Ciaone

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Un sogno tira l’altro. Quello di Padellaro era Conte che sfancula Messer Duepercento in Senato come fece con l’altro Matteo. La mia variante era il premier che trova una dozzina di senatori centristi disposti a votargli la fiducia per salvare la legislatura e il posto, dimezzando Iv, consacrando quel che ne resta come pelo superfluo della politica e liberandoci delle molestie quotidiane delle Bellanova, Bonetti e Scalfarotto.
Ma a Natale ho fatto un sogno ancor più liberatorio: Conte saluta e se ne va, rubando il titolo del piano-fuffa dell’Innominabile, “Ciao”. Se ne torna ai suoi mestieri di professore e avvocato, fra gli applausi dei giornaloni e dei loro padroni che finalmente hanno trovato l’”anima” (de li mortacci loro).

Così lascia ai suoi veri nemici, cioè mezzo Pd e Iv, i capaci e i competenti, apprezzatissimi all’estero e popolarissimi in Italia, il pallino della crisi. Quelli mettono subito le grinfie sui servizi segreti, scannandosi come fiere tra chi vuol darli all’Innominabile e chi preferisce l’usato sicuro di Pollari, Mori e De Gennaro.

Affondano le ganasce nei 209 miliardi del Recovery e se li spartiscono alla vecchia maniera, senza task force di controllo a disturbare le mangiatoie. Chiedono per l’Italia – unico paese Ue ad ammettere la bancarotta – i 36 miliardi del Mes, lottizzandoli fra i governatori che ne fanno un sol boccone coi rispettivi cognati.

Cacciano quell’incapace di Arcuri e fanno gestire i vaccini a De Luca, che se li inietta tutti i giorni, prima e dopo i pasti. Via anche quell’impiastro della Azzolina: l’Istruzione va alla Boschi, così impara (l’Istruzione). Gli Esteri a B., gli Interni a Salvini, l’Economia a Giorgetti, gli Affari Ue a Borghi o a Bagnai, la Giustizia a Verdini grazie all’indulto speciale per svuotare le carceri (così i radicali e gli scrittori al seguito rimangiano), lo Sviluppo a Bertolaso (come sviluppa lui nessuno mai), il Lavoro a Brunetta, l’Antimafia a Siri.

Resta da decidere il premier. Draghi risponde: “Fossi matto”. E parte la mattanza fra i pretendenti, che sommati insieme non fanno un terzo di Conte nei sondaggi. Poi iniziano le ricerche di una maggioranza: uno spasso, visto che i 5Stelle si fanno incredibilmente furbi e non prestano all’ammucchiata un solo voto.

Passano le settimane e l’Ue, stufa di aspettare il Recovery Plan, ci cancella la prima rata. Così Mattarella manda tutti a votare, tranne i leader che han causato la crisi, barricati in casa per paura del linciaggio.

Conte, visti i sondaggi bulgari, è costretto a tornare in pista. Ma, anziché farsi un partito, accetta l’offerta di guidare il nuovo direttorio dei 5Stelle. E li riporta al 30%, rubando voti a destra, FI e Pd e mandando Iv sottozero, con una campagna elettorale di un solo slogan: “Ciaone”.

48 replies

  1. Travaglio, da tuo estimatore ed acquirente, potevi far di meglio in questo articolo.
    Sarebbe bastata la descrizione dello smisurato ego del bomba, senza tirare in ballo altri attori.
    È non dimentichiamoci mai dei suoi parenti, in una famiglia Renzi e Conticini.

    Piace a 2 people

    • Per me invece si è superato con: “gli applausi dei giornaloni e dei loro padroni che finalmente hanno trovato l’”anima” (de li mortacci loro)”. Per me, fosse solo Renzie il problema saremmo a cavallo, il problema è soprattutto (non anche) chi ci sta “dietro”, “a capo” e “affianco”. Sempre gli stessi, con gli stessi interessi, sempre lì……

      Piace a 1 persona

    • Bellissimo sogno Marco, credo leggendolo a tanti che hai nominato, in primis l’innominabile, sia corso un brivido lunga la schiena stamattina. Chissa forse i vari Migliori, Boschi , Scalfarotto, Rosato, Marattin, Giachetti, si saranno detti e se il sogno si trasformasse in profezia visto che il nosto Leader non ne ha azzecca piú una dalla famose europa del 40×100 e ci ha trascinati in un partito del 2 x100!?

      "Mi piace"

    • No.
      Fa benissimo.
      Li elenca tutti, i cialtroni di questo sfortunato Paese.
      Stanno tutti lì.
      Esso, il Paese, da sempre è conteso tra bande di sciagurati e poche persone di buonsenso.
      Tutti e 2 unici nel mondo.
      Ma a volte prevalgono i primi….

