Ricordati che devi morire (di tumore)

(Francesco Basso – il Corriere della Sera) – «L’Ue non ha intenzione di proibire il vino, né di etichettarlo come una sostanza tossica, perché fa parte dello stile di vita europeo», ha detto ieri il vicepresidente della Commissione Ue Margaritis Schinas presentando il Piano europeo di lotta contro il cancro.

Ma la commissaria alla Salute, Stella Kyriakides, ha aggiunto che la Commissione presenterà «una proposta di etichettatura obbligatoria per l’elenco degli ingredienti e dichiarazione nutrizionale sull’etichetta delle bevande alcoliche nel 2022 e una sulle avvertenze sulla salute nel 2023». Iniziative «che saranno costruite sulle esperienze già compiute dai produttori – ha precisato – per dare ai consumatori più strumenti per scegliere con più consapevolezza».

Le etichette sono una delle misure insieme alla tassazione che andranno a contribuire alla prevenzione, una delle quattro aree di intervento del piano che mette a disposizione degli Stati membri 4 miliardi di euro. Gli altri tre ambiti di azione sono lo screening precoce, il miglioramento dell’accesso a diagnosi e trattamenti innovativi, il miglioramento della qualità di vita dei pazienti e di chi è guarito.

L’anno scorso si sono ammalati di tumore 2,7 milioni di europei e 1,3 milioni hanno perso la vita a causa della malattia: la Commissione stima che senza un intervento tempestivo i casi aumenteranno quasi del 25% entro il 2035, facendo del cancro la prima causa di morte nell’Ue.

Uno degli obiettivi è quello di proteggere i cittadini dai «tumori evitabili», ha spiegato Kyriakides. Per questo la prevenzione ha un ruolo centrale nel piano, che «mira a sensibilizzare e affrontare i principali fattori di rischio – si legge nel documento – come i tumori causati dal fumo, il consumo dannoso di alcol, l’obesità e la mancanza di attività fisica, l’esposizione all’inquinamento, alle sostanze cancerogene e alle radiazioni, nonché i tumori innescati da agenti infettivi».

La Commissione proporrà quindi «un’etichettatura nutrizionale obbligatoria e armonizzata nella parte anteriore della confezione per consentire ai consumatori di fare scelte alimentari informate, sane e sostenibili» e sosterrà gli Stati membri e le parti interessate «nei loro sforzi sulla riformulazione e sull’attuazione di politiche efficaci per ridurre la commercializzazione di prodotti alimentari malsani».

Inoltre, si legge nel documento, «la Commissione sta intraprendendo una revisione della politica di promozione dei prodotti agricoli, nell’ottica di potenziare il proprio contributo alla produzione e al consumo sostenibili, e in linea con il passaggio a una dieta con più verdura, meno carni rosse e lavorate e altri alimenti legati al rischio di cancro, più frutta e verdura».

La proposta è stata duramente criticata dall’Associazione industriali delle carni e dei salumi aderente a Confindustria (Assica). Per il presidente Nicola Levoni «anche la scienza è unanime nel dire che non è il prodotto in sé a essere pericoloso, ma la quantità che se ne assume».

Nei giorni scorsi preoccupazioni erano emerse anche nel mondo del vino. Le parole di Schinas sono state accolte con sollievo da Coldiretti e dalla filiera vitivinicola di Confagricoltura, Cia-Agricoltori Italiani, Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, Copagri, Federvini, Federdoc, Assoenologi e dall’Unione Italiana Vini per la quale sarebbe «inaccettabile» l’inserimento del vino in una black list che assimili il consumo di vino al fumo. L’obiettivo del piano è «ridurre il consumo di alcol nocivo» perché «il danno correlato all’alcol è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica nell’Ue».

6 replies

  1. Quella ritardata, ma perché non fa etichettare tutti quei prodotti che provengono da colture dove si fa’ largo uso di pesticidi e la altri prodotti chimici letali. Ma vada a scopare il mare.

    "Mi piace"

  2. “Iniziative «che saranno costruite sulle esperienze già compiute dai produttori – ha precisato – per dare ai consumatori più strumenti per scegliere con più consapevolezza».”

    Quindi dovrebbero essere i PRODUTTORI ad informare i consumatori del fatto che l’alcol è stato inserito tra i CANCEROGENI di 1A FASCIA , alla pari di arsenico e benzene?
    Le persone NON LO SANNO.
    Continuano a credere alle idiozie del resveratrolo che fa bene alla salute(… e ce ne vorrebbe), come se aggiungere vit C all’arsenico lo potesse rendere di colpo SALUTARE.
    Purtroppo gli interessi dei produttori, dei singoli Paesi(tipo il nostro) e dei consumatori hanno messo a tacere qualsiasi informazione in merito.
    Come per il fumo lo stato si fa spacciatore.
    Anche l’alcol è cancerogeno in qualsiasi quantità. I suoi danni non sono solo legati all’abuso.
    Ma NESSUNO LO DIRÀ MAI.

    Piace a 1 persona

    • Infatti ad abusare dell’acol sono i derelitti a cui serve un anestetico per sopportare il vuoto interiore.
      Ti racconto di un esperimento: misero dei ratti in cattività, in spazi angusti e in solitudine, senza alcuno stimolo che non fosse il cibo, offrendogli degli alcolici. In breve i ratti iniziarono ad abusarne.
      Poi ampliarono lo spazio, in modo che potessero incontrarsi e inserirono delle femmine. La quasi totalità dei ratti smise di attingere alla sostanza alcolica. Trai tu le conclusioni che credi. Io un’idea me la sono fatta.

      Piace a 1 persona

      • Sì, Copronio, ma quello che non passa è che l’alcol è causa di vari tipi di TUMORE, e parlo anche del tumore al seno, per la capacità dell’alcol di alterare gli ormoni, a prescindere dalla quantità. O meglio, mi spiego, certo che più è alta la quantità più il rischio di tumore sale, ma non esiste un rischio zero, se non a QUANTITÀ ZERO .
        Se l’alcol dal 1988 è stato inserito, qualsiasi sia la provenienza, vino, birra, superalcolici, nei cancerogeni di fascia A è perché è stato ritenuto CERTAMENTE cancerogeno. Parliamo della fascia in cui sono nseriti l’amianto, l’arsenico, il benzene etc. Non si richiede un abuso per la pericolosità di queste sostanze.
        Il problema è sempre il solito: dove ci sono interessi economici c’è SILENZIO.
        In questo caso, peggio mi sento, visto che anche i cittadini non ne vogliono sentir parlare.

        Piace a 1 persona

  3. Da qualche parte ho letto che già in Asia, alcuni generi alimentari, causa scarsità, sono quasi raddoppiati.
    Ho come l’impressione che con la scusa della salute, s’inizzi a insegnare alla plebaglia quanto siano buoni i grimignoli e quanto meno male facciano della carne, che i ricchi continueranno a mangiare “di pascolo”, sacrificandosi per noi.
    Così come tasseranno i carburanti perchè inquinano, rendendo il pieno dell’auto proibitivo per i più (come del resto il pieno dell’auto elettrica) insegnarndoci ad essere più ecologici, mentre i miliardari si faranno gitarelle su Marte salutando dall’oblò.
    Tutta questa ipocrisia mi da il voltastomaco.

    "Mi piace"