Mastella: “I vietcong ci sono, state tranquilli”

(HuffPost) – “Potrebbe poi succedere che i responsabili si trasformerebbero in irresponsabili. A quel punto non ci sarebbe più la maggioranza. E allora bisogna evitare questa sceneggiata drammatica”. Come, con i responsabili? “I vietcong ci sono, state tranquilli”. A dirlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è Clemente Mastella, che alla domanda su se si senta il ‘capo’ dei responsabili risponde: “Posso dare il mio contributo, posso fare il regista. Di certo non mi candiderò più. Il mio è un atto di amore nei confronti del Paese”.

“Renzi è uno stralunato”, afferma l’ex leader Udeur, che attacca in particolare “l’ipocrita ironia sui responsabili”. Mastella si riferisce alla battuta del leader di Italia Viva sul governo Conte-Mastella. “Con tutta la stima e il rispetto per Denis Verdini, io cosa dovrei rispondere? Che lui è il Renzi-Verdini? È incredibile quello che Renzi sta combinando. Di fatto ha aperto al Conte-ter e su questo vorrei porre una questione. I numeri a Palazzo Madama sono sempre stati risicati. Ma se tu non escludi il Conte-ter apri inevitabilmente una faglia nel M5S. Il gruppo pentastellato è friabile. Ne consegue che se cambi, ad esempio, Alfonso Bonafede e lo togli da via Arenula, ci saranno altri insoddisfatti. Così come ci sono stati nel passaggio dal Conte-1 al Conte-2. E potrebbe poi succedere che i responsabili si trasformerebbero in irresponsabili. A quel punto non ci sarebbe più la maggioranza. E allora bisogna evitare questa sceneggiata drammatica”.

Alla domanda se lui si senta il ‘capo’ dei responsabili, Mastella replica: “Posso dare il mio contributo, posso fare il regista. Di certo non mi candiderò più. Il mio è un atto di amore nei confronti del Paese. Io ho la mia poltrona di sindaco di Benevento. A Benevento il Pd locale è contro di me, i Cinque Stelle mi minacciano in tutti i modi, e io nonostante tutto ciò lavoro per il bene dell’Italia”.

Infine, un invito a Silvio Berlusconi: “Faccia un atto di coraggio e si distingua come ha fatto col golpe americano dai suoi partners. Sarà apprezzato anche dal Paese e questa sarebbe l’unica possibilità reale per lui di poter pensare di salire al Colle”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

16 replies

    • Esatto.

      Io vedo una manovra di lungo periodo per logorare e screditare i 5s agli occhi dell’elettorato (senza contare quello che i 5s fanno gia’ di loro…).

      Il vecchio establishment si e’ cagato in mano quando i 5s hanno preso il 33% alle politiche. Tutti i partiti erano contrari ad un’allenza ma di punto in bianco salta fuori la Lega. Dopo un anno, per motivi inspiegabili, salta tutto. Allora ecco Renzi che guida il PD vedo un nuovo governo con i 5s. Un anno dopo, ancora, il governo salta senza un vero motivo. Adesso e’ il turno del Silvio e i 5s per responsabilita’ accetteranno. Ma passo dopo passo si stanno alleando (compromettendo?) con tutti i piu’ acerrimi nemici. Scommetto che questo sara’ il lietmotiv delle campagne stampa dei prossimi 12 mesi. Senza contare che il governo sara’ poi automaticamente ostaggio di un altro partitino, i cosidetti “responsabili”, diretti da un personaggio con i trascorsi di Mastella… Auguri!

      Piace a 1 persona

      • Il fatto è che se si va alle elezione e vince la destra, molto probabilmente riuscirebbero a eleggerlo.
        Sarà per questa promessa che anche lui spinge per le elezioni, pur sapendo che il suo partito quasi sparirebbe?

        Piace a 1 persona

      • “Sarà per questa promessa che anche lui spinge per le elezioni, pur sapendo che il suo partito quasi sparirebbe?”
        Si, è molto probabile.

        Quindi in base a questa tua considerazione, Renzi è manovrato dalla destra. E davvero pensi che non ci sia lo zampino di B.? B e la destra sono due entità separate?

        Voglio dire che con questa frase smentisci quanto hai detto più in basso: C’è sempre B. che corrompe ed il politico di turno (Renzi in questo caso) che si adegua.

        Parte sempre tutto dal GRANDE CORRUTTORE.

        Piace a 1 persona

      • @Paolapci

        Per come la vedo io qualsiasi prospettiva è meglio di B. al Colle.
        B. al Colle potrebbe essere l’epitaffio del M5S.

        E forse sarebbe bene così, almeno chiudiamo un ciclo e ne riapriamo un altro.
        Ricordiamoci che il M5S non si è inventato nulla, ha solo interpretato esigenze e principii che sono sempre esistiti.
        E lo ha fatto con l’uso del WEB: in questo è stato innovativo.
        Nessuno ha l’esclusiva di quei principii.
        Se fallisce il Movimento, fallisce chi si è voluto far interprete (in buona o cattiva fede) di quei principii, non i principii stessi.

        Se dovesse nascere qualcosa di nuovo che supera i limiti del M5S dovremmo esserne contenti tutti, anche quelli che militano nel movimento (se lo fanno per ragioni ideali e non per interessi di bottega).

        Piace a 1 persona

      • In realtà volevo suggerire che far credere a B che ci sono buone possibilità di andare al colle non è mandarcelo. Mentre le elezioni ci porteranno o lui o la MEAC.
        Quanto al discorso sui 5s non ho capito che intendi. In generale non credo che l’Italia sia pronta a un uso del web per attuare la democrazia. Bene introdurne l’uso, ma credere che oggi sostituisca la struttura partito mi pare precoce.

