Napoli, SOS dal Vomero: la primavera è in arrivo mentre la potatura degli alberi è ferma

In molte strade i rami hanno raggiunto i piani alti degli edifici

       Un nuovo pressante appello viene lanciato dalla collina del Vomero all’amministrazione comunale. “ Nonostante che tra pochi giorni, con l’equinozio di sabato prossimo, partirà la stagione primaverile e che i rami dei platani secolari, che adornano molte strade e piazze del quartiere collinare, siano oramai gemmati e, in qualche caso, siano spuntate anche le prime foglioline, l’operazione di potatura ristagna –  afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Un’operazione che si sarebbe già dovuta concludere nel corso dei mesi invernali, pure tenendo conto dei problemi, sovente alla ribalta delle cronache, che hanno caratterizzato, anche in un recente passato, tali alberature stradali. Invece dopo gli interventi in alcune strade, segnatamente in via Morghen e in via Bernini, le potature si sono fermate e non sono ancora riprese “.

       “ I rami di molti alberi che in diverse strade, come nei tratti pedonali di via Scarlatti e di via Luca Giordano, sono privi da tempo della necessaria potatura, arrivano oramai fino ai piani alti degli edifici, raggiungendo finestre e balconi  – continua Capodanno -. La qual cosa potrebbe costituire un notevole problema durante la bella stagione. Senza considerare che alcune di queste essenze, anche in un recente passato, affette da malattie quali il cancro rosa o contagiate dalle “cimici del platano“ sono state purtroppo eliminate o sono cadute. Una situazione che andrebbe costantemente monitorata, effettuando con opportune cadenze i necessari interventi. In qualche caso, peraltro, il peso dei rami è così elevato da far incurvare il fusto della pianta sulla strada con conseguenze immaginabili, specialmente nelle giornate ventose “.

       “ Il caldo non potrà che peggiorare questo stato di cose, riproponendosi presumibilmente le stesse situazioni che si sono verificate nelle estati precedenti – conclude Capodanno -. Da rilevare che già in passato pioggia e vento hanno abbattuto diversi  alberi malati mentre altri sono stati tagliati in quanto minacciavano di cadere da un momento all’altro. Molte delle fonti delle alberature eliminate sono rimaste da allora vuote p con l sola ceppaia. Chiediamo dunque, ancora una volta, un intervento immediato e urgente mirato a scongiurare che queste situazioni si ripetano, sia attraverso gli interventi di potatura sia con le opportune cure dei platani malati. Inoltre bisogna mettere a dimora nuove essenze nelle  fonti d’albero ancora vuote “.

Al riguardo Capodanno sollecita, ancora una volta, l’intervento degli uffici competenti dell’amministrazione comunale.