      "Mi piace"

  2. Cavoli quanti dettagli nel tuo sogno,
    sei un Genio direbbe qualche utente

    (l’unica a gioire quando si accende la spia rossa della benzina),

    Io che invece non sogno dico:

    “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”

    Piace a 1 persona

  3. Io condivido il sogno di MT. Farsi prendere continuamente per il naso da quel verme con le gambe non è producente ne dignitoso. O si è innamorato tanto della poltrona che è disposto ad ogni turpe maneggio pur di non separarsene? Non credo e spero di no. Vorrei davvero vederlo in Parlamento bucare con lo spillone della sua oratoria il pallone gonfiato e andarsene sbattendo la porta. La pazienza è la mediazione non devono mai trasformarsi in segnali di debolezza, Conte, con la stima mia e di tanti altri che si è guadagnata a polso, ha oltrepassato il limite di sopportazione accettabile

    Piace a 1 persona

  4. “Chiedono per l’Italia – unico paese Ue ad ammettere la bancarotta – i 36 miliardi del Mes, lottizzandoli fra i governatori che ne fanno un sol boccone coi rispettivi cognati.”
    … coi rispettivi cognati… 😆🤣🤣

    Piace a 3 people

    • Sarebbe auspicabile potergli monitorare il conto corrente, visto che dopo i profitti (indebiti) incamerati con le manovre di insider trading (CdB docet) si sarà forse impoverito…

      "Mi piace"

  5. Furono fatte promesse anche al cazzaro verde e ci rimase fregato. Il BOMBA ha maltrattato molti del PD, lui si sentiva il principe del Macchiavelli e se non lo slinguazzavi più volte al giorno non ti apprezzava. Prima però venivano gli amici del giglio criminale, poi i masso-mafiosi coi prenditori…
    Questa corte se la portebbe comunque dietro, ma non può più avvalersi del babbino come trafficante d’influenze, non importa, qualcuno si trova sempre, magari fra i parenti della moglie.
    Lui no, non lo sopporterei ancora a tenere banco, ancora ad essere intervistato di qua e di la.
    Conte deve andare a chiedere la fiducia e vedere chi sono i traditori e se messi alla prova avranno veramente la forza di tradire.
    E’ la prova del fuoco, quella a cui si sottoponevano i grandi cavalieri, i Principi delle fiabe, i grandi condottieri, con la differenza che comunque Conte ne uscirà a testa alta addossando tutto lo sfacelo che verrà a chi prenderà il suo posto e a chi avrà tradito.
    Le somme vanno tirate ora, senza tentennamenti, ulteriori attese farebbero pensare a compromessi al ribasso che chi crede in Conte non apprezzerebbe.

    Piace a 2 people

    • @veronica,
      Io intendevo chi gli ha promesso qualcosa(tipo una presidenza ad es.in Leonardo, Terna,Eni, e
      Simili che valgono più di un ministero ) in cambio di far cadere il governo.saranno persone coperte , o con “grembiulini “

      Piace a 1 persona

  6. La paura di non poter piu’ spartire una beata mazza dopo qualche anno di dieta farebbe cementare loro (e soprattutto i loro mandanti) come vinavil, mentre il vermetto che somiglia a mr bean non teme alcuna figura di palta, lui ha mandato di disintegrare tutto, poi un posticino al sole il pdm glielo trovera’ (con o senza italia morta dello zerovirgola che ormai avrebbe raggiunto il suo motivo di esistere) statene tranquilli… per stavolta sogno non condiviso, solo il desiderio magari, la gentaglia bisogna prenderla per fame e secondo me l’unica maniera per provare a farlo e’ che il governo attuale rimanga in carica e non apra i rubinetti. Se poi, a fine mandato, Conte si mettera’ alla guida o nel direttorio dei 5S, le probabilita’ che tornino a percentuali piu’ importanti delle attuali potrebbero esserci comunque.

    "Mi piace"

    • Concordo su quasi tutto, ma perché sporcare le capacità attoriali del comico inglese Rowan Atkinson (Mr. Bean) con l’inettitudine di questo losco figuro che alligna tra Rignano e Pontassieve e che non è accostabile nemmeno al più infimo degli attoruncoli da avanspettacolo di provincia?

      Piace a 2 people

  7. Troppo bello per essere vero. Prima che tutto ciò possa avvenire temo che al bullo ricattatore sarà conceesso un riscatto per non mettere il paese sotto stress dei mercati finanziari.

    "Mi piace"

  8. L’innominabile (ITALO VISCIDO!) è l’immagine sputata dell’Utile Idiota ASINTOMATICO (*): più è impotente e suonato e più si sente potente e scaltro, in frottole e carognate che, al suo confronto, il Cazzaro Verde, m’appare solo un volgare simulatore.

    Noi ci attendiamo da lui che ci conservi la sua menzognera ragion d’essere, nell’attesa e suprema speranza, che, uno di questi giorni, “qualcuno” lo prenda per il bavero e – come col cazzalo verde – gli faccia fare la figura del Tartufo acciuffato da Orgone (e illico et immediate scaraventato nelle patrie galere).

    * l’utile idiota asintomatico è colui che non sapendo tener conto della sua indole miseranda, continua imperterrito con la sua sporca recita vile a divenire sempre più l’idolo/preda prediletto di laidi interessi clanistici.

