La politica che salta la fila anche per i vaccini

(Claudio Mazzone – ottopagine.it) – Sono arrivati i vaccini, una quantità simbolica, e si è accesso quel circo politico fatto di nani ballerine, commissari, ministri, segretari di partito e presidenti di regione. Una giornata che è trascorsa tra le dichiarazioni di chi prova a cavalcare l’entusiasmo e la foto di Vincenzo De Luca che, saltando la fila, si fa vaccinare al Cotugno di Napoli.

Un circo che ha messo in mostra tutto l’egocentrismo di una classe dirigente che a tutti i livelli si mostra autoreferenziale, inadatta, egoista, arrivista, tanto impreparata e incapace quanto pronta a mostrarsi, a prendersi i meriti, a salvarsi la pelle e a saltare la fila. 

In mattinata il circo politico era concentrato alla conferenza stampa all’arrivo dei vaccini allo Spallanzani di Roma, con il ministro della Salute, Roberto Speranza, lo stesso dei protocolli sbagliati, del mistero sul piano pandemico e della figuraccia comica sul libro ritirato; il super commissario a tutto, Domenico Arcuri, che da Invitalia ha scalato tutte le barriere della burocrazia italiana ritrovandosi a dover gestire tutti i disastri dalle mascherine ai banchi con rotelle, senza mai riuscire in una sola delle sfide, l’uomo che ha sparato cifre e numeri come fossero quelli del lotto e che giustamente, in un Paese come il nostro, è stato anche premiato con l’ennesima carica; e con quel Nicola Zingaretti del “Milano non si ferma“. 

Poi una foto pubblicata sui social rompe anche la narrazione del vaccino come rinascita di un’Italia migliore che riscopre il valore della sanità e di quei lavoratori che per mesi abbiamo chiamato eroi e che ora saranno i primi ad essere vaccinati, i sanitari dei reparti Covid.
Sui cellulari degli italiani compare Vincenzo De Luca, l’uomo del lanciafiamme, lo sceriffo delle chiusure, il professionista delle dirette Facebook, quello che che non risponde a nessuna domanda da un anno e che parla da solo dei suoi miracoli.
Il governatore sceriffo annuncia: “Mi sono vaccinato. Dobbiamo farlo tutti nelle prossime settimane”. 
La foto e il testo lasciano disarmati e iniziano a montare le domande di tutti “Ma come? Ma le 720 dosi non erano riservate ai sanitari selezionati da tempo? Perché Lui?

La risposta è semplice e non ha alternative: lo sceriffo ha saltato la fila, ha deciso di vaccinarsi oggi, levando una dose a uno degli operatori sanitari che ogni giorno lottano faccia a faccia con il virus nei reparti Covid campani.

Con la solita comunicazione sopra le righe, con la solita mania di onnipotenza, con il solito linguaggio duro e fuoriluogo, il presidente della Campania ha rotto il protocollo nazionale e ha aperto una polemica che non si chiuderà facilmente. 

Forse accecato dall’idea di essere diventato un influencer del calibro dei Ferragnez, o di essere diventato capo di Stato, o forse preso da una crisi di identità di essersi trasformato nella regina Elisabetta (per giunta né Mattarella, né Elisabetta sono stati ancora vaccinati), De Luca ha provato a far passare anche questo suo gesto come un sacrificio che ha fatto per sensibilizzare e tranquillizzare gli scettici. 

Purtroppo però la foto del governatore mentre si fa iniettare  la dose riservata ad un sanitario ha il sapore della solita e bassa politica del si salvi chi può, di quell’Italia fatta di capitani che abbandona la nave prima che affondi e di potenti che fregano tutti per mettersi al sicuro. 
De Luca, nonostante la famiglia famosa, non è i Ferragnez, non è Mattarella, non è la regina Elisabetta, non è un idolo dello sport, non è un esempio per i ragazzini, né un mentore per gli anziani. E in questo gesto assomiglia molto di più ad uno dei tanti Schettino che popolano e che governano questo Paese, pronto a rubare il giubbotto di salvataggio agli altri pur di salvarsi, che ad un eroe della sensibilizzazione. 

