Conte ha “fregato” Renzi?

(Tommaso Labate – corriere.it) – «Conte mi sembra troppo sereno. Dovrebbe essere preoccupato, invece mi pare che non lo sia affatto. Magari ha già un accordo con Berlusconi, magari c’è un pezzo di Forza Italia che gli ha già garantito i voti in Parlamento che verrebbero meno senza Italia Viva. Non riesco a spiegarmi altrimenti questa sua tranquillità. A questo punto della storia non si può escludere nulla. E poi oh, com’è che si dice, il “becco”», che è il modo in cui in Toscana si identifica il marito tradito, «è sempre l’ultimo a sapere le cose? Magari hanno già combinato tutto e io non lo so».

Raggiungere telefonicamente Matteo Renzi ieri pomeriggio significa avere accesso in prima visione a una scena del film della crisi che prima o poi doveva arrivare. È il momento in cui anche il giocatore più esperto, di fronte alla mano che può cambiargli la vita, mette in conto lo scenario peggiore. Quello di perdere tutto. Ci sono precedenti storici fin troppo noti in cui tra Renzi e il premier in carica c’è di mezzo quell’aggettivo, «sereno». Ma stavolta la storia è diversa. Renzi non invita alla serenità, come fu con Enrico Letta; la vede già, la serenità, nell’atteggiamento di Conte.

«Che cosa sta combinando nel momento in cui il Paese è nella melma (la parola è un’altra, ndr)? Nulla, se non “grandefratellizzare” una questione politica di vitale importanza per il futuro dell’Italia», ragiona l’ex premier. E ancora: «Venerdì sera hanno fatto uscire questa storiella secondo cui Italia Viva pretendeva di mettere il Ponte nello Stretto tra i progetti del Recovery. Gli ha detto sfiga, e ha detto fortuna a me, che proprio in quel momento ero intervistato in diretta tv su Rete 4 da Barbara Palombelli e le stavo giustappunto dicendo che il Ponte, nel Recovery Plan, non ci può stare…».

Non c’è nulla nel tono della voce di Renzi che lasci immaginare, dietro quel telefono, le sembianze di un uomo che ha paura. Tutt’altro. Eppure in questa partita lunghissima, che Conte e il leader di Iv possono pareggiare ma che uno dei due può anche perdere male, la sconfitta va messa in conto. O no? «Guardate, io non dico che Conte se ne deve andare a casa a tutti i costi. Per me può anche rimanere premier fino a fine legislatura e farsi la maggioranza con Brunetta o con chi vuole lui, se riesce. Dico però che se l’andazzo continua a essere questo, e cioè il governare senza combinare un tubo, io non voglio essere corresponsabile… Iv non ha mica paura di andare all’opposizione, sa?».

L’uomo che a ragione si vanta di aver confinato all’opposizione Salvini nell’agosto del 2019, insomma, non mostra la paura di fare la stessa fine nel gennaio del 2021. «Così, avanti, non andiamo. Se Conte ha un accordo con Berlusconi possiamo passare ai banchi dell’opposizione», ripete. Il filo dei contatti con il premier si è interrotto. Ma, stando alle confidenze che Renzi fa ai suoi, quando due non si sentono spesso la colpa è di entrambi e non di uno solo.

«Ho letto», dice sorridendo, «che mi avrebbe cercato e che io non gli avrei risposto. Mi chiama la vigilia di Natale, io non potevo rispondere, mi manda un messaggio del tipo “era solo per scambiarci gli auguri” e io rispondo con cortesia “anche a te e famiglia”. Ci sono dei messaggi poi alla fine dell’anno, dello stesso tenore. E un ultimo di Conte in cui gli preannunciava una telefonata di Gualtieri sulla revisione del Recovery plan. E poi più nulla». Il film della crisi è arrivato a uno di quei momenti che sembra un punto morto. Che magari, come spesso succede quando si è convinti di osservare il nulla, nasconde un colpo di scena. Oppure no.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

20 replies

  1. Caro Labate,chetati un pochino e fregatene di quello che panda mister 2%.Conte è tranquillo perché fino benissimo che il cane che abbaia non morde.Il.canedice,fa,disfa e sopratutto non vuole le elezioni.Poi Berluscini non e7affatto interlucutire di Conte ma del cane che abbaia.Percio’,caro Labate,non pensare,quando avrai notizie certe,da certe.Grazie!

