Renzi sfida il Pd: o noi o i 5S

(Laura Tecce – lanotiziagiornale.it) – Una contraddizioni in termini. Se la premessa è mai con i 5Stelle, le città al voto il prossimo autunno in cui Italia Viva sarà alleata del Pd alla fine della fiera si conteranno sulle dita di una mano. Perché questo dirà stamattina in diretta streaming sulla sua pagina Facebook Matteo Renzi ai suoi nella seconda Assemblea Nazionale del suo partito. Pronto a far parte di un centrosinistra a vocazione riformista ma contrario alla necessità di allargarlo al M5s.

Un po’a sinistra e un po’ non si sa: Renzi col 2% e il piede in due staffe

Ergo: anche se non lo dirà esplicitamente, laddove il candidato frutto dell’alleanza dem/pentastellati fosse un esponente del MoVimento, Iv non lo sosterrebbe. Per quanto riguarda Roma il problema non dovrebbe porsi in quanto è assai improbabile che il Pd possa sostenere Virginia Raggi. Il neo segretario Enrico Letta per il momento ha “congelato” la candidatura dell’ex ministro Gualtieri e ha preso tempo. Ufficialmente perché non ha ancora messo la testa sul dossier Roma. La realtà è che non si aspettava una fuga in avanti senza neanche essere avvertito. Ma in ogni caso quello dell’attuale inquilina del Campidoglio non può essere un nome condiviso dal Nazareno. E poi Iv sulla Capitale ha già preso posizione con il sostegno a Carlo Calenda.

Diversa la situazione a Torino dove la designazione a candidato sindaco dell’ex ministra dell’Innovazione del Conte bis, Paola Pisano, potrebbe mettere d’accordo dem e grillini. E in quel caso Renzi potrebbe decidere di sostenere il candidato del centrodestra. Così come in Calabria, chiamata alle urne in autunno per il rinnovo della Giunta dopo la prematura scomparsa di Jole Santelli. Il presidente facente funzione è adesso il leghista Nino Spirlì. Ma a reclamare il candidato governatore è Forza Italia, sul nome di un azzurro Iv non avrebbe nessun problema ma se dovesse essere un esponente del Carroccio la musica sarebbe diversa.

Anche perché Renzi oggi nel suo intervento rivendicherà la scelta di aver di fatto messo un punto all’esperienza Conte per ribadire la linea: mai con populisti e sovranisti. Del resto finché si tratta di lanciare una sfida riformista al Pd sui temi della  giustizia (prescrizione in primis ovviamente ma  anche responsabilità dei magistrati, solo per citarne una) dell’economia e dello sblocco dei cantieri la truppa lo segue ma sulla virata a destra molto meno.

Oggi Matteo apre l’assemblea e sfida il Pd: o noi o i 5S

Sono già due i senatori – Eugenio Comincini e Leonardo Grimani – che starebbero meditando l’addio al proprio gruppo per passare al Pd. E anche se al momento non ci sono stati passaggi ufficiali – ma potrebbe esserci entro martedì, quando è prevista l’assemblea dei senatori dem col segretario Letta- i malumori ci sono eccome. Anche per il magro bottino portato a casa col cambio di governo. Dove sostanzialmente Iv ha perso il suo ruolo di ago della bilancia e nel quale ci ha rimesso pure un ministero pesante. Quello dell’Agricoltura passato dalla renziana Teresa Bellanova al pentastellato Stefano Patuanelli).

Rispetto al tema della collocazione, già da due settimane vi è la richiesta di un confronto da parte di parlamentari come Camillo D’Alessandro. “Possiamo fare tutto, tranne decidere che in una città andiamo con il centrodestra e in un’altra col centrosinistra, facendoci percepire con una linea politica ‘un po’ di qua e un po’ di là – ha spiegato ieri D’Alessandro all’Ansa -. È chiaro che il dopo Draghi ha messo in discussione tutti. Il nodo che non si può evitare è scegliere tra il cuore e la tattica. Il cuore è la scelta di campo, la tattica sarebbe aspettare. Io dico che ora serve il cuore, cioè indicare il nostro campo, e per me il campo da scegliere è il centrosinistra”

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

21 replies

    • Direi che di questo bulletto ne abbiamo piene le tasche. Se chi lo sostiene non ha ancora aperto gli occhi vuol dire che è cieco. LETTA svegliati, non ti é bastato quel vergognoso:”STAI SERENO”.

      Piace a 2 people

      • @Gianfranco
        Chi sostiene il bulletto non sono certo gli italiani che su di lui hanno aperto gli occhi da un pezzo e
        giustamente lo schifano peggio di uno scarafaggio nella minestra.
        Lo sostiene chi l’ha costruito e ce l’ha imposto prima come (fallimentare) PdC e poi l’ha sempre tenuto
        di riserva come “mina vagante” da far esplodere al momento giusto.
        Faccia di Pietra e StaiSereno Letta non sono altro che due pedine degli stessi giocatori.
        Sono sempre stati dei bari, con le maniche piene di Assi, e quel Grullo di Grillo ha voluto comunque
        sedersi allo stesso tavolo.
        Pensava forse di vincere la mano?
        Ci toglieranno perfino le mutande facendocele passare dalla testa!
        Non è troppo tardi per rovesciare quel tavolo su cui possiamo solo perdere!