    "Mi piace"

  9. OT
    Per Anail faccio replay perché mi hai fatto una domanda ma immagino che tu non abbia letto la risposta

    ti rispondo in merito della tua domanda sul paranormale, anche se esuliamo dai temi trattati da Infosannio, mentre su Facebook posso scrivere di tutto.
    Ogni persona parla in base alle conoscenze e alle esperienze del suo vissuto. Quelle sono la sua realtà e la sua verità e possono andare contro le credenze comuni ma così è non ci si può fare niente.
    Sono nata con 4 bronchi e ho patito patologie respiratorie fino a 34 anni finché in sanatorio mi hanno dato una chiara diagnosi di morte. Nel preciso momento in cui il primario mi diceva che stavo morendo, sono guarita e fino ad ora (ho 78 anni) non ho più avuto nessuna malattia bronchiale e alle analisi i miei bronchi sono normali. Questo è stato il primo miracolo. Non ci ho creduto e ho aspettato la morte per 7 anni (depressione), credendo più alla diagnosi di morte che ai fatti. In pratica per 7 anni ho aspettato la morte, pensando fissamente al suicidio, anche perché l’ispiegabile guarigione mi ha modificato la mente per cui sono diventata, mio malgrado, una sensitiva con effetti fisici spettacolari, che hanno richiamato verso di me centinaia di persone da tutta Italia col passa parola. Ho avuto il dono della chiaroveggenza ma ero terrorizzata dai fenomeni fisici per cui prima, per dieci anni, ho pensato di essere diventata una schizofrenica poi, siccome i fenomeni fisici li vedevano o sentivano anche gli altri quando mi erano vicini, ho dovuto piegare la mia razionalità e credere che il mondo sia molto diverso da come ce lo presentano i sensi ordinari. Ho sempre odiato la mia nuova condizione e ho fatto di tutto per tornare come ero prima. Finalmente ci sono riuscita, di colpo, con una piastrina elettromagnetica comprata da un vecchio radioestesista di Udine, piastrina che avevo provato per caso senza nemmeno crederci. Ora sono di nuovo una personale normale e sto bene così. Ho raccontato la mia esperienza in un libro “Storia di una sensitiva ovvero una seconda possibilità” in vendita o in lettura (3 euro) su Amazon. Il secondo libro, in due volumi, è sulla psicoanalisi di Jung. Il terzo raccoglie quello che ho scritto a ‘Diario’ su Facebook. Il quarto, che sto terminando, sarà sulla radioestesia.
    Il secondo miracolo è stato guarire 3 anni fa da un cancro maligno per un puro caso e non ho fatto nemmeno la chemio.
    Il terzo è subire un ictus un anno fa che mi ha distrutto quasi tutti i neuroni dell’emisfero sinistro, scoprendo una grave cardiopatia e rendendomi molto difficile camminare, per cui sono una invalida che sta sempre in casa davanti al pc o alla televisione e al minimo sforzo è a rischio di ictus.
    Ma la cosa che i medici non sanno spiegare è come mai, col danno cerebrale che ho avuto, io riesca ancora a pensare e a parlare. Io non lo so. Ma è così. Mi manca mezo cervello ma penso e scrivo come prima. Ci sono cose che non si spiegano, bisogna solo accettarle.
    Quando stavo morendo, sentii una voce sopra di me che diceva: “Questo corpo è alla fine ma ha ancora delle cose da fare”.
    La stessa cosa mi disse mio marito che è morto 8 anni fa e con cui ho parlato, dopo la sua morte, per due anni e mezzo e a cui chiedevo di morire visto che ero sola, depressa e non potevo fare quasi più niente per me o per gli altri. Mi disse che sarei vissuta ancora molti anni perché avevo ‘delle cose da fare’ e che avrei avuto grandi sofferenze e quelle ci sono state.
    Non so quali siano queste “cose che devo ancora fare”, forse c’è dentro anche parlare con Anail o Paolapci. Chi lo sa. 🙂
    O forse devo dare solo testimonianza che la realtà, sia essa politica o fisica, può essere diversa da come uno crede.

