I 5S senza un timoniere affondano

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – È la legge della giungla. E quindi della politica. Quando un partito diventa debole, quello più forte ha la cena fatta. Lo stiamo vedendo con Forza Italia, dove deputati e senatori per darsi un futuro vanno persino con Toti e Brugnaro, cioè da nessuna parte, e lo stesso Berlusconi apre all’idea di una federazione con la Lega, cioè consegnarsi direttamente a Salvini.

Per Matteo tutto questo non sarà gratis, ma per lo meno non avrà più il problema di sentirsi insidiato dalla Meloni, considerando la somma dei voti degli azzurri e del Carroccio ben più difficile da raggiungere per i soli Fratelli d’Italia. Uno stesso tentativo di annessione, però, lo vediamo sul fronte opposto. Il Pd ha bruciato la possibilità di un’alleanza su scala nazionale con i Cinque Stelle alle prossime amministrative per il curioso metodo proposto: i 5S ci mettono i voti e i dem i candidati. Un’altra richiesta di resa, insomma, senza condizioni.

Quelle che si stanno creando, in ogni caso, sono le basi per un profondo cambiamento del quadro politico, e da qui al semestre bianco e all’elezione del Presidente della Repubblica chissà quante ne vedremo. L’elettorato raggirato dalle televisioni sembra guardare a destra, ma se si concretizzassero le stime di ieri dell’Istat – che per fine anno vedono volare la ripresa verso il 5% – l’enorme numero di indecisi potrebbe dire di no a salti nel buio proprio mentre si cresce. C’è spazio, quindi, per giocare fino in fondo ogni partita, e anche il Movimento squassato da abbandoni e tradimenti ha grandi chance, a patto però di ritrovare presto un timoniere.

25 replies

  1. Non lo troveranno perché Grillo ha deciso che, dopo aver dimostrato al PD che era capace di fondare un suo partito, era giunta l’ora di fare sgonfiare quel partito come una bolla di sapone.

    Piace a 1 persona

  2. Il mv5 * come lo abbiamo conosciuto non esiste piu,
    Quello a guida conte non è e non sarà mai il mv5 *, al massimo sarà un pd alla margherita, ne carne ne pesce, una stampella del pd con personaggi come fico, il nulla,
    L’unica speranza, Di Battista, se riuscira a coalizzarsi con gente della tempra della Raggi.

    "Mi piace"

  3. Quelli del M5Stelle che ora stanno al governo se avessero voluto un timoniere eletto democraticamente ,ci avrebbero fatto votare per eleggerlo dopo le dimissioni di Di Maio ùn anno e mezzo fa .Invece hanno dato un calcio alla piattaforma per eliminare la democrazia diretta.E ora decide secondo se le fragole sono più o meno mature.

    Piace a 2 people

    • assolutamente vero. Hanno cancellato la democrazia diretta, che diciamolo pure non c’è MAI stata. Però il senso c’era. E quel senso ci bastava perchè era reale. Contava, incideva.

      Ora non vale più niente, stanno setacciando gli ex iscritti per selezionare chi vogliono loro?

      Quando di una persona non ti fidi più è per sempre.

      Possono inventarsi anche la qualunque, tanto non funzionerà. Abbiamo votato esclusivamente perchè non c’era la necessiatà di un riferimento unico, un capo. E ora ci vorrebbero rifilare il solito partitito con un capo eletto “democraticamente” dalla base. La loro base.

      Questi infami per la propria ambizione personale e solo quella hanno distrutto un sogno che in parte era diventato realtà E quella parte funzionava per davvero, cioè era reale. A noi bastava così. Andava bene così.

      Piace a 1 persona

      • @Maristella

        Vallo ora a raccontare a Jonny il DIO. Perchè dice di no, che noi siamo due, mentre lui e chi la pensa come lui sono parecchi di più…cioè 2.

        Clap clap clap.

        Clap clap clap.

