Il venditore di supercazzole

(Dott. Paolo Caruso) – In Italia è aperta una campagna denigratoria con accuse pretestuose contro il premier Conte non solo da parte dello schieramento politico avverso ma anche da parte delle lobby e  di esponenti dei partiti della stessa coalizione, un sistema perverso che nel corso dei mesi ha acuito la propria riluttanza ad operare, anche se con prospettive diverse, con l’attuale governo Conte. Si assiste  così a strumentalizzazioni insensate, comportamenti provocatori da parte dell’Innominabile fiorentino che, in un momento tragico, in piena pandemia, in cui i problemi della salute vengono ad intrecciarsi con quelli economici, in un periodo in cui l’Italia avrebbe bisogno di unità di intenti nella governance del Paese e non di slogan propagandistici e ricattatori, mette in discussione la stessa stabilità della nazione. Le sue azioni politiche divisive fine a se stesse fanno del  Bomba di Rignano un personaggio destabilizzante che per puro narcisismo e interesse personale in preda ad un deleterio cinismo crea attacchi continui ai suoi alleati di governo. Il cazzaro di Rignano, padre padrone di un micro partito del 2,5%, incarnando il politicamente scorretto con il suo fare esorbitante e le sue falsità , pur di ottenere spazio e visibilità nel vasto palcoscenico dei media riesce ad occupare costantemente le cronache dei giornali e i talk show televisivi. Le sue supercazzole, a cui crede ormai solo lui, ne fanno un personaggio squalificante, risultando inviso anche a una parte dei suoi peones che amaramente rimpiangono il loro trascorso politico nel PD e il passaggio con il novello Caronte di Rignano verso il girone dei dannati. I punti qualificanti del programma politico Renziano spaziano dallo “Stai sereno” al premier Letta suo compagno di partito, a “se perdo il referendum vado via e lascio la politica”, dal “mai con il M5S e il famoso snocciolamento dei pop corn” alla “formazione del governo giallo rosa con il M5S”, dalla “fuoriuscita dal PD alla creazione di un nuovo soggetto politico” (Italia Viva). Tutto e il contrario di tutto rendono ancora più difficile il percorso della politica renziana, ed è in questi momenti bui che la politica offre il peggio di se, dove i dubbi, l’insoddisfazione, e l’incoerenza creano scoramento  tra la gente e si rafforza  ancor di più il concetto che ” Se lo conosci lo eviti”. 

10 replies

  1. Ero di pasaggio a curiosare.
    1) Renzi agisce per conto terzi
    2) Gli attacchi sono pretestuosi, provocatori. Il fine è indurre l’obbiettivo, Conte, a rispondere in modo sbagliato, sopra le righe, per poi partire all’attacco addebitandogli l’eventuale caduta del governo.
    3) Renzi un eventuale governo ce l’avrebbe già pronto. E’ quello benedetto dal galeotto Verdini. Vedrebbe dentro gli esponenti che si riferiscono alla massoneria toscana e non solo e a genero del succitato, vale a dire il capitone, oltre a forzamafia.
    4) Renzi controlla pure gran parte del pd, perchè composto per due terzi da gente da lui nominata. Alcuni lo hanno seguito nell’avventura disatrosa di Italia morta. Altri sono rimasti nel pd, pronti a cappottare il governo attuale per tornare ad inciuciare. Partendo dai capigruppo alla Camera e al senato.

    A chi fosse credente cristiano i miei auguri di buon Natale.

    Piace a 3 people

  2. E purtroppo, in una democrazia, tristi personaggi come il patetico Bomba o a suo tempo l’indimenticabile (nel senso peggiore del termine) Bertinotti hanno possibilità di acquisire posizioni tali da mettere a rischio la democrazia stessa. Solo le parti politiche assennate possono mettere in quarantena questi tumori letali ambulanti e solo gli elettori, se avessero un minimo discernimento, possono cancellarli dalla scena pubblica

    Piace a 2 people

  3. Appunto non diamogli spazio,se non per farci quattro risate.Si sputtana da solo ogni giorno, può abbindolare?? solo chi pensa che esiste babbo natale e la befana. Patetico.

    "Mi piace"

  4. Temo che sia vero quello che dice JEROME: il lurido verme aspetta che Conte risponda un po’ sostenuto per inscenare una delle sue gazzarre in rignanese. D’altra partre quando Conte “osò” prendersela con Meloni e Salvini (che , mesi e mesi fa, lo accusavano di aver firmato nottetempo il MES; Mentana e altri lo criticarono odiosamente. Forse un giorno, in pieno Parlamento, dovrebbe davvero fare (lo sostengono Padellaro e Travaglio) come fece con Salvini, azzerandolo.

    Piace a 2 people

  5. L’innominabile (ITALO VISCIDO!) è l’immagine sputata dell’Utile Idiota ASINTOMATICO (*): più è impotente e suonato e più si sente potente e scaltro, in frottole e carognate che, al suo confronto, il Cazzaro Verde, m’appare solo un volgare simulatore.

    Noi – muniti di santa pazienza – ci attendiamo da lui che ci conservi la sua menzognera ragion d’essere meschina, nell’attesa e suprema speranza, che, un giorno o l’altro, “qualcuno” lo prenda per il bavero e – come col cazzaro verde – gli faccia fare la figura del Tartufo acciuffato da Orgone (facendogli guadagnare largamente l’attraversata delle porte delle patrie galere).

    (*) l’utile idiota asintomatico è colui che non sapendo tener conto della sua indole miseranda diventa di conseguenza l’idolo/preda prediletto di laidi interessi clanistici.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...