La più bella del mondo

(Giuseppe Di Maio) – Tra le tante balle della stampa italiana serva, cioè quasi tutta, spicca quella della crisi della politica che ha causato la caduta del Conte II. A corredo della prima balla c’è n’è un’altra: il genio di Renzi che ha portato brillantemente a termine la missione. Mah! Genio? Che c’è di geniale in un sicario che si può permettere anche il lusso di non colpire alle spalle, tanto ha tutte le carte del mazzo. Uno che può colpire in pieno petto, e si può permettere anche gli sberleffi in faccia alla vittima costretta fino all’ultimo a fingere di credere alle panzane dell’assassino. Semmai è una crisi di sistema. Se crisi si può chiamare quella di un ordine che è nato proprio per sostenere l’instabilità della politica a garanzia dell’interesse privato.

Quando nel ’46 si costituì l’assemblea costituente per rimediare a una carenza italiana di fronte alla maggioranza dei vicini europei, si compì un’operazione ardita frutto maturo della civiltà italica. Il risultato di maggior rilievo fu lo straordinario equilibrismo tra le anime che vi parteciparono. La cattolica, la liberale, la socialista, così come da manuale di storia, queste le anime che confluirono nel dettato costituzionale. Ma il pericolo che la Costituzione, almeno nei suoi principi fondamentali, divenisse un abile esercizio retorico possibile solo all’inverecondo spirito nazionale, fu la minaccia costante che non si è dissipata ancora col tempo. Entrarono nella Costituzione le contraddizioni nazionali, le libertà private, i sogni elitari e le speranze collettive, entrarono il peso della disuguaglianza di classe e il motore della sua produzione. Entrarono la corruzione del sistema e l’instabilità programmata.

Le speranze collettive ebbero sonanti enunciazioni che rimandavano a vaghi compiti della Repubblica il dovere di adempierle; i sogni elitari si spensero nella maglia delle molteplici garanzie; e solo le libertà private ebbero il dettato più esplicito. Tutto il contesto segnava le procedure, i riti della democrazia a salvaguardia della procurata instabilità. E ci si guardò bene di mettere la legge elettorale in Costituzione, affidando a poche righe la momentanea intenzione proporzionale. La fotografia della nazione era entrata nella legge fondamentale, tutti erano stati rappresentati. Gli istituti di garanzia cominciarono ad entrare in conflitto, e il “caso” italiano divenne celebre nel mondo. Dire all’estero: in Italia è caduto il governo, non fece più notizia.

Ecco: i pesi, i contrappesi, le garanzie, la legge elettorale a uso e consumo dei partiti, e poi fuori della Costituzione una classe inamovibile di burocrati, di padroni del comparto pubblico, tutti insieme costituirono un sistema incapace di rifondarsi da sé medesimo, incapace di rappresentare la volontà generale, di subire il tempo della sua rivoluzione. Il timore che si potessero ricreare gli sbilanciamenti istituzionali che permisero l’affermazione del Fascismo, ha costituito un sistema bloccato, soffocato dalla ridda di voci confliggenti che neutralizzano l’azione amministrativa.
Ecco perché l’agognata rivoluzione a 5 stelle sta evaporando, ecco perché gli aneliti di giustizia e libertà continuano ad infrangersi sugli assetti conservatori e reazionari del blocco sociale italiano. E va bene, il trentenne Luigi Di Maio e i suoi consiglieri non hanno capito che bisognava far rigare dritto la stampa e depotenziare la sua attività partigiana. Ma come vi permettete di ritenere genio una pustola marcescente fiorita nel sistema bloccato del paese, come vi permettete di tirare in ballo i limiti della politica e della democrazia per nascondere i desideri espliciti dei padroni?

12 replies

  1. a me fa ridere quando parliamo del regime autoritario di Pechino che se stabilisce una norma per uscire dalla pandemia tutti per convinzione o per timore la rispettano, mentre quì a secondo delle luride convenienze ci becchiamo la prima, seconda, terza, ecc ondate con morti che addirittura presidenti di regione mettono cinicamente in conto per tenere aperti esercizi (non essenziali) che fanno casino solo per loro sporchi interessi. In tutto ciò vedo la distruzione del paese come comunità e patria da difendere. Già proprio una patria da difendere da chi????