    Piace a 2 people

    • Cara Viviana, commentare il tuo post è abbastanza impegnativo. Inizierò pertanto con tre citazioni di autori ben più autorevoli del sottoscritto:
      “Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia”. William Shakespeare.
      “Non so cosa penserà il mondo di me. A me sembra di essere stato solo un fanciullo che gioca sulla riva del mare e si diverte a trovare ogni tanto un sassolino un po’ più levigato o una conchiglia un po’ più graziosa del solito, mentre il grande oceano della verità si stende inesplorato dinanzi a me”. Isaac Newton.
      “L’universo non è più strano di quanto immaginiamo: è più strano di quanto possiamo immaginare”. J.B.S. Haldane.
      Citazioni che mi permetto di integrare con una semplice considerazione di carattere semantico… Perché utilizzare termini quali “paranormale” e “soprannaturale” o fare riferimento a dei “miracoli” quando la “Realtà”, nella quale siamo immersi e facciamo parte, è già di per se così complessa?
      Si tratta solo di scegliere il “metodo” attraverso il quale possiamo tentare d’intuirne la natura e, al momento, il metodo di gran lunga più affidabile è quello scientifico.
      Potrei citarti studi sulla plasticità cerebrale, sulle “guarigioni inspiegabili” (ora) di qualunque patologia nota, sulle “voci reali” che sentono tutti i soggetti affetti da schizofrenia, sulle incredibili correlazioni tra la “mente cosciente” (qualunque cosa essa sia) e il corpo ma me ne astengo. Per alcuni autori la coscienza, che alcuni chiamano “anima”, è una semplice “simulazione” messa in atto dalla più complessa realizzazione dell’evoluzione, il nostro cervello.
      Posso solo aggiungere che a 16 anni sono caduto in montagna e sono rimasto tre giorni in coma ed un mese incosciente. Ai miei genitori disperati i neurologi dissero solo che non erano in grado di dire se mi sarei risvegliato… mi sono risvegliato e non ricordo nessuna “luce bianca alla fine di un tunnel”.
      Un’ultima citazione “Bisogna avere sempre una mente aperta, ma non così aperta che il cervello caschi per terra”. Attribuita a James Randi ma ripresa da molti.

      "Mi piace"

    • Commento di nuovo lo stesso testo già pubblicato in un altro articolo, perché qui mi sembra più acconcio:

      …Non che non ci fosse da aspettarselo da certi soggetti del blog, anzi era evidentissimo, perciò, nel caso ancora qualcuna delle “paranormali” fosse recuperabile (ovviamente mi riferisco a Viviana, l’altra ha l’ego ormai fuori controllo, la terza che le tiene bordone non ne vale nemmeno la pena…), posto quanto segue. Da un articolo molto interessante dal titolo “La confusione tra psichico e spirituale” di un autore che ha tentato, per lo più invano, di mettere in guardia certi malcapitati da certe “infezioni contagiose” (per restare in tema attuale), si può leggere:

      “…Ma c’è di più: in queste circostanze può verificarsi il caso di una specie di sviluppo «alla rovescia», il quale non soltanto non porta ad alcuna acquisizione valida, ma allontana sempre più dalla «realizzazione» spirituale, fino a che l’essere non sia definitivamente sviato in quei «prolungamenti» inferiori della sua individualità ai quali abbiamo accennato poc’anzi, e per il cui tramite può soltanto venire in contatto con ciò che è «infraumano»; la sua situazione sarà allora senza uscita, o per lo meno gliene si aprirà una sola,
      vale a dire la «disintegrazione» totale del suo essere cosciente; in questo caso si tratta propriamen-te, per l’individuo, dell’equivalente di quella che è la dissoluzione finale per l’insieme del «cosmo» manifestato. Da questo punto di vista, più ancora che da qualsiasi altro, occorre perciò diffidare di ogni richiamo al «subconscio», all’«istinto», all’«intuizione» infrarazionale, o anche a una «forza vitale» più o meno mal definita, in una parola a tutte quelle cose vaghe ed oscure che la filosofia e la psicologia più recenti tendono ad esaltare, le quali portano più o meno direttamente a una presa di contatto con gli stati inferiori. A maggior ragione occorrerà guardarsi, con vigilanza estrema (poiché le cose in questione sanno assumere fin troppo bene i travestimenti più insidiosi), da tutto ciò che potrebbe indurre l’essere a «fondersi» – noi diremmo più volentieri e più esattamente a «confondersi» o anche a «dissolversi» – in una sorta di «coscienza cosmica», esclusiva d’ogni «trascendenza» e perciò di ogni spiritualità effettiva; è questa la conseguenza ultima di tutti quegli errori antimetafisici che, sotto il loro aspetto più particolarmente filosofico, sono individuati con termini come «panteismo», «immanentismo» e «naturalismo», cose del resto strettamente connesse, conseguenza di fronte alla quale certa gente sicuramente si ritrarrebbe se potesse sapere veramente di che cosa parla. Cose come queste, infatti, sono il segno che la spiritualità è intesa letteralmente «alla rovescia», sostituendo ad essa quel che ne è veramente l’inverso, giacché portano inevitabilmente alla sua perdita definitiva, ed è in ciò che consiste il «satanismo» vero e proprio; che quest’ultimo sia consapevole o inconsapevole, a seconda dei casi, influisce del resto ben poco sui risultati; né bisogna dimenticare che il «satanismo inconsapevole» di certa gente, più numerosa che mai nella nostra epoca di disordine estendentesi in tutti i campi, non è in fondo che uno strumento al servizio del «satanismo consapevole» dei rappresentanti della «contro-iniziazione». In un’altra occasione abbiamo avuto l’opportunità di segnalare il simbolismo iniziatico di una «navigazione» che si effettua sull’Oceano, il quale raffigura il campo psichico, e che occorre attraversare evitandone tutti i pericoli per giungere alla meta: ma che cosa si potrà dire di chi si tuffi nel bel mezzo di questo Oceano con la sola aspirazione di annegarvi? È questo, con la più grande esattezza, il significato di quella pretesa «fusione» con una «coscienza cosmica» la quale è in realtà solo l’insieme confuso e indistinto di tutte le influenze psichiche che, per quanto diversamente possano pensarla alcuni, non hanno certo assolutamente niente in comune con le influenze spirituali, quand’anche accada che le imitino più o meno imperfettamente in qualcuna delle loro manifestazioni esteriori (giacché è questo il campo in cui la «contraffazione» si esercita in tutta la sua ampiezza, ciò che spiega come le manifestazioni «fenomeniche» non possano mai provare nulla di per se stesse, potendo essere assolutamente simili nel caso di un santo e nel caso di uno stregone). Coloro che commettono questo errore fatale dimenticano, o più semplicemente ignorano, la distinzione tra «Acque superiori» e «Acque inferiori»; invece di elevarsi verso l’Oceano superiore, essi si precipitano negli abissi dell’Oceano inferiore; invece di concentrare tutte le loro potenzialità per dirigerle verso il mondo informale, il quale è il solo che possa dirsi «spirituale», le disperdono nella diversità indefinitamente mutevole e sfuggente delle forme della manifestazione sottile (la quale è ciò che corrisponde nel modo più esatto possibile al concetto della «realtà» bergsoniana), senza sospettare che quanto scambiano per una pienezza di «vita» non è di fatto che il regno della morte e della dissoluzione senza ritorno.”.