    "Mi piace"

    • Conte è tranquillo perchè non ha scheletri nell’armadio e nulla da rimproverarsi: quello che per gli altri sono vuote frasi fatte di circostanza, per lui è realtà. Renzi ha fatto e disfatto tutto da solo, e non si capacita di come l’altro non sia in apprensione per la situazione: questo è estremamente rivelatore di quali siano la sua statura e il suo modo di intendere la politica, perchè è evidente che ha appena confermato che lui, a parti invertite, sarebbe agitato, eccome. Invece io credo che, se il cazzaro decidesse di staccare la spina una volta per tutte (e conseguentemente di sparire), il primo ad essere contento sarebbe proprio Conte, al quale importa solo di aver servito bene il Paese, non certo della poltrona come molti retroscenisti interessati sostengono basandosi sul nulla.

      Piace a 1 persona

    • Che algoritmo di💩💩 hanno usato per postare confusionariamente le scemenze di questo troll?
      Virgole e grammatica a libera interpretazione.😂😁😁😁😂😂😂😂

      "Mi piace"

      • Io non sono un troll e purtroppo non ho controllato prima di inviare u commento.Mi sembra di avere fatto ben capire che non ero d’accordo con quello che ha scritto Labate.Tutti professoripronti a offendere ma,porca miseria,state sereni che nessuno vi toglie la biro!

        "Mi piace"

  2. La differenza tra Conte e Renzi è che Conte è sereno di natura. Altrimenti non avrebbe potuto affrontare una simile situazione del paese senza crollare.
    Renzi, la slealtà fatta persona, gioca sul fatto che questi giornalisti da riporto non ricordano le esatte parole dette in occasione del rovesciamento di Letta.
    È LO STESSO COPIONE!!! SVEGLIA.
    Stessi discorsi PRECISI, per preparare il terreno coi boccaloni che se la bevono.
    Ma il bomba non ha fatto il conto col fatto che questi sono tempi DIVERSI, lui non ha il 40, ma il 2%, e Conte non è Letta.
    Se non fosse che i tempi sono difficili, ai popcorn metteremmo mano NOI, ora.

    Piace a 2 people

    • @anail,
      A me irrita , tra le tante altre cose, anche come si esprime questo esemplare:”grande fratellizzare”,”ha detto sfiga”; ma che roba è?vuole fare il piacione, il figo , il simpatico,ma è solo ridicolo .Io a un politico chiedo anche di esprimersi in italiano corretto e comprensibile a tutti , istruiti e non, teen agers e anziani , e non in un linguaggio da pub , o da gita scolastica .Peraltro ha 46 anni , dovrebbe essere cresciuto .
      La verità è che LUI su Facebook ha perso milioni di followers, milioni che ha guadagnato Conte sulla sua pagina.

      Piace a 3 people

  3. Ormai solo i Labate di turno, quelli che si scambiano SMS e telefonate amichevoli con Renzi e lo scrivono pure vantandosene, lo considerano uno statista, uno stratega, uno che ha realmente a cuore l’interesse del Paese. La stampa estera lo considera, e da tempo, una sorta di pazzoide, un irresponsabile, un cialtrone. Questo non è neanche un articolo, è un mettersi al servizio di Renzi cercando di non farlo troppo a vedere. Del resto, se potessero votare solo i giornalisti, Renzi prenderebbe il 90%

    Piace a 2 people

  4. Renzi ha già mentito due volte: ” stai sereno e abbandono della politica”. Non credo a nulla di quel che dice, salvo che non è libero di dire diversamente. Chissà perché?

    Piace a 2 people

  5. Lo-renzino parla parla parla, ma non ha sentore che Conte gli ha confezionato
    una ingegnosa imbracatura,
    da dove fuoriesce
    una canna con appesa alla lenza
    una gustosa poltetta pensolante davanti al suo grugno,
    e lui continua a correre,
    corre, corre, per acciuffarla e farne un boccone,
    non rendersi conto che è una struttura fissa trasportata da lui stesso,
    quando lo capirà sarà troppo tardi,
    le energie saranno esaurite,
    e la sua agonia
    sarà segnata sempre più da passo incerto,
    gli occhi fuoriusciranno dalle orbite,
    il resto del lavoro, per farlo schiattare al suolo,
    lo faranno gli sciacalli, con cui in questi giorni mostra afflato verbale.

    Non può essere reale, che Conte continui l’avventura con questo drappello di pittoreschi imbecilli, mariuoli di pneumatoci usati,
    che si stanno sputtanando davanti al mondo intero,
    ne andrebbe di mezzo la sua reputazione.

