Occhi di lago e Cielle: è tornata Mariastella, la neutrina di Silvio

(di Pino Corrias – Il Fatto Quotidiano) – Noi sudditi di poca fede credevamo che il suo sorriso andasse spegnendosi ogni sera nel cielo catodico dei tg, mentre recitava, a metà con l’elettrica Anna Maria Bernini, il fervente mantra dell’identico nulla: “Anche oggi il presidente Berlusconi ha avuto ragione”. Persuasi che quel suo lampo d’occhi lacustri, di denti candidi e di tailleur fucsia, fosse un bagliore al crepuscolo. Non sapevamo che quella permanenza serale della sua cangiante permanente, era l’alba di una nuova stagione lungamente attesa. Quella dei competenti dell’Era Draghi. Eccola, dunque. Mariastella Gelmini è tornata con il suo centesimo paio di occhiali. Sarà di nuovo ministro. E anche stavolta ci darà delle soddisfazioni.

A questo giro, per divertirci, non tormenterà più gli insegnanti, gli studenti e i bidelli della scuola pubblica, facili da strapazzare con tagli, dispetti, gomitate, come nella sua indimenticata stagione al dicastero dell’Istruzione, anni 2008-2011. Ma dovrà vedersela con l’agglomerato balcanico della Regioni, dove ogni giorno si combatte la guerra vera al Covid-19, con il fuoco delle ordinanze, le ritirate in zona rossa, le varianti da inseguire, la trincea dei vaccini da scavare. Oltre ai disastri economici, sociali, esistenziali da fronteggiare, anche al netto degli assembramenti e delle lotte per la sacrosanta libertà di skilift e di aperitivo. Vedremo cosa riuscirà a cavare da quell’abisso di tormenti per trasformarli in colpi di teatro e buon umore, mai come ora utili alla depressa nazione.

Se saprà ripetere quel meraviglioso inciampo del tunnel che credeva scavato tra il Cern di Ginevra e i laboratori del Gran Sasso, 732 chilometri nientemeno, dove secondo lei, ministra persino della Ricerca scientifica, correvano allegri i neutrini alla velocità della luce. Per vantarsene disse che il suo dicastero aveva contribuito a costruirlo con 45 milioni di euro. E quando il mondo si meravigliò di tanta ingenuità, non rise come tutti, ma licenziò il portavoce.

Erano i tempi in cui tormentava la scuola passeggiandoci dentro con l’esplosivo, accompagnata dalle squadre di pulizia di Giulio Tremonti: 100 mila insegnanti cancellati in un triennio, 8,4 miliardi di euro di tagli. E intanto intasava convegni e giornali con gli elogi alla meritocrazia, le lodi all’impegno formativo, gli encomi alla scuola dei migliori, sebbene allestita nelle classi pollaio e con i grembiulini. Stavano tutti per crederle, quando venne fuori che lei aveva fatto il contrario. E da giovane laureata in Giurisprudenza, era scesa da Brescia fino a Reggio Calabria per sostenere l’esame di Stato. Quando venne scoperta la sua furbata, spiegò: “Al Nord bocciano il 70 per cento dei candidati. In Calabria nove su dieci vengono promossi”. Ma non l’aveva fatto per sé, figuriamoci. Bensì per i suoi genitori che erano poveri e stanchi: “Non potevano permettersi di mantenermi troppo a lungo agli studi. Mio padre era agricoltore. Dovevo iniziare a lavorare”.

Sommersa di fischi, rimase imperturbabile, come solo le devote alla causa sanno fare. E di cause Mariastella ne ha addirittura due. Una la porta al collo sotto al foulard, nella forma di un piccolo crocifisso di legno, l’altra nel cuore ed è l’immagine grande-grande di Silvio che le sorride. La prima coincide intimamente con la sua infanzia di Bassa bresciana, nata tra le nebbie di Leno, anno 1973, babbo sindaco democristiano, mamma maestra, all’orizzonte la luce malinconica del Lago di Garda. La seconda con il destino alto suo e della Repubblica: “Quando il presidente scese in campo, svegliò in me la passione civile”. Era il 1994. Aveva 21 anni. Racconta: “La mia fu una scelta coraggiosa e trasgressiva. Tutti dicevano che Forza Italia era un partito di plastica. E mia madre era preoccupata da morire”.

Coraggiosamente e trasgressivamente, Mariastella diventa la pupilla dell’ex ministro democristiano Giovanni Prandini, detto a quei tempi “Prendini”, inseguito da numerose Procure, riparato anche lui nel partito di plastica, dove secondo la novizia Mariastella “È alto il profilo etico della politica”. Che è a sua volta “la più alta forma di carità”.

Veloce fu la sua gavetta, da consigliere comunale a Desenzano a coordinatrice lombarda di Forza Italia, passando per il memorabile incontro con il presidente, grazie alla mediazione del giardiniere di Arcore, un tale Giacomo Tiraboschi. Da lì è un attimo sbocciare in Parlamento, nella celebre pattuglie delle devote – Carfagna, Santanchè, Prestigiacomo, Brambilla – titolari di un cospicuo potere nel sultanato di Arcore: “In Forza Italia – disse Mariastella – le quote rosa non servono. Il presidente tiene già tanto a noi”.

Da allora i rotocalchi e gli invidiosi non l’hanno più persa di vista. Compare accanto al presidente nel celebre giorno del Predellino, 18 novembre 2007, piazza San Babila, mentre Silvio sbriga in tre minuti di comizio/congresso la nascita del Popolo delle Libertà. È sulla scalinata del Tribunale di Milano, l’11 marzo 2013, mentre canta l’Inno di Mameli con altri 150 deputati azzurri, per difendere il presidente da altre quote rosa che i giornali chiamano Olgettine, compresa la minorenne Ruby Rubacuori, e i giudici comunisti vogliono “ficcare il naso sotto le lenzuola del presidente”.

Salvo gli inciampi cognitivi, un matrimonio finito male e qualche fanta-intercettazione, la sua avventura in pubblico è tutta d’acqua dolce. Per anni canta la messa quotidiana accanto a Sandro Bondi “umile, timido, immensa cultura”. È a suo agio tra le buie santità dell’Opus Dei e le bianche fatturazioni di Comunione e liberazione. Si addestra alla scienza sociale con Roberto Formigoni e a quella politica con Fabrizio Cicchitto. Per il tempo libero si affida a un altro piduista, Luigi Bisignani. Ma sono solo istanti sottratti al presidente che difende con le unghie da un quarto di secolo: “Chi lo insulta, insulta gli italiani”. Una fedeltà che a suo tempo Dell’Utri elogiò: “È lei il futuro di Forza Italia”. Neanche lui immaginando che sarebbe stato proprio Draghi a bersela.

6 replies

  1. Da “sigaraia” alle “cene eleganti” a ministra (per merito), Ginevra (CH) riconoscendogli doti, non comuni, gli ha conferito un Cantone.

    "Mi piace"

  2. Non sono riuscito a trovarla sta galleria che dall’abruzzo porta in Svizzera, forse è la segnaletica sbagliata o il navigatore che sotto non funziona.

    "Mi piace"