      Cara Viviana. Potrebbe non essere mai troppo tardi per liberarsi di certi “pantani”! Un saluto.

      "Mi piace"

  10. Forse Conte che, tra l’altro, ha mantenuto la delega sui servizi segreti dovrebbe considerare la soluzione adottata nel 1997 dalla “Casa Regnante Inglese” di fronte ad un analogo “grave problema”, riconducibile ad una singola persona…

    "Mi piace"

  11. invece che C.I.A.O. poteva fare un sondaggio e scegliere tra quello che otteneva più consensi tra:
    Piano-Investimenti-Ricostruzione-Lavoro-Automazione
    Sanità-Università-Cultura -Ambiente
    Ferrovie, Infrastrutture, Gastronomia, Ambiente

    Piace a 2 people

  12. X Gatto
    non ho capito niente di quello che hai detto.
    A 34 anni ho cominciato ad avere delle ‘esperienze’ (sai cosa vuol dire esperienza?)
    Dopo 29 anni facendo per caso l’uso di una piastrina elettromagnetica con una data frequenza, tutte queste esperienze sono sparite. Di colpo.
    E non le ho avute mai più.
    Alcune di esse sono state partecipate da chi era presente. Per es. un oggetto si muoveva da solo e gli altri lo vedevano muoversi da solo. O la luce si accendeva se dicevo la cosa giusta mentre se dicevo la cosa sbagliata c’era uno schianto forte nella libreria o i sentiva come se un pugno bussasse violentemente dall’interno. O appariva di colpo una voce e 24 persone la sentivano contemporaneamente.O io vedevo un fantasma e altre due persone lo vedevano insieme a me (le altre 20 no).
    Non ho spiegazioni.
    Quello che tu chiami ‘pantano’ per me era una realtà. Prima questa altra realtà la vedevo. Ora non la vedo più.
    Il famoso tunnel l’ho percorso per tutto un mese, ogni giorno, alla stessa ora, di giorno. Quando ero lì ero felice e vedevo la luce che mi attirava. Quando tornavo in me stessa era come risalire un pozzo buio ed essere vomitata dentro un rettile, una razza inferiore. Morire
    era bellissimo. Tornare in vita in un corpo umano era orribile.
    Ogni interpretazione filosofica o psicologica o neurologica di questa realtà mi lascia indifferente. Ci sono situazioni che o le vivi o non hanno senso. Prima dei miei 34 anni questo mondo per me non aveva alcun senso. Ora sì, anche se i fenomeni non si sono ripresentati mai più.

    Piace a 2 people

    • @Viviana
      Dopo aver letto la descrizione delle eccezionali facoltà che sostieni di aver posseduto per svariati anni ritiro quanto dichiarato nel precedente post (ti avevo avevo giudicato diversamente), quelle che stai raccontando sono delle semplici BALLE!!! Per un semplice prosaico motivo, nessun individuo avrebbe mai rinunciato ad incassare il milione di dollari che era a disposizione di chiunque, almeno fino al 2015!!!
      “James Randi, presidente della James Randi Educational Foundation, consegnerà la somma di US$ 1,000,000 (Un Milione di Dollari USA) a chiunque sia in grado di dimostrare una qualunque facoltà paranormale o soprannaturale in condizioni di adeguato controllo”.
      I dettagli dell’offerta, ASSOLUTAMENTE REALE, sono ancora disponibili in rete.