    La storia non finirà per volere di Lo-renzi
    e comici al seguito,
    ma è già finita per Conte,
    e questa è la stoccata finale.
    Amen

    "Mi piace"

  6. “Che cosa sta combinando (ndr Conte) nel momento in cui il Paese è nella melma? Nulla, se non “grandefratellizzare” una questione politica di vitale importanza per il futuro dell’Italia”
    Renzi applica allo sfinimento la tecnica di rovesciare la realtà accusando gli altri di fare quello che invece fa lui. Possibile sia così scemo da pensare che ci sia ancora qualcuno che ci caschi?

    "Mi piace"

    • @lucapas,
      Il fatto è che esistono quelli che ci cascano , o perché non troppo intelligenti o perché stampa e tv martellano a reti unificate contro Conte dall’inizio .
      Poi , un cenno al “ grande fratello “: è ovvio che usano tale espressione per screditare Casalino , che comunque non è il premier .Ora , non che mi piaccia Casalino , ma che una qualsiasi persona abbia fatto una esperienza televisiva venti anni fa e per soli 3 mesi , ciò deve qualificarlo in perpetuo ?Ha fatto altre esperienze lavorative , si è laureato ,mi sembra anche con un master , conosce le lingue (lui si’), ma tutto ciò non conta .E’ criticabilissimo , certamente, ma se commette errori nella sua attuale professione di portavoce , non per quella remota parentesi.Altrimenti anche Renzi sta ”ruotadellafortunizzando” le sue azioni.E che cavolo .

      Piace a 3 people

      • Ovvio che usa quel termine con riferimento anche a Casalino, è la loro tecnica come l’ormai snervante “bibitaro” usato per Di Maio. Il fatto è che queste sono accezioni negative solo per i cervelli spenti e purtroppo hai ragione, in giro ce ne sono fin troppi!

        "Mi piace"

  7. Per Jonny dio
    Il problema è che con 26 che hanno abbandonato il Parlamento e senza i 14 seggi di Renzi al Senato, il Governo non ha più la maggioranza

    "Mi piace"

    • @ Vivivana Vivarelli:

      E’ un problema per chi? Magari sarà un problema per l’Italia (che come minimo perderà del tempo, mai come ora prezioso), sicuramente lo sarà per il M5S (che uscirà dal governo probabilmente per non rientrarci mai più), ma di certo non lo è per Giuseppe Conte che, ripeto, non ha nulla da rimproverarsi e potrà tornare a svolgere serenamente il suo mestiere di avvocato quando i suoi servigi non saranno più richiesti: non essendo un uomo politico, non sembra per nulla atterrito all’idea e non pare certo inseguire la poltrona a tutti i costi, checchè se ne dica (il che, per sua stessa ammissione, sconvolge Matteo Renzi che una cosa del genere non riesce nemmeno a concepirla, e demarca una volta di più l’abisso che li separa).

      Se davvero il Governo non ha più la maggioranza, è più che giusto che si sciolga, anzi è doveroso, come è giusto che la responsabilità del probabile caos che ne seguirà (a cominciare dai mercati) ricada su chi ne è stato la causa principale.

      A proposito, qualcuno ha capito quali sono le ragioni ufficiali per cui Italia Viva sta facendo tanto casino? Quelle ufficiose sono chiarissime, vogliono più poltrone e il poter amministrare (senza controlli, ça va sans dire) un parte dei fondi del ricovery, ma ufficialmente cosa chiedono? Cosa ritengono così grave da non poter continuare l’esperienza di Governo? Il fatto che la Boschi non sia Ministro di qualcosa? Io finora ho sentito solo fumosi discorsi da bouvette, l’unica richiesta che si può definire davvero concreta è contenuta nella famosa lista con 61 voci, nella quale, mescolata a 60 puttanate generiche, c’è l’adesione immediata al fondo salvastati, il che però autorizza a derubricarle da legittime richieste a irricevibile provocazione (se l’Italia aderirà o no al Mes lo decideranno gli organi preposti nelle sedi opportune, non certo il ricatto dell’ultima ruota del carro Matteo Renzi, dall’alto del suo duepercento nei sondaggi e finora zero voti nell’urna).

      Almeno Bertinotti si è suicidato in nome delle pensioni, Renzi in nome di cosa sta combattendo (a parte la pagnotta, ovviamente)?

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...