    "Mi piace"

    • Ecco uno dei tanti allergici alla democrazia, che sognano un governo autoritario che faccia magari anche paura, ma che gli passi la mancetta per stare a casa. Quali sarebbero gli “esercizi (non essenziali)”??? Quelli che non fanno campare te e tua sorella? Chi credi che mantenga il carrozzone statale, con tanto di ospedali, scuole e tutte quelle belle cosine che avete gratis? Le banche?
      Eh, no! caro povero babbeo.
      Sai difatti chi è che preme per i “lockdown”? I fondi monetari e le banche centrali. E sai cosa accadrà se qualcuno non ferma quell’idiota di Speranza e la sua cricca di criminali capeggiati dal sicario Draghi e dal comitato tecnico Scentificoh dei Big Farma? I suddetti signori vi presteranno (previa firma di opportuni vincoli che i vostri costosi e vili firmacare accetteranno) soldini stampati dal nulla per mantenervi reclusi e inerti, cosicchè il debito diventi inesigibile. Prima, lo stato esproprierà i beni ai cittadini per mantenere i servizi per un po’ (per la gioia dei nostalgici del pugno chiuso), ma poi dovrà cedere TUTTO ai suddetti signori, che ve li ridaranno in affitto e in prestito. Sempre che possiate permetterveli. Cederete sovranità a chi ingrassa dalle vostre crisi e perchè vi hanno messo in crisi. E voi, esserini illusi e tremebondi, spaventati dalla vostra ombra, continuate a credere che la mascherina vi salverà.
      Mentre dietro avere un mostro che sta per divoravi il futuro.
      Siete così patetici…

      "Mi piace"

      • non meriti risposta, primo perché non hai capito quasi niente di quello che ho esposto, secondo tieniti le tue povere idee. Ogni commento è inutile.

        "Mi piace"

      • Solito elenco assortito di fantasie complottiste, per l’occasione impreziosite dall’uso di quel “voi” che sembra voler suggerire come, in qualche modo, il divoratore di pane e volpe Master Class non faccia anche lui parte della società come chiunque altro. Chapeau.

        Piace a 2 people

      • A proposito di “fantasie complottiste”:

        “In che mondo viviamo? Quello in cui un ragazzotto inglese, Eliot Higgins, per sua stessa ammissione totalmente all’oscuro di armi e di medio oriente, licenziato dall’azienda per cui lavorava, fonda un sito e in breve tempo soltanto guardando filmati You Tube, diventa un esperto di armamenti dalla cui bocca, anzi dalla cui tastiera dipendono i giornali occidentali, praticamente una fonte unica per deformare le vicende siriane e non solo, una sorta di Bibbia come scrisse l’Huffington Post . Chiediamoci come sia stata possibile una cosa del genere se l’informazione occidentale non avesse avuto bisogno di accreditare un ennesimo “esperto” fasullo per dare una patina di credibilità ad ogni miserabile manipolazione e invenzione, comprese quelle degli “avvelenamenti” a base di novichok di Skripal e Navalny. Oppure viviamo nel mondo degli sciacalli che ronzavano e ronzano attorno al commissario Arcuri – naturalmente a sua insaputa come accade sempre in questi casi fino a prova contraria – e che facevano sporchi affari sulla pandemia, tanto che da un’intercettazione uno di questi dice “Speriamo che a novembre esploda” alludendo a nuova chiusura totale del Paese che avrebbe portato altre montagne di denaro in tasca a questi avvoltoi che tanto rassomigliano a quelli del terremoto de L’Aquila. Ma questa è solo l’aneddotica, quella che riguarda i piani bassi, il necessario ordito che fa da collante a trame ben più grandi e che naturalmente rimangono nascoste, o se smascherate trovano sempre qualche “esperto” di nulla a dire che si tratta di complottismo.