      "Mi piace"

      • “Per un semplice prosaico motivo, nessun individuo avrebbe mai rinunciato ad incassare il milione di dollari che era a disposizione di chiunque, almeno fino al 2015!!!”: sappiamo benissimo che oggi per la Scienza(h) è tutta una questione di soldi, ma cì sarà sempre qualcuno che dei prosaici e tristi motivi alla MARK TWAIN se ne sbatterà allegramente!

        "Mi piace"

    • Cara Viviana, che tu non abbia capito nulla non mi stupisce e nemmeno mi interessa più di tanto. Se vuoi approfondire, visto che, a quanto pare, sei una senza preclusioni, ecco un testo che potrà esserti estremamente utile “ Errore dello Spiritismo”, Edizioni Luni, autore René Guénon, che è poi lo stesso della citazione che ho riportato in precedenza. Saluti. PS. No, non so proprio cosa “esperienza” significhi, nessuno me lo ha mai spiegato: vuoi provarci tu?

      "Mi piace"

  13. X Mark Twain
    conosco benissimo la storiella del tipo che citi, ma la bufala è la sua. Ho partecipato per anni alle conferenze della biblioteca di parapsicologia di Bologna, che è la maggiore d’Italia e la più grande d’Europa. Ho conosciuto persone con qualità straordinarie, molto più delle mie. Ma James Randi o non esiste oppure, se se pure esistesse, non si è mai sognato di testare nessuno. Ci sono molte leggende metropolitane e la storiella che racconti è una di quelle. In quanto a me, c’è stato un laboratorio serio di medici, fisici ecc. che mi voleva testare come ‘sciamana naturale’ ma mi sono rfiutata di fare da cavia per il semplice motivo che non sono mai riuscita a fare niente su richiesta. Quello che ho sperimentato è sempre stato spontaneo senza che intervenisse la mia volontà, sfuggiva totalmente al mio controllo. In Italia c’era una associazione di scettici, il CICAP, presieduta dalla Rita Levy Montalcini che proponeva qualcosa di simile ma nessuno di loro ha mai accettato di testare le capacità di nessun sensitivo. Avevano deciso che il paranormale non esiste. Punto e basta. Ci sono due categorie di stupidi: quelli che credono a tutto, e quelli che non credono a nulla. Poi ci sono i cercatori e i possibilisti, che sono persone più serie. Infine quelli che hanno avuto esperienze non spiegabili con la scienza attuale e che non sanno spiegare essi stessi. Gli scienziati russi, che sono persone più concrete, hanno studiato i sensitivi da sempre per usarli come armi belliche. La Rita Levi Montalcino diceva che “Il pensiero è un epifenomeno (fenomeno secondario) del cervello così come il sudore lo è della pelle”. Rifiuto la sua posizione e non mi importa che le abbiano dato il Nobel. Del resto non è l’unico premio Nobel che ha detto delle sciocchezze. Il paranormale è come l’amore. Se lo hai sperimentato sai cos’è, se non lo hai mai sperimentato puoi dubitare che esista. Entrambe le posizioni sono rispettabili. Ci sono campi fattuali dove non si sceglie la certezza a tavolino. O una cosa l’hai provata di persona o hai tutto il diritto di dichiarare che non esiste, ma le cose che esistono sono molte più di quante ne possiamo conoscere personalmente. Però non mi raccontare di tizi e di premi fasulli che sono solo delle barzellette. In ultima analisi gli scettici assoluti sono identici ai creduloni assoluti. Forse la verità sta nel mezzo.
    Quando Marconi inventà il telegrafo e scoprì le onde radio, gli accademici di Bologna risero a crepapelle e non credettero una parola dei suoi esperimenti. Dicevano che la Terra è rotonda e le onde radio sono dr’tte per cui era impossibile che arrivassero in America, dicevano che le onde radio potevano spiare le donne quando si spogliano e altre emerite sciocchezze. Poi ci sono i fatti e Marconi riuscì a comunicare proprio con l’America.
    Forse il paranormale è solo un aspetto della realtà che ancora non è stato spiegato dalla scienza. Questo non vuol dire che non esista o che si possa metterlo in burla con premi fasulli.

    Piace a 2 people

    • @Viviana
      Certo che siete mesi proprio male voi “Fenomeni Paranormali” se, oltre a negare l’esistenza del premio proposto dalla “James Randi Educational Foundation”, mettete in dubbio anche l’esistenza dello stesso James Randi! E’ comunque veramente curioso che i vostri “Eccezionali Poteri” si manifestino esclusivamente quando non sono presenti soggetti in grado di controllarli. Come sosteneva Carl Sagan “Straordinarie affermazioni richiedono straordinarie dimostrazioni”. L’esistenza del pensiero senza un soggetto pensante è affascinante… per un romanzo di fantascienza (su questo argomento comunque potrei anche cambiare opinione… ci sto riflettendo da anni).
      Nel mio primo post avevo per l’appunto esposto l’apertura della Scienza, quella vera, a qualunque nuovo fenomeno ma questi non sono “fenomeni” o meglio… sono “fenomeni da baraccone”!
      Per inciso, Guglielmo Marconi non ha “scoperto le onde radio…” ma ha utilizzato commercialmente le scoperte di Hert (le onde elettromagnetiche si chiamano infatti Hertziane e non Marconiane) e senza le scoperte di Tesla (lui era un vero genio ma non aveva una facoltosa famiglia alle spalle) il suo radiotelegrafo non avrebbe mai funzionato.

