La stupidità ha fatto progressi

(Marcello Veneziani) – Peggio della stupidità c’è solo la stupidità che si presume intelligente. La semplice stupidità o la stupidità dei semplici alla fine la sopporti, può fare in certi casi tenerezza e perfino simpatia. Ma la stupidità complessa o la stupidità dei presuntuosi, che ritengono di rappresentare lo Spirito del Mondo, il Senso Corretto della Storia, è insopportabile. Parafrasando Ortega y Gasset, lo stupido, sentendosi nello spirito del tempo, proclama il diritto alla stupidità e la impone dappertutto.

Citavo non a caso Ortega perché lui si chiedeva come mai nessun filosofo ha dedicato uno studio, un saggio alla stupidità. Lo ha fatto un letterato come Robert Musil, lo ha fatto più di recente un economista brillante, come Carlo M.Cipolla, ma non c’è una teoria filosofica della stupidità. Alla stupidità ha invece voluto dedicare un doppio philoshow, cioè uno spettacolo pop filosofico, la rassegna Biumor di Popsophia a Tolentino, a cura di Lucrezia Ercoli, in questo fine settimana, con molti ospiti (come me “da remoto”).

Il paradosso è che la filosofia e la stupidità hanno la stessa matrice: lo stupore. Platone e Aristotele ci dicono infatti che la filosofia sorge dalla meraviglia, lo stupore di essere al mondo e di conoscere. Ma anche la radice di stupido proviene da stupore, lo stupido è, come il filosofo, uno che si stupisce. La differenza è che nel filosofo lo stupore origina la conoscenza, mentre nello stupido la conoscenza origina lo stupore. Il filosofo passa dallo stupore alla riflessione, lo stupido resta imbambolato nello stupore… Nel filosofo la conoscenza è un processo, nello stupido è un contatto. Il punto d’unione tra il filosofo e lo stupido è il bambino in erba che è in ambedue.

Dicevamo prima la “stupidità intelligente”. Ne scrivevano due pensatori tradizionalisti come Fritif Schuon e Julius Evola e un cattolico come Georges Bernanos se la prendeva con gli “imbecilli intellettuali”. Si riferivano a quella “chiusura della mente”, per dirla con Allan Bloom, che colpisce proprio coloro che presumono di detenere il monopolio del sapere, gli intellettuali saccenti e supponenti; o gli esperti che sanno tutto della loro materia specialistica ma nulla della realtà e dei complessi intrecci; è “la barbarie dello specialismo” (ancora Ortega) senza visione del mondo.

Bisogna aggiornare l’antropologia quando si parla di stupidità. Lo stupido era tradizionalmente l’ingenuo, lo sciocco, che ride facilmente (risus abundat in ore stultorum, ma il riso abbonda anche sulla bocca degli dei). Oppure lo scemo di guerra, che aveva perso il senno in guerra. Si definiva anche cretino, che è un francesismo di origine provenzale e si riferiva al povero cristiano, devoto e ignorante. Ma per Sant’Anselmo lo sciocco, ovvero l’insipiens, era l’ateo nella sua disputa con Gaunilone. Il cristiano puro è invece l’Idiota per Dostoevskij.

Stupido era considerato lo sprovveduto che veniva dalla campagna in città o dalla provincia nel grande centro, chi scendeva dai monti o dalle valli, e già il suo dialetto, il suo modo di vestire, il suo sguardo, denotavano la sua “ingenuità”. Dividendo gli italiani tra furbi e fessi, Prezzolini era indulgente coi fessi, raggirati e oppressi dai furbi. Il racconto nazionale nella commedia all’italiana è tutto giocato sulla doppia corda della furbofessaggine.

Gli stupidi sono considerati la maggioranza, e cent’anni fa Albert Einstein ironizzava sugli stupidi considerando da un verso il loro numero infinito, dall’altro la loro illimitata scemenza. Ma l’istruzione di massa, il progresso scientifico e tecnologico, la democrazia non hanno cancellato, o ridotto, la stupidità; l’hanno solo modificata geneticamente e l’hanno attrezzata di strumentazioni più sofisticate. È passato un secolo e la stupidità ha fatto progressi. Cent’anni di scemitudine, parafrasando Marquez… La stupidità da passiva si è fatta attiva, e dunque produce più danni. Si è fatta tecnologica, hi tech, stupidità ad alta definizione. E’ andata al potere, ha inventato un suo canone e un suo lessico, il politically correct, che è frutto dell’incrocio tra ideologia e stupidità, tra intolleranza e imbecillità.