        "Mi piace"

      • @andrea
        La politica è convenzione per cui, le scelte seguono una linea convenzionale e quindi modificabile. Se la dottrina, di per sé, non fosse così, avresti tutte le ragioni del mondo, leggo con amarezza le tue delusioni che sono estendibili a tante persone, me compresa. Se in questo paese, il casanova deve sempre avere la meglio, anche se lo sbaglio è eclatante il problema è solo culturale e per questo difficile da sradicare. Accontentarsi significa sacrificare impegno, idee, vecchie prospettive e nell’ accontentarsi molti ci rimettono, pochi ci guadagnano. La tua posizione, squisitamente popolare dovrebbe o doveva essere il timone guida non solo per il movimento ma anche per gli altri partiti, in quanto ciò è sancito per diritto, ma la legge del più forte, da sempre vincolo di sopravvivenza, sale dalle profondità e si impone con tutta la sua manifesta crudeltà.
        Tanti e tante sono le questioni che andrebbero corrette e riviste per avere o permettere un impianto più partecipativo, democratico e meno selettivo, ma se si agisce in funzione del detrimento appellandosi alle parole che volano si resterà sempre delusi.
        Ciao.

        Piace a 1 persona

    • Il problema è che se ci avessero fatto votare, sarebbe stato eletto Di Battista e non lo hanno permesso. E da qui nasce lo sfascio completo, perché la democrazia diretta dal basso è ancora una chimera purtroppo.

      "Mi piace"

      • assolutamente VERO. NON mi piace quasi per niente il dibba, però se avessero fatto votare avrebbe vinto lui e ora avremmo un m5s che era quello che abbiamo votato o poco diverso.

        E’ vero quello che dici.

        Hanno FALSIFICATO tutto. E’ chiaro che questa cosa è irreversibile. Non può essere accettata.

        Piace a 1 persona

      • @Andrea
        Dici che non ti piace il Dibba e subito dopo affermi che con il Dibba a capo del mv5 * sarebbe quello che abbiamo costruito e che abbiamo votato,
        Una leggera contraddizione, non trovi?

        Piace a 1 persona

      • @Alessandro Cagliostro
        quindi se la maggioranza vota una cosa e sono contrario smetto di votare m5s?

        Ho sempre rispettato le scelte della maggioranza degli iscritti, perchè la priorità è sempre stato il programma e la coerenza con le regole del m5s, il loro rispetto.

        Sul fatto guardati il video del tuo dio dibba che dice che la regola dei due mandati potrebbe essere rivista. Questa cosa solo un mese fa non l’avrebbe mai detta.

        Anche lui, voglio dire, in parte tarocca le carte a suo vantaggio. Quindi attenzione sempre ad avere divinità da glorificare. Perchè quei finti dei finiscono spesso per farsi solo i cazzi loro, come è nella politica cialtrona di questo paese da prima di sempre.

        Il m5s nasce come movimento senza capi nè padroni. Sembra una vita fa, ma era ieri. Ora stanno cercando un padrone a ogni costo, perchè gli individualismi vili e spregiudicati di chi lo compone non stanno più insieme, sono incompatibili col senso di comunità come volontariato. Ha vinto il vero Dio, l’unico Dio, il Dio denaro. Il capo del m5s è lui.

        Piace a 1 persona

      • @andrea
        il dio denaro (con la “d” rigorosamente minuscola eh) non è solo il capo del M5S ma di tutti quanti in realtà. C’è solo d acapire quale sia la migliore soluzione affinché non sia più così, ma l’unico rimedio che conosco è il cambio delle coscienze. Purtroppo sono davvero pochi gli uomini davvero retti a livello morale e intellettuale.

        "Mi piace"

      • @lucapas

        Ma noi non eravamo come tutti fino a pochi mesi fa. Ora siamo (quasi) come tutti.

        Ha vinto il dio denaro.

        "Mi piace"

      • @Andrea
        Non credo chi Di Battista sia il dio,
        Dico che Di Battista è il piu vicino ad incarnare gli ideali del mv5 *, che poi sia un essere umano x di piu itagliano va da se che qualche deviazione la faccia,
        La sua presunta apertura al vincolo dei 2 mandati potrebbe essere un srgnale per riportare sulla retta via qualche imbullonato alla poltrona.

        "Mi piace"

      • *Lucapas,
        Sarebbe stata la migliore soluzione anche perché ADB, non essendo parlamentare , avrebbe avuto il tempo di svolgere il ruolo di capo politico , seguendo il territorio, invero trascurato (almeno al
        Sud), senza essere tacciato di accumulatore di poltrone , come Di Maio.
        Per mantenersi senza uno stipendio politico poteva comunque continuare a scrivere libri/articoli , attività che si può fare da dovunque.Peccato.