      "Mi piace"

  14. Dopo la legge di bilancio, Conte, deve rimettere i cabasisi sul tavolo e prendere il porco di rignano dell’arno a schiaffoni, come fece con il CAZZARO VERDE nel 2019 rimettere il mandato,in mano a Mattarella, il quale, po’ manderà a verificare se ha ancora una maggioranza , lasciando il cerino in mano al suddetto PORCO. Vedremo se almeno una volta nella vita, manterranno, la parola data. Tornando al voto il prima possibile,
    voglio vedere se alla maggioranza degli italiani, si ci risveglia la coscienza

    "Mi piace"

  15. Grande Marco come sempre, ciò che tutti pensiamo e scriviamo. Credo sinceramente che il pericolo non sia l’innominabile ma chi tira le file. Comunque Conte dovrebbe seguire ciò che scrivi, la maggior parte degli Italiani sono con Lui. Anzi mi auguro che non stia bluffando ne vedremo delle belle…noi, per lui saranno volatili per diabetici.

    "Mi piace"

  16. Le onde radio saranno state pure trovate da Hertz, Tesla e Bose, ma la radio è stata inventata da Marconi, e mi serviva solo come esempio per parlare dell’incredulità che storicamente ha colpito molte scoperte o invenzioni che ora al contrario sono prese seriamente.
    Si pensi, per esempio ai tempi in cui nessuno avrebbe creduto all’esistenza dei batteri e al medico ungherese Semmelweis che era convinto che molte partorienti morivano perché venivano trattate con gli stessi coltelli usati sui morti e che fu perseguitato perché chiedeva solamente che i ferri chirugici venissero lavati e lo stesso le mani dei medici. O si pensi a Galilei che fu costretto ad abiurare le sue teorie astronomiche solo perché non collidevano con quelle degli astronomi della Chiesa. L’incredulità è stata sempre presente nella storia della conoscenza umana ma non ha portato a niente di buono. Il possibilismo secondo me sarebbe una condizione più intelligente soprattutto in ordine a campi dello scibile di cui non sappiamo niente o sappiamo poco come le potenzialità della mente umana.
    Nel 18° secolo Swedenborg era uno di questi scettici,, razionalista, ingegnere minerario, inventore, consigliere del re di Svezia. A 56 anni, il giorno di Pasqua gli appare il fantasma di suo padre e la sua vita cambia completamente. Era in grado di vedere eventi lontani e sperimentò la conoscenza di mondi invisibili.
    La mia vita è cambiato a 34 anni. Oggi sono tornata normale ma sento il dovere di dare testimonianza, ben sapendo che andrò incontro alle risate degli scettici.
    Non è vero che i sensitivi non sono mai stati studiati dalla scienza (si veda Padre Pio o Umberto di Grazia) e, come ho detto, molti studi sono stati fatti in Russia al fine di utilizzare certe facoltà per fini militari. Lo stesso negli Stati uniti.
    Un esempio famoso di applicazione della telepatia si ebbe nel 1959 quando il primo sottomarino nucleare americano, il Nautilus, passò sotto i ghiacci del polo Nord artico e non poteva mandare messaggi alla base americana per non essere intercettato dai Sovietici, si usò allora la telepatia, un sensitivo a bordo trasmetteva a certe ore delle figure geometriche a un sensitivo alla base, le figure corrispondevano a un codice di messaggi. Sembra che la cosa abbia funzionato. La telepatia fu usata anche con l’Apollo 14 e le carte Zener, che riportano dei simboli molto semplici, l’astronauta Edgar D. Mitchell trasmetteva a 4 riceventi a terra a una distanza di 400.000 km. La cosa ebbe successo. Ci sono infiniti esempi come questi.
    In Italia per esempio la pranoterapia è stata addirittura regolamentata dal CNEL e ci sono dei pranoterapeuti che lavorano negli ospedali. Molti studi sono stati fatti sull’ipnosi e in Russia è stata usata per interventi medici molto dolorosi che di dovevano fare senza anestesia I rabdomanti sono usati addirittura dalle compagnie petrolifere o metallifere per evitare scavi dove ci sono corsi d’acqua sotterranee e trovare vene di minerali.
    Gli scettici sono in genere persone che parlano di cose che non conoscono o che non hanno sperimentato di persona e si appoggiano ad altri, più famosi, che danno giudizi assoluti a priori. Ma la scienza non è avanzata sulle ali dello scetticismo ma grazie a persone che hanno creduto possibili certe cose e le hanno verificate. La storia dei maggiori scienziati è spesso una lotta contro lo scetticismo e molti ci hanno perso la vita. Io credo che ci siano ancora molti campi dell’essere inesplorati e le facoltà paranormali sono uno di questi. Ovviamente ho avuto idee ben diverse fino a 34 anni. Per credere ho dovuto sperimentare di persona e sono stata tanto scettica da rifiutare quello che vedevo per 7 anni in cui ho negato i fatti fino a cadere in depressione perché pensavo di essere pazza.
    Comunque non insisto. Ognuno ha pieno diritto di avere le proprie opinioni. So per certo, comunque, che nella vita di ognuno almeno una volta c’è stato un evento inspiegabile, una premonizione, un sogno di chiaroveggenza, una guarigione misteriosa, un atto telepatico. Per alcuni questi fenomeni sono stati più intensi. La scienza non può spiegare tutto, esiste un campo immenso di cose reali che la scienza non ha ancora potuto spiegare. Forse un giorno lo farà. Oppure no. Io credo che anche la persona più scettica, prima o poi, nella vita, si imbatterà in qualcosa di strano che sfugge alla sua comprensione. Sta a lui riconoscerlo o minimizzarlo e fingere di non vederlo.