Abbiamo sprecato ancora una volta un’occasione. 
Oggi la giornata delle prime dosi di un vaccino che rappresenta per il mondo la fine di un incubo, doveva essere la giornata della serietà, della riscoperta di una comunità che nei momenti difficili è capace di essere unita, di una classe dirigente capace di dimostrare, almeno una volta, la capacità del silenzio, quello giusto, quello dovuto.
Oggi doveva essere la giornata nella quale avremmo dovuto dare spazio e sfogo ai nomi e alle storie dei tanti italiani che non ce l’hanno fatta, che quel vaccino non l’hanno potuto averlo, che questa speranza non l’hanno avuto. 

Invece è stato il giorno della mostra inutile di chi, come Vincenzo De Luca, ha deciso di saltare la fila, mostrando per l’ennesima volta la faccia peggiore di un’Italia che invece dovrebbe rinascere da storie, immagini e persone diverse da quelle di una politica capace solo di trovare scorciatoie personali.

11 replies

  1. peccato che probabilmente non ha capito cosa deve fare dopo la prima dose,
    in attesa della seconda, e quindi si esporrà rischiando di rendere l’operazione odierna
    inutile.
    e poi chi ha scritto il testo sopra scopre l’Italia per la prima volta?
    da quale sistema solare arriva?
    ma non vede i suoi colleghi giornalisti?
    tipo quelli dell’Ansa? ad esempio titolo ora (17.45) attuale “Putin ha deciso di farsi il vaccino.”
    peccato che un paio di settimane fa avesse detto durante il “domanda, rispondo” di fine anno,
    una cosa che è durata sulle quattro ore, le domande, ovviamente selezionate, venivano
    fatte da giornalisti nazionali ed esteri (pure un inglese della bbc che se l’è presa quando gli
    ha chiesto che li credeva dei cretini, sul fatto che si erano ritirati, dopo gli usa, nel
    trattato dei cieli aperti, dato che se avessero permesso agli europei di continuare a fare i voli, questi
    avrebbero passato le informazioni ottenute agli americani, mente i russi non avrebbero goduto
    di pari trattamento) e da cittadini selezionati -inutile fare ironia su chi e su non chi-
    il tutto senza nessun tremore, al contrario di quanto scrivevano i nostri impavidi report da riporto,
    che attendeva l’approvazione degli specialisti per farlo, in quel periodo il vaccino non era
    ancora permesso agli ultra sessantenni mentre, da lunedì 28/12, si.
    quindi che hanno da meravigliarsi all’ansa? era già stato detto.
    stessa sorte di De Luca, sensazionalismo di propaganda.
    De Luca imparasse a contare quanti entrano in terapia intensiva negli ospedali a lui affidati
    non usi il metodo della cintura di sicurezza dipinta sulla maglietta per evitare di chiudere
    la regione.

    "Mi piace"

  2. Il solito giornalista lazzarone, se per caso De luca avesse detto, sarò l’ultimo a vaccinarmi? No vax irresponsabile? O mille altre situazioni che non voglio pensare:Non ne va mai bene una, fate schifo!

    Piace a 2 people

  3. Nessuna simpatia o contiguità con De Luca, se non per le imitazioni che Crozza ne fa.
    Fino a pochi giorni fa giorni fa tutti a dire che i politici avrebbero dovuto dare il buon esempio e mostrare che non temono il vaccino, ora che uno lo fa significa che passa davanti con un abuso di potere.

    Piace a 1 persona

  4. Cari @Anail e #Angelo, invece secondo me non è altro che l’ennesimo esempio tutto italiano che far rispettare delle semplici regole (in Italia) è utopia. Sono schifato non da De Luca ma a chi glielo ha concesso: “sei un sanitario? sei in una r.s.a.? Ah noo?! allora aspetta il tuo turno caro cittadino De Luca”.

    Piace a 1 persona

    • Ottima considerazione Rob Erto!
      Molto meglio un rifiuto dei sanitari di una serie di articoli che sembrano scritti solo per colpire De Luca e non per ribadire un principio. Se non l’hanno fatto, magari è proprio per quella scempiaggine, per quel peccato originale di aver messo la sanità in mano alle regioni. Infatti in quella situazione vedo molto difficile esprimere un netto rifiuto al “capo assoluto”, soprattutto conoscendo la poco ortodossia dei suoi modi: penso che tutti ricordino la storia della frittura di pesce.