        Per comprendere meglio ciò che sta dietro tutto questo basta vedere come i maggiori protagonisti della narrazione pandemica si stiano impadronendo di tutti i gangli principali del potere globale. Nell’ottobre dello scorso anno il posto di nuovo direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto o Omc in tutte le lingue romanze tranne l’italiano che ormai è solo un dialetto non più una lingua) era conteso tra la signora Ngozi Okonjo-Iweala nigeriana, ma naturalizzata statunitense e Yoo Myung-hee, ministra del Commercio della Corea del Sud, sostenuta fortemente da Trump. Ma non appena Biden si è insediato le cose sono cambiate e le azioni della Ngozi Okonjo sono salite alle stelle tanto che il 5 febbraio la Yoo Myung-hee, “previa consultazione con gli Usa”, si è ritirata. Nel medesimo giorno Washington ha espresso la sua gioia di lavorare con il nuovo responsabile dell’Omc, per realizzare le riforme necessarie dell’organismo, anche se non si sa in che cosa esse consistano. Ma cosa c’entra tutto questo con l’argomento di cui stiamo parlando? E’ molto semplice: la nigeriana Ngozi Okonjo-Iweala oltre ad aver ricoperto incarichi ministeriali di alto livello in Nigeria, uno degli stati più corrotti al mondo ed aver fatto sparire 20 miliardi di entrate petrolifere, è membro dei consigli di amministrazione di Standard Chartered Bank e di Twitter, è senior advisor per Lazard Bank dal 2015, ha lavorato all’Fmi, alla Banca africana di sviluppo e avuto una carriera di 25 anni presso la Banca mondiale a Washington, ma soprattutto è stata presidente della Global Alliance for Vaccines and Immunization ( Gavi) a partire dal 2015. Questa alleanza, creata nel 2000 da Bill Gates, ha ricevuto una sovvenzione di 750 milioni di dollari dalla Bill and Melinda Gates Foundation. I partner di Gavi includono la Banca mondiale, l’Oms, l’Unicef e aziende e produttori di vaccini di diversi paesi. E adesso si direbbe che ha scalato anche l’organizzazione mondiale del commercio.

        Sotto la presidenza di Ngozi Okonjo-Iweala, Gavi fu implicata nella scandalosa diffusione epidemica della poliomielite in Africa dovuta proprio ai vaccini che avrebbero dovuta eliminarla e che invece hanno provocato la nascita di un nuovi ceppi mortali del virus. Inoltre dopo aver speso circa 16 miliardi di dollari in 30 anni per eradicare la polio, gli organismi sanitari internazionali hanno reintrodotto “accidentalmente ” la malattia in Pakistan, Afghanistan e Iran, Paesi colpiti da un ceppo virulento di poliomielite generato dal vaccino. Nel 2019, il governo dell’Etiopia ha ordinato la distruzione di 57.000 fiale di vaccino antipolio orale di tipo 2 (mOPV2) a causa di un’epidemia di polio indotta da quel vaccino: l’ Onu stessa ha dovuto alla fine ammettere il disastro anche se si cerca di mettere a tacere ogni cosa e Bill Gates lo fa con contributi milionari ai giornali. Naturalmente non si sa molto delle attività di Ngozi Okonjo-Iweala come capo di Gavi, ma parrebbe da indiscrezioni raccolte dal giornalista ed economista Frederick William Engdahl che sia uno dei membri importanti del team di Bill Gates. Ad ogni modo appare abbastanza chiaro come ci sia tutta la volontà di imporre al mondo intero una sorta di agenda pandemica in sintonia con i reset auspicati a Davos e finalizzata ad essi, raccogliendo e portando al comando la peggiore ciurma possibile.”

        "Mi piace"

      • “Notizie” … freschissime, di appena settantasette mesi fa”: mai passate di moda! Il ‘bobolo’ è affamato, ma rifiuta i cavoli perché aspira alle brioche per colazione…

        "Mi piace"

  2. Non c’è niente di sbagliato nella Costituzione. Ne la Costituzione poteva invadre l’ambito delle leggi ordinarie e snaturarsi con norme meticolose e dettagliate. Ed è anche troppo facile aggiungerle delle mancanze prendendo a piene mani dal senno di poi.
    Semplicemente i costituenti, dei veri “signori” politici, hanno avuto troppa fiducia (ma non serve neanche il “troppa”, basta fiducia) nei politici del fururo, quindi negli scorretti e sgangerati politici di oggi!
    All’epoca chi poteva immaginare che un essere abominevole come Berlusconi potesse diventare Presidente del Consiglio, per tre volte! Che esseri che offendono l’umana intelligenza come Renzi, Salvini e banda bassotti al seguito potessere stare in Parlamento.
    No, non è la costituzione che è sbagliata, è il materiale uymano che è profondamente sbagliato!
    Per questo sono molto preoccupato per i 5S, perchè se non con loro, ora, quando si potrà cambiare?

    Piace a 2 people

  3. Nessuno diede del “genio” a bossi nel 94, bertinotti nel 98 e mastella nel 2008.

    E nessuno ha fatto notare che la presunta genialata non si sarebbe mai realizzata senza la complicità del pres. della repubblica e salvini, che fa inversione a U e non vuole più andare a votare.

    «Tra le tante balle della stampa italiana serva»

    Le balle non servirebbero a niente, se non ci fossero i gonzi che se le bevono.
    E le rilanciano.

    Piace a 2 people