        Piace a 1 persona

  1. “Sarà apprezzato anche dal Paese e questa sarebbe l’unica possibilità reale per lui di poter pensare di salire al Colle”
    a parte che citare i vietcong, con quella faccia e storia politica, è spregio a chi ha combattuto per liberare
    la sua patria, ma ora sappiamo che, per quel personaggio, avere un pregiudicato come presidente della repubblica
    non è un problema, anzi pare che lo auspichi.
    e magari, come presidente del consiglio, proporrà un qualche personaggio di spicco
    di una famiglia “camurriosa”. per il bene dell’Italia, ovviamente.

    Piace a 1 persona

  2. Ciao me lo fa scrivere, questo commento no. Misteri dell’informatica. Riproviamo.

    La presenza dei responsabili dovrebbe servire solo per indurre i renziani a non tirare troppo la corda, a tornare a cuccia.
    Sarebbe un atto di irresponsabilità affidarsi ai responsabili.
    Meglio utilizzarli per minacciare il bomba.
    Sostituire gli opportunisti renziani con con gli opportunisti “responsabili” (seppur gratis, come auspica Travaglio) è un po’ come tagliarselo per far dispetto alla moglie infedele.

    E’ la toppa peggiore del buco!

    Renzi è il peggio della politica, dopo Berlusconi.

    Renzi ha inquinato la politica coi suo comportamenti spregiudicati, B. lo ha fatto comprando giudici e case editrici, comprando politici e canali televisivi (in regime di monopolio), facendo affari con la mafia!!!, falsificando bilanci con società off shore, varando leggi per non rispondere dei suoi reati, organizzando bunga bunga con prostitute alle quali ha concesso incarichi pubblici (gliele abbiamo pagate noi)… e questo senza tener conto che il cofondatore del partito (Dell’Utri) potrebbe aver dato (difficile pensare senza il consenso di B.) l’ok alle stragi.

    Insomma, capisco l’antipatia di Renzi ma non vi dimenticate di B., lo dico soprattutto ai più giovani che non ricordano l’ascesa di B. a suon di spot.

    Piace a 1 persona

  3. “Renzi è il peggio della politica, dopo Berlusconi.”
    Temo di no: B faceva, e fa, i suoi interessi con calcolo e intelligenza, B distrugge un nemico perché mette in pericolo il suo, il cazzaro rosa per ego, per rabbia, per senso di vendetta, perché non sopporta che qualcuno faccia meglio di lui. B era al top della piramide e fa i suoi interessi, R. fa gli altri interessi e per raccogliere un po’ fa sì altri altri raccolgano molto di più. R fa più danni al Paese del beneficio che trae.

    Piace a 1 persona

    • “R fa più danni al Paese del beneficio che trae”: su questo non ci piove, del resto contano solo i benefici personali per Renzi, non i danni collettivi.

      La tua minimizzazione dei danni provocati da B. un po’ mi preoccupa.

      Piace a 1 persona

      • Non credo che tu abbia capito. Da nessuna parte ho detto che B ha fatto meno danni di R.
        Per esprimere il concetto con un’analogia, volevo significare che considero peggio il vandalo del ladro.
        I danni di B, sia sul piano economico sia sul piano “educativo”, sono enormi!

        "Mi piace"

  4. …perché la sottovalutazione di B. è stata la sua principale arma politica.

    Vedo che l’errore rischia di ripetersi.

    “B faceva, e fa, i suoi interessi con calcolo e intelligenza, B distrugge un nemico perché mette in pericolo il suo, il cazzaro rosa per ego, per rabbia, per senso di vendetta”

    A parte che la spiegazione della crisi come scontro caratteriale fa acqua da tutte le parti, ma che logica c’è nel tuo ragionamento?
    Il fatto che B. facesse i suoi interessi con calcolo e intelligenza lo rende meno dannoso per il Paese?
    Come puoi dirlo? Tutto dipende dal grado di spregiudicatezza non dal livello di intelligenza.

    B. potrebbe addirittura aver dato il suo assenso alla strage di Via D’Amelio.
    Ha corrotto giudici, parlamentari, minorenni, commercialisti, era iscritto alla P2, aveva un mafioso in casa come Stalliere, intratteneva rapporti d’affari con mafiosi, il cofondatore del partito al gabbio per mafia, l’elenco dei crimi è davvero troppo lungo.

    Ma di che stiamo parlando?

    Come al solito adeguate i vostri principii alla situazione contingente.

    Forse è questa la differenza tra essere un grillino ed un loro elettore protempore.

    "Mi piace"

  5. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensano gli altri commentatori del forum ma sembra che questo aspetto (sostituire B. & Company a Renzi) interessi poco.

    Per me la prospettiva migliore è che alcuni italomorti decidano di rimanere in vita e sfanculino Renzi.
    Gli altri voti presi qua e là da persone che hanno piccoli interessi (ladri di polli che cercano una bella casa in centro di qualche ente pubblico a due soldi di affitto, un incarico per loro e per qualche altro familiare).
    Danni collaterali limitati.

    Ma un ingresso ufficioso o ufficiale di B. nel governo no, per favore!

    "Mi piace"

    • Guarda che con me sfondi una porta aperta, quando B ha iniziato la sua carriera politica ero già adulto e ricordo tutto bene. Quando si usa il termine “peggio” o “meglio” io lo intendo come persona. Se tu avessi detto che B ha fatto di peggio, avrei sottoscritto senza dubbio ciò che dici.
      Anch’io sono contrarissimo all’ingresso nel governo di B e ritengo che se un nuovo gruppo parlamentare dovesse dare la fiducia a Conte, dovrebbe farlo senza entrare nel governo. Anche senza B.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...