        Piace a 1 persona

      • @Alessandro Cagliostro

        NON è vero. Quell’infame di gigino, prima di tradire anche Gesù, era quasi perfetto, nonostante gli errori che faceva. Rispettava alla lettera il programma e le regole del fu m5s.

        NON teneva il piede in due scarpe, come ha sempre fatto il dibba. Dopo la porcata del voltafaccia a 180 gradi però, il dibba è diventato molto più credibile del traditore number one, senza laurea e con la cravatta anche quando dorme. Ora gli errori glieli continamo e glieli facciamo notari tutti, anche quando pensa di dormire tranquillo. Insieme alla compagna RACCOMANDATA.

        Diciamo le cose come sanno, sempre. Poi ognuno è libero di decidere. Il dibba non mi piace PER NIENTE, ma è molto meno peggio di quell’altro. Almeno per ora.

        Del domani non v’è certezza.

        "Mi piace"

      • @Andrea
        Gigino è da sempre un paraculo,
        Se ne è avuto conferma dalla richiesta di impeachment di mottarella, non sono passate che poche ore ed è diventato il cagnolino e leccaculo dello stesso, da li abbiamo avuto la metamorfosi, da grillino doc a mettinculo doc

        "Mi piace"

  4. Un tempo Infosannio riportava gli articoli di Tommaso Merlo, Ora c’è un nuovo che li scarta. Per cui li riporto io. Mi piaceva di più quello di prima e spero che torni.

    TOMMASO MERLO
    Più il Movimento governa coi resti del vecchio regime, più emergono le buone ragioni della sua battaglia.
    Il Movimento al centro, il vecchiume che gli rantola tutt’intorno. Un Matteo di qui, l’altro di là. Altro che Movimento deceduto, è la vecchia politica ad essere morta anche se non lo vuole ammettere.
    Lo spettacolo che stanno dando Lega e Pd è davvero patetico e vale più di mille campagne elettorali. A dimostrazione di come la battaglia del Movimento sia solo all’inizio e il lavoro da fare sia ancora tantissimo.
    Un lavoro anche culturale affinché la democrazia italiana torni ad essere gestita da una politica all’altezza dei tempi e dei cittadini.
    Le chiacchiere stanno a zero. Dalla sera del 4 marzo, il vecchio regime prima si è mobilitato per distruggere il Movimento come se fosse una banda di criminali, poi ha iniziato ha tifare Salvini, poi si è spaventato ed ha iniziato a rantolare vittima dell’ego dei soliti ciarlatani.
    Da una parte una destra sfigurata da un orco che vorrebbe imbarbarire l’Italia, riportandola al bigottismo del secolo scorso. Incattivendola ed isolandola.
    La follia della Padania applicata all’intero paese.
    Dall’altra una sinistra balcanizzata da decenni di risse e vuoto ideale. Faide che hanno speso anni a massacrare i lavoratori e lo stato sociale mentre si riempivano le tasche. Vecchia politica. Vecchio regime.
    Le ragioni per cui è nato il Movimento e per cui ha ancora un lungo cammino da fare.
    Con l’inferno che gli hanno scatenato contro, il Movimento ha perso consenso ma non la voglia di provarci ed è ancora lì a tentare di onorare i voti presi con chi ci sta. L’orco si è incaprettato da solo e non resta che provarci con sti malconci compagni di merende.
    Una faticaccia iniziata nel peggiore dei modi. Con cagnare sui giornali e con la solita renzata. Ma come successo con la Lega, governandoci assieme, alla fine è positivo per il Movimento.
    Perché porta a casa risultati e perchè dimostra coi fatti quanto sia diverso e migliore dalla vecchia politica che ha devastato l’Italia.
    Sui social i tifosi si scannano. Si accusano a vicenda di tradimento. Paraocchi ideologici duri a morire.
    Governando con la Lega, il Movimento ne è uscito pulito ed altrettanto succederà col Pd.
    Mentre Salvini girava l’Italia a far comizi a spese del contribuente, mentre la Lega veniva martoriata dagli scandali, mentre Salvini mandava tutto all’aria per una sbronza, il Movimento lavorava e portava a casa bandiere storiche.
    Fatti.
    Ed invece di rubare soldi, li restituiva decurtandosi lo stipendio e ridando dignità alle istituzioni. È questo che resterà dell’esperienza giallo-verde.
    Fatti che i cittadini hanno potuto constatare coi loro occhi. Non panzane da comizio.
    Altrettanto succederà col Pd.
    La loro rissosità, la loro ipocrisia, la loro inconcludenza, alla fine si ritorcerà contro di loro. E anche questa esperienza di governo giallorosa, comunque vada a finire, alla fine gioverà al Movimento.
    Per maturare esperienza, per realizzare altre promesse e perché continuando a lavora seriamente, i cittadini avranno un’altra opportunità per capire la differenza tra una “Italia Morta” che non si rassegna alla propria fine e la democrazia di domani.