      Piace a 1 persona

      • Per me è peggio fare delle regole e non rispettarle! poi io non se è meglio (o meno peggio) il rifiuto dei sanitari o una serie di articoli anti de luca scritto in minuscolo appositamente. Che cazzolefamoafa le regole se al primo giorno vengono raggirate?

        Piace a 1 persona

      • Sul rispetto delle regole con me sfondi una porta aperta. Sono venuto a vivere in Germania proprio perché volevo vivere in un posto dove generalmente si rispettano le regole e si ha rispetto per la collettività e non in uno dove le regole valgono solo per “gli altri”. La bella sorpresa è che qui le regole sono semplici e poche, giusto quelle che servono.
        Dopo sei anni e mezzo continuo a dirlo che avrei dovuto farlo nel 2009, quando mi venne l’idea, invece di aspettare altri cinque anni.

        "Mi piace"

    • Zingaretti: Milano non si ferma? Che pennivendolo. Un articolo indegno. Trovo Zingaretti la mediocrita’ assoluta, su questo siamo d’accordo tutti. Ma che tutto l’articolo sia intriso, da falsita’ e becera propaganda contro il governo, e’ un dato di fatto. Il male maggiore d’Italia e’ l’informazione meschina e falsa. E colui che ha scritto questo articolo ne e’ il degno rappresentante.

      "Mi piace"

  5. Il giornalista dell’ articolo scrive per ottopagine.it, sito NON SCHIERATO politicamente e nella proprietà dell’Avv. Oreste Vigorito, presidente del Benevento calcio, persona riflessiva, brillante, ironica e mai sopra le righe (Ha due lauree, una in giurisprudenza e l’altra in filosofia, quest’ultima messa a frutto per comunicare con quell’acquario di squali che è il mondo del calcio italiano).
    Sulla pagina facebook i commenti all’articolo s e contraddittori:

    – Chi ha scritto questo articolo è solo un pagliaccio, sicuramente non è un giornalista
    -Ma non vi accontentate mai e che diamine…
    Se de Luca avesse aspettato per il vaccino tutti a dire che voleva usarci da cavie.
    L’ha fatto per dimostrare a tutti che il vaccino non è pericoloso e tutti a dire che ha saltato le file…
    Secondo me dovreste un attimo sedervi e cercare di fare pace con voi stessi e smetterla di criticare.
    -ma era veramente il vaccino?,(Cmplottista)
    -E se non l’avesse fatto non avreste pensato che ci stesse usando da cavia?!
    Ma smettiamola di criticare per una volta e diamo merito a chi si è esposto in prima linea e cercare di convincere i non credenti al vaccino che l’unica soluzione per uscire da questo incubo è il vaccino stesso.
    -Ha fatto bene in fondo lui è un “sanitario”🚽!
    -Non sono per niente d’accordo sul titolo del vostro post.Molti cittadini sono scettici sulla validità e gli effetti collaterali del vaccino, in questo caso il gesto di De Luca non lo vedo come “salta fila” ma semplicemente come esempio o come “cavia”…Si può criticare o condannare su tutto ma questa volta mi sembra giusto
    – Fino a ieri tutti dicevano di farlo fare prima ai politici per vedere se ci sono effetti collaterali, ora non siamo di nuovo contenti. Ma perche’ bisogna fare una polemica di ogni cosa ?
    -Ma dai sempre a criticare..sta dando un esempio e vi lamentate..chi si lamenta ora è chi fino a poco tempo fa scriveva prima ai politici e mo?!ja
    -State rompendo il cxxxo, ho letto .milioni di post dove di dice lo devono fare per prima i politici, fatto? E mo’….
    -Lui rientra nella fascia degli anziani sicuramente lo avrebbe fatto prima di altri ma il suo turno certamente non è oggi. Ma ormai Vicienzo non ci stupisce neanche più
    – Prima vi lamentate che devono farlo prima i politici,, perché non vi fidate, lo fanno e non vi sta bene, ma che cavolo volete?
    -Negli Stati Uniti Biden si è vaccinato subito
    -Io invece l’ho trovata un’idea intelligente. Non si vedono più post contro i politici che mandano il popolo a morire

    Come vedete tanti giudizi diversi fra loro.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...