        P.S.: Malgrado ultimamente sia incazzato come una biscia nei confronti di Grillo, continuo a nutrire
        verso di lui rispetto e sentimenti di gratitudine… ma non dispongo di una scorta infinita né dell’uno
        né dell’altra. Beppe… rinsavisci!

        "Mi piace"

  1. Il solo vederlo in foto è un’offesa all’intelligenza e all’onesta’…..nell’ascoltarlo poi (la versione castrata di Paolino Paperino), entriamo nell’autoflagellazione PUNTO

    Piace a 2 people

    • Io non riesco più neanche ad ascoltarlo e oggi addirittura, mentre il TG1 ci propinava un pezzo del suo intervento, come un bambino di 5 anni mi sono messo a blaterare ad alta voce per non sentire la sua voce odiosa e le stronzate che dice dall’alto della sua idiozia!

      Piace a 1 persona

    • @caino,
      “Versione castrata di Paolino Paperino”è mitica (e vera)!!
      Quando parla la sua …ehm…non so come dirlo , sembra un cyborg con quella inflessione piatta e monocorde.
      E la voce non è certo il peggior loro difetto!

      "Mi piace"

  2. “Sono già due i senatori – Eugenio Comincini e Leonardo Grimani – che starebbero meditando l’addio al proprio gruppo per passare al Pd.” della serie: ” quando la barca affonda topi scappano ….”

    "Mi piace"

  3. Tutto ciò mi da solo voltastomaco. Avevo una speranza ma gli ultimi avvenimenti (“causa Covid”) hanno fatto sì che uscisse fuori tutto il lerciume in ogni ordine e grado delle persone coinvolte socio-economico-finanziario italiano. Vivrò gli ultimi anni pregando (maledicendoli) ogni giorno per il loro comportamento.

    Piace a 1 persona

  4. Ma andate aff….lo pdioti, renziani, il.bomba, ma chi vi vota, lo scemo del paese? Ma per piacere, andate a zappare, parassiti, poltronari, il bomba, molto meglio se se ne torna in Arabia, a leccare il.culo ai monarchici arabi.

    Piace a 1 persona

  5. MALEDETTO farabutto figlio di due FARABUTTI che stampano fatture FALSE nell’impunità ASSOLUTA! E fratello di una LADRA che ha fottuto all’unicef qualche milioncino di euro per comprare una villetta in portogallo. Ovviamente con la complicità dell’unicef e dei magistrati italiani, che fan finta di non vedere e sapere come e dove nascono i bambini che diventeranno dei DELINQUENTI a piede libero.

    TUTTO LEGALLIZZATO DALLO STATO ITALIANO.

    E’ un paese di MAFIOSI, l’ho ripeterò all’infinito.

    "Mi piace"

  6. Renzi sta sbagliando ancora una volta per quello che sembra essere il suo fine , a meno che non voglia sentirsi dire di NO in maniera esplicita.

    "Mi piace"

  7. Botta e risposta

    Matteo Renzi
    @matteorenzi
    Le quattro sfide riformiste al
    @pdnetwork

    1) siete dalla parte di diritto e civiltà giuridica o state con Bonafede e Travaglio?
    2) Al #Sud si va avanti con assistenzialismo e #redditodicittadinanza o sbloccando le infrastrutture e creando sviluppo e posti di lavoro?
    #ItaliaViva

    Michele Bordo
    @bordomichele
    I l
    @pdnetwork
    lavora in Parlamento, d’accordo con la Ministra Cartabia, su una riforma che garantisca processi giusti e brevi. Basta allora provocazioni da #ItaliaViva sulla prescrizione. Piuttosto,
    @matteorenzi
    ci spieghi come funziona la prescrizione nel rinascimento arabo.

    Piace a 1 persona

      • Si, si, ma non solo quello, i proclami per lo sviluppo dal 2014 hanno raggiunto il culmine oggi con lo stretto ,per il
        “bene del sud”. Comunque è già in atto la restaurazione di Renzi, “l’unico politico vero in Italia”. E’ nell’aria, ci penseranno
        la stampa e le lobby ,con tante capre smemorate, aspetteranno “fiduciosi” il nuovo piano di risorgimento italiano, dopo la
        la peste fiorentina ,il covid ci farà risorgere di nuovo.

        "Mi piace"

  8. Continuare a parlarne non fa che accrescere i suoi crediti all estero!! Vuoi che uno che “shisha “l inglese e fotte l Italia e i suoi cittadini non sia capace di vendersi persino per commenti negativi! A lui basta vendersi al miglior offerente , tipo gli Obama ( è li che gli si è aperto il nuovo orizzonte per fottete tutti) meditate..

    "Mi piace"