    "Mi piace"

    • Grandissima Viviana che hai riportato l’editoriale di Tommaso Merlo!!! Concordo su ogni singola virgola!!! Quello che fanno i 5stelle è sotto
      gli occhi di tutti, bisogna continuare così

      "Mi piace"

    • @ Viviana

      “Le chiacchiere stanno a zero”
      Mai lette tante chiacchiere condensate in un solo articolo, anche i TG di Emilio Fede sembravano più obiettivi.

      Riassunto dell’articolo:
      Gli altri? Buuuuh, cattivi, brutti pussa via.
      Noi? Ip ip urra, belli, buoni, bravi.
      Serriamo i ranghi, votiamo compatti, l’orco cattivo vuole dividerci. Lo vedete l’orco cattivo? Bene, fissatelo fino a quando vedrete solo lui. E le ragioni della divisione non vogliamo analizzare?
      No, altrimenti sei un tifoso del cazzo!
      E per non essere un tifoso del cazzo cosa devo fare?
      Facile tifare per noi. E poi cazzo, non ti avevo detto di fissare il mostro esterno? Quello esterno cazzo, solo quello, ti devi applicare.

      Piace a 1 persona

  5. “Sui social i tifosi si scannano. Si accusano a vicenda di tradimento. Paraocchi ideologici duri a morire.”

    Merlo, con tutto il rispetto, o sei rincoglionito oppure ci prendi per il kulo.

    Siamo iscritti su Rousseau che è in lotta contro il m5s che non vuol pagare un tizio che ha preso 3,5 milioni di euro per un blog scemo e la colpa è nostra che siamo usati come il signor rossi sulla pagine bianche? Siamo sotto ricatto anche dell’avvocato del popolo che pretende i nostri nomi e cognomi, cioè i nostri voti, e la colpa è nostra? Chi ha mai votato Conte come capo politico?

    Facci il piacere di tacere. E sparare meno minchiate. Che trovo i tuoi articoli quasi sempre condivisibili. Ora la colpa è dei TIFOSI. Ma che cazzo dici! Siamo noi i tifosi? I tifosi sono gente troppo stupida per pensare, li puoi trovare nella lega, certamente non nel m5s.

    Siamo ipercritici, prima con noi stessi, solo poi con la merda che ci circonda.

    Noi siamo in mezzo al casino che vi siete fatti da soli. E dovremmo in silenzio stare zitti e chiedere scusa? A un pezzo di merda come grillo, che diceva di prendere a calci in kulo i nostri dipendenti a TEMPO DETERMINATO? I nostri dipendenti che in silenzio non vanno più nei territori, in mezzo alla gente, ai CITTADINI? La colpa è nostra?

    Abbiamo votato un esercito di paraculi che si sono auto espulsi tra loro e noi siamo i tifosi? Siamo noi il problema creato da ALTRI?

    Cosa dovremmo fare? Stare in silenzio a vedere questo SCHIFO che è diventato il fu m5s, una CLOACA SILENZIOSA E STRISCIANTE come le serracchiani, che postano di interporti il giorno del ventesimo anniversario della strage di capaci?

    Smettila anche tu di prenderci per il culo. Ma quali tifosi. NON vedere il tradimento come CAPOVOLGIMENTO DEL TUTTO è sopra l’essere dei semplici idioti.

    Anche ammettendo di fare cambiamenti repentini, è impensabile fare quello che è stato fatto nel m5s. Uno STUPRO contro natura, in un silenzio complice inaccettabile, dove solo un perfetto IDIOTA potrebbe buttarla sulla tifoseria da stadio.

    Qui non ci sono tifosi, perchè inchiodiamo al muro le vostre stronzate con i fatti.

    Piace a 1 persona

  6. Bisognerà leggere il libro di Conte dal titolo “Non mollare mai”, sotttinteso “la poltrona” (?)

    "Mi piace"