Dal vecchio prototipo dello stupido – il paesano, il campagnolo, chiuso nel suo piccolo mondo – al nuovo prototipo, “l’idiota globale” che viaggia, conosce le lingue, magari è nativo digitale, naviga nel web; ma pensa da idiota, etimologicamente, cioè chiuso nel recinto ristretto del suo privato, del suo presente e della sua dimestichezza coi mezzi tecnici. Sa mettersi in contatto in tempo reale col mondo, ma non ha nulla da comunicare. Pura stupidità. Imbecille è colui che ha bisogno del baculum, del bastone, per reggersi. Il bastone dell’idiota globale è il suo smartphone o il suo tablet, senza del quale si sente perduto.

Abbiamo girato intorno alla stupidità ma senza definirla. Trattandosi di una carenza proviamo a definirla a rovescio, partendo dal suo contrario. Se l’intelligenza è la capacità di leggere dentro le cose (intus legere), di collegarle e trascenderle, è l’eccedenza del possibile sul reale, la stupidità è l’incapacità di leggere dentro le cose, di collegarle e di trascenderle, è la prevalenza dello stereotipo rigido sulla realtà e sulle possibilità. La pazzia, al contrario, è la prevalenza dell’impossibile sul reale, stabilendo nessi che non corrispondono alla realtà.

E tuttavia una cosa va alla fine ammessa: gli stupidi non sono una razza, un’etnia a sé stante. L’ala della stupidità colpisce a volte anche le menti più acute, notava Baudelaire; a volte il genio è un imbecille discontinuo, eccelle in un campo o nell’intuizione ma è stupido nel resto delle cose, di solito quelle pratiche. Stupidi siamo un po’ tutti, seppure in gradi diversi. Chi di passaggio, chi in prevalenza, chi in permanenza. Si tratta di stabilire la modica quantità e la brevità della sosta.

La Verità 29 novembre 2020

8 replies

  1. Frithjof, non “Fritif”, Schuon, Veneziani! Ha detto comunque bene (forse senza saperlo, né capendone veramente la distinzione): sono proprio pensatori “tradizionalisti” (un po’ come lei Veneziani), ma non “tradizionali”.

    "Mi piace"

  2. LO ‘NGO – ‘NGO

    Chi alle elementari, non ha avuto un compagno di classe ‘ngo ‘ngo,
    che nel raccogliere la penna, caduta sotto il banco, ci sbatteva sistematicamente l’area fronto-orbitale, sull’angolo del piano dello stesso.

    La fisiognomica dello
    ‘ngo ‘ngo, alle origini corrisponde, in linea di massima a un bambino paffutello in viso, tendende
    all’obesita`, un po impacciato nei movimenti, e ancor più nei giochi scolastici, sorridente sempre, nella sua aria un po persa, che ti si appiccica addosso come una piattola, e nell’ngenuita`delle tue brarghe corte, ci vuoi pure bene, e cerchi di difenderlo dalle insidie del mondo……………….

    ….. tra i 25 – 30 anni, il padre dello ‘ngo – ‘ ngo, si vede costretto a pagare il politico di turno per fargli avere un posto fisso………..

    ……… tra 45 – 50 anni, cerca di farsi un amante, senza mai riuscirci……….

    …….. tra 50 – 60 anni, lo si vede pontificare in casa con la famiglia, avendoci provato prima fuori, con scarsi risultati…….

