosi molto peggiori di quelli che avrebbero dovuto combattere, da considerare come feccia umana.

        "Mi piace"

  7. Sig.ra Adriana, Adriana legga bene quanto detto da pdR ( mi anticipato per un soffio ) e che non è il PDR ! Le consiglierei pertanto : aprire bocca solo dopo aver contato almeno fino a dieci ! La saluto!

    "Mi piace"

  8. Ormai quasi puntualmente chi vince le elezioni per governare viene buttato giù, perchè la ggente non capisce nulla e fa tanto schifo la volontà del popolo espressa dentro l’urna. Ecco quindi che le solite menti finissime (con la coppola, cappuccio o cappello di Napoleone in testa o tutti e tre insieme che non guasta) decidono chi mettere al comando e cosa fare a vantaggio dei soliti noti. E poi questa roba la chiamano democrazia da esportare anche in altri parti del mondo con bombe e soldati.

    Piace a 1 persona

  9. Alessandro Cagliostro:Chi guida?Per “capire” Giggino?Bravo è migliorato…però pensa solo alla sua “carriera” politica e qualche tangenziale per abbreviare il “percorso”.Non mi sembra un gran ché come linea.Ognuno va a sbattere come meglio crede.Siete allenati noi no.

    "Mi piace"

    • Speriamo che vada a sbattere il piu velocemente possibile, non se ne può più di trasformisti come gigino, un individuo che raporesenta al meglio la peggiore specie di politico venduto x il solo tornaconto personale. Un traditore infame, gente che dovrebbe essere messa al bando.

      "Mi piace"

      • Mi hai convinto ! Fossi Tu al suo posto saresti mooolto peggio ! Rosica , rosica : avrai più fortuna : un fiorino bucato !

        "Mi piace"

      • Danilo
        È graziw ad individui come te se in itaglia abbiamo simili fecce di politici,
        D’altronde chi è abituato a digerire simili mer. e è abituato anche a supportarle e giustificarle.
        Buon appetito.

        "Mi piace"

      • di bàbà bastano e avanzano grulli come te e furbi come gigino che vi intorta come vuole e vi inchiappetta ad ogni pié sospinto, ma molto probabilmente ti piace essere inchiappettato, divertiti.

        "Mi piace"

      • Bravo! Tutto questo tuo rancore velenoso contro il Giggino credo sia a causa di una qualche tua inchiappettature ed esclusione dal consesso del Mov5s ! Altre ragioni, spiegazioni non vedo ! Io poi ..abbborrro i serpenti, ìspecie se velenosi !

        "Mi piace"