    "Mi piace"

    • Cara Viviana, nel mio primo post ho espresso la mia completa disponibilità, condivisa da coloro che sono riusciti a fare della Scienza una professione, a considerare qualunque “fatto” anche se strano o inusuale. Condivido l’opinione secondo la quale la comunità scientifica non si allontana facilmente dai paradigmi “convenzionali” (concetto già formulato da Thomas Kuhn nel suo celebre saggio sulla “Struttura delle Rivoluzioni Scientifiche”) ma questo non è un limite ma una garanzia di affidabilità! Se un’idea è giusta diventerà inevitabilmente il nuovo paradigma e gli esempi sono innumerevoli… lo stesso “Principio di Falsificabilità” espresso da Karl Popper implica che qualunque teoria per definirsi scientifica sia “incompleta”. La Scienza procede sviluppando “Modelli della Realtà” progressivamente più accurati, solo le religioni sono cristallizzate nel tempo e pertanto delle “EMERITE CAZZATE”. Condivido anche le critiche rivolte al CICAP, molti anni addietro sono entrato in conflitto con alcuni loro rappresentanti, ma da qui a credere a qualunque ciarlatano/a che sostiene di “SPOSTARE GLI OGGETTI COL PENSIERO”… ma esclusivamente quando non è presente un controllo professionale ce ne corre!!! Questi non sono “FATTI”, da studiare al fine di sviluppare nuovi paradigmi scientifici, ma “PRESE PER IL CULO”!!!
      Incidentalmente, si possono trovare in rete le fotografie delle ricevute relative all’acquisto dell’acido fenico (effettuato da una amica) con il quale “Padre Pio”, recentemente promosso a “San Pio”, realizzava le famose “stigmate”. Per quanto riguarda Guglielmo Marconi, confermo il fatto che non lo si può certo considerare uno “scienziato” ma un soggetto che ha saputo “mettere insieme” le ricerche svolte da “veri scienziati” al fine, principale, di ricavarne un cospicuo ritorno economico.

      "Mi piace"

      • “Incidentalmente, si possono trovare in rete le fotografie delle ricevute relative all’acquisto dell’acido fenico (effettuato da una amica) con il quale “Padre Pio”, recentemente promosso a “San Pio”, realizzava le famose “stigmate”.”: dati incontrovertibili insomma! ahahaha, che spasso che sono questi atei! Basta che qualcosa o qualcuno divulghi puttanate che possono collimare con i loro desiderata, si bevono anche la piscia! E sono pure i primi che si permetterebbero il lusso di perculare i Napalm51 di turno, come terrapiattisti: che comiche!

        "Mi piace"

  17. X Gatto
    esperienza vuol dire cosa conosciuta direttamente
    Io parlo di cose che ho conosciuto per via diretta
    tu parli di cose che non conosci affatto

    "Mi piace"

    • E brava la nostra Viviana “for ever”: dopo avermi pure risposto, con la solita arroganza tipica di chi ha la certezza che lo sconosciuto al quale sta rispondendo non può giammai avere avuto esperienze di questo tipo (da quale incontrovertibile dato ricaverebbe cotanto convincimento?), metterebbe alle corde l’interlocutore, intimandogli di non disquisire di certe faccende perché, chi non ha avuto un’esperienza diretta (ammesso ma non concesso), non può avere voce in capitolo. Un po’ come se si sostenesse che solo chi ha avuto un cancro può permettersi di curarlo, gli altri non potendo che parlare di cose che non conoscono affatto: ottimo ragionamento, non c’è che dire!

      "Mi piace"

    • viviana.v

      Tutto quello che vuoi, ,ma te ne vai fuori dalle balle coi tuoi discorsi da “sotto LSD” ?
      Qui piacerebbe leggere di cose serie ma soprattutto inerenti argomenti molto terreni e palpabili…
      Se senti proprio tutto sto bisogno di comunicare, fallo con uno psichiatra, un esorcista o harry potter.
      Il web è pieno a bizzeffe di siti specifici per i tuoi disturbi, pussa via.
      Graaaazie

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...