    …. tra 60 – 70 anni, narra ai suoi nipoti i suoi trascorsi da Indiana Jones, con la moglie in cucina che se la ride sotto i baffi,
    ma soprattutto,
    la notte della vigilia di natale indossa un cappellino da Santa Claus, una volta e mezza la circonferenza della sua boccia, stringendo
    in una mano una pisciaunnella scintillante, mentre con l’altra, ripone candidamente la statuetta di Gesù Bambino nella mangiatoia

    "Mi piace"

  3. Apprezzo l’articolo di Veneziani, senza apprezzare, si intende, la parte da cui conciona.
    Non mi rattrista tanto il contagio quanto mi offende la corruzione e la stupidità.
    L’Italia avvizzisce e muore nell’apatia e nell’ignoranza generale. Continuo a combattere nella sfiducia più totale, per forza di inerzia, vado avanti come uno zombie in nome di principi e di valori che mi sembra di gridare a un mondo di morti. Non incontro nemmeno la cattiveria quanto la stupidità e il vuoto morale, l’indifferenza e la piccola sconcezza. Il quadro politico è talmente sporco, le forze contro cui combattere sono talmente potenti e intorno a me sento tanta sfiducia o piccola cattiveria che mi viene nel cuore tutta la debolezza di chi non vede davanti che il nulla.
    Eppure lo so che “Chi vive veramente non può non essere cittadino e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita” (Antonio Gramsci) ma queste parole come suonano vecchie in questo mondo di morti!

    "Mi piace"

  4. Questi pessimi governi europei escono da popoli anch’essi cattivi e ben lontani dalla civiltà, dalla conoscenza e dalla responsabilità, popoli in cui una piccola parte si è resa complice del male per piccoli e meschini interessi di bottega e una grandissima parte è stata manipolata da media criminali che hanno aggravato l’ignoranza collettiva in un processo gravissimo di autodegenerazione.
    Fra i popoli, purtroppo, non ci sono solo le cattive persone e i venduti al potere, ci sono anche gli ignari, i disinformati, gli inconsapevoli, i cretini, e non sappiamo ormai cosa sia peggio, se la malvagità, la stupidità o l’ignoranza.
    Dopo tutto è stato detto: “Signore, perdonali, perché non sanno quello che fanno”. Ma intanto che non sanno, fanno. E quello che fanno sta rovinando il mondo in un processo di autocannibalismo terrificante, in cui emergono solo le parti peggiori dell’uomo.
    E’ proprio vero che disinformazione unita alla stupidità è il concime su cui crescono le dittature peggiori.

    "Mi piace"

  5. Pietro, prima che il gallo canti, fai partire la base!

    Sarei felice di sapere, quale è il nesso che fa collimare il suo stato di preoccupazione, al limite della stanchezza mentale, col il pensiero filosofoco di Veneziani.

    Posso comprendere il suo stato d’animo,
    è altrettanto comprensibile lo sconforto, che può addirittura tradursi in collera,
    ma nei miei pensieri c’è una costante, che aleggia e precede l’ingresso al varco di ogni mia azione:

    “chi sono io a imporre”
    propulsivamente il pensiero, per determinarne il cambiamento in quello altrui,
    che se vogliamo filosofeggiare mi sembra una altrettanta forma di “violenza” uguale e contraria a quella a cui ci si sta opponendo.

    Se l’individuo partisse da questo presupposto, magicamente arriverebbe in soccorso, come conseguenza naturale, la risposta delle risposte :

    “Date e vi sarà dato”, aggiungo, forse.
    Nella dottrina della fede, la consapevolezza del dare è inversamente proporzionale all’avere.

    Questo è il principio che dovrebbe spingere gli individui a operare nel ciclo della vita.
    Fare, fare, fare, contribuire fattivamente, se vogliamo ognuno con la propria casacca, ma mi viene difficile comprendere l’impeto, la foga di avere a tutti i costi un “ritorno”, aspettare ansiosamente il riscontro,
    il premio, il riconoscimento del proprio pensiero.

    Siamo immersi in un sistema dove la mente umana, lo dimostra la storia, crea “cambiamenti” che si rivelano spesso fallimentari, gli eventi migliori per l’umanità sono sempre arrivati da apparenti casi fortuiti, io ritengo, quando l’ecosistema è entrato in connessione con fenomeni di positività collettiva,
    di rilassamento cosmico, (il bello dopo la tempesta)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...