Eccolo quello bravo!

(Stefano Rossi) – Tutti i giornaloni hanno presentato il governo Draghi come quello dei bravi.​ Si. Nel senso manzoniano del termine.

Volendo trovare una decisione che differenziasse questo governo dal precedente, visto che al momento ha solo fatto copia incolla dei provvedimenti del Prof. Conte, Draghi ha pensato di vaccinare tutti gli italiani con una sola dose di vaccino. E poi, solo dopo mesi, forse dopo più di un anno, cominciare con le seconde dosi.

Uno dei giornaloni, la Repubblica, del 25 febbraio scorso, titolava che al “vertice UE” Draghi avrebbe detto di voler favorire solo la prima dose di vaccino a tutti gli italiani e poi provvedere alla seconda dose. Quindi, visti i tempi, tra la prima e la seconda potrebbero passare 12 o forse più mesi. L’Istituto Superiore di Sanità, il direttore scientifico dell’Humanitas di Milano, Mantovani, l’immunologa Antonella Viola, solo per citare una piccola parte della comunità scientifica, si sono subito mobilitati per lanciare l’allarme per questa insana e pericolosissima proposta che non ha basi scientifiche. Se passano più di tre mesi dalla prima dose molti vaccini perderebbero la loro efficacia.

Gli fosse venuto in mente al Prof. Conte questa boiata avrebbero scritto che ci voleva ammazzare a tutti. Invece silenzio. Eccolo quello bravo! Ecco il supermanager! Ecco quello che ci metterà a posto. Intanto io mi compro il mio funerale. Non si sa mai con questi qui.

9 replies

  1. Abbiamo visto più di un tecnico amministrare con teorie il nostro paese, non è detto che se uno è valido per una cosa possa essere valido anche per altro.
    Hanno manovrato per far dimettere Conte perchè i giornaloni e i giornalai lo hanno sempre considerato un corpo estraneo, un alieno venuto chissà da dove presentato dagli odiatissimi 5S. L’essere una persona onesta ed integerrima in politica non è un merito, non era ricattabile, non era del giro.
    Hanno gridato al Messia Dracula, come sceso dal ciel a miracolo mostrare, e fino ad ora si è limitato a portare avanti il programma di Conte. Lui non parla, non ti vede e non ti sente, non ha da illustrare nulla a noi poveri ignoranti…
    Così è se vi pare!

    Piace a 2 people

  2. Il dissenso non ha voce nel nosatro paese se non in minima parte. La tv è quella seguita dalla maggioranza e tutti sanno chi la gestisce. I social sono nel loro insieme caotici dando giustamente libertà di parola a tutti quindi risultano neutri. I giornali sono dei padroni e dicono bugie camuffate da grandi verità accusando la rete di dare fake.In questo contesto è perfino incomprensibile che Conte abbia potuto governare per oltre due anni.

    Piace a 2 people

  3. definire la Repubblica un giornale e non carta per pulire le finestre,
    è veramente eccessivo.
    l’idea comunque, più moderata in realtà, credo sia degli inglesi
    che avrebbero posticipato la seconda dose
    cnbc.com – 3/02/2021
    “La decisione del Regno Unito di ritardare la seconda iniezione del vaccino
    contro il coronavirus AstraZeneca-University of Oxford si è rivelata una strategia efficace.
    I ricercatori di Oxford hanno scoperto che il vaccino Covid era efficace al 76% nel prevenire
    l’infezione sintomatica per tre mesi dopo una singola dose.
    inoltre il ​​tasso di efficacia aumentava con un intervallo più lungo tra la prima e la seconda dose.”

    tant’è che, per vaccinati con la seconda dose, credo siano più avanti solo i russi
    anche se quel pesciaro di Dragosei dice il contrario
    ma tanto quello diceva che i russi venuti per disinfettare le RSA nel Nord Italia
    in realtà rubavano il muco ai vecchietti per fare il loro vaccino e con delle radiosonde carpivano
    segreti della NATO intanto che sanificavano residenze nella campagna lombarda.
    potenza del 5G (che non centra nulla ma con Dragosei sempre meglio abbondare)
    comunque
    per la CNN
    “Le persone devono continuare a ottenere la loro seconda dose”,
    ha detto giovedì sera (17/02) a Chris Cuomo della CNN Andy Slavitt, consigliere senior
    della Casa Bianca sulla risposta al Covid-19.
    Il vaccino di Pfizer è autorizzato a essere preso a distanza di 21 giorni.
    secondo la dott.ssa Danuta Skowronski del BC Center for Disease Control (Canada)
    è favorevole a ritardare le seconde dosi a quattro mesi dopo aver analizzato
    i dati presentati da Pfizer alla Food and Drug Administration statunitense.
    nota mia, lei che è brava ha capito che quelli della Pfizer sbagliavano, però
    “La decisione non si basa su prove. Si basa davvero su un’estrapolazione delle prove”,
    ha affermato Brad Wouters, vicepresidente esecutivo per la scienza
    e la ricerca presso l’University Health Network di Toronto.
    “Abbiamo somministrato questo vaccino solo da due mesi, quindi non abbiamo
    dati fino a quattro mesi – nessuno al mondo ha aspettato quattro mesi per una seconda dose”.

    pare quindi che parlare di un ritardo che vada oltre il tempo indicato dai costruttori
    sia un azzardo
    ma da noi il problema è ancora a quando la prima dose.
    chissà forse facciamo a tempo ad utilizzare lo sputnik leggero che è ora in fase II
    ed è un monodose (ovviamente non si sa ancora per quanto protegge)

    Piace a 1 persona

    • Concordo.
      Aggiungiamo che in UK non si è trattato solo di azzardo, ma di vera e propria SPERIMENTAZIONE sulla popolazione.
      Non sono stati più bravi, bensì gli è andata bene, per fortuna (in tutti i sensi)!

      "Mi piace"

  4. Quando scopriremo che molti dirigenti, compresi molti che fanno carriere potentissime, sono degli emeriti ignoranti in realta, sarà sempre troppo tardi

    "Mi piace"